Menu Alimentazione sana
Sei in:   benessere.com / Alimentazione sana / Alimenti / Fiori eduli / Fiori eduli 02

I FIORI EDULI 2/2

 

FIORI EDULI PRINCIPALI

Allium spp.
I fiori del genere Allium sono tutti commestibili. Il genere botanico è quello di cui fanno parte tutti gli ortaggi a bulbo, come aglio e cipolla. Rendono vivaci i piatti perché molto colorati, ma a causa del loro sapore intenso si possono friggere, oppure utilizzare in insalate o ancora usare come base per preparare le salse. Per evitare che il sapore si intensifichi troppo, è opportuno mangiarli freschi.

Agerato celestino
L’agerato è un particolare fiore molto colorato, non molto comune da trovare in vaso e ancora più difficile da trovare come fiore edule, nonostante sia completamente commestibile. La pianta è perenne, ma i fiori tendono a perdersi dopo qualche mese di fioritura, e non è adatto ai climi rigidi, anche per difficoltà nelle nuove fioriture. Dal punto di vista culinario hanno un sapore delicato, e si possono utilizzare nelle insalate, in preparazioni con latticini da aromatizzare o anche come accompagnamento per le carni.

Antirrhinum majus
Meglio conosciuto come bocca di leone, il Antirrhinum majus è un fiore molto bello esteticamente, soprattutto per la grande varietà di colori che lo contraddistinguono. I fiori non sono solo commestibili, ma anche molto profumati e particolarmente ricchi di vitamine e sali minerali. Si utilizza soprattutto per il suo odore, per aromatizzare insalate e carne, ma anche in aggiunta alle creme, di cui può essere anche un ingrediente di base.

Aptenia cordifolia
Molto conosciuta come pianta ornamentale, l’aptenia è una delle poche piante “succulente”. Viene utilizzata come condimento nelle insalate, e fornisce un sapore non fortissimo, ma con un gusto unico. I fiori non sono, tra l’altro, l’unica parte commestibile della pianta, perché possono essere utilizzate anche le foglie.

Begonia spp.
Altra pianta che generalmente si ritiene ornamentale e che invece è commestibile è la begonia, molto comune in balconi e giardini. La begonia è un frutto che può assumere diverse colorazioni e non ci sono differenze per la commestibilità. Rispetto agli altri fiori, la Begonia ha un sapore piuttosto forte, acidulo, che può ricordare quello del limone. Proprio per questa particolarità si accompagna generalmente solo alle preparazioni a base di frutta, come le macedonie, o a quelle a base di latticini come i sorbetti.

Borago officinalis
Conosciuta anche come borraggine ne sono consumate soprattutto le foglie anche se i fiori sono completamente commestibili. Dalla borragine si estrae anche un olio essenziale utilizzato in numerose preparazioni. I fiori si possono utilizzare a crudo (hanno un sapore dolciastro), ma danno il loro massimo se vengono lasciati in infusione sia nell’aceto che nelle tisane oppure nell’alcool, come uno degli ingredienti nella preparazione dei liquori. Potendo essere mangiate crude, possono essere parte anche di piatti di insalata.

Calendula officinalis
La calendula è una delle piante più conosciute come fiore edule, soprattutto dal punto di vista fitoterapico, in grado di contrastare diverse malattie come l’ulcera gastrica oppure le afte. È quindi una delle piante officinali (da erboristeria) per eccellenza, anche se si tratta di un fiore molto comune come pianta ornamentale. Il sapore è piuttosto forte, piccante e pepato, che per certi versi somiglia a quello dello zafferano; si può usare in tutte le portate ma è particolarmente consigliato nelle zuppe e nelle minestre, che hanno a loro volta un sapore forte, per evitare che possa prevalere sugli altri ingredienti.

Carlina acaulis
La Carlina è un fiore tipico della montagna, che di solito non viene raccolto perché molto pungente, per cui è difficile immaginare che sia un fiore edule. Lo è ma deve essere consumato preferibilmente cotto, in modo simile a quanto accade con il carciofo. Ha un sapore piuttosto neutrale, tendente all’amaro, ed è adatto come condimento per i primi piatti o anche come contorno. In alcune zone è considerata specie protetta perché rara, dunque non può essere raccolto.

Dahlia spp.
Della Dalia in alcuni paesi (principalmente il Messico) si consuma anche il tubero. È caratterizzata da un sapore molto caratteristico, simile al suo odore, che la rende particolarmente adatta all’utilizzo solamente nei dolci. Il sapore è piuttosto intenso, per cui è consigliabile non utilizzarlo in abbinamento alle altre pietanze.

Dianthus caryophyllus
Il Dianthus caryophyllus è il comune garofano che è commestibile ma che non è in grado di aggiungere molto (se non colore e un po' di dolcezza) ai piatti. Da aggiungere nei dolci oppure nelle salse che accompagnano carne o pesce, prima di mangiarli è essenziale togliere la parte più vicina al pistillo di ciascun petalo, perché amara. Il garofano non va confuso con i chiodi di garofano, che appartengono ad un’altra pianta, Syzygium aromaticum, detto anche Eugenia caryophyllata, e costituiscono i boccioli che vengono poi essiccati per ottenere la spezia. Il nome comune, “garofano”, è dovuto solo ad una somiglianza visiva.

Jasminum spp.
Si tratta del comune gelsomino, una pianta ornamentale molto diffusa che fa dei piccoli fiori bianchi. Il gelsomino è commestibile, e viene utilizzato soprattutto negli infusi ma, avendo un sapore dolciastro, si può usare anche in piatti come i dolci oppure per accompagnare il pesce. Fare attenzione a non cuocerlo e, se è infuso, attenzione che la temperatura non aumenti troppo, altrimenti il sapore diventa amaro.

Lavandula officinalis
La comune lavanda è un altro fiore edule molto utilizzato sia in erboristeria che in cosmetica, soprattutto a causa del suo caratteristico profumo. La lavanda è un fiore edule, tra l’altro officinale perché ha proprietà digestive. Ha un sapore un po’ particolare, abbastanza forte, che si abbina quindi a piatti dal sapore deciso come quelli a base di formaggio e di carne.

Pelargonium spp.
È il geranio, particolarmente semplice da coltivare e molto diffuso. È molto bello da vedere, all’interno delle composizioni, ma non è particolarmente saporito, per cui si utilizza soprattutto per il suo odore nei dolci, oppure in infusione per preparare i liquori. Alcune specie di geranio sono più adatte all’utilizzo in cucina rispetto ad altre.

Tropaeolum majus
Il nasturzio è un fiore molto piccolo, ma anche bello da vedere, per il suo colore (giallo, arancione o altre tonalità) molto intenso. Il sapore è leggermente piccante, simile a quello della senape. I nasturzi si possono utilizzare come fiori freschi sia nelle insalate che insieme alla carne, oppure si possono usare per preparare degli infusi. Una particolarità nutrizionale è che sono particolarmente ricchi di vitamina C.

Primula spp.
Il consumo nelle zone montane delle primule (ne è esistono oltre 500 specie diverse) è ben radicato, e il fiore è un ingrediente di insalate, zuppe, salse, ma anche infusi. Sono commestibili anche le foglie, che si usano negli stessi piatti.

Petunia spp.
La petunia è uno dei fiori ornamentali più diffusi, ed è commestibile, particolarmente ricco di minerali, rispetto agli altri fiori eduli. Il sapore è piuttosto intenso e si utilizza insieme a alimenti dal sapore forte come il formaggio, o alcune salse. Contiene inoltre un principio attivo che agisce sul riflesso della tosse, calmandola e per questo è considerata una pianta officinale.

Rosa asagumo
La rosa è un fiore dal sapore molto delicato, e la parte interna (quella riproduttiva) è usata in pasticceria per la produzione di impasti e creme. I petali, invece, hanno un sapore diverso, leggermente piccante, e vengono utilizzati nella preparazione di vari tipi di infuso, oppure come accompagnamento per le carni. La rosa è una delle poche piante che contenga naturalmente piccole quantità di acidi grassi omega-3, oltre ai più diffusi omega-6.

Robinia pseudoacacia
L’acacia è una pianta non arbustiva ma arborea, i cui fiori sono particolarmente vistosi e anche commestibili; il loro sapore non è forte ma è molto particolare, un po’ acidulo: molto famose sono le frittate di acacia, oppure le frittelle, che rappresentano delle particolarità in alcune zone del nostro paese.

Sambucus Nigra
Il comune sambuco è un fiore commestibile, mentre tutto il resto della pianta è velenosa per la presenza di sambunigrina, del cui principio attivo i fiori sono privi. Si possono utilizzare nelle insalate, oppure nelle macedonie o ancora in accompagnamento ai dolci; si utilizzano anche come infusi alcoolici per la preparazione di alcuni liquori.

Tagete spp.
Un fiore particolarmente bello da vedere nel piatto è il Tagete, un fiore commestibile detto anche garofano Indiano. Ha un sapore particolare, molto profumato ma non troppo deciso, che si accompagna bene a piatti come le insalate. Il tagete è tra l’altro anche una pianta officinale grazie alle sue proprietà digestive.

Taraxacum officinale
Il tarassaco rientra a pieno titolo tra i fiori eduli perché è una pianta officinale, nota soprattutto per le sue proprietà diuretiche. Non è però troppo piacevole da mangiare, perché è amaro, anche se non causa alcun problema e si può trovare in piatti come le insalate.

Viola cornuta
La Viola cornuta è uno dei fiori in assoluto più “scenografici” a tavola. Può essere un ingrediente delle insalate ma, a causa del suo sapore vagamente dolciastro ma piuttosto neutro, è adatta ad accompagnare la carne, i dessert, le confetture e altri piatti. È particolarmente ricca di vitamine A e C.

Viola tricolor
Conosciuta anche come viola del pensiero, è un fiore molto simile alla viola cornuta come caratteristiche nutrizionali e utilizzo (sono due fiori tassonomicamente molto vicini). Quello che varia tra i due fiori è l’aspetto estetico, perché la viola del pensiero generalmente ha tre colori diversi.

Yucca gloriosa
Altro fiore edule, tipico dei paesi caraibici, è la Yucca, una pianta che generalmente si trova come ornamentale nei giardini. La Yucca ha dei fiori bianchi particolarmente vistosi, che sono anche commestibili; tradizionalmente in Sudamerica si consumano fritti, ma si possono anche usare come accompagnamento per i dolci.

È possibile coltivare in casa fiori commestibili?
I fiori commestibili possono essere acquistati da aziende alimentari, talvolta presenti nei supermercati (si trovano generalmente nel reparto della frutta e della verdura); si possono però anche raccogliere, naturalmente non lungo i margini delle strade o in aree inquinate e facendo attenzione a conoscerli (alcuni fiori eduli si possono confondere con fiori non commestibili, o addirittura velenosi!). Si possono infine coltivare in casa, ciò che però richiede tempo e cura. Per la coltivazione domestica, infatti, è essenziale acquistare i semi dei fiori, e non i fiori già cresciuti, ad esempio da un vivaio. Ciò perché i fiori di vivaio vengono trattati con sostanze pericolose per l’ingestione al fine di ottenere colori più belli o di eliminare le piante infestanti.
Una volta acquistato il seme bisogna conoscere il fiore per farlo crescere e curarlo fino alla fioritura, momento in cui si potrà finalmente mangiare il fiore. Durante la sua crescita è assolutamente necessario evitare concimi chimici, erbicidi o i pesticidi, tutte sostanze che vengono assorbite dalla pianta.

Come conservare i fiori commestibili
Prima di utilizzare i fiori commestibili bisognerà rispettare quelle regole di conservazione essenziali per non perdere la bellezza del fiore (lo scopo è più estetico, anche nel piatto, che non nutritivo) e per la sicurezza alimentare (il Reg. CE 853/04, che regola sui pericoli derivanti dagli alimenti di origine animale, include anche questi alimenti di origine vegetale).
Le regole per evitare problemi, ma anche per mantenere intatte le proprietà, l’aspetto e il colore dei fiori sono le seguenti:
• I fiori, se possibile, vanno raccolti al mattino se coltivati, perché hanno più acqua al loro interno, accumulata durante la notte.
• Se i fiori hanno il gambo, si possono conservare per massimo due giorni in un vasetto con dell’acqua, in modo che non appassiscano. L’acqua può essere fresca o a temperatura ambiente. Il gambo va tolto subito prima del consumo.
• Se i fiori non hanno il gambo è necessario conservarli in frigo. Vanno messi in un sacchetto di plastica per proteggerli dalla temperatura troppo bassa, e posizionati nella parte meno fredda del frigo (di solito lo sportello, dove stanno le bibite); anche in questo caso non andrebbero superati comunque i due giorni di conservazione.
• Prima del consumo, i fiori commestibili vanno trattati come le normali verdure, ovvero lavati (se necessario con una piccola quantità di disinfettante) e asciugati utilizzando un panno pulito e privo di odori.
• Se non vengono cotti dovrebbero rimanere lontano da fonti di calore, altrimenti dovrebbero essere inseriti solo alla fine della cottura, per evitare che scompaiano completamente tra gli altri ingredienti (a meno che non si voglia ottenere degli estratti, come nel caso della rosa).

Bibliografia
- Rop O, Mlcek J, Jurikova T, Neugebauerova J, Vabkova J., Edible flowers–a new promising source of mineral elements in human nutrition. Molecules 2012, 17(6):6672-83.
- Guimarães R, Barros L, Carvalho AM, Ferreira IC.. Studies on chemical constituents and bioactivity of Rosa micrantha: an alternative antioxidants source for food, pharmaceutical, or cosmetic applications. J Agric Food Chem. 2010, 58(10):6277-84.
- Mlcek, J.; Rop, O., Fresh edible flowers of ornamental plants—A new source of nutraceutical foods. Trends Food Sci. Technol. 2011, 22:561-569.
- Grimaldi A., Bonciarelli F., Lorenzetti F., Coltivazioni Erbacee, Edagricole, 1987.
- Baldoni R., Giardini L., Coltivazioni Erbacee, Pàtron editore, 2000.
- Reg. CE 853/2004

Pagina precedente Sei qui
Inizio articolo Pagina 2/2
I fiori eduli Fiori eduli principali

Video consigli di dietetica

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni giovedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono il peso ideale, le diete, con i relativi vantaggi e i rischi associati, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

La birra: caratteristiche e proprietà nutrizionali

Una bella birra fresca da bere con gli amici, soprattutto in estate, è subito sinonimo di convivialità e festa. Amate la birra? O per meglio dire le birre? Sentiamo i consigli del nutrizionista Paolo Paganelli che ci illustra le caratteristiche delle diverse varietà (scura,...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Le proprietà del tè Matcha

Dal caratteristico colore verde giada, intenso e profumato, il tè matcha è sempre più conosciuto anche in occidente. Tipico delle cerimonie giapponesi, è molto utilizzato anche per la meditazione buddhista, perché in grado di stimolare il rilassamento cerebrale...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

A teatro con allegria

Scritto il 17 luglio 2018 da Alberto&Alberto

La commedia ha origini antiche e legate a riti ludici; pur trasformata attraverso i secoli, il suo intento resta quello di suscitare allegria e divertimento in un benefico contesto di condivisione.

Pillole di benessere

Malattie rare, assistenza in crescita

Scritto il 20 luglio 2018 da Welly

Il IV Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia, presentato alla Camera dei Deputati, fa il punto sull’epidemiologia, sull’accesso alla diagnosi, alle terapie, all’assistenza oltre che sull’organizzazione socio-sanitaria, giuridica ed economica. Con buone notizie.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato