Blog
19 agosto 2013

Get Lucky, un'estate in allegria

A cura di Alberto&Alberto

Gli anni del benessere (economico, intendo) ebbero una colonna sonora formidabile, talmente formidabile da avere garantito ai suoi interpreti una notevole longevità artistica. Cantanti come Edoardo Vianello o Peppino Di Capri, per fare due esempi, non hanno mai smesso di battere con successo le piazze estive, a dispetto dell'età e dei mutamenti delle mode (e d'altronde anche star internazionali come Paul McCartney o Rolling Stones sono ancora ampiamente attivi, attirando spettatori di ogni età).

L'allegria, nei primi anni '60 e fin quasi alla fine di quel decennio, era il riflesso condizionato di un benessere diffuso che riscattava una generazione provata dagli stenti e le sofferenze della guerra, infondendo un ottimismo e un'euforia che contagiavano anche la generazione successiva. La musica era l'espressione più evidente di quella allegria che nei mesi estivi raggiungeva il suo apice, con la scoperta della vacanza, fino ad allora sconosciuta (o quantomeno negata) ai più e con le spiagge italiane che si affollavano improvvisamente di persone di ogni ceto e cultura, per nulla imbarazzati di convivere l'uno accanto all'altro, gli ombrelloni talmente attigui da confondersi e per ritrovarsi, sempre insieme, ad ancheggiare allegramente ai ritmi di "Guarda come dondolo" o "Saint Tropez Twist", "I Watussi", "Sei diventata nera". Giovani e vecchi, ricchi e poveri, belli e brutti: vedere, per credere, alcuni film dell'epoca, primo tra tutti "Il sorpasso" di Dino Risi.

Di giorno si faceva tutti la fila davanti al juke box, dal quale usciva un suono gracchiante ma sempre migliore di quelli dei mangiadischi che pure erano diffusissimi in spiaggia. Di sera ci si ritrovava tutti nelle balere o nelle piazze o, ancora nelle spiagge illuminate dai falò: e dài ancora con il twist, il rock'n'roll, lo 'shake'. I 45 giri, allora si vendevano a milioni: l'allegria era assicurata per tutti, a prezzi per tutti "popolari".

Molto è cambiato da allora e non solo in termini economici. I cosiddetti "tormentoni" estivi, quelli che te li ritrovavi risuonare ovunque, dai bar alle potenti autoradio delle macchine che ti sfioravano sulle strade, non esistono più. Più precisamente: non esistono più come elemento aggregante e di condivisione. Prova ne è, per quello che mi riguarda, è che pur essendo un ascoltatore curioso ed attento, quando negli ultimi anni ho letto sui giornali o comunque sentito parlare dell'esistenza di sedicenti "tormentoni estivi" ho dovuto constatare di non averli mai ascoltati, e se pure mi era accaduto non mi avevano "contagiato". Nel frattempo il benessere è diventato una chimera del passato e un miraggio del futuro e il gap generazionale si è ampliato al punto che di condiviso o condivisibile, tra padri e figli, non è rimasto un granché (tranne forse il calcio, e non per tutti)

La lunga premessa, della quale mi scuso, è funzionale a richiamare l'attenzione su una eccezione, rispetto a questi ultimi anni, in tema di "tormentoni estivi". Ribadendo la mia curiosità ed attenzione rispetto ai fenomeni musicali e di costume, non ho memoria recente di un successo così indiscutibile e "trasversale" come quello che, in questa estate 2013, sta riscuotendo la canzone "Get Lucky" del duo francese Daft Punk. Tanto più che la canzone è stata pubblicata nella primavera scorsa e che, se pure mi ha colpito al primo ascolto, mai avrei immaginato che avesse avuto una vita così lunga e fortunata.

12_1376644724.jpg

Qualche rapidissima nota sui Daft Punk. Si tratta di due francesi - si chiamano Guy-Manuel de Homen-Christo e Thomas Bangalter - attivi discograficamente da quasi vent'anni. Fino ad oggi le loro produzioni sono state molto apprezzate, ma relegate soprattutto al circuito degli amanti della musica elettronica e della "dance". La loro particolarità è che non si conoscono i loro volti, nascosti come sono da due caschi (vedi foto) che indossano anche durante le loro esibizioni dal vivo e che nel tempo sono diventate vere e proprie icone (seppure modificate rispetto ai loro esordi).

Qual è il segreto di "Get Lucky", ciò che l'ha resa popolare in tutto il mondo e consegnatole l'invidiabile primato di "regina" assoluta dell'estate 2013? L'allegria che trasmette, non c'è dubbio. E la sua fantastica trasversalità, quel suo riuscire a piacere ai bambini, ai ragazzi, ai "modaioli", agli snob, a quelli di sinistra e quelli di destra, in Europa e in Sudamerica, in Africa e in Australia. In tempi in cui tante cose e tanti personaggi dividono, trovo che sia confortante constatare che c'è qualcosa che unisca. Personalmente mi fa sentire bene ed essere ottimista rispetto al futuro.

Sulla canzone in sé ha scritto molto bene il critico musicale di Repubblica Ernesto Assante: "se pure per sbaglio siete vivi, è letteralmente impossibile che non ascoltiate 'Get Lucky'. E, come capita con tutti i tormentoni, potrà anche farci letteralmente schifo al primo ascolto, poi al secondo diventerà quantomeno accettabile, al terzo inizieremo a battere il piede a tempo, al quarto ricorderemo il ritornello, dal quinto in poi irrimediabilmente lo sapremo a memoria per poi cantarlo sotto la doccia e quindi, anni dopo, ricordarlo con nostalgia."
E ancora: "Perfetto nel ritmo e nella costruzione, un po' retrò e un po' futuribile, perfetto nella struttura da 'tormentone' con un ritornello che, al di là del giro di parole sul quale è costruito, va a memoria con straordinaria rapidità. Perfetto per la qualità intrinseca che ha come brano pop, intelligente e originale, controcorrente rispetto alla supertechno dei dj contemporanei, ma allo stesso tempo nostalgico e innovativo, perché strutturato come una canzone, per quanto ballabile e contagiosa. Caratteristiche che poche canzoni oggi hanno. 'Get Lucky' non scomparirà presto, anzi, è destinata con buona probabilità a diventare un classico che balleremo ancora per molti anni."

La Rete è stata, com'è ovvio, uno straordinario volano per "Get Lucky" che è da diversi mesi oggetto di reinterpretazioni, giochi, espressioni varie e transnazionali di creatività. Su YouTube la versione solo 'audio' della canzone conta, al momento in cui scrivo, quasi 110 milioni di contatti. Qui sotto potete invece vedere il video che non è particolarmente fantasioso (ciò che invece caratterizza la maggior parte dei videoclip) ma che opportunamente regge tutto sulla canzone e sull'allegria che sa trasmettere.



A chi interessasse approfondire: tutto il CD dei Daft Punk nel quale è contenuto "Get Lucky" - il titolo è "Random Access Memories" - vale l'ascolto nella sua interezza, perché di grande qualità, sia compositiva che sonora. È stato scritto, giustamente, che il prodotto dei Daft Punk (cui hanno lavorato per ben otto anni!) riscatta il formato dell'album intero, da contrapporre al consumo della singola canzone, ciò che accade sempre più nel panorama discografico. Che volete… anche questo, da musicofilo un po' nostalgico, mi fa stare bene…


  • Tema: Allegria e benessere
  • 0 Commenti

Lascia un commento

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato