Blog
14 ottobre 2014

Ridateci Tiramolla

A cura di Alberto&Alberto

Qualche giorno fa, sulla mia pagina di Facebook è apparso questo curioso appello: "Aridatece (Ridateci, in romanesco) Tiramolla". Non so bene cosa intendesse l'amico o l'amica che l'ha postato, a me però rivedere l'immagine di Tiramolla, un fumetto che avevo molto amato durante la mia infanzia, ha fatto un bell'effetto riconnettendomi ad un'epoca piena di immagini e di personaggi che avevo quasi dimenticato, confortandomi sul fatto di conservare una buona memoria.

thumb_281.jpg

Il gioco che ho intrapreso con me stesso, o meglio con la mia memoria, è stato quello di collegare il personaggio di Tiramolla con altri personaggi dei fumetti che non hanno avuto la fortuna, che so, di Topolino, Tex Willer o Alan Ford (quelli ancora in auge, cioè) ma che sono finiti nell'oblio, più o meno meritatamente.

Nessuna nostalgia: in qualche caso si trattava di fumetti realizzati in modo piuttosto dozzinale, nati solo per stare in un mercato che 40 anni fa era molto florido e competitivo. Un po' di tenerezza, quello sì, ripensando a come fossi talmente affamato di fumetti da accontentarmi anche di quelli che erano un po' dei surrogati degli albi disneyani.

Tiramolla, per la verità, non è stato del tutto dimenticato: qualche anno fa, una selezione delle sue avventure sono state raccolte in un albo e incluso in una collana di fumetti storici abbinati alla vendita di un noto quotidiano.

Per i minori di 50 anni: Tiramolla è uno 'spin-off' di un fumetto molto popolare negli anni '50 e '60, Cucciolo, a sua volta nato sulla scia del successo delle avventure di Topolino ma con origini rigorosamente italiane: fu inventato dal disegnatore Giuseppe Caregaro, come italiano ovviamente è anche il 'papà' di Tiramolla, Roberto Renzi (ma era disegnato da Giorgio Rebuffi).

Il gioco della memoria mi aveva già portato da Cucciolo (il cui carattere sembra ricalcato su quello di Topolino, almeno quanto quello del suo amico Beppe ricorda Pippo) ma da qui mi sono avventurato in meandri davvero più remoti, ricorrendo ad Internet solo per rintracciare le origini dei vari personaggi e conoscere il loro destino.

Presente in edicola solo per tre anni, tra il 1971 e il 1974 , ma rimasta ben presente nell'immaginario popolare è Nonna Abelarda, che vanta tra l'altro un'origine assai nobile, visto che è stata inventata da uno dei più grandi autori disneyani di sempre, Giovan Battista Carpi. La scatenata nonnetta fu protagonista di alcuni albi dopo che le sue avventure erano già apparse negli anni '50 sull'albo Volpetto, con la bizzarra incongruenza che inizialmente si trattava della nonna di una piccola volpe, anche se antropomorfa. Più tardi, però, Nonna Abelarda la ritrovammo prima come nonna di Pipo (evoluzione umana di Volpetto) e poi come nonna di Soldino, il piccolo sovrano del regno di Bancarotta.

Una vita piuttosto lunga e fortunata è stata quella di Geppo, il diavolo buono, che per un certo periodo è stato disegnato anch'esso da Giovan Battista Carpi. E va ricordato che prima di essere protagonista di un fumetto lui dedicato, Geppo era ospite di un altro fumetto che surclassò per popolarità, Trottolino.

Vi è da dire che tutti i fumetti citati venivano pubblicati (insieme ad altri stranieri come Braccio di Ferro e Felix) dalla stessa casa editrice, che mutò tre volte il nome da Edizioni Il Ponte a Edizioni Bianconi fino a Editoriale Metro, che ad un certo punto aveva tante e tali pubblicazioni da dare del filo da torcere agli albi di Topolino & Co (all'epoca pubblicati da Mondadori).

Fa eccezione l'ultimo fumetto "dimenticato" di questo mio post, rivolto ad un pubblico leggermente più adulto e oggi irrimediabilmente datato: Teddy Bob, ovvero "il fumetto giovane", frutto del genio di Pier Carpi e pubblicato tra il 1966 e il 1972, anno nel quale evidentemente l'epoca "beat" che ispirava le avventure (e sopratutto il linguaggio!) del personaggio era già diventato preistoria.


  • Tema: Allegria e benessere
  • 0 Commenti

Lascia un commento

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato