Blog
02 maggio 2014


Il cuore si rinnova

A cura di Welly

Aldilà di pratiche discusse e poco trasparenti che fanno discutere più nelle aule dei tribunali che nei congressi scientifici, è fuor di dubbio che l'utilizzo delle cellule staminali sta aprendo ogni giorno di più nuove prospettive in campo medico. L'ultima è quella di poter intervenire sul tessuto cardiaco, sul cuore cioè, nei casi in cui questo possa essere stato danneggiato da una patologia o da un infarto. Leggo un lancio dell'agenzia AGI di qualche giorno fa che parla di un esperimento compiuto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Washington, i quali hanno trapiantato delle cellule muscolari cardiache, ricavate da cellule staminali umane, nel cuore di alcuni macachi affetti da insufficienza cardiaca. Ebbene, il cuore degli animali si è così rigenerato, dal momento che in breve tempo le cellule staminali si sono integrate alla perfezione nel tessuto cardiaco. Beh, proprio alla perfezione no, dal momento che, come descritto nella ricerca pubblicata sulla rivista Nature, dopo un certo periodo dal trattamento sono state riscontrate delle aritmie cardiache (ciò che non era successo nei precedenti esperimenti condotti su roditori), seppure poi rientrate. E l'uomo? Si stima che i primi test clinici potranno essere effettuati nell'arco dei prossimi quattro anni. Come dire che il futuro è già adesso.
thumb_233.jpg


25 aprile 2014


Con le fragole c'è più gusto (e più salute)

A cura di Welly

Mettono allegria solo a guardarle e sono davvero buone, amatissime dai bambini e non solo, con un'ampia gamma di applicazioni, dal gelato alle torte, dai succhi alle macedonie e persino in piatti insospettabili (vedi in proposito, un articolo presente nel sito). Sono finalmente tornate sul mercato le fragole (quelle fresche, perché quelle coltivate in serra ormai si trovano tutto l'anno) ed è una bella notizia non solo per la gola ma anche per la salute. Che facessero bene, le fragole, è cosa nota: presentano un elevato contenuto di vitamina C ed hanno conclamate virtù antiossidanti, ben superiori a quelli di altri alimenti. E, ancora, sono ricche di calcio, ferro, magnesio, utili per coloro che soffrono di reumatismi, contro il colesterolo e la gotta, hanno proprietà lassative, diuretiche e depurative e prevengono persino, grazie alla presenza dello xilitolo, la formazione della placca dentale. Ma ora sappiamo qualcosa di più: che l'assunzione di fragole riduce la possibilità di comparsa di ulcere gastriche e che protegge la pelle dai possibili danni provocati dai raggi UV-A. Leggo sulla versione on-line del Corriere della Sera che che la fragola è oggetto di studio da parte di alcuni ricercatori della Università Politecnica delle Marche (UnivPM), capitanati da un professore di biochimica, Maurizio Battino. Unitamente ad una équipe internazionale, i ricercatori hanno dimostrato che gli effetti sopracitati sono da imputarsi alla presenza di antocianine, quelli stessi flavonoidi che "colorano" le fragole del loro caratteristico rosso. Controindicazioni? La presenza di allergeni, ovviamente, come sa bene chi le fragole (purtroppo) non può mangiarle e quella, anche se modesta, di calori e zuccheri che suggeriscono di non eccederne con il consumo, specialmente per chi tiene alla propria linea. A parte questo: a tutta fragola!

thumb_231.png


18 aprile 2014


Per una Pasqua di benessere

A cura di Welly

Con gli auguri di Buona Pasqua (miei e di tutto lo staff di benessere.com) arrivano anche puntuali le raccomandazioni alimentari, in particolare per i bambini. Sono contenute in una mail che mi ha inviato la Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP) e che mette in guardia i genitori sulla salvaguardia della salute dei propri figli nel periodo delle vacanze. Si tratta di un vero e proprio decalogo, dieci punti cui si accompagna anche un elenco di alimenti che possano apportare energia nell'ambito di una alimentazione sana e varia, quindi contenenti vitamine e minerali importanti per la crescita (carne, pesce, latte, verdure e frutta la fanno ovviamente da padroni).
Il decalogo del SITIP ve lo ripropongo qui tale e quale:
1. Non esagerate con le uova di cioccolato: scegliete un uovo di buona qualità e, nel caso in cui il bambino abbia ricevuto in regalo tante uova, utilizzate il cioccolato per preparare budini e torte nelle settimane successive alla Pasqua. Tenete presente che in alcuni soggetti, soprattutto se atopici, il cioccolato, consumato in quantità eccessive, può dare reazioni allergiche.
2. Limitate il consumo di salame e insaccati vari che, insieme alle conserve di frutta e verdura fatte in casa, possono essere all’origine di intossicazioni importanti come il botulismo.
3. Fate attenzione alle uova crude e alle verdure non lavate: con questi alimenti uno dei rischi più frequenti è la salmonellosi, un’intossicazione caratterizzata da sintomi quali nausea, vomito, dolori addominali, diarrea e febbre.
4. Sì ai gelati artigianali ma mangiateli sempre in posti da voi conosciuti: i derivati di uova crude come gelati e dolci alla crema, oltre alla maionese e salse varie, sono alimenti responsabili delle intossicazioni da Staphylococcus aureus.
5. Durante i pic-nic, abbiate sempre cura dell’igiene delle mani prima di mangiare e ricordatevi di utilizzare solo acqua potabile magari portando con voi acqua in bottiglia; fate attenzione ai cibi cotti molte ore prima e lasciati fuori per lungo tempo, preferendo appositi refrigeratori o contenitori termici.
6. Fate attenzione al pesce e ai molluschi crudi: il pesce crudo può essere portatore di un parassita, l’Anisakis, nocivo per l’essere umano perché può causare manifestazioni gastrointestinali (simili a volte a quelle dell’ulcera peptica e a volte a quelle dell’appendicite) o reazioni allergiche: una normativa del luglio 2013 indica, in caso di consumo di pesce crudo o marinato, la necessità di congelamento a -18° per almeno 96 ore in un congelatore domestico contrassegnato da tre o più stelle.
7. Scegliete un’esposizione al sole in sicurezza: l’esposizione ai raggi solari è sempre consigliata perché aumenta la trasformazione di vitamina D ma non sottovalutate la loro pericolosità e utilizzate sempre creme solari ad altissima protezione proteggendo i bambini con cappellini e occhiali da sole.
8. Non coprite troppo i vostri bambini ma non abbiate neanche fretta di scoprirli velocemente al primo sole, meglio vestirli a strati: i forti sbalzi termici di questa stagione e una termoregolamentazione meno efficiente nel bambino comportano maggiori rischi di malattie da raffreddamento.
9. Portate sempre con voi un kit di primo soccorso in caso di viaggi o di escursioni, includendo anche prodotti repellenti contro le punture di zanzare e zecche (queste ultime presenti soprattutto in montagna).
10. Non smettete di coinvolgere i vostri bambini nella lettura di libri o fumetti adeguati alla loro età ricordando però che le vacanze servono fare una pausa anche…dai compiti per casa!

Che dire… Auguri e figli sani!

thumb_229.jpg


11 aprile 2014


Sei diventato nero

A cura di Welly

E invece lo mangeremo nero. Era il 31 gennaio scorso quando mi sono occupato, in questo spazio, del pomodoro viola dagli effetti benefici, frutto di ricerche condotte in Gran Bretagna; nel post riprendevo due articoli pubblicati su La Stampa e Il Sole 24 ore che annunciavano la messa in commercio del pomodoro geneticamente modificato di colore viole nel giro di due anni negli Stati Uniti. Leggo invece ieri sul sito di Repubblica che un altro pomodoro nato in laboratorio, ma stavolta di color nero e frutto di un progetto tutto italiano, sarà ben presto commercializzato nel nostro Paese. Com'è possibile? E' possibile perchè il pomodoro nero, o meglio il "Sun Black" com'è stato chiamato (il nome è stato registrato ufficialmente cinque anni fa), non è un organismo geneticamente modificato, come nel caso del pomodoro viola, ma un alimento nutraceutico i cui semi sono stati ottenuti con la tecnica assolutamente legale dell'incrocio. La Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e le università Tuscia di Viterbo, di Modena e Reggio Emilia e di Pisa sono gli atenei che hanno sviluppato il progetto e l'azienda l'Ortofruttifero (anch'essa di Pisa) colei che commercializzerà il pomodoro in piantine, che troveremo ben presto nei supermercati. Proprio come il pomodoro viola, anche il "Sun Black" ha poteri antiossidanti per la sua forte presenza di antociani. Al contrario del primo, però, al momento sembra al riparo dalle polemiche.

thumb_227.jpg


04 aprile 2014


L'ora legale fa bene o fa male?

A cura di Welly

Tutto bene? Nessun problema di insonnia? Perché nel caso, la ragione potrebbe essere nell'avvento dell'ora legale appena qualche giorno fa. Alcuni scienziati attribuiscono l'insonnia come altri disturbi (ansia, mal di testa, dolori articolari) a un "trauma biologico" dovuto all'aumento delle ore di luce che determinerebbe, a sua volta, un ritardo nella secrezione dell'ormone del sonno, la melatonina. Quello stesso trauma, secondo una ricerca della University of Alabama di Birmingham, sarebbe alla base di un aumento del pericolo di infarto pari al 10% (ma la relazione causa effetto resta ignota). Altri studiosi, ridimensionano nettamente il fenomeno: l'ultimo è stato Francesco Peverini, direttore scientifico della Fondazione per la ricerca e la cura dei disturbi del sonno Onlus che ha dichiarato all'agenza Adnkronos: "La variazione di un'ora, è quasi impercettibile per il nostro corpo: viene assimilata in brevissimo tempo e annullata dalla quotidianità". E' un po' meno vero per i bambini, che risentono maggiormente dei cambiamenti; anche in questo caso possono insorgere sonnolenza e nervosismo (almeno per una settimana), evitabili con piccoli accorgimenti come quello di favorire il sonno, magari con un po' di esercizio fisico. Oppure fare addormentare il bambino un'ora dopo del solito (che vorrebbe dire alla stessa ora "effettiva" del periodo invernale) per poi scalare qualche minuto nei giorni successivi fino ad arrivare all'orario consueto. A beneficio, dicono i pediatri, del suo equilibrio psicofisico.

thumb_225.jpg


Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato