Blog
16 febbraio 2016


Da Noschese a Raffaele, l'allegria nelle imitazioni

A cura di Alberto&Alberto

Anche coloro che avranno sdegnato il Festival di Sanremo, non possono non avere sentito quantomeno parlare delle esilaranti imitazioni della comica Virginia Raffaele. Che dopo il Festival restano cliccatissime su You Tube per chi se le fosse perse.

Mi sono divertito anch'io, eccome. Mi sono anche riconciliato con quella che considero un'arte, l'imitazione, che in troppi purtroppo esercitano in modo approssimativo e con poca originalità.

Ha ragione, tuttavia, Virginia Raffaele a parlare di "reintepretazioni", nel suo caso, piuttosto che di "imitazioni". Più vicine a queste ultime, le performance di Maurizio Crozza, un altro fuori classe che ha saputo anch'egli rinverdire e rinnovare il genere.

L'imitazione in sè è un concetto basilare molto studiato nelle scienze umane, con implicazioni che abbracciano la filosofia, la pedagogia, l'antropologia, la psicanalisi.

Nell'intrattenimento l'imitazione ha assunto tantissime forme, secondo le peculiarità di chi l'ha praticata e la pratica, con più o meno successo. Nel caso di Virginia Raffaele, il suo approccio all'imitazione è stata accostata a quella di Loretta Goggi, paragone che trovo piuttosto appropriato.

Ricordo quindi che Loretta Goggi, quando da attrice e soubrette iniziò nei primi anni '70 a cimentarsi anche con le imitazioni ebbe come mentore quello che ritengo sia stato (e non penso di non essere l'unico a considerarlo tale) il più grande imitatore di tutti i tempi, Alighiero Noschese.

thumb_425.jpg

Era appena un bambino quando vidi per la prima volta Noschese in Tv, e non l'ho più dimenticato. Non me ne perdevo una, delle sue apparizioni in televisione (andavo anche a vedere i suoi film al cinema, ma lì si proponeva come attore comico) e ridevo di cuore anche quando imitava personaggi a me non molto conosciuti, come i big della politica di allora. Si conta che nella sua carriera abbia fatto il verso a 370 personaggi pubblici e che se si aggiungono anche varie caratterizzazioni originali si arriva ad un totale di 1156.

Assolutamente unico nel modulare a piacere la voce, credibile anche nei timbri femminili, Noschese poteva anche contare sulla collaborazione di grandi professionisti tra costumisti e truccatori, nonché sull'abilità dei cameramen che utilizzavano espedienti che oggi potrebbero apparire grossolani per ingrassare o dimagrire l'attore ma che invece con gli scarsi mezzi che avevano a disposizione riuscivano a compiere dei veri e propri miracoli.

Leggo su Wikipedia che anch'egli si è ispirato a qualcuno per affinare la sua arte di imitatore: un cantante romano chiamato Marco Ciarmatore del quale però non trovo alcuna notizia in Rete. Dove invece di Noschese si parla molto, segno che il suo ricordo è ancora vivo in tantissimi che, come me, ne amavano il garbo, l'intelligenza e il talento comico. E la capacità, anche quando la voce da imitare non era tra le più semplici, di divertire facendo leva su altri aspetti del personaggio preso di mira. Come in questo sketch che posto qui sotto, nel quale si confronta con un altro gigante, ma della musica leggera, quel è stato Lucio Battisti.


09 febbraio 2016


Gioca che ti passa…

A cura di Alberto&Alberto

Mi sono occupato più volte, in questo spazio, delle iniziative che alcune associazioni mettono in atto negli ospedali per alleviare le sofferenze dei pazienti più piccoli o sostenerli nelle cure. In massima parte tali iniziative sono legate alla clownterapia, o risoterapia, la disciplina promossa da Hunter “Patch” Adams,ma oggi apprendo dell'esistenza anche di un altro "protocollo" (chiamiamolo così) che ha le stesse finalità di quello del medico reso celebre dal film interpretato da Robin Williams. Ma con modalità diverse.

Il progetto "Gioco in ospedale" è promosso dalla Fondazione Meyer, la Onlus che supporta l’attività di comunicazione, marketing e raccolta fondi per l'Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, parte del Servizio sanitario nazionale, integrato con l’Università degli Studi del capoluogo toscano e polo pediatrico nazionale di riferimento per la cura delle malattie complesse e rare.

thumb_423.jpg

La chiamano "Play Therapy" ed è una combinazione di varie attività ludiche finalizzate a rendere più piacevole la degenza dei bambini nonché favorire le cure cui sono sottoposti e la loro, auspicabile piena guarigione. Tra queste attività, quelle che hanno incontrato maggior favore presso i piccoli pazienti sono la possibilità di avere uno spazio dedicato al gioco (una "ludoteca"), di potersi dedicare alla cura di un vero e proprio orto e di potersi relazionare con dei cagnolini. Questi ultimi - strumento per la Pet Therapy - sono attentamente selezionati, addestrati a muoversi in un contesto come quello ospedaliero, sottoposti a regolari controlli igienico-sanitari e guidati da conduttori professionisti.

L'ortogiardino, infine. E' situato ovviamente in uno spazio esterno ed offre la possibilità ai bambini non solo di prendersi cura delle piante ma anche di muoversi in un ambiente diverso da quello dell'ospedale, anche olfattivamente.

Mezzi diversi, stesso fine: con il gioco, lo svago e l'allegria i bambini affrontano meglio la malattia, alleviano le paure e lo stress legati ad una degenza ospedaliera e dunque agevolano il processo di cura e di guarigione.

La Fondazione Meyer ha appena promosso una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi. Fino al 28 febbraio si possono donare 2 euro con un SMS e 2 o 5 euro con una chiamata fissa, entrambi i casi al numero 45508.



02 febbraio 2016


Una tavola e quattro ruote di allegria

A cura di Alberto&Alberto

Certo che ho poggiato i piedi su uno skateboard. Sfido chiunque abbia meno di 60 anni a non averci provato almeno una volta. E spero con più successo di quanto non ne abbia avuto io, che non sono mai riuscito a prendere dimestichezza con l'attrezzo e i cui risultati che ho ottenuto sono appena meno goffi di quando provai a salire su una tavola da windsurf.

E dire che di skateboard ne hanno circolati tanti in casa, da quando ho figli. Di tutte le grandezze e colori, con effigi di squadre di club o del film per ragazzi in voga in quel periodo. Ma dopo i primi, disastrosi tentativi ho preferito restare a guardare i ragazzi attraversare il rettilineo del terrazzo e ammirarli mentre con perizia voltavano l'angolo. Roba da dilettanti, s'intende, ma per me comunque proibitiva.

thumb_421.jpg

Figuriamoci, allora, quando ho potuto - ed è capitato spesso, da quando lo skateboard è entrato in voga in Italia, da quasi 40 anni - assistere nei parchi cittadini o nei portici alle evoluzioni di "skaters" più esperti. Quelli che fanno le giravolte, che salgono e scendono gradini, che si lanciano dalle rampe e atterrano con i piedi ancora inchiodati alla tavola. Starei a guardarli per ore, mi mettono allegria. E da tempo non provo più invidia.

Mi ha rallegrato apprendere qualche giorno fa (ma la notizia risale a settembre scorso) che lo skateboard potrebbe figurare tra gli sport ammessi alle Olimpiadi che si svolgeranno a Tokyo nel 2020. Potrebbe. Perché al momento c'è la proposta ufficiale da parte del Comitato organizzatore e una decisione in merito sarà presa solo nel prossimo agosto, quando il Comitato Olimpico Internazionale si riunirà a Rio de Janeiro. Valutando l'ammissione dello "skateboarding" tra i giochi olimpici ma anche del baseball/softball (già praticati in quattro edizioni dal 1996 al 2008), del karate, dell'arrampicata sportiva e del surf.

Ma cosa vedremo se il Comitato Olimpico Internazionale dovesse dare il via libera alla presenza a Tokyo 2020 di uno degli sport più amati e praticati in Giappone (dopo gli Usa, s'intende)? Vedremo gare individuali durante le quali gli atleti o le atlete dovranno eseguire un percorso entro un certo tempo, sottoponendosi ai voti di una Giuria che valuteranno stile, creatività ed abilità nell'effettuare i cosiddetti "tricks", le acrobazie che si compiono con lo skateboard. E lo faranno nelle due specialità più popolari dello sport, lo "street" e il "park", che corrispondono a due differenti percorsi: il primo riproduce i tipici ostacoli che si incontrano in città mentre l'altro consta di rampe dal quale lanciarsi nelle varie evoluzioni.

Va da sè che un'eventuale gara olimpica di Skateboard vedrà protagonisti i cultori più esperti della disciplina e che lo spettacolo sarebbe assicurato. Non resta che sperare nella lungimiranza dei membri del CIO. Noi facciamo il tifo per il sì: speriamo ad agosto di tornare a parlarne per dare la buona notizia.


26 gennaio 2016


Gli angeli metropolitani che portano allegria

A cura di Alberto&Alberto

Chiunque possieda un account Facebook e trascorri anche solo pochi minuti della giornata a vedere i post, è ben consapevole del flusso costante di pensieri, immagini, notizie e amenità varie, presenti in quantità direttamente proporzionata al numero di amicizie (più varie "incursioni" a pagamento). Capita spesso che la maggior parte dei post non siano di alcun interesse. Capita anche che attraverso FB si apprendano informazioni o si conoscano personaggi fino ad allora sconosciuti che non avremo mai potuto incontrare se non attraverso la piattaforma social.

Difficile che senza FB avrei appreso dell'esistenza del gruppo vocale degli Angel City Chorale e del video che qualcuno ha postato su FB e che ha richiamato subito la mia attenzione. Già, perché il post invitava a visionare su You Tube una singolare esibizione di questo ensemble a sua volta singolare per numero dei componenti e per abilità, non solo canora.

thumb_419.jpg

Gli Angel City Chorale, ho poi appreso, è un gruppo multiculturale composto da ben 160 cantanti che si è creato una buona fama nella loro città, Los Angeles, anche per l'impegno profuso a favore della comunità. Con un repertorio variegato che comprende musica classica, jazz, folk, gospel e pop, gli Angel City Chorale tengono due esibizioni l'anno, in primavera e in inverno, in una storica Chiesa Metodista della città. A queste affiancano altri concerti in vari luoghi prestigiosi, sempre con intenti benefici, venendo anche affiancati da altri importanti artisti come Stevie Wonder e Michael Bublè. E il loro impegno non si limita ai concerti, essendo tutti volontari e attivi in donazioni e assistenza a chi ne ha bisogno.

Ma veniamo al video che ha attirato la mia attenzione e la cui visione mi ha regalato davvero qualche minuto di allegria. Si parte da un semplice sfregamento di mani da parte del nutrito gruppo raccolto sull'altare si presume della Wilshire United Methodist Church, il luogo dove gli Angel City Chorale si esibiscono con regolarità. Da quasi impercettibile, il suono prodotto diventa sempre più udibile e l'impressione è quella di ascoltare i rumori della natura. Africana, per l'esattezza (qui si è aiutati dalla scritta che compare all'inizio del filmato, "Africa" appunto). L'impressione è rafforzata dall'aggiunta di alcuni schiocchi di dita e ora sembra davvero di trovarsi all'interno di una savana in una giornata di pioggia. Che aumenta gradualmente, mentre i componenti del coro passano a percuotere le ginocchia o a saltare all'unisono per simulare i tuoni. L'effetto è davvero suggestivo, soprattutto per l'aspetto visivo. Dopo oltre 2 minuti siffatti, si arriva alla musica: si tratta in effetti di "Africa", un classico della musica pop degli anni '80 del gruppo americano dei Toto. Qui si rivela anche la maestria vocale dell'ensemble: la versione è davvero da brividi e trasmette un senso di allegria e di benessere di cui fare tesoro per il resto della giornata. Vedere (e ascoltare) per credere!


19 gennaio 2016


Un sorriso per l'accessibilità

A cura di Alberto&Alberto

Sono incappato casualmente in un filmato che mi ha colpito per l'idea di fondo, che ribalta i luoghi comuni legati all'accessibilità, tema importante che generalmente evoca sentimenti di sdegno o di rabbia. E che una Onlus ha voluto invece associare ad un messaggio positivo, basato sul sorriso.

Diritti Diretti, così si chiama la Onlus, dal 2008 promuove iniziative finalizzate a sensibilizzare le amministrazioni pubbliche e gli imprenditori sull'accessibilità, sottolineando come quest'ultima possa rappresentare un valore aggiunto sotto molti punti di vista: non solo rendere la vita migliore a chi possiede un qualche tipo di handicap ma apportare anche un ritorno economico per chi favorisce l'accessibilità, sotto forma di incremento del turismo nelle sue varie tipologie.

thumb_417.jpg

Il filmato, quindi: si intitola "Quanto ci piacciono i sorrisi" e mostra dapprima i primi piani di 10 persone che esprimono allegria senza che lo spettatore ne conosca il motivo. E il motivo, si scopre poco più tardi, è che hanno avuto la possibilità, grazie all'accessibilità, di svolgere un'attività che altrimenti non avrebbero potuto svolgere.

Nel dettaglio vediamo una donna che si muove su una sedia a rotelle e può  entrare in un bar poiché privo di barriere architettoniche; un giovane non vedente che può visitare un museo attrezzato per descrivergli le opere esposte; una ragazza che usa le stampelle e può passeggiare liberamente insieme ad un'amica; una donna che può entrare facilmente in un negozio portando la sua bambina in passeggino; un ragazzo, anch'egli sulla sedia a rotelle, che può salire sull'autobus; una donna sorda che in un museo viene supportata dal linguaggio dei segni; un giovane che può trasportare agevolmente il suo trolley senza incontrare ostacoli, così come una donna anziana il suo carrello della spesa; una donna che può godersi uno spuntino con gli amici anche se soffre di intolleranze alimentari e, infine, una bambina sempre in carrozzella che può giocare all'aria aperta perché il parco giochi è inclusivo.

Il sorriso e l'allegria accomunano questi personaggi che generalmente avrebbero poco da sorridere, perché quello dell'accessibilità rappresenta ancora un problema tutt'altro che risolto, specie nelle grandi città.

Afferma la Presidente della onclus, la giornalista Simona Petaccia: "Abbiamo costituito Diritti Diretti con il proposito di promuovere l'idea che la carità verso le cosiddette 'categorie svantaggiate' deve essere rimpiazzata da diritti tangibili e non solo scritti sulle leggi. Il nostro obiettivo è quello di contrastare la diffusione di pregiudizi o stereotipi nei confronti di chi ha particolari esigenze fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari. Desideriamo, infatti, incoraggiare in tutti la presa di coscienza delle loro abilità professionali e del loro possibile contributo attivo nella società".

Per chi vuole approfondire il lavoro della Onlus c'è un numero verde gratuito: 800 910 580.


Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato