Blog
15 agosto 2014


Allergia al nichel: presto una cura?

A cura di Welly

L'allergia al nichel è una delle patologie più diffuse degli ultimi anni: sembra che riguardi tra il 30% e il 35% della popolazione. Benessere.com se ne occupò qualche tempo fa, e nell'articolo in questione potete leggere come essa riguardi sia il contatto diretto di un soggetto con il materiale (monete, ma anche cellulari e tablet per esempio) o l'ingestione attraverso gli alimenti che lo contengono. Le manifestazioni più ricorrenti dell'allergia sono le reazioni eczematose locali (dermatite allergica da contatto) ma sono frequenti, sopratutto tra coloro che sono afflitti da allergia da ingestione, disturbi sistemici come l'orticaria, l'angioedema e l'eczema disseminato e disturbi gastrointestinali come il meteorismo, dolori addominali, diarrea o stipsi.
Ho letto nella sezione salute del sito di La Repubblica, che è in arrivo un vaccino sotto forma di capsule da assumere per via orale e che consentirà di guarire dall'allergia soprattutto per i soggetti che vengono colpiti a livello gastrointestinale. La sperimentazione è in atto presso l'Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma e presso l'Università di Chieti dove una equipe di allergologi coordinati da Domenico Schiavino, direttore dell'Unità Operativa di Allergologia del Gemelli sta valutando gli effetti di una terapia orale di iposensibilizzazione al nichel su pazienti afflitti da sindrome allergica sistemica (SNAS). I risultati, ora disponili sulla rivista internazionale Annals of Medicine, sono incoraggianti, sopratutto per quanto riguarda gli effetti di riduzione dei sintomi gastrointestinali e cutanei sistemici, un po' meno per quanto riguarda la dermatite da contatto.

thumb_265.jpg


08 agosto 2014


Allergie estive, come tutelarsi

A cura di Welly

La Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica ha emesso un comunicato stampa, qualche giorno fa, denunciando un aumento delle crisi allergiche durante i mesi estivi dovuto ad una scarsa informazione rispetto al luogo in cui si trascorrono le ferie e il cibo che si mangia. Il pericolo maggiore è rappresentato dalle punture degli imenotteri, ovvero le api, le vespe e i calabroni, amplificato dal fatto che d'estate si tende a trascorrere più tempo all'aria aperta e con le braccia e le gambe scoperte. Segue l'ingestione della frutta cosiddetta "esotica" (kiwi, ananas, mango, papaya e avocado) che possono provocare reazioni anafilattiche e attenzione anche a mangiare pesce e frutti di mare crudi (merluzzo, tonno, acciughe, alici, sgombro e sardine posono essere infestati da parassiti come l'aninakis), così come frutta secca o frutta con il nocciolo come pesche, albicocche e ciliegie.
Il Prof.  Oliviero Rossi della SIAAIC mette in guardia anche gli amanti degli aperitivi! Pare infatti che i cocktails a base di prosecco possano avere effetti deleteri per le persone che soffrono di allergie alimentari, dal momento che i vini bianchi (quale il prosecco, appunto) sono ricchi di solfiti e in quanto tali possono scatenare o amplificare le reazioni allergiche in quelle persone che soffrono di asma bronchiale o allergie cutanee.
Un po' di prevenzione in vacanza, dunque, non guasta. E per gli esperti allergologi sarebbe opportuno che durante le ferie le persone a rischio portino con loro un kit di emergenza che includa l'adrenalina auto iniettabile e, nel caso degli asmatici, il broncodilatatore.

thumb_261.jpg


01 agosto 2014


Quando i denti vanno in ferie

A cura di Welly

L'estate non fa bene ai denti, mi scrive l'Istituto Stomatologico Italiano di Milano. I motivi sono essenzialmente due: caldo e lunghe esposizioni al sole possono rappresentare un fattore scatenante di infiammazioni alla bocca così come il consumo fuori pasto di alimenti e bevande, favorito dalle mutate abitudini rispetto alla routine invernale, viene definito come un vero "attentato ai denti". A partire da questi inconvenienti, gli specialisti dell'Istituto hanno stilato un elenco di consigli per tutelare la salute dei nostri denti durante la vacanze estive. La prima raccomandazione è quella di effettuare una visita specialistica dal proprio dentista prima di partire, per verificare se non stia insorgendo qualche problema che si rivelerebbe di difficile gestione lontano da casa. Gli specialisti, poi, si raccomandano di fare massima attenzione all'igiene dentale durante le vacanze, portando con sè ovunque lo spazzolino, il dentifricio e il filo interdentale, da utilizzare anche quando si è fuori casa limitando comunque il consumo di caffè, vino e the, bibite gassate, succhi di frutta zuccherati o agrumi e aceto ed escludendo del tutto gli snack e le caramelle fuori orario. Si consiglia, in caso di lunghi viaggi e specialmente all'estero, si portare con se un kit d'emergenza contenente un antibiotico ad ampio spettro e un antidololorifico. In ogni caso, se dovesse insorgere il mal di denti, si diffida dall'assumere antibiotici spontaneamente; opportuno farselo prescrivere da un medico nelle vicinanze. L'ultimo consiglio è un po' ansiogeno ma comunque da tenere bene a mente: nel caso di una caduta o peggio di un incidente stradale che dovessero provocare la frattura di un dente, cercare di raccoglierne i frammenti, conservarli (meglio se immersi in una soluzione fisiologica) e poi consegnarli, al nostro ritorno, all'odontoiatra di fiducia cui potrebbero tornargli utili in caso di ricostruzione.

thumb_260.jpg


25 luglio 2014


La zanzara, questa sconosciuta…

A cura di Welly

Un'azienda di disinfestazioni mi ha inviato un comunicato stampa molto interessante che fa luce su alcuni luoghi comuni sulle zanzare, che in questo periodo sono quanto mai insidiose (a proposito: pausa di scrittura e "grattatina"). Scommetto che la maggior parte di noi, ad esempio (ed io tra questi) hanno sempre pensato che le zanzare potessero essere attratte dalla luce e per questo ho sempre preso le necessarie precauzioni: queste ultime, però, mi avranno salvato da una bolletta dell'elettricità esosa ma non dalle punture dei malefici insetti i quali sembra che siano invece attirati dal calore del corpo e in particolare dall'anidride carbonica da noi emessa attraverso il sudore, così come dai profumi dolci, dal calore e dall’umidità. Anche la credenza secondo cui le zanzare colpiscono i soggetti che hanno il sangue "dolce" sembra che non abbia alcun fondamento, a meno che non si parli di colesterolo alto e dunque di un sangue con un tasso di grassi più elevato.
E ancora: le piante aromatiche (lavanda, gerani, basilico e rosmarino) hanno funzione repellente ma non salvano dalle punture, così l'aglio appeso o ingerito o come il fumo della sigaretta che ha l'effetto di un allontanamento solo temporaneo o l'utilizzo di ultrasuoni, totalmente inutili secondo gli esperti. E dopo la puntura, ecco gli errori definiti più grossolani, come quello di applicare dell'ammoniaca sulla zona che è stata punta, rimedio inutile quanto potenzialmente dannoso per la pelle. O quella di tracciare una croce sulla puntura, che potrebbe avere l'effetto di allargare la zona d'azione della sostanza allergizzante o, peggio, di provocare lesioni. Che fare, dunque? Disinfestare la zona in cui si vive o si lavora - ovvio - ma soprattutto avere cura della zona stessa, evitando soprattutto ristagni d'acqua che per le zanzare rappresentano un richiamo irresistibile!

thumb_258.jpg


18 luglio 2014


Vaccino, assicurazione e buon viaggio!

A cura di Welly

Senza offesa per coloro che - forse la maggior parte degli italiani - trascorreranno le vacanze 2014 all'insegna del low cost, c'è chi si può permettere viaggi verso mete esotiche ed è a loro che è riservato questo post. Che riprende un comunicato stampa della Simit, la Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, mettendo in guardia i fortunati vacanzieri sui rischi sanitari che si possono verificare soprattutto nei paesi del sud del mondo. La malaria nell'Africa sub-sahariana, l'Ebola in Sierra Leone, il coronavirus in Medio Oriente. Sono questi, secondo gli esperti della Simit, le malattie maggiormente a rischio. La malaria si contrae per mezzo delle punture delle zanzare Anopheles che infestano gran parte dell'Africa sub-Sahariana e che colpiscono soprattutto di sera e di notte: per prevenire il contagio, si consiglia di assumere farmaci profilattici. Che non esistono, però, per contrastare l'infezione di un altro genere di zanzara, della specie Aedes che colpisce di giorno e che trasmette virus letali come il Chikungunya o il virus dengue; in questi casi, relativi a soggiorni su alcune isole caraibiche, è opportuno non farsi pungere affatto. Per chi si reca in Medio Oriente, come già detto, il rischio è di contrarre, per contatto respiratorio, una infezione dovuta al nuovo coronavirus MERS-CoV mentre nel sub-continente indiano bisognerà fare particolare attenzione al contatto con gli animali selvatici dal momento che si sta registrando da qualche tempo un incremento dei casi di rabbia, per effetto di morsi di cani. Acqua o alimenti contaminati e rapporti sessuali sono altri veicoli di malattie infettive, anche mortali. Prevenzione con vaccini e profilassi è ciò che consiglia la Simit, da abbinare con una adeguata copertura assicurativa valida per l'estero
P.S.: Qualche consiglio in più su profilassi e vaccinazioni prima di affrontare una vacanza esotica, lo offre anche benessere.com, in un articolo dedicato che trovate qui.

thumb_256.jpg


Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato