Menu Bellezza
Sei in:   benessere.com / Bellezza / Capelli / Problemi / Calvizie femminile

LA CALVIZIE FEMMINILE

A cura di Maura Peripoli

La caduta dei capelli è un fenomeno che interessa il 20% circa delle donne adulte e può manifestarsi in diversi modi. Generalmente contano i fattori androgenetici, ma non sempre: esistono tante altre cause che vanno individuate tempestivamente per programmare un trattamento “ad hoc”. La forma di alopecia più conosciuta è quella androgenetica ma per combatterla il primo importante passo è quello di ottenere una diagnosi quanto più precisa possibile, appurando che non sussistano altre patologie, prima di iniziare una cura.

Alopecia androgenetica: definizione
Il termine alopecia androgenetica indica la caduta di capelli per diverse cause, ormonali o genetiche, e si può facilmente individuare perché i capelli cominciano ad assottigliarsi e a perdere consistenza. Il processo può iniziare già dall’adolescenza e può continuare fino ai 40 anni. Da non confondere, con questa patologia, quella forma di “rarefazione” dei capelli piuttosto diffusa nelle donne in menopausa: si tratta infatti di un problema transitorio, dovuto ad un momentaneo squilibrio ormonale.

Classificazione dell’alopecia secondo Ludwing
Sono sostanzialmente tre i livelli con i quali viene classificata l’alopecia androgenetica femminile, in base alla gravità:
Alopecia di Primo Tipo: consiste in un diradamento dei capelli su tutta la zona superiore del cuoio capelluto dietro ad una linea anteriore profonda 1-3 cm più o meno conservata.
Alopecia di Secondo Tipo: diradamento marcato dei capelli nella zona superiore del cuoio capelluto dietro ad una linea anteriore anch’essa meno densa.
Alopecia di Terzo Tipo: quando sussiste un diradamento grave su tutta la zona superiore del cuoio capelluto dietro ad una linea anteriore ormai molto diradata

Pubblicità
Cause
L’alopecia androgenetica si caratterizza per il “cambiamento” dei capelli terminali i quali, se si presentano lunghi e spessi, improvvisamente diventano “atropici” (corti e sottili). La causa di tutto ciò risiede nell’aumento del Dht (deidrosterone) il quale, quando “attacca” la proteina appartenente al recettore androgeno o il follicolo, “scatena” un processo autoimmunitario che distrugge la papilla dermica principale responsabile della caduta dei capelli. È importante anche sottolineare che la maggior parte delle donne non diventano mai totalmente calve e generalmente il diradamento si manifesta nella parte centrale della testa.
I geni “responsabili” dell’alopecia androgenetica si chiamano autosomali dominanti e nella maggior parte dei casi vengono ereditati dai genitori, cioè sia dal padre che dalla madre. Tuttavia la patologia può insorgere all’improvviso anche quando non c’è una “familiarità” di alopecia androgenetica. Anche un insufficiente apporto di proteine e ferro può contribuire alla caduta dei capelli, così come un’eccessiva carenza di ferro e una forte anemia. Ma non solo, perché anche l’ipertiroidismo e l’ipotiroidismo possono portare con sé questo problema, oltre ai ben noti farmaci contro il cancro, gli anticoagulanti, i beta bloccanti e alcuni antidepressivi.

Quando si può parlare di alopecia androgenetica?
Generalmente si parla di alopecia androgenetica quando nella donna sono presenti grandi quantità di androgeni e una “certa” condizione di familiarità, ovvero quando si verificano queste due condizioni, magari combinate tra loro. Esiste anche una forma di alopecia “carenziale” e cioè dipendente da un deficit di estrogeni. Nella pratica è facile individuare la patologia perché nella forma “tipica” la caduta dei capelli avviene in modo costante e continuativo nell’arco di alcuni mesi. In questo caso occorrerà prestare particolare attenzione alla cura quotidiana dei capelli e quindi non spazzolarli troppo spesso e soprattutto non in modo troppo energico; cercare di evitare tinture per i capelli, trattamenti particolari o decoloranti: questi servono solo ad accelerare il processo. Occorrerà evitare anche di tenerli legati troppo a lungo o “costretti” in pettinature che “tirano” eccessivamente. Anche la dieta è importante per mantenere sani e forti i capelli: proteine e ferro dovranno essere sempre presenti in un’alimentazione sana ed equilibrata.

Il “pull test” è utile per verificare la caduta dei capelli?
Il “pull test”: è una “verifica” che serve a stabilire se si perdono capelli e soprattutto quanti se ne perdono. È semplice da effettuare e si deve procedere in questo modo: si prende una piccola ciocca di capelli (che ne comprenderà 30 al massimo) e si tirano. In situazione di normalità, dovrebbero cadere al massimo 3 capelli e in questo caso non si può parlare di alopecia androgenetica.

L’importanza di una diagnosi precoce
La diagnosi precoce e tempestiva è molto importante per combattere la caduta dei capelli. È quindi opportuno che, in caso di dubbi, ci si rivolga ad uno specialista che potrà suggerire un centro specializzato il quale saprà stabilire se il primo segno di diradamento dipende da un fattore genetico o da uno squilibrio ormonale anche perché esistono diverse tipologie di ‘caduta’. Tuttavia è normale che, dopo i 40 anni e soprattutto in età di menopausa si verifichino episodi di alopecia androgenetica che viene anche chiamata calvizie femminile.

Il Telogen Effluvium
Viene anche chiamato “caduta a stasi” e si può riconoscere facilmente perché la “caduta” non è concentrata solo in una parte del capo e generalmente compare a distanza di circa sei mesi da un evento scatenante che può essere un parto, una drastica dieta dimagrante o un importante intervento chirurgico, oltre a problemi legati alla tiroide quali le patologie autoimmuni.

Quale la terapia giusta?
Esistono diversi farmaci in grado di ridurre efficacemente la caduta dei capelli. Al momento, il minoxidil rappresenta un ottimo stimolatore della crescita (opportunamente testato e approvato); i risultati naturalmente dipendono dalle modalità di applicazione e dalle dosi utilizzate. Anche altri tre farmaci vengono utilizzati con successo per combattere questo problema: il finasteride, che è un inibitore di uno dei due enzimi che convertono il testosterone in DHT (da non utilizzare però in gravidanza poiché sono stati riscontrati alcuni casi di malformazione del feto); lo spirolonatone che ha fornito buone risposte nel 50% dei casi; l’acido azelaico, efficace sia nell’uomo che nella donna, e che può anche essere combinato con il Minoxidil.

Pagina precedente Pagina precedente Sei qui
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Problemi La forfora La calvizie femminile

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Estetica fai da te: creare un sapone alla calendula a casa

Ingredienti semplici, una mezz'ora di tempo per 1 kg di sapone, fantasia e risultati garantiti! Ecco la ricetta per creare a casa una saponetta all'olio extra vergine di oliva e calendula, adatta anche alle pelli più delicate.La tecnica a freddo consente di realizzare un sapone che mantenga...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato