Menu Bellezza
Sei in:   benessere.com / Bellezza / Capelli / Problemi

PROBLEMI DEI CAPELLI

Alcune anomalie del cuoio capelluto, piuttosto frequenti, che possono essere fisiologiche, patologiche oppure occasionali, sono la forfora e la seborrea. Tra i problemi dei capelli, inoltre, sono da considerare anche quello della caduta e quello del colore.

FORFORA

La forfora può essere considerata come una dermatite localizzata al capillizio ed è caratterizzata da una sua desquamazione eccessiva . Normalmente si verifica una desquamazione del cuoio capelluto per liberarsi di cellule morte appiattite, ma talvolta il processo diventa decisamente più intenso sia in presenza di capelli grassi che secchi. A seconda dei 2 casi possono esserci squame cornee grasse, rilevabili per l'impronta unta che lasciano, oppure cornee secche che non lasciano alcuna traccia. Generalmente le squame che si staccano sono piccole, di colore grigio-biancastro e localizzate o in specifiche aree oppure su tutto il cuoio capelluto. Nei bambini questo problema non esiste. La forfora compare dopo la pubertà con l'inizio dell'attività ormonale che stimola le ghiandole sebacee. Interessa il soggetto adulto, può protrarsi per lunghi periodi, può regredire oppure può permanere per tutta la vita. Alcune abitudini cosmetiche come le tinte, l'uso di lozioni alcoliche, lavaggi con sostanze detergenti irritanti possono peggiorare il problema. Il periodo invernale favorisce la comparsa della forfora, la primavera l'attenua, durante l'estate scompare. Eventi psico-fisici stressanti influenzano la formazione della forfora. La forfora fisiologica è tipica di un soggetto, diversa da una persona all'altra e variabile da zona a zona. IL sole, l'aria, i lavaggi, l'inquinamento sono agenti che influenzano la desquamazione. La forfora fisiologica è generata da cause interne come l'insufficienza epatica, malattie del ricambio o del circolo, che causano alterazioni biologiche traducibili in disidrosi, seborrea, atrofia, ipertrofia. La forfora occasionale è dovuta a microrganismi e provocata dall'uso e abuso di trattamenti errati. I danni della forfora si manifestano sui capelli, provocandone la caduta e al cuoio capelluto, con prurito e infezioni. Importante è il problema estetico che ne deriva, perché la persona sembra essere poco pulita a causa delle giacche e camice ricoperte da squame e da capelli.

SEBORREA

La forfora e la dermatite seborroica sono da considerare come due espressioni di diversa gravità dello stesso tipo di problema. Il punto di partenza della dermatite seborroica è il capillizio, ma spesso è presente anche in altre zone del corpo come al naso, nelle orecchie, nella zona genitale o al volto. La seborrea è il primo stadio della dermatite seborroica vera e propria. Inizialmente la desquamazione è minima, quasi invisibile. Con il trascorrere del tempo, influenzata da alcuni stimoli aggravanti, il problema aumenta e si manifesta con caduta dei capelli, desquamazione abbondante, con presenza di croste, con un terribile prurito. La causa della dermatite seborroica è ancora sconosciuta, ma sappiamo che può manifestarsi, così come la seborrea, già nei primi mesi di vita, forse a causa degli ormoni androgeni materni trasmessi per via placentare al bambino. Spesso la seborrea si manifesta nel periodo della pubertà. Può capitare che la comparsa della seborrea sia associata alla presenza di malattie cardiache, oppure in seguito all'assunzione di alcuni farmaci, in concomitanza dell'acne volgare o di malattie da immunodeficienza. In questi casi si parla di una seborrea patologica, ma esiste anche la seborrea occasionale, determinata da fattori ambientali, come il caldo o l'umidità, da alcuni tipi di lavoro, come quello del cuoco che rimane esposto al vapore della cucina per tempi lunghi. Alcuni microorganismi, trattamenti sbagliati, l'uso di prodotti non adeguati, massaggi troppo energici del cuoio capelluto, spazzolature frequenti che causano strattoni ai capelli e al cuoio capelluto possono causare la seborrea. I danni si evidenziano ai capelli, che cadono, al cuoio capelluto, che presenta prurito e infezioni più o meno estese e, naturalmente, influenzano l'estetica di una persona.

Pubblicità
CAPELLI BIANCHI

I capelli bianchi normalmente compaiono con il passare degli anni e, insieme alle rughe, sono il segno classico di senescenza. Talvolta questa situazione non è dovuta al trascorrere del tempo, ma può essere causata da eventi particolari che determinano emozioni forti, oppure da malattie nervose o da dolori molto intensi. I motivi scatenanti possono variare, ma il risultato finale è comunque la colorazione particolare dei capelli. che appaiono bianchi a causa della loro depigmentazione. I pigmenti di melanina non vengono più formati nel loro naturale laboratorio della papilla e del bulbo, probabilmente per un'alterata attività delle ghiandole endocrine. Succede spesso che sottoponendosi ad adeguati trattamenti ormonali, i capelli possono riprendere a pigmentarsi temporaneamente. Oggi non esiste ancora un rimedio per risolvere questo problema e non siamo neppure in grado di impedire che i capelli diventino bianchi. Questa condizione deve essere considerata come un situazione fisiologicamente normale dovuta all'inevitabile processo di invecchiamento. Se i capelli diventano bianchi per altri motivi o su persone giovani bisogna considerare che forse non sono poi così antiestetici, oppure si deve ricorrere a trattamenti di colorazione dal parrucchiere. Fortunatamente al giorno d'oggi le tinture vengono preparate con prodotti ben controllati e possono quindi essere usate con tranquillità. E' sempre consigliabile accertarsi di non essere allergici alle sostanze contenute, che generalmente sono derivate dal mondo vegetale, ed evitare di sottoporsi a questi trattamenti in particolari periodi: sarebbe meglio evitare di tingersi i capelli in corrispondenza del ciclo mestruale quando si è particolarmente sensibili. Durante la menopausa occorre essere cauti con la colorazione dei capelli che deve essere evitata se si soffre di malattie a carico dei reni o se si è anemici. Meglio non fare tinte durante la gravidanza e nei periodi in cui si perdono molti capelli, perché la tintura tende ad accentuare questo problema. Se una persona è in salute può tranquillamente tingersi i capelli, perché questo trattamento eseguito con i moderni prodotti non determina nessun tipo di problema, non ha alcuna azione nociva e non influenza minimamente la calvizie nonostante la credenza popolare dica il contrario.

caduta dei capelli

La caduta dei capelli è un problema che interessa un po' tutti, ma specialmente riguarda gli uomini perché la donna è meno soggetta alla loro caduta. Quando il ricambio fisiologico di capelli diventa eccessivo e se ne perdono più di 100 al giorno, si possono manifestare zone diffuse o circoscritte di rarefazione a carattere transitorio o permanente: le cause che determinano il problema sono molte e diverse, ma quando si manifesta, occorre intervenire rivolgendosi al dermatologo, che può chiarire quale delle molteplici patologie, come disfunzioni endocrine, squilibrio a carico del sistema nervoso, carenze nutrizionali, infezioni microbiche, stress, turbe nervose, dermatosi, follicoliti batteriche o fattori ereditari, sono all'origine dell'eccessiva caduta dei capelli. Soprattutto nel sesso maschile un'eccessiva produzione di sebo con conseguente iperdesquamazione del cuoio capelluto, può favorire l'insorgenza del problema, ma deve essere sempre considerata anche una certa predisposizione ereditaria. In caso di seborrea bisogna intervenire cercando di limitare la secrezione ed evitando la formazione esagerata di forfora usando detergenti leggeri che non aggrediscono il mantello idrolipidico, ma che eliminano il sebo, il sudore, il grasso e le cellule desquamate. In condizioni normali la donna possiede circa 250 capelli per centimetro quadrato; se è bruna ha, in totale, dai 100 ai 120.000 capelli, se è bionda ne ha 130.000, 90.000 quando è rossa, ma succede che una caduta non fisiologica riduca molto queste cifre, specialmente nelle donne, che frequentemente si sottopongono a permanenti, a decolorazioni, che utilizzano detergenti inadeguati e fortemente alcalini danneggiando il naturale mantello lipidico. All'origine della caduta dei capelli può esserci anche una carenza di quelle sostanze nutritive necessarie alla loro vita. Le proteine e particolarmente la cheratina sono fondamentali per la nutrizione; perciò una corretta alimentazione che privilegia l'apporto vitaminico e minerale, una riduzione drastica di fumo e di alcol renderanno i capelli più forti e sani. Un leggero massaggio quotidiano attiva la circolazione periferica ed è indicato per la nutrizione fisiologica del capello. In caso di preoccupante caduta, si può eseguire questa manovra associandola all'uso di lozioni e di prodotti specifici e stimolanti. Bisognerebbe evitare lo stress, l'ansia e la preoccupazione che spesso si associano all'incipiente ed abbondante caduta dei capelli, perché queste sensazioni peggiorano molto il problema e danneggiano i capelli. Tra le cause di caduta dei capelli ci sono quelle ambientali, dovute all'inquinamento chimico delle fabbriche e ai tubi di scappamento delle auto, e quelle stagionali, perché in primavera e in autunno cadono più capelli specialmente se il soggetto patisce particolarmente dei disturbi classici del cambiamento stagionale. Lo sport, gli eccessivi lavaggi dei capelli conseguenti, il sudore e la stanchezza che l'attività fisica intensa determina non fanno bene ai capelli, li indeboliscono e ne facilitano la caduta. Il cloro della piscina danneggia la cuticola, sfibra il capello che lentamente cade. Un motivo di caduta dei capelli è l'invecchiamento, perché si verifica una riduzione del loro diametro e un aumento inevitabile della fase di telogen. Quando la caduta dei capelli è importante e duratura possono manifestarsi condizioni particolari quali l'alopecia Una forma di alopecia comune, ma facilmente evitabile, è quella definita da trazione. Si presenta con un eritema follicolare, occasionalmente con piccole pustole, desquamazione e capelli spezzati. Se la trazione eccessiva viene ripetuta spesso e per molto tempo, compare una cicatrizzazione del follicolo e l'alopecia diventa permanente. Colpisce qualsiasi parte del cuoio capelluto, ma preferibilmente si manifesta ai margini della capigliatura. La cura è quella di evitare trazioni dei capelli dalla stiratura praticata dal parrucchiere all'abitudine, che ancora alcune donne hanno, di andare a dormire con i bigodini in testa. Esistono altri tipi di alopecia nell'adulto determinate da fattori ereditari, genetici, metabolici, virali e patologici che possono essere curati soltanto affrontando il disturbo che le causa. L'uso di farmaci, come la pillola contraccettiva, può determinare un'accelerazione della caduta dei capelli con conseguente leggera alopecia.

TRICOTILLOMANIA

La tricotillomania è quel tic nervoso, paragonabile al succhiamento di un dito o all'onicofagia, che consiste nel continuo giocherellare con i capelli. Involontariamente i ragazzi mentre studiano, guardano la televisione o quando non sanno cosa fare, tirano i capelli e li attorcigliano continuamente. A volte questo vizio può interessare anche le ciglia e le sopracciglia. Questo gesto con il tempo può causare anche la caduta dei capelli nelle zone sottoposte a continua manipolazione. L'intervento possibile è soltanto quello di eliminare il tic nervoso e talvolta, nei casi più importanti, può rendersi necessario anche l'intervento di uno psichiatra.

Sei qui Pagina successiva Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Problemi La forfora La calvizie femminile

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Sbiancamento dentale: i consigli dell'esperto

Un sorriso bianco è sinonimo di bellezza e dà luce al viso. Ma gli esperti avvertono: attenzione alle tecniche di sbiancamento "fai da te", perchè senza la supervisione di un professionista si rischia di compromettere la salute dello smalto e delle gengive. Ecco allora i...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

La Pimpa, allegria dai padri ai figli

Scritto il 23 settembre 2014 da Alberto&Alberto

Tra gli artisti che sono stati ispirati dai loro figli spicca il caso del disegnatore Altan, conosciuto tanto per la sua vena satirica e pungente quanto per una cagnolina sempre allegra, amatissima dai bambini.

Pillole di benessere

La SLA tra ricerca e carenze

Scritto il 19 settembre 2014 da Welly

Domenica 21 è la Giornata Nazionale della Sclerosi Laterale Amiotrofica. L'Italia è uno dei paesi che contribuisce maggiormente alla ricerca di nuove terapie ma resta il problema dell'assistenza domiciliare ai pazienti.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE