Menu Alimentazione sana

INTRODUZIONE ALLA CUCINA MESSICANA

Prendere qualche ingrediente azteco e qualche condimento maya; mischiare con prodotti tipici spagnoli, aggiungere un tocco di caraibi e una spruzzata di francese. Il risultato, colorato, piccante e imperdibile, è la cucina messicana.

Ogni paese, a tavola, risente dell’alterazione delle tradizioni e dei prodotti locali, effettuata dalle contaminazioni straniere. Se in luoghi che per secoli sono stati chiusi alle influenze del mondo esterno, come il Giappone, la gastronomia locale è riuscita a mantenersi originale e quasi del tutto incontaminata, è anche vero che ci sono nazioni che hanno visto, per buona parte della loro storia, un susseguirsi di conquistatori, invasioni, flussi migratori e pentolame, un alternarsi di re, imperatori, dominatori, eserciti e cuochi.
La civiltà precolombiana, termine con cui si designa la varietà di popoli originari delle Americhe che furono sterminati dopo che Colombo toccò terra e dalla vecchia Europa partì l’assalto al Nuovo Mondo, è conosciuta per gli splendori dell’oreficeria, il mistero delle costruzioni, l’inquietante ritualità di alcune religioni; raramente ci si sofferma sul fatto che Maya, Inca, Aztechi e compagnia, oltre a costruire città dorate e piramidi immense, come tutti, mangiavano. E avevano le loro tradizioni culinarie, che prevedevano principalmente il mais, il peperoncino, i fagioli, la zucca, ma anche i pomodori, le patate e il cacao; in gran parte cibi che, se Colombo avesse sbagliato strada, da noi non sarebbero mai arrivati.
Quando i conquistatori spagnoli sbarcarono nell’America Centrale, si trovarono nella necessità, tra uno sterminio e l’altro di popoli millenari con tradizioni meravigliose che vennero letteralmente massacrati, di dover mangiare qualcosa. Molti cibi se li erano portati da casa, come il riso, carni varie che spaziavano dal manzo al maiale al pollo, le cipolle e il vino; altri li presero in loco. Nel corso degli anni poi arrivarono anche le influenze della cucina caraibica e di quella francese. Il risultato è che la cucina messicana è uno dei più splendidi e saporiti esempi di contaminazione culturale gastronomica. Se per alcune ricette è facile risalire alla provenienza (i piatti a base di serpenti a sonagli sono di origine tipicamente locale, quelli di maiale sono stati importati), per altri la commistione tra generi è tale che è del tutto inutile cercare di capire chi ha contribuito con cosa. Ormai quella messicana è una cucina a sé, che si è andata costruendo una precisa identità nel corso dei secoli, tale da essere una delle più amate e rinomate al mondo.

Come in tutti i paesi, anche in Messico le abitudini alimentari differiscono a seconda della regione; la parte più settentrionale del paese consuma moltissima carne, soprattutto di manzo; la cucina della parte più meridionale invece fa molto uso di verdure, è leggermente più piccante (in una nazione in cui, comunque, la piccantezza di un piatto è qualcosa di abbastanza scontato), mentre le ricette a base di prodotti ittici fanno parte di una scuola di cucina chiamata stile Veracruz.
In generale, se si parla di piatti tipici, al Messico si associano i tacos, i burritos, le tortillas, il guacamole, il tutto mandato giù con abbondante tequila o mezcal, ma anche liquados, specie di frappè alla frutta. La frutta è presente in tantissime varietà ed è molto amata.

La ricetta nazionale più complicata da realizzare è il Mole Poblano: la tradizione vuole che sia stato inventato dalle monache di un convento che, per onorare la visita di un vescovo, non avendo piatti speciali da offrire, decisero di bollire insieme più o meno tutto quello che trovarono in dispensa, circa cinquanta ingredienti, dal cacao al peperoncino, dal pane allo strutto, ottenendo una salsa saporitissima con cui condire il tacchino.
Però, in genere, quando si pensa Messico si pensa tortilla. La famosissima focaccia a base di farina di mais ricopre il ruolo che da noi è dato al pane, ma anche alla pasta: può infatti servire da accompagnamento ai piatti, ma spesso e volentieri li racchiude, cambiando nome a seconda del condimento. I celeberrimi burritos sono tortillas con un ripieno a base di carne, cipolle e spezie.

È difficile fare un parallelismo fra la cucina messicana e quella, ad esempio, italiana, poiché i piatti e i gusti sono così diversi che ci sono non poche difficoltà a paragonare, come antipasti, le pannocchie di mais al chili con una bruschetta; o come primi, un burrito con un piatto di pasta. Però ci sono anche affinità: in Messico, grazie anche alla passione per le verdure, spesso si inizia il pasto con una zuppa, che può spaziare dal tipo con la sola presenza di verdure, a quello con l’aggiunta di carne; per cui un pasto si può aprire con una zuppa a base di pomodoro e mais, o piselli e carne bianca. La carne, come detto, è molto consumata soprattutto al nord: agnello, manzo, maiale e pollo sono protagonisti sia di pietanze a sé, sia di creazioni a base di pasta lievitata o racchiuse in tortillas o tacos, come le empanadas o i tacos con carne. Il pesce, come ovvio in un paese che si affaccia sul mare, è molto amato, così come i crostacei e i frutti di mare. E non mancano certamente i dolci, soprattutto considerando il fatto che il cacao è proprio originario delle Americhe.

Attenzione a non confondere la cucina messicana pura con altri generi, come il Cal-Mex, tipico della zona confinante con la California, o il famosissimo Tex-Mex, una commistione di gastronomia messicana e texana, a cui si devono il famosissimo chili con carne, le enchiladas, il chimichanga e i nachos.

Sei qui Pagina successiva Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Introduzione alla cucina messicana La cucina messicana: tortillas, nachos ecc. La cucina messicana: zuppe e verdure

Video consigli di dietetica

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni giovedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono il peso ideale, le diete, con i relativi vantaggi e i rischi associati, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

La birra: caratteristiche e proprietà nutrizionali

Una bella birra fresca da bere con gli amici, soprattutto in estate, è subito sinonimo di convivialità e festa. Amate la birra? O per meglio dire le birre? Sentiamo i consigli del nutrizionista Paolo Paganelli che ci illustra le caratteristiche delle diverse varietà (scura,...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Alimentazione e salute: le virtù curative delle spezie

Curcuma, pepe rosa, curry, chiodi di garofano, cannella, noce moscata, cumino. Non sono solo ingredienti che rendono le ricette più colorate e saporite, ma sono vere e proprie miniere di principi nutritivi ed elementi medicali, conosciuti fin dall’antichità. Con l’avvento...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Sanremo, l’altra allegria

Scritto il 21 febbraio 2017 da Alberto&Alberto

Proseguiamo ad occuparci del Festival di Sanremo ricordando quelle canzoni delle passate edizioni che hanno portato un po’ d’allegria nel generalmente paludato palcoscenico del Teatro Ariston.

Pillole di benessere

La corruzione che danneggia la salute

Scritto il 17 febbraio 2017 da Welly

Esattamente 25 anni fa, il 17 febbraio 1992, l’inchiesta giudiziaria denominata “Tangentopoli” portava alla luce decine di casi di corruzione legati all’ambito sanitario. Ma il malaffare ai danni della salute dei cittadini persiste ancora

Offerta del mese
Bio-mex

FORMATO MAXI!!

850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Offerta del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici. Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica... Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!

Vedi prodotto

Novità
Sedia ergonomica naturale - Nera
Novit del mese

La sedia ergonomica professionale ideale chi svolge un lavoro sedentario: comoda e discreta, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione è regolabile. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole Altezza:63 cm Larghezza:45 cm Profondità:50 cm.
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.