Blog
04 novembre 2014


Un sorriso per star bene

A cura di Alberto&Alberto

Qualche giorno mi trovavo nel traffico con il mio scooter quando sono stato improvvisamente costretto a "scartare" sul lato della strada per lasciare passare un'autombulanza. Proprio in quel momento, però, sopraggiungeva dietro di me un'altra moto cui ho dovuto tagliare la strada. "Scusi!" gli ho esclamato. "Ci mancherebbe!" ha risposto prontamente lui con un sorriso che ho subito contraccambiato prima che ci "rituffassimo" entrambi nel caotico traffico romano.

Ecco, questo scambio di cortesie, o qualsiasi cosa fosse, ha avuto un effetto benefico su di me, regalandomi quasi un senso di euforia. Mi sono chiesto come mai stesse accadendo e mi sono risposto che i nostri tempi sono segnati da una crisi che non è solo economica ma è anche di "urbanità", per cui diventa sempre più raro incontrare manifestazioni di gentilezza o di considerazione dell'altro. E quando ciò accade, evidentemente il risultato è persino sproporzionato, al rialzo, rispetto al gesto che lo ha provocato.

Mi sono detto che una gentilezza al giorno, un sorriso, un piccolo momento di allegria possono valere tanto, se si è attenti a recepirli, a coglierne il contrasto rispetto alla negatività che ci circonda, nelle sue varie forme.

thumb_287.jpg

Vale anche per il saluto che scambio con i passanti alla mia uscita mattutina con il cane, persone con le quali non ho mai parlato, che posso dire di conoscere solo di vista ma che incontro tutti i giorni, appunto, e con i quali si è instaurata una consuetudine che riconosco come piacevole, in grado di dare un avvio positivo alla mia giornata.

Pensavo a quello che scrissi su "Allegria e benessere" poco più di un anno fa, dicendomi colpito dall'effetto che ebbe su di me quel "Buonasera!" con il quale Papa Francesco esordì al momento della sua elezione. Un'espressione semplice, come possono essere semplici un sorriso, una risata, una gentilezza, una cortesia. Ma la cui forza e significatività sta nel pericolo di una sua estinzione, ove vorremmo invece ascoltarla più spesso. E per questo, almeno per quello che mi riguarda, la dico ogni volta che ne ho l'opportunità.




28 ottobre 2014


Cinque, divertentissimi, matti…

A cura di Alberto&Alberto

Leggo l'ennesimo articolo sulla crisi delle sale cinematografiche e cerco ancora una volta di non farmi prendere troppo dalla nostalgia. In realtà sono da tempo rassegnato al fatto che un'epoca si è chiusa per il cinema, almeno per come lo abbiamo conosciuto noi, con le mille possibilità che avevamo di scegliere tra sale più o meno belle, film di tutti i tipi e per tutti i gusti, film nuovissimi e film vecchi, film in lingua originale, "maratone" di autori e generi.

Oggi sui cosiddetti "tamburini" dei quotidiani, l'unica voce rimasta è quella della "prime visioni". Non più di 30 anni fa, alle prime visioni facevano seguito le seconde visioni, le terze visioni (i cosiddetti "pidocchietti", ovvero piccole sale di infimo ordine), le sale d'essai, i cineclub e infine le sale parrocchiali; queste ultime erano un universo quasi a se stante popolato da ragazzini che, come me, vi trascorrevano pomeriggi interi a vedere e rivedere lo stesso film. Che cambiava ogni weekend alternando film d'avventura e film comici o musicali, infilandovi talvolta "pezzi d'antiquariato" come Stanlio e Ollio o Charlot, comunque sempre ben graditi.

Tra Zorro, Robin Hood e Totò, faceva spesso capolino nei cinema parrocchiali un gruppo di cinque comici francesi che ricordo nitidamente per quanto mi hanno fatto ridere e per quante volte ho rivisto i loro film. Si chiamavano "Les Charlots" ma noi li conoscevamo come "I Cinque Matti", per come venivano classificati nei titoli dei film da loro interpretati: "5 matti in mezzo ai guai", "5 matti al servizio di leva", "5 matti allo stadio" (uno dei miei preferiti!), "5 matti al supermercato" e così via per un totale di ben 15 pellicole girate dal 1969 al 1984, con un "revival" nel 1992.

thumb_285.jpg

Prima ancora che attori, i 5 Charlots erano musicisti con all'attivo decine e decine di incisioni di canzoncine pop con venature demenziali e un passato come gruppo di accompagnamento di Antoine, cantante corso ben noto anche in Italia. Tuttavia, la loro popolarità in Italia fu essenzialmente legata al cinema e a quel pugno di film che, dopo un rapido passaggio nelle sale di prima visione, finivano dritti dritti nella sale parrocchiali dove venivano riproposti un mese dopo l'altro.

A distanza di anni, scopro che 4 dei film interpretati da Les Charlots portavano una firma illustre, quella di Claude Zidi, oggi uno dei più noti registi francesi di commedie. Nei loro film, inoltre, apparivano attori conosciuti come Jacques Dufilho o Michel Serrault e persino il nostro Paolo Stoppa ("Cinque matti vanno in guerra").!

Furono tante le domeniche spensierate che mi regalarono i "Cinque Matti". Ma mentre mi sto chiedendo quanto la nostalgia possa influire sui ricordi con la conseguenza di mitizzarli, ecco che mi imbatto su Internet in un breve scritto al riguardo, che riporto testualmente:  "La comicità di Claude Zizi e Les Charlots, bistrattata da più parti, meriterebbe ampie rivalutazioni alla luce della pochezza, della volgarità e dell'approssimazione attuale riguardo la nobile arte del far ridere. Per quanto leggera, la verve dei nostri cinque matti si è sempre servita di maschere comicissime e situazioni paradossalmente geniali, ancora valide anche a distanza ultra trentennale. Provare per credere…"

Guardare per credere. Anche questi pochissimi minuti tratti da "Cinque matti vanno in guerra".





21 ottobre 2014


Let's get physical!

A cura di Alberto&Alberto

Mi era sfuggita una notizia, che leggo solo ora: Jane Fonda da qualche tempo è tornata a realizzare le sue "mitiche" lezioni di aerobica che tanto successo riscossero agli inizi degli anni '80, favorendo anche la diffusione dei videoregistratori casalinghi. Naturalmente le lezioni sono al passo con i tempi, nel senso del suo: rivolte alle coetanee (la Fonda ha passato da un pezzo la settantina) e quindi decisamente orientate nel senso del "low impact".

Conservo ancora - più per mania collezionistica che per effettiva utilità - una delle videocassette di ginnastica aerobica di Jane Fonda. Dopo tutto questo tempo è anche possibile che il VHS si sia smagnetizzato ma la copertina da sola mi riporta ad un'epoca lontana nella quale tutto ciò che oggi è dato per scontato - l'importanza dell'attività fisica, la cura di se stessi - allora non lo era affatto.

thumb_283.jpg

Con i VHS di Jane Fonda si diffuse non solo l'allenamento aerobico, che era nato negli Usa almeno dieci anni prima ma che era rimasto a lungo un'attività elitaria, ma anche la pratica di gruppo, generando una tale richiesta da favorire l'apertura di migliaia di palestre in tutto il mondo occidentale.

Perché è pur vero che le videocassette di Jane Fonda erano destinate per loro natura ad un pubblico casalingo, ma è altrettanto vero che la pratica dell'aerobica si dimostrava più coinvolgente e divertente se effettuata insieme agli altri, con la competitività a consentire di raggiungere risultati migliori.

È ampiamente riconosciuto come quella di Jane Fonda e dell'aerobica abbia rappresentato una grande rivoluzione nell'ambito del fitness. Prima del suo exploit, le donne americane (e non solo loro) facevano una vita sedentaria, o meglio l'impegno fisico era relegato alle faccende domestiche e nient'altro. Nel 1982, quindi, l'immagine familiare dell'attrice già due volte premio Oscar, fece la sua comparsa nelle case e nulla fu più lo stesso: il desiderio di volersi sane e magre si diffuse tra le donne come un virus, mentre le vendite di scaldamuscoli e di body dai colori sgargianti cresceva a livello esponenziale (e anche quello, come detto, dei videoregistratori casalinghi). Il boom fu talmente dirompente, che nel giro di breve tempo investì anche il pubblico maschile, soprattutto coloro che erano in condizioni di sovrappeso e cui veniva offerta l'opportunità di dimagrire senza sottoporsi a frustranti rinunce alimentari e anzi divertendosi e ricavando benefici sul piano fisico.

Le lezioni di aerobica come venivano promulgate da Jane Fonda in quei primi anni '80 erano diverse da quelle che ancora oggi si effettuano nelle palestre; potevano durare fino a 2-3 ore e se certamente consentivano di far perdere peso e di modellare il corpo, nello stesso tempo però sollecitavano in modo massiccio l'apparato scheletrico e circolatorio.

Così l'aerobica "classica" ha iniziato ad un certo punto una fase di declino per essere sostituita da altre discipline più leggere come il Pilates o comunque attività di bilanciamento tra high e low impact.

Il contributo di Jane Fonda al benessere fisico resta comunque fondamentale, dal momento che il fitness anche grazie a lei si è imposto nella vita di tutti i giorni, evolvendo da fenomeno di moda a pratica cosciente e per molti irrinunciabile.

Sull'epoca del boom dell'aerobica, resta da dire che furono davvero tanti a cavalcare il successo di Jane Fonda che generò un florido mercato editoriale e audiovisivo. Ma ad onor del vero, l'attrice si era inserita in un fenomeno, quello del fitness, che datava già qualche anno, e che lei seppe imporre anche in versione casalinga.

Pochi mesi prima della pubblicazione del primo VHS di Jane Fonda, "Jane Fonda's Workout", la moda del fitness fu oggetto di una parodia di successo con il videoclip "Physical" della cantante e attrice Olivia Newton-John che vendette la bella cifra di 2 milioni di dischi solo sul mercato statunitense. L'ascolto casuale della canzone alla radio ha ispirato oggi il mio post e mi ha portato a rivedere il video che, pur datato, risulta ancora divertente.




14 ottobre 2014


Ridateci Tiramolla

A cura di Alberto&Alberto

Qualche giorno fa, sulla mia pagina di Facebook è apparso questo curioso appello: "Aridatece (Ridateci, in romanesco) Tiramolla". Non so bene cosa intendesse l'amico o l'amica che l'ha postato, a me però rivedere l'immagine di Tiramolla, un fumetto che avevo molto amato durante la mia infanzia, ha fatto un bell'effetto riconnettendomi ad un'epoca piena di immagini e di personaggi che avevo quasi dimenticato, confortandomi sul fatto di conservare una buona memoria.

thumb_281.jpg

Il gioco che ho intrapreso con me stesso, o meglio con la mia memoria, è stato quello di collegare il personaggio di Tiramolla con altri personaggi dei fumetti che non hanno avuto la fortuna, che so, di Topolino, Tex Willer o Alan Ford (quelli ancora in auge, cioè) ma che sono finiti nell'oblio, più o meno meritatamente.

Nessuna nostalgia: in qualche caso si trattava di fumetti realizzati in modo piuttosto dozzinale, nati solo per stare in un mercato che 40 anni fa era molto florido e competitivo. Un po' di tenerezza, quello sì, ripensando a come fossi talmente affamato di fumetti da accontentarmi anche di quelli che erano un po' dei surrogati degli albi disneyani.

Tiramolla, per la verità, non è stato del tutto dimenticato: qualche anno fa, una selezione delle sue avventure sono state raccolte in un albo e incluso in una collana di fumetti storici abbinati alla vendita di un noto quotidiano.

Per i minori di 50 anni: Tiramolla è uno 'spin-off' di un fumetto molto popolare negli anni '50 e '60, Cucciolo, a sua volta nato sulla scia del successo delle avventure di Topolino ma con origini rigorosamente italiane: fu inventato dal disegnatore Giuseppe Caregaro, come italiano ovviamente è anche il 'papà' di Tiramolla, Roberto Renzi (ma era disegnato da Giorgio Rebuffi).

Il gioco della memoria mi aveva già portato da Cucciolo (il cui carattere sembra ricalcato su quello di Topolino, almeno quanto quello del suo amico Beppe ricorda Pippo) ma da qui mi sono avventurato in meandri davvero più remoti, ricorrendo ad Internet solo per rintracciare le origini dei vari personaggi e conoscere il loro destino.

Presente in edicola solo per tre anni, tra il 1971 e il 1974 , ma rimasta ben presente nell'immaginario popolare è Nonna Abelarda, che vanta tra l'altro un'origine assai nobile, visto che è stata inventata da uno dei più grandi autori disneyani di sempre, Giovan Battista Carpi. La scatenata nonnetta fu protagonista di alcuni albi dopo che le sue avventure erano già apparse negli anni '50 sull'albo Volpetto, con la bizzarra incongruenza che inizialmente si trattava della nonna di una piccola volpe, anche se antropomorfa. Più tardi, però, Nonna Abelarda la ritrovammo prima come nonna di Pipo (evoluzione umana di Volpetto) e poi come nonna di Soldino, il piccolo sovrano del regno di Bancarotta.

Una vita piuttosto lunga e fortunata è stata quella di Geppo, il diavolo buono, che per un certo periodo è stato disegnato anch'esso da Giovan Battista Carpi. E va ricordato che prima di essere protagonista di un fumetto lui dedicato, Geppo era ospite di un altro fumetto che surclassò per popolarità, Trottolino.

Vi è da dire che tutti i fumetti citati venivano pubblicati (insieme ad altri stranieri come Braccio di Ferro e Felix) dalla stessa casa editrice, che mutò tre volte il nome da Edizioni Il Ponte a Edizioni Bianconi fino a Editoriale Metro, che ad un certo punto aveva tante e tali pubblicazioni da dare del filo da torcere agli albi di Topolino & Co (all'epoca pubblicati da Mondadori).

Fa eccezione l'ultimo fumetto "dimenticato" di questo mio post, rivolto ad un pubblico leggermente più adulto e oggi irrimediabilmente datato: Teddy Bob, ovvero "il fumetto giovane", frutto del genio di Pier Carpi e pubblicato tra il 1966 e il 1972, anno nel quale evidentemente l'epoca "beat" che ispirava le avventure (e sopratutto il linguaggio!) del personaggio era già diventato preistoria.


30 settembre 2014


Un weekend con gli aquiloni

A cura di Alberto&Alberto

Confesso, non sono mai riuscito a far volare un aquilone. Forse non è poi così difficile, ma nei miei - non moltissimi, per la verità - tentativi compiuti in passato mi sono sempre ritrovato con fili annodati, con le stecche dell'aquilone spezzate e il morale a terra.

Da allora mi sono limitato a guardare gli aquiloni altrui ma senza invidia. Mi mette allegria vederli ondeggiare nel cielo manovrate da mani esperte, nelle diverse forme e colori; proprio quest'estate ne ho visto uno tra le mani di un bambino (!) che solcava il cielo senza mai ricadere, per un tempo che mi è parso infinito.

thumb_277.jpg

Pare che l'aquilone sia stato inventato in Cina nel V o nel VI secolo a.C. per diversi usi pratici (segnalazioni, misurazioni), da lì diffusosi in Nuova Zelanda e Polinesia (in riti religiosi) e infine in Europa. Sebbene nel tempo siano stati utilizzati per i motivi più diversi (ricordate il famoso esperimento di Benjamin Franklin citato nei libri di scuola?), oggi gli aquiloni si fanno volare per scopi puramente ludici e sono anche protagonisti di diverse competizioni in tutto il mondo.

Un divertimento per tutte le età, dunque, anche se viene generalmente associato all'infanzia e all'innocenza. Non mi crederete se vi dico che proprio mentre sto scrivendo queste note, accanto a me mio figlio di 6 anni sta colorando sul suo quaderno di scuola un disegno che raffigura un bambino che sorride mentre sta facendo volare il suo aquilone!

Un'altra curiosa coincidenza è che quando avevo deciso che mi sarei occupato di aquiloni sul mio blog, mi giunge una mail da parte di Famiglie SMA, l'Associazione dei Genitori per la Ricerca sull'Atrofia Muscolare Spinale, una malattia che colpisce sopratutto i bambini disabilitando alcune cellule nervose del midollo spinale e che li inibisce in varie attività come gattonare, camminare, controllare il collo e la testa e deglutire.

Famiglie SMA ha lanciato una campagna per reperire fondi che prevede, oltre alla possibilità di effettuare donazioni via telefono fisso o SMS già dal 28 settembre e fino al prossimo 11 ottobre, anche una presenza dei volontari in oltre 100 piazze italiane nelle giornate di sabato 4 e domenica 5 ottobre che, in cambio di una donazione di 7 euro, offrirà proprio un bell'aquilone!

Il ricavato di entrambe le iniziative servirà a sostenere In Italia le sperimentazioni cliniche di farmaci e terapie per aiutare i bambini colpiti dall'Atrofia Muscolare Spinale. Ovviamente, insieme all'aquilone, nelle piazze che ospiteranno l'evento (l'elenco è riportato sul sito www.famigliesma.org ma si può anche conoscerle telefonando allo 02.56568312) vi sarà anche del materiale informativo per poter meglio conoscere sia il profilo della patologia che le azioni compiute a da compiere da parte dell'Associazione.

Sabato o domenica prossimi avrò anch'io il mio aquilone. E chissà che non sarà proprio mio figlio ad insegnarmi a farlo volare!


Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato