Blog
12 aprile 2016

Allegria al cinema a stelle e strisce

A cura di Alberto&Alberto

Alla fine dello scorso anno, la Writers Guild of America ovvero l'associazione che riunisce gli sceneggiatori cinematografici americani ha reso nota una lista di quelle che vengono da loro considerate le 101 sceneggiature più divertenti della storia del cinema americano. Ci hanno messo appena due ore e mezza, durante il quale hanno discusso in una sala di Hollywood, guardando e commentando le clip dei film in lizza per il primato.

Un compito davvero difficile, quello dei membri della WGA, dal momento che la commedia è un genere frequentato dalla Settima Arte fin dalla sua invenzione: uno dei primi cortometraggi dei fratelli Lumiere, "L'arroseur arrosé" (L'innaffiatore innaffiato) era anche la prima opera filmica pensata e realizzata con lo scopo di far ridere. Ed era anche la prima ad aver carattere narrativo, ove i cortometraggi precedenti erano riprese di eventi, dunque assimilabili al genere del documentario.

thumb_441.jpg

Prendendo in considerazione il solo cinema americano, la comicità ha qui dominato la produzione cinematografica nella sua prima fase, quella delle "comiche" mute di Chaplin, Buster Keaton, Stanlio & Ollio e tanti altri. Negli anni '30, poi, Hollywood chiamò a sè alcuni dei migliori autori europei di commedie in fuga dal nazismo, da Ernst Lubitsch a Billy Wilder. E il genere non avrebbe mai conosciuto crisi, fino ai giorni nostri. Se si guarda solo la classifica Usa di questa settimana dei film più visti, al primo posto c'è proprio una commedia ("The Boss", in Italia uscirà a giugno).

Come tutte le liste che devono attingere ad un catalogo sterminato, anche quella dei WGA è per molti opinabile. Ma per quello che mi riguarda, scorrendo almeno le prime dieci posizioni trovo film che ho visto (spesso più volte) e che effettivamente mi hanno regalato momenti di allegria e spensieratezza. Sull'ordine di preferenza, però, non saprei dire se pienamente condivisibile, forse no, ma nessuna presenza mi fa gridare allo scandalo.

Entro nel dettaglio. Al primo posto c'è "Io e Annie" (1977) di Woody Allen, la cui sceneggiatura gli valse l'Oscar (quell'anno assegnato anche al miglior film, alla migliore Regia e alla migliore attrice protagonista). Tra i migliori film di Allen, che è presente nella lista dei 101 altre 6 volte, vanta un'altissima concentrazione di battute tra cui quella celeberrima (ma "rubata" a Groucho Marx, opportunamente citato): "Io non vorrei mai appartenere a nessun club che contasse tra i suoi membri come me". Sintomatico che nel volume "Suonala ancora Sam" (a cura di Roberto Casalini, Bompiani) che riporta le più belle battute del cinema, "Io e Annie" sia citato ben 22 volte.

Al 2° posto della classifica c'è il classico "A qualcuno piace caldo" (1959) di Billy Wilder. Che ricorderete concludersi con quella che viene considerata la battuta più famosa della storia del cinema: "Nessuno è perfetto".

Al 3° posto c'è il titolo più recente, almeno tra i primi dieci: ho perso il conto di quante volte ho visto "Ricomincio da capo" (1993) di Harold Ramis, con Bill Murray costretto da un incantesimo a ripetere all'infinito la stessa giornata con effetti esilaranti (per lo spettatore, si intende).

Al 4° posto, il capofila del genere cosiddetto "demenziale": "L'aereo più pazzo del mondo" (1980). Più che le battute contano qui le situazioni, che ribaltano in chiave comica quelle dei film cosiddetti "catastrofici" e in particolare la serie inaugurata da "Airport" nel 1970.

5° posto per "Tootsie" (1982) nel quale Dustin Hoffman si travestiva da donna per ottenere un posto da attore (da attrice, per la verità) in un serial televisivo. Sceneggiatura impeccabile, opera di Larry Gelbart e Murray Schisgal.

Al 6° posto la geniale parodia di Mel Brooks dei film horror, "Frankenstein Junior" (1974) e al 7° il genio di Stanley Kubrick al servizio della sola commedia da lui diretta "Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba" (1964) con uno straordinario e versatile Peter Sellers.

Mel Brooks torna anche all'8° posto e sempre con una parodia, stavolta del western - "Mezzogiorno e mezzo di fuoco" (1974) - ma sempre con Gene Wilder.

Campioni di humor inglese, i protagonisti del 9° posto sono il gruppodei Monty Python con "Monty Python e il Sacro Graal" (1974). Peccato che l'edizione italiana (che all'uscita si intitolava semplicemente "Monty Python") sia stata funestata da un doppiaggio discutibile ad opera dei comici del Bagaglino (Pippo Franco, Bombolo…), chiamati a recitare battute completamente diverse da quelle del film originale, più in linea con il genere "boccaccesco" allora imperante nelle sale italiane.

Al 10° posto, infine, "Animal House" (1978) di John Landis, scritto tra gli altri da Harold Ramis già autore delle sceneggiatura di "Ricomincio da capo".

Chiudo citando un'altra classifica stilata dai lettori di un portale cinematografico (oltre 2000 i votanti), stavolta dedicata ai film italiani più divertenti di sempre: al primo posto si trova "Amici miei" di Mario Monicelli che ha raccolto il 14 per cento dei voti. Su questa classifica vorrò tornare nelle prossime settimane.


  • Tema: Allegria e benessere
  • 0 Commenti

Lascia un commento

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato