Blog
06 gennaio 2014

La Befana vien di notte…

A cura di Alberto&Alberto

È una delle ricorrenze più allegre e attese dai bambini, quella di oggi della Befana. Tanto più che l'atmosfera permanente di festa distrae o consola dal fatto che manca solo un giorno alla ripresa della scuola e della quotidianità, a meno di rari rinvii del calendario - a proposito: accadrà solo nel 2017 che il 6 gennaio cada di venerdì, facendo sì che la fine delle vacanze sia rinviata al 9!

Spero che tutti, come me, ricordino l'eccitazione del mattino, quando - appena svegli - si correva in cucina e si trovava la calza appesa alla cappa o sotto di essa, piena di dolci (o anche qualche regalo, come accadeva a me da bambino). Nella felice ingenuità della prima infanzia, si rimaneva incantati di fronte a quella tazza di latte che avevamo lasciato piena sul tavolo della cucina prima di andare a dormire e che ora era vuota, con i resti dei biscotti lì accanto (le generazioni che ci hanno preceduto, usavano invece lasciare un frutto e un bicchiere di vino, ma non è che nei decenni la Befana sia diventata astemia?).

thumb_200.jpg

Ancora una volta la Befana era arrivata ed aveva avuto pietà delle nostre marachelle e capricci. E se pure ci aveva portato il carbone, come da giorni minacciavano i nostri genitori se non ci fossimo comportati bene, la delusione durava un attimo, giusto il tempo di scoprire che il carbone anche quell'anno era fatto di zucchero, tanto duro da masticare (era forse quella la punizione?) quanto buono.

Aldilà delle poche informazioni desumibili dalla filastrocca "La Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte…", della Befana abbiamo saputo sempre poco. La sua immagine la conosciamo bene: vecchia, a cavallo di una scopa, la gonna lunga e svolazzante, il naso adunco, il mento aguzzo, i brufoli. Ma chi è veramente? E perché vuole bene a tutti i bambini?

La questione, diciamolo subito, è controversa. Certa è l'origine del suo nome legato all'Epifania (dal greco: "avvento") e dunque al giorno in cui, secondo tradizione, i re Magi si recavano al luogo della natività di Gesù per portargli offerte di oro, incensa e mirra. Ok, ma che c'entra la Befana? Una leggenda narra che, durante il loro viaggio verso Betlemme, i tre Magi si persero e, in cerca di indicazioni, bussarono alla porta di una vecchietta che indicò loro la strada ma che si rifiutò di accompagnarli perché troppo indaffarata. Salvo pentirsene poco dopo, quando i Magi si erano già incamminati. Da qui l'iniziativa della Befana di uscire anch'essa alla ricerca di Gesù, regalando doni a tutti i bambini che incontrava sul suo cammino.

Vabbè, ma la scopa che c'entra allora? La questione si fa un po' più complicata, poiché si fondono credenze e tradizioni diverse, alcune anche estranee alla cristianità. Come quella, Romana e pagana, per cui nella dodicesima notte dopo il solstizio invernale, la Natura rinasceva dopo gli stenti dell'inverno e dopo che un gruppo di figure femminili avevano propiziato i nuovi raccolti, volando sopra i campi (da qui la scopa?). Una credenza che ebbe una certa fortuna, tramandata per secoli e secoli finché nel Medioevo non prese forma la figura (rimasta però ambigua) della Befana.

Epifania e Befana assumono significati e forme diverse a seconda dei Paesi e delle diverse tradizioni tramandate. In Russia, la Befana è chiamata Babuschka (letteralmente: nonna) e porta i suoi doni nello stesso giorno della nostra Epifania che però in Russia corrisponde al Natale ortodosso. Nella stessa Italia, l'Epifania ha riti diversi, secondo regioni e tradizioni. Ma l'allegria per l'arrivo della Befana è uguale a tutte le latitudini. Chiunque essa sia…

Contrariamente a Babbo Natale che vanta un ricchissimo repertorio di canzoni dedicate, la Befana è in forte deficit di omaggi canori. L'unico rimarchevole è quello di Gianni Morandi, con una canzone del 1978 della quale, onestamente, non conservavo memoria…


  • Tema: Allegria e benessere
  • 0 Commenti

Lascia un commento

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato