Blog
02 dicembre 2013


Allegro ma non troppo?

A cura di Alberto&Alberto

Mi sono reso conto che nel nostro blog ci siamo occupati spesso di musica, intesa come veicolo di allegria e buonumore e dunque di benessere. Personalmente ho scritto di musica leggera, di rock, di pop, di swing, di jazz ma mai di musica classica, che vanta come gli altri generi tante occasioni di allegria. Il fatto è che (me ne vergogno un po') io non sono molto esperto in materia. Tuttavia, ho voluto fare qualche ricerca sulla Rete per tentare di stilare una lista di quelli che sono considerati i brani più allegri nel 'mare magnum' della musica classica e sinfonica. Come immaginavo, le risposte sono tantissime e non sempre concordanti. Vediamone alcune.

Un titolo che ricorre spesso nelle 'playlist' degli internauti è il canone di Pachebel, il cui titolo esatto è "Canone e giga in re maggiore per tre violini e basso continuo". Il brano è celeberrimo ma sull'effetto allegria avrei qualcosa da obiettare.
Restando nel barocco, "gettonatissimo" è Vivaldi e le sue Quattro Stagioni. Non solo la Primavera (segnalazione che appoggio) ma anche l'estate (III movimento) e persino l'Autunno (II movimento). Il III movimento dell'estate, francamente, lo trovo più ansiogeno che allegro, e nell'autunno di allegria (musicale, intendo) ne trovo ben poca. Decisamente allegro da Vivaldi, fin dal nome, è il Gardellino (Op. 10 n. 3 - Concerto per flauto, archi e basso continuo in Re maggiore).

thumb_190.jpg

Ahi, l'entusiasmo dei musicofili. C'è chi si spinge a dire che tutta la produzione di Mozart è all'insegna della allegria, dimenticando che il grande compositore aveva scritto anche Requiem, che allegro non può certo essere. Ad ogni modo chi ha voluto entrare nel dettaglio ha segnalato:
- Il Rondo alla turca
- il K.138 Divertimento in F 1st mov. Allegro
- il K.137 Divertimento
- La Suonata per violino n. 35 k 526
- La Piccola Serenata Notturna K545
- Le Sinfonie 35, 36, 40 e 41
- La Sinfonia Concertante per Violino e Viola K 364
- L'Overture delle "Nozze i Figaro"
- L'Overture del "Flauto magico"
- Serenata per Fiati "Gran Partita" K361
- Il Concerto per clarinetto K 622,
- Il Concerto n. 21 per piano i
- Il Concerto n. 5 per violino;

Mi sono preso la briga di andare a sentire alcuni di questi brani e ho compreso che l'allegria nella musica, a quanto pare, è un concetto abbastanza opinabile. Ciò non è affatto un male, anzi ci dice molto sui diversi sentimenti che uno stesso brano può suscitare in una persona piuttosto che su in un'altra.
Nella mia modestissima conoscenza del genere, però, suppongo siamo un po' tutti d'accordo sull'allegria che trasmettono i valzer di Strauss (padre e figlio) così che sono rimasto un po' perplesso nel riscontrare che sono poco citati nelle liste che circolano in rete.

Concludo con una lista per nulla organica di altri brani che i musicofili della Rete individuano come 'allegri' e sul quale, se volte, potete pronunciarvi:
- "La Moldava" di B. Smetana
- La Carmen di Bizet
- la Sinfonia Italiana n. 4 di F. Mendelssohn
- la Danza Ungherese n. 5, 7 e 19 di J. Brahms
- Il Preludio Atto 1 della Traviata di G. Verdi
- L'Overture dei Vespri Siciliani di G. Verdi
- I Concerti Brandeburghesi di J.S. Bach
- Il Concerto per pianoforte n.2 primo tempo di D. Shostakovich
- I Quadri di un'esposizione di M. Mussorgskij
- La Suite dallo Schiaccianoci di P. I. Cajkovskij
- Il Minuetto di L. Boccherini
- La Gazza Ladra di G. Rossini
- L'Inno alla Gioia dalla 9ª Sinfonia di Ludwig van Beethoven


25 novembre 2013


Il buongiorno si 'sente' dal mattino

A cura di Alberto&Alberto

L'offerta pressoché illimitata della televisione di questi ultimi anni, tra digitale terrestre, pay tv e quant'altro (per non parlare di Internet) ci ha fatto resi tutti pressoché schiavi del tubo catodico e ci ha fatto dimenticare la grandezza di quell'altro, straordinario mezzo di intrattenimento che è la radio.

Io la ascolto solo quando guido l'automobile. Prediligendo, almeno fino a qualche settimana fa, perlopiù i programmi musicali e specialmente quelli nei quali lo speaker si limita a qualche rapido dato sul brano che sta per trasmettere o ha trasmesso, senza cioè tirarla troppo per le lunghe. Con eccezioni solo per i giornali radio e alle notizie sul traffico.

Più o meno tre settimane fa, però, passando di stazione in stazione, mi trovo ad ascoltare le voci dei comici Greg e Lillo, che si producono in una spassosa parodia dei "radiodrammi" di una volta. Risate generali in macchina, tra me e i miei figli. E il giorno dopo il rito della risata mattutine si ripete. Per ripetersi ancora nei giorni successivi, fino all'ultima puntata che attendevamo tutti con un certo timore, quello di dover presto rinunciare a quella risata che così bene ci predisponeva nei confronti della giornata.

thumb_188.jpg

Senonché scopriamo che il "radiodramma" di Greg e Lillo era terminato per lasciare il posto nientemeno che a Fiorello. Che è tornato su RadioDue portando la sua "edicola" che da diverso tempo poteva essere vista (o ascoltata) soltanto sul web. Si tratta della replica del programma che va in onda la mattina presto da un bar di Roma, dove Fiorello insieme ad un gruppo di amici e passanti commentano le notizie del giorno, condendole con battute e soprattutto con la contagiosa ironia del conduttore. Talvolta anche con ospiti eccellenti (stamattina, per dirne una, c'era Laura Pausini, molto scherzosa anche lei).

Segue un altro programma che conoscevo solo di fama (va in onda di diversi anni) e al quale adesso mi sono affezionato. È "Il ruggito del coniglio", condotto dai due simpatici Antonello Dose e Marco Presta, con pubblico presente nello studio radiofonico. Anche qui si parla di attualità in modo leggero e scanzonato, anche con interventi telefonici dei radioascoltatori. Purtroppo, dopo una mezzoretta di ascolto li devo lasciare (a malincuore) perché il dovere a quel punto chiama.



Durante il resto della giornata, se devo prendere la macchina la mia prima scelta è sempre RadioDue. Dove ho scoperto anche altri programmi, come "Un giorno da pecora" dove i politici si fanno un po' masochisticamente "sbertucciare" dai due bravissimi conduttori Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro. Ci sono altri buoni programmi di attualità come "Caterpillar", ottimi programmi di musica (ad esempio "Pop Corner" e "Juke Box all'idrogeno) e a metà pomeriggio tornano Greg e Lillo (e Alex Braga) con il loro programma "610" pieno di sketches davvero divertenti. E sempre i due comici sono anche protagonisti di un esilarante "Almanacco" che va in onda in diversi momenti della giornata. Che poi si conclude con altrettanta allegria di come è cominciata.

Il benessere dal servizio pubblico, chi lo avrebbe mai detto?


18 novembre 2013


Fenomeno Flash mob, allegria ma non solo

A cura di Alberto&Alberto

Ricordo molto bene quando sentii parlare del primo Flash mob italiano e lo trovai davvero divertente. Per i neofiti: il "Flash mob" ('flash' sta lampo e 'mob' per folla) è un evento organizzato da una o più persone tramite i 'social' di Internet o con SMS, per cui un gruppo di persone, molte delle quali non si conoscono neppure, si radunano in un luogo e in un orario prestabilito (spesso comunicato poche ore prima dell'incontro) per compiere un atto collettivo rapido e spesso bizzarro.

Quello del luglio 2003 vide ben circa 300 persone entrare contemporaneamente in un negozio di libri e dischi del centro di Roma (che purtroppo oggi non esiste più) per recarsi, uno alla volta, al reparto dei libri e chiedere agli addetti una serie di titoli inesistenti, mettendo in difficoltà tutto il personale. Conclusa l'operazione, i 300 partecipanti applaudirono all'unisono per poi dileguarsi rapidamente, ciascuno da dove era arrivato e come se nulla fosse accaduto.

Qualche anno dopo (2007) vidi per la prima volta un Flash mob, non dal vero ma al cinema: si trattava del film "Notte prima degli esami - Oggi" e una scena - organizzata per l'occasione - vedeva circa 250 persone correre attraverso il ponte di Castel Sant'Angelo, sempre a Roma, dopo essersi tolti i vestiti e restando completamente nudi. Lo stesso Castel Sant'Angelo ha visto, nel 2011 e stavolta "dal vero", sfilare alcune centinaia di persone tutte vestite di bianco, impersonando gli angeli, nel giorno che alcuni interpreti della Bibbia individuano come quello del Giudizio Universale, intonando alcune celebri canzoni, cui si unirono anche i divertiti passanti (soprattutto turisti, immagino).

L'evento era finalizzato alla promozione della 'Settimana delle Buone Azioni'. E i Flash mob, almeno fino ad oggi e per quello che ho potuto riscontrare con una ricerca sul web, pur assimilabili ad atti di goliardia, hanno mantenuto caratteristiche assolutamente pacifiche.

Sempre in Italia e sempre a Roma, fece molto parlare (e ancora di più fotografare o filmare) il Flash mob che si svolse giusto un anno fa, nel novembre del 2012: ben 30.000 ragazzi auto-convocati a Piazza del Popolo per ballare il popolare rap coreano "Gangnam Style".
E, ancora a Napoli, nel 2009, centinaia di giovani resero omaggio a Michael Jackson ballando e cantando "Beat It" in diversi punti della città, mentre altri giovani e non, ignari del tam tam social che aveva scatenato l'evento, si univano via via al gruppo, rendendolo sempre più numeroso.

È certo che il più grande Flash mob della sua storia ora ultradecennale (pare che il primo si sia tenuto a New York nel 2002) sia quello organizzato in occasione dell'Eurovision Song Contest da parte di un gruppo hip hop norvegese, che riuscì a far radunare oltre a 18.000 persone alla Telenor Arena di Oslo, anche altre migliaia di persone in varie città d'Europa, naturalmente nello stesso momento.

Diversi Flash mob sono stati convocati per cause civili (sempre a Napoli nel 2009, in Piazza del Gesù, circa 300 persone si sono lasciare cadere a terra contemporaneamente, per protesta contro la camorra), anche da parte di associazioni ed enti che operano in campo sociale. Tra questi è rimasto famoso quello promosso da Unicef Italia per lanciare la sua iniziativa "Younicef", perché il primo a livello nazionale (30 piazze d'Italia con giovani radunati nello stesso momento).

Ultimo in ordine di tempo di cui mi giunge notizia è il Flash mob dal titolo "Move to Cure" che si è svolto sabato 9 scorso a Milano, alle 16.30 in punto, quando nella Galleria Vittorio Emanuele II oltre cento tra appartenenti ad associazioni di pazienti di diabete cui ,come spesso accade, si sono uniti passanti e turisti, hanno ballato sulle note della canzone “That Power” di Will.I.Am ft. Justin Bieber.

12_1384722244.jpg

Più performance che Flash mob, ad essere del tutti onesti, da come potete riscontrare direttamente dal filmato che ho postato sotto. Ma lo scopo dell'iniziativa, promossa in occasione della Giornata Mondiale del Diabete, era assolutamente lodevole, ovvero quello di sensibilizzare l'opinione pubblica su un problema sanitario preoccupante come quello del diabete (3 milioni di persone colpite solo in Italia), che può essere prevenuto e curato attraverso una corretta informazione.




11 novembre 2013


Swing e smoking, Luttazzi in mostra

A cura di Alberto&Alberto

"Lelio Luttazzi presenta… Hit Parade!". Bastava quest'annuncio a suscitare, in me bambino, un'eccitazione quasi incontenibile, trattenuto solo perché dovevo mantenere ben saldo l'orecchio incollato alla radiolina che avevo a disposizione all'epoca (fine anni '60). Quello fu il mio primo, approccio - indiretto - con Lelio Luttazzi. Dico indiretto perché ciò che mi interessava allora era solo ascoltare le canzonette più vendute del momento e la parte "parlata" del programma non mi interessava più di tanto. Anzi, non mi interessava affatto.

Da lì a breve, da adolescente, scoprii però che Luttazzi aveva condotto alcune trasmissioni televisive di grande successo come "Studio Uno", in anni in cui davvero troppo piccolo per ricordarle. Più avanti ancora, compresi che Luttazzi, prima ancora che un conduttore e intrattenitore - e anche un "portatore sano di smoking" come acutamente lo ha definito l'autore Enrico Vaime - era un musicista. Più precisamente un musicista jazz. Più precisamente ancora, il "re dello swing". E infatti "LelioSwing" (sottotitolo: 50 anni di storia italiana) è il titolo della mostra che lo ricorda, ripercorrendone tutta la carriera fino alla scomparsa nel 2010, che ha aperto il 7 novembre ai Mercati di Traiano a Roma .

12_1384096276.jpg

Lo swing, dunque. Un sottogenere del jazz che è nato negli anni '20 e che si è evoluto fino a diventare un genere vero e proprio nella metà degli anni '30 negli Stati Uniti. E che si distingue (cito da Wikipedia) "per un caratteristico movimento della sezione ritmica e per un tipo di esecuzione delle note con un ritmo 'saltellante' (o 'dondolante', 'swing' in inglese)."

Una musica allegra che seppe consolare gli americani negli anni successivi alla Grande Depressione e poi anche gli italiani, nell'immediato Dopoguerra, quando cominciarono ad arrivare i primi dischi da oltreoceano. E che il grande pubblico televisivo conobbe proprio grazie a Lelio Luttazzi che ne proponeva i brani più celebri nelle trasmissioni che conduceva nei primi anni '60. Perché ne era profondamente innamorato e ne aveva imparato alla perfezione tecniche e sfumature.

Ritmo sostenuto e frizzante sono gli elementi fondanti dello swing che forse è il genere musicale più allegro che ci sia, capace di spingere al movimento a qualsiasi età, di suscitare un pensiero positivo.

Ma non si tratta solo di musica. Nel caso di Luttazzi, infatti, lo "swing" con la sua allegria e leggerezza era un modo di essere, di proporsi al pubblico, di dialogare con i suoi ospiti, di vivere il suo tempo. E chissà a quante persone, nell'arco di 50 anni di carriera, ha regalato un po' di sana spensieratezza!

Assolutamente irresistibile questo breve duetto con un altro gigante dello swing, Lionel Hampton.



Non vedo l'ora di vederla questa mostra che, si dice racconti bene tanto Lelio Luttazzi quanto la sua epoca nel quale è stato più attivo, con oggetti, curiosità, reperti, filmati. Sarà visitabile fino al 2 febbraio 2014.


04 novembre 2013


A cena con la Roma (allo Stadio)

A cura di Alberto&Alberto

La Roma che ha vinto 10 partite consecutive dall'inizio del campionato di calcio è stata una notizia che ha colpito non soltanto i tifosi della squadra della Capitale ma tutto il mondo sportivo e non solo in Italia.

Ha colpito anche la brillantezza di una squadra che, anche se ha interrotto la sua incredibile serie di vittorie, prosegue a rallegrare il pubblico, con un gioco brioso e spesso fantasioso e che per questo viene ammirata anche dai tifosi di altre squadre.

12_1383556733.jpg

Bravura? Fortuna? Stregoneria? Da quando è iniziata la vertiginosa escalation della Roma è stato detto e scritto di tutto, specialmente dopo gli infortuni occorsi a due dei suoi giocatori più importanti. Su un punto, però, sono quasi tutti d'accordo, ovvero sulla bravura tecnica e umana del suo allenatore, il francese Rudy Garcia.

Personalmente a me ha colpito un fatto, e credo non solo a me. La sera della vittoria contro il Chievo, ovvero giovedì 31 ottobre, al termine della partita l'allenatore ha intimato ai giocatori di restare nello stadio e lì cenare tutti insieme. Tra giornalisti e giocatori, in molti hanno interpretato la decisione di Garcia come una punizione nei confronti di alcuni giocatori che in occasione di una vittoria precedente si erano lasciati andare a "bagordi" inopportuni per degli sportivi i cui risultati sono legati anche alla loro forma fisica.

Il menu? Non certo un segreto. Per tutelare il benessere dei giocatori il nutrizionista della Roma ha "prescritto" un bel piatto di pasta al pomodoro, seguito da petto di pollo grigliato e verdure. Perché la pasta? Perché al termine di un impegno molto dispendioso di energie come una partita di calcio agonistica, è richiesto un reintegro pressoché immediato di carboidrati.

Carboidrati che non sono invece presenti nel petto di pollo che è però un alimento molto proteico e contiene anche diverse vitamine. In quanto alle verdure se ne possono mangiare in grande quantità, apportando anch'esse proteine e vitamine.

Vista l'eco mediatica di questa famosa cena allo Stadio Olimpico e soprattutto degli straordinari risultati sportivi della Roma, non mi sorprenderei se, almeno nella Capitale, il consumo di petto di pollo e di verdure sia significativamente aumentato!

A proposito di allegria: molto cliccato sul web, il video che mostra l'esultanza del portiere della Roma Morgan De Sanctis dopo il gol che avrebbe deciso il destino della partita Udinese-Roma.




Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato