Blog
18 April 2017


Via ai picnic, con allegria e benessere

A cura di Alberto&Alberto

Tempo un po' incerto, in questa primavera, ma spero proprio di non dover rinunciare ad almeno un picnic.

Non sarò certo il solo: tra "Pasquetta" (che era ieri, vabbè) e le altre festività di questi giorni, c'è da scommettere che saranno davvero in tanti a riversarsi su prati e ville urbane armati di panini, plaid, palloni e thermos. Alcuni si attrezzeranno meglio, con tavolini e seggiolini da campeggio, la pasta cucinata la sera prima (e quindi adeguatamente servita con piatti e posate, di plastica ma non necessariamente), bevande per tutti i gusti e radio al seguito, più o meno come si fa anche in spiaggia (ma senza l'anguria!). Altri ancora si vorranno aggiudicare di buon'ora uno spazio in quelle aree attrezzate come ce ne sono tante fuori città, in cui poter grigliare bistecche, salsicce ed altre prelibatezze.

thumb_230.png

Il mio sarà un picnic meno "professionale" ma non per questo meno soddisfacente (almeno lo spero). Si va a trascorrere una giornata all'aria aperta, in pace ed allegria, e il pensiero su cosa portare con me non è mai stato prioritario ma non nego che, all'ora di pranzo, è bene non trovarsi impreparati. E di fare in modo che le bevande restino moderatamente fresche (e dunque non dimenticare la borsa termica e il relativo ghiaccio).

Il vero augurio che mi faccio e che faccio a tutti, a parte il bel tempo, è quello di trovare vicini di picnic rispettosi delle regole di buona convivenza e dell'ambiente che ci ospita. Spero di non essere costretto ad ascoltare le telefonate altrui, di non essere infastidito dalle suonerie dei cellulari, di non essere colpito da un pallone proprio mentre mi sono sdraiato e aver socchiuso gli occhi, che i proprietari dei cani siano attenti ai loro animali perché non si avventino sul mio pranzo e che tutti abbiano portato con sé delle buste ove gettare i rifiuti (da non dimenticare sul prato a fine giornata, please).

Il "galateo" del picnic comprende tutto questo e poco più. Si raccomanda il fair play con le persone che ci sono accanto, offrendo anche loro disponibilità in caso di bisogno (il caso del cavatappi dimenticato a casa è un 'classico'). Si raccomanda di vestirsi in modo comodo, di non accendere fuochi, di rispettare la natura, di non gettare a terra i mozziconi delle sigarette (e - aggiungo io - se proprio si deve fumare accertarsi che il vento non soffi nella direzione delle persone che ci sono vicine).

Se poi si è particolarmente esigenti in termini di alimentazione, si potranno cercare ricette e suggerimenti sul web riguardo alle pietanze più adeguate alla circostanza. Piatti freddi, dolci (che siano comodi da trasportare) ma anche piatti elaborati che rispondano però alla specificità dell'evento: ho fatto anch'io una rapida ricerca e c'è davvero di che sbizzarrirsi.

Ah, dimenticavo, ma questa è una considerazione personale: se si vuole leggere, meglio un buon libro che un quotidiano; è quasi matematico che una folata di vento, anche piccola, ne sparlargli le pagine per ogni dove, costringendoci a fatocose gimkane. E poi il picnic è un momento prezioso di socialità: non mi negherò quindi a qualche gioco campestre (se vi serve, le regole del rubabandiera le ho riassunte proprio in questo blog lo scorso anno le ritrovate qui, darò qualche calcio al pallone (facendo molta attenzione, vedi sopra) e soprattutto lascerò che lo sguardo si perda tra il verde e l'orizzonte, pensando a quale bene prezioso ancora ci appartiene!

Il tutto, se possibile, a debita distanza dalle formiche. Guardate sotto:


11 April 2017


Que viva il rugby!

A cura di Alberto&Alberto

Non sono mai stato ad una partita di rugby. Me ne è mancata l'occasione ma non appena capiterà non mi tirerò indietro. Magari ci capirò poco o nulla (le regole non sembrano molto facili, specialmente per un neofita come me) ma mi sento ben disposto nei confronti di una disciplina che unisce agonismo, fisicità e spettacolo a lealtà, rispetto e correttezza (sia da parte dei giocatori che del pubblico), qualità che scarseggiano da diversi anni nel nostro sport più seguito, il calcio.

thumb_210.jpg

Le cronache del lunedì, relativamente al gioco nazionale del pallone, ci raccontano regolarmente di beghe di varia natura, di contestazioni da parte dei tifosi, di stilettate tra un giocatore e l'altro, tra allenatori, giornalisti e "opinionisti" più o meno esperti della materia. Vi è poi un contesto più sotterraneo, ma a mio avviso ancora più preoccupante, costituito dal calcio giovanile o dilettantistico dove capita di assistere a conflitti tra giocatori, allenatori, genitori e spettatori, con degenerazioni che riflettono gli aspetti peggiori della natura umana, tanto più se rapportati ad una disciplina sportiva, nel senso nobile del termine.

Mio figlio maggiore gioca a calcio, ormai da diversi anni. E negli anni, assistendo alle sue partite, ne ho viste di tutte: genitori che inveiscono contro i figli, figli che inveiscono contro gli arbitri o contro i loro stessi compagni, allenatori che inveiscono contro giocatori, contro gli altri allenatori e contro gli arbitri, e così via, in un turbinio di male parole, di gesti offensivi, giù giù fino allo scontro fisico e talvolta davvero violento.

Tutto questo nel rugby non accade, anzi. I bambini crescono praticando questo sport in allegria, nonostante i contatti fisici talvolta anche duri che devono affrontare. Principi e regole del rugby sono note per la loro rigidità ma vengono rigorosamente osservate dai giocatori ad ogni età. E il pubblico non è da meno: le contestazioni sono rarissime, la regola è divertirsi, accogliere l'avversario e seguire attentamente il gioco, osservando il silenzio quando richiesto per la concentrazione del giocatore.

E poi c'è il famoso Terzo Tempo, il dopo partita che le due squadre trascorrono insieme, tra giocatori, allenatori, staff (talvolta anche le loro famiglie), in un'atmosfera di grande allegria e socializzazione. Un'antica consuetudine del rugby (così come l'immancabile presenza di grandi quantità di birra) che qualcuno ha cercato di introdurre - invano! - anche nel calcio.

Non c'è da stupirsi, quindi, che il rugby stia conoscendo una fortuna sempre crescente, cui corrispondono anche i buoni risultati della nostra squadra nazionale. Anche i genitori hanno saputo vincere la resistenza verso un sport che anni è stato associato al rude combattimento e che invece, come si può leggere su benessere.com insegna a "correre, saltare, lanciare, afferrare, cadere, rotolarsi, coordinarsi con compagni, avversari ed oggetti che si trovano a 360° attorno a noi, ma anche sopra di noi. In ogni momento il praticante deve sapere dove si trova rispetto agli altri e rispetto al campo di gioco. Grinta, spirito di squadra, lavoro di gruppo ma anche esaltazione dell’individualità e necessità di assumersi le proprie responsabilità." Un vero vademecum per una vita di benessere, si direbbe.

Nel video che posto qui sotto due campioni di rugby, Salvatore Perugini Aironi e Fabio Ongaro, raccontano in modo simpatico e divertito la tradizione del Terzo Tempo (occhio - anzi orecchio! - alla fantastica battuta finale!).


04 April 2017


benessere a sette note e quattro zampe

A cura di Alberto&Alberto

Trovo, con una certa regolarità, articoli o notizie sul rapporto tra la musica e gli animali. Segno che c’è sempre qualcuno che ha tempo, conoscenza e spiccato interesse a studiare una relazione in vista di possibili utilizzi non bene specificati. Ricordo che molti anni fa già si parlava di come, diffondendo la musica classica negli allevamenti, le galline producessero più uova, le mucche più latte e i polli ingrassassero di più. Ma scoprire che un cane predilige la musica reggae al rock’n’roll quali benefici apporta? L’unica risposta possibile è: giova al benessere dell’animale.

thumb_538.jpg

Deve essere con questo spirito, quindi, che un ente scozzese a difesa degli animali, unitamente ad alcuni studiosi dell’Università di Glasgow, hanno intrapreso una ricerca per scoprire quali generi musicali siano più amati dai cani. Gli ospiti a quattro zampe di una struttura sono stati sottoposti all’ascolto di brani di diverse generi e sono state osservate le loro reazioni. Il Prof. Neil Evans, docente di fisiologia all'istituto di biodiversità, benessere degli animali e medicina comparata dell'Università di Glasgow (ebbene sì, esiste una facoltà siffatta) ha quindi reso noto che i cani hanno avuto comportamenti particolarmente positivi in concomitanza con l’ascolto di musica reggae e soft rock. A partire da queste conclusioni, sono state approntate compilation ‘ad hoc’ da diffondere in alcuni canili scozzesi.

Su un sito specializzato in cani, trovo i risultati di un’altra ricerca, stavolta condotta da una comportamentista animale, Deborah Wells. Secondo la studiosa, la musica classica ha il potere di calmare e rilassare i cuccioli che invece sembrano respingere la musica pop e, più in generale, la musica emessa dalla radio. L’effetto rilassante sembrerebbe inoltre amplificato dall’abbinamento con i suoni della natura, tipo cinguettio di uccelli o il suono dell’acqua che scorre in un fiume.

Il tema è stato affrontato anche da una musicista statunitense, Alianna Boone, che ha scoperto come l’ascolto del suono dell’arpa provocasse nei cani un abbassamento della frequenza cardiaca e quindi stimolasse una condizione di rilassamento. L’esperimento è stato condotto in una struttura di ospedalizzazione di cani ed ha avuto come risultato anche una evidente accelerazione nella ripresa dello stato di salute dei cani ammalati.

Altri studi hanno evidenziato come i cani siano infastiditi dal suono degli strumenti a percussione e che non amino ascoltare la parola “No” nei testi delle canzoni. I nessi sono chiari: tamburi e piatti possono ricordare altri suoni invisi ai cani come lo sparo di una pistola o i fuochi d’artificio, il “No” viene associato al rimprovero umano.

Particolari fenomeni che sono stati osservati nei cani è la loro tendenza ad ululare quando ascoltano della musica prodotta da strumenti a fiato (in particolare sassofoni e clarinetti), o un coro umano o, ancora, una nota prolungata di violino.

Lo studio più accreditato sulla relazione tra cani e musica lo si deve ad un’altra musicista statunitense, Lisa Spector, autrice del libro “Through a Dog's Ear (“Attraverso le orecchie di un cane”) così come di una serie di CD destinati proprio all’utenza canina. La Spector ha concepito le sue composizioni partendo dagli studi di psicoacustica dell’otorinolaringoiatra francese Alfred Tomatis (autore a sua volta di un metodo che benessere.com ha descritto in un articolo dedicato), per ottenere brani che avessero effetti positivi sugli animali, tenendo anche conto della loro particolare sensibilità acustica.

La Spector non è stata la sola a produrre musica ‘ad hoc’ per i cani, ai quali (insieme ai gatti) sono state addirittura dedicate delle stazioni radio. Ed esistono anche ‘App” che offrono musica specifica non solo per cani e gatti ma anche per cavalli e uccelli.

Vi è infine la possibilità che sia il cane stesso a produrre musica. In Rete vi sono decine di esempi. Posto qui il primo che ho trovato.


28 March 2017


La musica più allegra? Quella triste!

A cura di Alberto&Alberto

No, il post di oggi non si vuole contrapporre ai diversi miei interventi del passato su quale possa essere la musica più allegra da ascoltare. Perché, come leggerete, tra musica allegra e triste non esiste vera contrapposizione. Non in termini di emozioni.

Leggo stamattina di una ricerca pubblicata sulla rivista Plus One e che ha come oggetto la musica triste e le reazioni che essa può suscitare. Condotta su un campione multietnico di intervistati, la ricerca ha dato risultati che qualcuno potrebbe trovare sorprendenti: solo il 44% delle persone associa l’emozione della tristezza alla musica triste. Viceversa, il 76% evoca l’emozione della nostalgia e il 57,5% la tranquillità. Seguono la tenerezza (il 51,6%), la meraviglia (38,3%) e persino la gioia (6,1%).

Certo che allegria o tristezza hanno degli ampi margini di discrezionalità, tanto più se legati a diversi gusti rispetto alle espressioni artistiche. Ovvio che una musica non può suscitare le stesse emozioni in tutti, ma è emblematico che il concetto di tristezza, associato alla musica, acquisisca significati diversi da quello che gli viene imputato tradizionalmente.

La suddetta ricerca viene citata in un blog nel quale si osserva come la tristezza sia dolore psicologico, depressione, stanchezza, frustrazione, senso di isolamento, perdita di qualcuno o qualcosa. La musica triste, invece, può essere piacevole, può trasmettere sollievo, pace, benessere e farci percepire uno stato di profonda bellezza.

Prima della ricerca citata, il fenomeno era stato già oggetto di uno studio pubblicato lo scorso anno sulla rivista Frontiers in Psychology e condotto da un team della Durham University capitanato da Tuomas Eerola. Lo studio si concentrava soprattutto su quelle risposte che testimoniavano il valore positivo della commozione all’ascolto di una musica triste, poiché liberatoria e dunque piacevole.

Altro aspetto ricorrente in coloro che reagiscono positivamente all’ascolto di una musica triste, è quello di essere più empatici degli altri. E l’empatia, ha osservato Tuomas Eerola, è un sentimento appagante, anche se si può trattare semplicemente di “biochimica”. “Triste ma piacevole” è stata la risposta della maggior parte delle persone chiamate a indicare il loro stato emotivo e fisico dopo aver ascoltato il brano strumentale “Discovery of the Camp” di Michael Kamen, dalla colonna sonora del serial tv “Band of Brothers”. E coloro che invece lo hanno trovato veramente triste, sono le stesse che nella vita provano difficoltà ad entrare in sintonia con gli altri.

Mi chiedo se un risultato così a favore della musica triste, sarebbe stato lo stesso se agli intervistati fosse stato sottoposto il brano che, secondo un sondaggio realizzato dalla BBC, è considerato il più triste di tutti i tempi: si tratta di “Dido’s Lament” (“When I am laid in earth”) del compositore inglese del ’600 Henry Purcell. Tanto triste, sì, ma quanto amato e quante diverse esecuzioni ha conosciuto. Anche in questo caso, si può davvero parlare di tristezza?


21 March 2017


Metti la musica in cassetta

A cura di Alberto&Alberto

Qualche mese fa, in questo stesso spazio, segnalavo il ritorno del “vinile”, ovvero il fenomeno delle vendite sempre più importanti registrate dai dischi tradizionali, ove più che la nostalgia per il supporto conta l’esigenza di un ascolto della musica il più possibile fedele.

Sono in tanti a non essersi disfatti del giradischi, dopo l’avvento del CD, anche in virtù dei tanti dischi accumulati nel tempo. Altri lo hanno nuovamente acquistato, magari un apparecchio di nuova generazione anche predisposto, tramite un ingresso USB, per poter riversare i propri vinili nel formato digitale.

Il fenomeno non mi ha sorpreso più di tanto (l’audiofilia è un’esigenza diffusa tra gli appassionati di musica) e mi ha anche rallegrato, conservando anch’io affetto per quegli oggetti rotondi che tanto hanno segnato la mia infanzia e la mia adolescenza e in parte anche la mia vita adulta. Più difficile, per me, comprendere un ritorno decisamente più eclatante di cui leggo da tempo sui giornali, ovvero quello dell’audiocassetta.

thumb_534.jpg

Conservo anch’io diverse audiocassette più per affetto che per motivi pratici. Nelle automobili, d’altronde, da anni non si montano più i lettori, sostituiti da quelli per i CD e nelle dotazioni casalinghe, l’apparecchio per la riproduzione delle audiocassette ha anch’egli lasciato spazio ad altri dispositivi.

Ma perché l’audiocassetta torna di moda? Qui l’audiofilia evidentemente non c’entra, dal momento che la registrazione non può competere, per qualità, non solo con la riproduzione dei vinili ma anche con quella dei CD. Certo, l’oggetto non è privo di fascino: ricordo bene con quanta cura si sceglieva la cassetta vergine giusta per registrare un disco da un amico e poterla riascoltare senza accollarsi la più ingente spesa dei dischi. E ricordo anche come la custodia trasparente delle cassette si prestava alla confezione di copertine “fai da te”, ritagliando foto dai giornali o ricorrendo, per riportare i titoli, ai vetustissimi “trasferelli”.

Ancor più ricordo l’allegria delle compilazioni, da preparare con cura e passione per poi regalarli all’amico o alla ragazza sulla quale si voleva fare colpo. Ricordo l’avvento del “walkman” come fatto epocale: finalmente la musica preferita la si poteva ascoltare non più solo a casa o in macchina ma anche passeggiando o facendo attività fisica.

Ricordo però altrettanto bene di come i nastri fossero soggetti a rapida usura (specialmente se di qualità mediocre) o potessero rompersi irrimediabilmente. Ricordo la pratica di infilare la matita tra gli ingranaggi di scorrimento del nastro per rimetterlo al proprio posto quando fuoriuscito.

La notizia è che nel 2016, secondo dati Nielsen, negli Stati Uniti la vendita di musicassette è aumentata del 74% per un totale di 129.000 copie vendute. E che alcuni artisti hanno addirittura editato i loro nuovi lavori in questo formato, oltre che in vinile e, naturalmente, in CD e in download.

Se nell’unica fabbrica americana ancora operativa nella produzione di audiocassette si fa festa (posto sotto un breve estratto da un documentario ad essa dedicata), c’è davvero da chiedersi a cosa si deve questo inatteso exploit del formato che, dopo aver goduto di buona salute dagli anni ’60 a tutti gli anni ’80, era finito nel più totale oblio. Nostalgia, è l’unico motivo che mi viene in mente. Nostalgia di un’allegria perduta e ora ritrovata, nel maneggiare quegli oggetti che un tempo erano per noi così importanti e che ci consentivano di ascoltare tanta musica con modica spesa. Regalandoci anche l’allegra illusione di essere noi stessi produttori, miscelando i nostri brani preferiti a piacimento e custodendo voci e suoni che noi stessi avevamo registrato.

Ma se la ritrovata passione per il vinile ha dei solidi fondamenti, altrettanto non si può dire per le audiocassette, il cui revival immagino sia passeggero. Magari per essere sostituito, tra qualche tempo, con un ritorno alle videocassette, anch’esse da tempo sconfitte dai formati digitali (Dvd) ma anch’esse ancora ben presenti nei nostri scaffali. Per il momento solo a cumulare polvere. Per il momento


Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato