Menu Bellezza
Sei in:   benessere.com / Bellezza / Cellulite / Cos'è

LA CELLULITE - COS'E'

La cellulite è un disturbo che interessa l'ipoderma, un tessuto che si trova al di sotto del derma di natura prevalentemente adiposa. E’ un tessuto attivo per il legame intercorrente tra il suo metabolismo e il bilancio calorico.
La sua attività si manifesta con una funzione lipolitica , che provoca lo scioglimento dei grassi quando il bilancio calorico è negativo; oppure con quella di liposintesi , che attiva la deposizione dei grassi, quando il bilancio è positivo. Costituisce la riserva energetica dell’organismo.

Il pannicolo adiposo si distribuisce in modo differente nei due sessi: nella donna è più accentuato nel distretto inferiore del corpo, zona questa che presenta particolare sensibilità verso l’azione svolta dall’estrogeno e dal progesterone, i tipici ormoni femminili. La donna, anche se longilinea, tendenzialmente presenta accumuli adiposi più marcati a livello dei fianchi.
I soggetti di sesso maschile presentano un adipe localizzata soprattutto in sede addominale e viscerale (la pancetta).

Il tessuto adiposo deve essere in grado di soddisfare le richieste dell’organismo, quindi, per poter fare questo, risultano essere molto importanti tutte quelle attività mirate alla conservazione di una buona microcircolazione della massa adiposa e alla diffusione regolare delle molecole di grasso, i trigliceridi.
I fattori che interferiscono negativamente causano alterazioni localizzate, che, interessando il microcircolo della massa adiposa, con il tempo determinano una compromissione anatomica e funzionale dell’unità vascolare del tessuto, che conduce all’insorgenza di problemi a carico dell’ipoderma e dello strato immediatamente sovrastante, cioè il derma.
La cellulite è causata dalla degenerazione della microcircolazione del tessuto adiposo con conseguente alterazione delle sue più importanti funzioni metaboliche.
Il termine medico che identifica il problema è Pannicolopatia Edemato-Fibrosclerotica (PEF).

La conseguenza macroscopica di questa degenerazione del tessuto è l’ipertrofia, cioè l’aumento di volume delle cellule adipose e la ritenzione idrica e la stasi di liquido negli spazi intercellulari. Le cellule, adipociti, subiscono alterazioni di forma e di volume, rotture e lacerazioni della membrana citoplasmatica che le avvolge, con conseguente uscita dei trigliceridi, cioè il grasso propriamente detto, e il loro spargimento a livello dei tessuti. Successivamente intervengono anche fenomeni involutivi, processi reattivi del tessuto reticolare intorno agli adipociti e interessamento del collagene circostante determinati proprio dallo scompaginamento della struttura del tessuto adiposo di queste zone corporee.
La degenerazione viene definita come lipodistrofia, che significa: alterazione delle caratteristiche distrettuali del grasso.

Evoluzione della cellulite

Oggi, grazie all’ausilio di esami termografici, è possibile seguire l’evoluzione del substrato cellulitico. Si distinguono varie fasi:

Normalità

Il tessuto adiposo è ben irrorato e i capillari, decorrendo vicino alla membrana degli adipociti, permettono corretti scambi metabolici

Stadio 1

E' una stadio reversibile ed e' caratterizzato da edema e da una iniziale alterazione dell’irrorazione sanguigna. I vasi presentano un’anormale permeabilità della parete e ciò causa trasudazione del plasma, ristagno e accumulo negli spazi interstiziali. La pelle diventa più pastosa e meno elastica.

Stadio 2

Aumentano i fenomeni che caratterizzano il primo. Il risultato finale è che le fibrille reticolari presenti intorno agli adipociti aumentano di numero e di spessore, peggiorando così la condizione del microcircolo e dei suoi rapporti con gli adipociti; inoltre si ha una perdita dell’elasticità e della morbidezza della pelle . Diminuiscono gli scambi e si determina anche un ristagno di tossine, perciò la pelle si presenta pallida, ipotermica, più pastosa e incominciano a manifestarsi le parestesie, cioè alterazioni della sensibilità cutanea

Stadio 3

Si formano micronoduli, cioè strutture rotondeggianti, molto piccole e incapsulate in fibrille di collagene. I noduli e le fibre di collagene insieme formano come una trama che, racchiudendo il microcircolo e gli adipociti, ostacola gli scambi metabolici. Inizia quindi una sclerosi del connettivo del derma, un’ipercheratosi della zona interessata e una conseguente scarsa ossigenazione.
La pelle presenta il caratteristico aspetto a buccia di arancia : si manifesta anche un certo dolore alla palpazione.

Stadio 4

I micronoduli si sono moltiplicati fino a formare macronodulazioni facilmente apprezzabili alla palpazione, che si presentano mobili, dolenti alla pressione e al sollevamento della plica cutanea.
Questo stadio evolve nella fibrosi, che è un processo irreversibile caratterizzato dalla sclerosi finale in cui le fibrille di collagene formano una trama sempre più fitta aderente, in profondità, alle fasce muscolari. L’aspetto della pelle, a buccia d’arancia o a materasso, diventa molto marcato, la cute si presenta piuttosto pallida e manifesta ipotermia distrettuale.
Compaiono delle striature, sensazioni di dolore spontaneo e alla palpazione si rilevano facilmente sia noduli singoli che conglobati, quasi sempre dolenti.

Differenze tra adiposità localizzata e cellulite

E' importante definire le caratteristiche che differenziano l’adiposità localizzata, che è un fenomeno normale, dalla cellulite o Pannicolopatia Edemato-Fibrosclerotica(PEF). Queste sono:

  • Aspetto della superficie cutanea

    Nell’adiposità localizzata la pelle si presenta liscia, omogenea, di colore normale, senza alcuna scabrosità e priva di striature biancastre o bianco-giallastre. La secrezione sebacea in genere è nella norma. La superficie cutanea, in caso di cellulite, PEF al primo e secondo stadio, si presenta di aspetto perfettamente normale, identica a quella dell’adiposità localizzata . Nel terzo e nel quarto stadio la superficie cutanea diventa irregolare, con introflessioni, retrazioni a forma di cratere con fondo irregolare e sottili striature biancastre o giallo-biancastre. L’epidermide può essere a volte secca, talvolta grassa e nel quarto stadio si assottiglia.
  • Sensazione alla palpazione

    Alla palpazione la zona con adiposità localizzata è indolore, si presenta di pastosità normale e con una giusta elasticità, inoltre al tatto non si rivelano placche, edema, scabrosità o macronoduli. La palpazione di una zona colpita da cellulite (PEF) causa dolore a partire dal terzo stadio fino a divenire più intenso nel quarto. La pastosità cutanea aumenta lievemente nel primo e nel secondo stadio, tanto che può rimanere l’impronta del dito dopo digitopressione, mentre diminuisce nel terzo e nel quarto. L’elasticità diminuisce in tutti gli stadi, mentre si sente la presenza di placche, esercitando una lieve pressione con il polpastrello delle dita, all’inizio del terzo stadio. Nel primo e nel secondo stadio non si rileva edema, che invece è presente alla periferia delle placche cellulitiche all’inizio del terzo stadio e scompare poi nel quarto. Nel terzo stadio inizia a manifestarsi una certa irregolarità cutanea con la formazione di micronoduli apprezzabili sfiorando la superficie della pelle. Nel quarto stadio si rivelano dei macronoduli, determinati dalla confluenza e dall’incapsulamento di più micronoduli contigui. I noduli più grossi, apprezzabili sia con una palpazione profonda che con la plicatura del tessuto, hanno dimensioni variabili fino ad assumere la grandezza di un pisello.

Esistono anche forme miste caratterizzate dalla coesistenza di un quadro di adiposità localizzata con uno di PEF. E’ piuttosto frequente l’insorgenza di cellulite quando già esiste una certa ipertrofia distrettuale, specialmente agli arti inferiori . Questo è il caso di molte donne con una lieve adiposità localizzata che, in seguito a gravidanza o all’uso protratto di contraccettivi o a una qualsiasi irregolarità ormonale, sono soggette ad alterazioni del microcircolo, spesso già fragile e predisposto alla stasi venosa.

DOVE SI FORMA LA CELLULITE

La cellulite può colpire zone del corpo differenti. Alcune persone presentano pochi cuscinetti ben delimitati mentre altri hanno ampie aree interessate dalla cellulite. Il volto e le mani non sono mai colpiti dal problema, mentre altre parti del corpo lo sono di preferenza. Il sesso e l’età contribuiscono in modo significativo a una collocazione differente della cellulite. Le regioni che vengono preferibilmente colpite da cellulite sono:

I fianchi
E’ una zona del corpo femminile facilmente colpita dalla cellulite. Spesso a questo si associa una caratteristica disposizione del grasso sulle natiche, che diventano di aspetto piuttosto cadente. A completare il quadro contribuisce anche una certa ipotrofia dei muscoli glutei. Questa cellulite può, con il tempo, diffondersi a tutta la gamba, sia in forma compatta che molle.

Parte esterna della coscia
Questa zona è spesso colpita da quei cuscinetti che possono essere o indipendenti e iniziare con un avvallamento marcato lungo la linea di compressione di indumenti stretti indossati per tempi troppo lunghi, oppure uniti con altri infiltrati cellulitici della parte alta della coscia. L'abbigliamento inadeguato, come jeans troppo stretti, che impedisce una corretta circolazione sanguigna, specialmente da seduti, è la prima causa di questo tipo di cellulite .

Parte interna della coscia
Generalmente in questa zona compare una cellulite flaccida, mobile e non dolorosa. Spesso gli indumenti stretti, soprattutto quelli che tagliano all’inguine, sono all’origine del problema.

Parte posteriore della coscia
Si presenta come un infiltrato sia duro che flaccido, spesso dovuto allo stare a lungo seduti. I muscoli interessati dalla cellulite, soprattutto da quella molle, sembrano ingabbiati in un manicotto pastoso e la coscia cambia aspetto e forma a seconda della posizione che si assume. Quando il soggetto è in piedi sulla coscia compaiono caratteristiche cascate di grasso molle. L’aspetto a buccia d’arancia è assai precoce e si vedono bene irregolarità e rientranze della superficie cutanea.

La parte posteriore del polpaccio
Si evidenzia avvicinando i lembi dei tessuti ed ha il classico aspetto a buccia d’arancia. Spesso si notano anche cuscinetti al ginocchio e dietro ai malleoli delle caviglie.

Le spalle
In età avanzata si può sviluppare una cellulite flaccida, che si presenta come un rigonfiamento molle all’altezza del collo che sfuma verso il basso, fino ad omogeneizzarsi con altri infiltrati di cellulite presenti nella zona ascellare.

Le braccia
Può esserci la cellulite sia nella zona interna, come un infiltrato diffuso e molliccio, che in quella esterna, con l’aspetto di una massa un po’ più densa.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Sbiancamento dentale: i consigli dell'esperto

Un sorriso bianco è sinonimo di bellezza e dà luce al viso. Ma gli esperti avvertono: attenzione alle tecniche di sbiancamento "fai da te", perchè senza la supervisione di un professionista si rischia di compromettere la salute dello smalto e delle gengive. Ecco allora i...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Il camin di nostra vita

Scritto il 02 settembre 2014 da Alberto&Alberto

Cosa c'è di più rilassante e piacevole di un bel camino acceso? Fortunato chi ne possiede uno!

Pillole di benessere

e-cigarette, la polemica infinita

Scritto il 29 agosto 2014 da Welly

La sigaretta elettronica aiuta a smettere di fumare o no? Studi e statistiche recenti dicono di no e l'Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene che sia anche dannosa, almeno per alcune categorie.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Scholl Pocket Ballerina Premium Novit del mese

Ballerina pieghevole Scholl, in tessuto fresco, da portare sempre con te e sfoggiare in ogni situazione per essere comoda ma elegante. Perfetta da tenere in borsetta e indossare quando sei stanca dei tacchi. E' la ballerina dell'estate!
Vedi prodotto

Visita i migliori hotel benessere.
Viaggia con la fantasia!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE