Blog
27 maggio 2013

Lui pensa positivo. E noi?

A cura di Alberto&Alberto

Confesso che quando Jovanotti si affacciò sui teleschermi - alla fine degli anni '80 - lo detestai subito. Quello spilungone che saltava e rideva come uno scemo, urlando stupidaggini tipo "E' qui la festa?" o "Gimme Five!" o "Yo!"; mi sembrava un perfetto compendio di quel decennio culturalmente infausto, tra edonismo e superficialità.

La musica era improntata alla disco-music più banale del periodo, i testi recitati in forma 'rap' erano ben distanti da quelli (traduzioni alla mano, si intende) dei grandi artisti hip hop d'oltreoceano. E poi lo vedevi apparire zompettare in tv urlando sguaitamente (ma con quella voce, dove pensava di andare?): "Ciao mamma, guarda come mi diverto!" (che qualche spiritosone trasformò subitaneamente in "Ciao mamma, guarda come mi divelto!"). E quel nome, infine: Jovanotti, che razza di pseudonimo! (solo recentemente ho saputo che fu adottato per errore, dopo che un tipografo male interpretò il nome originariamente scelto dall'artista, Joe Vanotti!).

Jovanotti nasceva come disc-jockey ed aveva dunque un approccio alla musica festaiolo e un po' 'caciarone'; come musicista, non riuscivo proprio a prenderlo sul serio.

Poi accadde qualcosa: i testi iniziarono a mutare e ad acquisire significati più profondi, la musica cominciò a nutrirsi degli stimoli più diversi, lo stile diventava sempre più percussivo e moderno. Una vera trasformazione, quella di Jovanotti, che infatti ad un certo punto cercò di imporre il suo vero nome, Lorenzo, e che nelle sue canzoni introduceva sempre più elementi presi dalla società e dalla "vita vera". Si trasformò anche fisicamente: facendosi crescere la barba, voleva probabilmente lanciare un messaggio: "Sono cresciuto, adesso prendetemi sul serio!".

E lo abbiamo preso sul serio, da lì a breve ci siamo sorpresi a canticchiare "Sono un ragazzo fortunato perché m'hanno regalato un sogno" e, soprattutto, "Io penso positivo perché son vivo, perché son vivo". Canzoni allegre, positive, canticchiabili da chiunque (la ricetta di un vero successo) eppure assai distanti dalla superficialità di qualche anno prima.

thumb_118.jpg

Oggi le canzoni di Jovanotti emettono positività e regalano il sorriso a tanta gente, delle età più diverse. E i suoi testi parlano, in effetti, di valori universali e senza età come l'amore, la pace, la fratellanza, la solidarietà.

Ma com'è stata possibile questa trasformazione? Come mai un giovane che ha passato nottate e nottate nelle discoteche e che per il resto del tempo ha vissuto nel mondo ovattato degli studi televisivi è riuscito ad evolversi artisticamente (e umanamente, oserei dire) in modo così straordinario? Mi sembrava impossibile e poi ho pensato ai Beatles. La cosiddetta "beatlemania" colse quattro musicisti che avevano appena vent'anni, costringendoli ad un'attività praticamente senza soste, tra concerti, dischi da 'sfornare' uno dietro l'altro, apparizioni pubbliche. Ma ciò non impedì loro di cogliere i cambiamenti in atto nel mondo, di conoscere e frequentare personaggi illustri, di visitare le gallerie d'arte, di accostarsi a forme artistiche d'avanguardia. Grazie alla loro innata curiosità, la loro musica si è evoluta fino a forme impensabili fino a pochi anni prima, lasciando una traccia indelebile nella storia della musica moderna.

Jovanotti, anzi Lorenzo, si è evoluto anch'egli attraverso la curiosità: letture, viaggi, incontri. Esperienze che si sono tradotte in canzoni (e libri, anche) che oggi trasmettono ad un pubblico vastissimo allegria, positività, apertura al mondo.

Quest'estate Lorenzo/Jovanotti sarà per la prima volta in tournee negli stadi italiani e i suoi concerti si annunciano come una vera e propria festa alla quale sono invitati tutti - bambini, ragazzi, adulti, famiglie. E tutti si lasceranno contagiare dall'allegria e dalla sensibilità che trasmette un ex ragazzo che un tempo urlava incoscientemente "1, 2, 3 casino!" e che poi seppe mettere insieme versi importanti come "Io credo che a questo mondo esista solo una grande chiesa/che passa da Che Guevara e arriva fino a Madre Teresa/passando da Malcolm X attraverso Gandhi e San Patrignano/arriva a un prete in periferia che va avanti nonostante il Vaticano."

Si potrebbe pensare: Jovanotti è bello, giovane (ora neanche più tanto), famoso, ricco e ha talento. Come potrebbe, uno così, essere "negativo"? Potrebbe, potrebbe… la storia della musica è piena di cattivi esempi, in questo senso. E altri, nelle sue stesse condizioni, non ci trasmettono tale e tanta positività!


  • Tema: Allegria e benessere
  • 0 Commenti

Lascia un commento

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato