Blog
29 dicembre 2015

Renzo Arbore, 50 anni di allegria

A cura di Alberto&Alberto

Mi stavo recando all'edicola vicino casa, il 20 dicembre scorso, quando mi sono imbattuto nella pubblicità di una collana di Dvd dedicata a Renzo Arbore e ai suoi programmi. Vedere la sagoma sorridente del presentatore e musicista mi ha messo allegria e mi ha ricordato di quanti bei momenti ho trascorso ascoltando i suoi programmi radiofonici o ammirandolo nelle sue storiche trasmissioni televisive fin da bambino.

thumb_411.jpg

Giunto a casa e iniziata la lettura del giornale, ha attirato la mia attenzione un elogio di Arbore ad opera dello scrittore e giornalista Michele Serra. Che scriveva, tra le altre cose: "l’allegria è in Arbore una costante imperterrita, quasi stoica, da opporre all’avversario (che è la severità della vita) senza mai dargli la soddisfazione di farsi sorprendere impreparati. È un allegria così compatta, così resistente agli anni, da far pensare che non si tratti del classico 'ridi pagliaccio', ovvero di una maschera di scena; ma che sia proprio un dono di natura capitato a Renzo inteso come persona (persona fortunata…), a sua volta capace di condividerla con gli altri".

L'allegria, quindi. Quella di Arbore che trapela da tutte le sue manifestazioni, si tratti di una intervista o di un'esibizione musicale. E quella mia e dei tanti spettatori che questa allegria l'abbiamo recepita, fatta nostra.

Collana editoriale ed elogio di Arbore da parte di Serra ho capito essere giunti in occasione dei 50 anni di carriera dello showman che nel 1965 entrò per la prima volta nelle case degli italiani con "Bandiera Gialla", un programma radiofonico che fece epoca per la musica che proponeva, assolutamente all'avanguardia rispetto al periodo. Vennero poi programmi di culto come "Alto gradimento" e le trasmissioni che hanno rivoluzionato la televisione italiana, "L'altra domenica", "Quelli della notte", "Indietro tutta". Trasmissioni diverse tra loro ma con un comune denominatore: l'allegria. Sempre e comunque.

Sempre in occasione dei 50 anni di carriera, Arbore è protagonista di una Mostra che si è in inaugurata quello stesso 20 dicembre a Roma e che lui ha voluto intitolare "Videos, radios, cianfrusaglies – Lasciate ogni tristezza voi ch’entrate". In mostra ci sono quelli oggetti, apparecchi, capi e accessori di abbigliamento che notoriamente Arbore colleziona da anni e che hanno già reso la sua stessa casa una sorta di museo privato del kitsch nelle sue varie declinazioni. È uscito anche un libro, una sorta di autobiografia dal titolo "E se la vita fosse una jam session?". Ed è andata in onda, proprio ieri sera, una trasmissione televisiva che lo ha visto protagonista insieme alla Mostra, ai suoi amici e ad alcuni musicisti e ballerini da lui scoperti nel ricco vivaio che annovera il genere dello swing.

Pensando all'Arbore musicista - che è poi la sua ultima, felice incarnazione  - mi viene in mente che anche quando con la sua Orchestra Italiana intona alcune melodie malinconiche proprie della tradizione napoletana, c'è sempre un fondo di allegria che cova. Pronto poi a esplodere in uno dei tanti brani di swing inclusi nel repertorio che da ormai 25 anni porta in giro per l'Italia e per il mondo. Esportando così una allegria impregnata del meridione più creativo, solare, gioioso.

Mai avvertita una asperità, nelle interviste a Renzo Arbore. Mai una parola fuori posto, una invettiva; piuttosto sempre qualche divertente aneddoto, qualche perla della storia della musica o dello spettacolo, qualche ritratto affettuoso di uno o una collega. Sempre con un sorriso, il suo sorriso, inconfondibile.

Concludo con le parole con cui ha concluso Serra il suo intervento, che tanto calza al nostro blog: "apparentata in genere alla superficialità, l’allegria in realtà non è da tutti (mentre la superficialità sì). La sua stessa rarità la qualifica come un atteggiamento di minoranza, oserei dire d’élite se non sapessi di contrariare gli allegri. Se ognuno di noi prova a fare la cernita delle persone veramente e interamente allegre conosciute nella vita, vedrà che sono pochissime, e per questo preziose. Bisogna tenerle da conto. E per quanto possibile, cercare di capire come fanno."




  • Tema: Allegria e benessere
  • 0 Commenti

Lascia un commento

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato