Menu Dietetica
Sei in:   benessere.com / Dietetica e nutrizione / Dieta e disturbi / Dieta e cardiopatia

DIETA E CARDIOPATIA

A cura del Dott. Leandro Carollo

La correlazione tra cardiopatia ed alimentazione da sempre hanno assunto un rilievo importantissimo, basti pensare che la patologia cardiovascolare insieme con quella oncologica ed all’infortunistica stradale, costituiscono il 55% delle cause di morte prematura. Per intendere l’importanza del ruolo della dietoterapia in questa patologia si può tenere in considerazione l’andamento della mortalità osservata negli Stati Uniti d’America, dove un’adeguata campagna di educazione alimentare ha ridotto l’incidenza di mortalità, in soggetti di età compresa tra i 35 e 74 anni, del 25% mentre gli ictus cerebrali sono diminuiti addirittura del 35%. Si è potuto osservare che nell’arco di un anno, oltre 200.000 persone in più sono rimaste in vita e quasi 100.000 casi di morte per infarto del miocardio sono stati evitati. Tali dati sono attribuibili al fatto che nel corso soprattutto dell’ultimo ventennio la popolazione americana ha modificato in modo progressivo, ma sostanziale, alcune radicate abitudini di vita. Dati sui consumi abituali hanno messo in evidenza che tra il 1960 ed il 1980 si è osservata una diminuzione del consumo di burro di circa il 40% e di poco meno dell’80% di strutto di maiale. Altro fattore che ha contribuito, nello stesso periodo, è stato anche il minor consumo di sigarette e l’incremento dell’attività fisica.

La più frequente cardiopatia è sicuramente quella ischemica. Essa è la conseguenza di svariati meccanismi fisiopatologici, che grazie ad alcune caratteristiche peculiari, determina un’anomalia del funzionamento cardiaco procurando un danno vascolare. Tale danno comporta una riduzione critica del flusso coronarico in modo temporaneo o in modo persistente (infarto del miocardio).

La causa più frequente di ischemia miocardica è l’aterosclerosi coronarica. Infatti, che la concentrazione ematica di colesterolo sia un fattore di rischio importante per l’insorgenza della cardiopatia coronarica è nozione ormai abbastanza diffusa e consolidata. Il colesterolo si trova nel sangue in forma libera (30 - 40%) ed esterificata (60 - 70%). Il colesterolo totale nell’adulto ha valori normali di 150 - 200 mg/100ml, valori che sono, normalmente, lievemente aumentati nella donna durante la gravidanza, l’allattamento e durante le mestruazioni. Particolare rilievo assume la distinzione tra colesterolo LDL (low density lipoprotein) e HDL (high density lipoprotein), il primo, chiamato colesterolo cattivo, entra nelle cellule; l’HDL, quello buono, svolge funzioni protettive antiaterosclerosi. In condizioni normali il colesterolo LDL è inferiore a 200 mg/100 ml, mentre per quanto riguarda l’HDL valori normali sono per l’uomo maggiori di 35 mg/100 ml e per la donna di 45 mg/100ml. Si è potuto dimostrare che valori di HDL inferiori a quelli citati aumentano il rischio cardiovascolare, mentre se superano tali livelli il rischio è meno probabile. Altro valore preso in considerazione per valutare il ricambio lipidico è la trigliceridemia. Corrisponde ai grassi neutri che rappresentano i grassi di riserva dei tessuti e si trovano in scambio costante con quelli circolatori. In condizioni normali si hanno valori di 74 - 170 mg%; in condizioni fisiologiche aumentano in seguito a pasti ricchi di grassi e nei soggetti con disturbi glicemici. Dati recenti confermano il ruolo della colesterolemia nella predizione degli eventi coronarici e ne documentano il valore predittivo anche nei riguardi degli accidenti cerebrovascolari e della mortalità per tutte le cause. Il legame tra colesterolo e cardiopatia ischemica è stato accertato da almeno tre studi di popolazione:

  • l Framingham Heart Study
  • Il Pooling project
  • L’Israeli prospective study

Pubblicità
Questi studi dimostrano che la mortalità sale per livelli di colesterolemia superiori a 200-220 mg/dL. Nel Multiple Risk Factor Intervention Trial (MRFIT) oltre 356.222 uomini di 35-57 anni sono stati seguiti per 6 anni ed è stata messa in evidenza una relazione positiva e curvilinea tra colesterolemia e mortalità coronarica. Altri studi confermano queste evidenze indicando una diminuzione chiara e consistente nel rischio di cardiopatie ischemiche (25-30% nella popolazione di anni 55-64) dopo cinque anni di riduzione del colesterolo nel siero di 0.6 mmol/l (circa 10% per il colesterolo totale e 15% per il colesterolo a bassa densità di lipoproteine -LDL). Uno studio del National Reseach Council riporta che una diminuzione del 10% del colesterolo ematico produce una diminuzione del 20-30% delle morti per malattie ischemiche del cuore. Tale riduzione può essere ottenuta attraverso modesti cambiamenti dell'alimentazione, dovrebbe essere sufficiente una riduzione del grasso totale nella dieta dal 42 al 35% circa dell'assunzione totale di energia o una riduzione di grassi saturi dal 20 al 13% circa. L’assunzione di grassi saturi, infatti, determina dal 60 al 80% della variabilità del colesterolo ematico. (fig. 1)

Inoltre è stato dimostrato che la prevenzione mediante modifica della dieta ha un rapporto costo/beneficio più interessante di quello dei medicinali che riducono il colesterolo. Accanto all’elevazione della colesterolemia, vi sono comunque altri fattori che contribuiscono alla formazione delle placche aterosclerotiche. Proprio per tale importanza è stata creata la carta del rischio coronarico suddivisa per fascia d’età in base all’età, al sesso, al fumo ed alla presenza di diabete.

Calorie del rischio coronarico
Sesso
M F
Età
Disturbi e/o stile di vita
Colesterolo
Pressione

Video consigli di dietetica

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni giovedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono il peso ideale, le diete, con i relativi vantaggi e i rischi associati, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Allarme dell’Oms: in Italia i bambini più grassi e pigri d’Europa

È paradossale e al contempo preoccupante che nel paese detentore per eccellenza della dieta mediterranea, dilaghi la piaga dell’obesità infantile. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità i bambini italiani, rispetto ai coetanei europei, sono tra i...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Menopausa e dieta: consigli e miti da sfatare

I carboidrati a cena fanno solo ingrassare? La soia è indispensabile per i fitoestrogeni? Bisogna bere più latte e mangiare i formaggi? Qual è la verità sull’alimentazione in menopausa e quali miti sono, invece, da sfatare? Ci aiuta ad orientarci la Dott.ssa Sara...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Gioca che ti passa…

Scritto il 09 febbraio 2016 da Alberto&Alberto

Non c'è solo la clownterapia (o risoterapia) nei reparti degli ospedali. C'è anche la Play Therapy, una combinazione di attività ludiche riservate ai piccoli pazienti dell’Ospedale Meyer di Firenze, il polo pediatrico nazionale di riferimento per la cura delle malattie complesse e rare. Perché l'allegria è sempre benessere

Pillole di benessere

La pillola del giorno dopo: manca informazione

Scritto il 05 febbraio 2016 da Welly

Un'indagine della SWG rivela che la maggioranza delle donne italiane non conoscono la normativa che consente loro di acquistare - se maggiorenni - la pillola del giorno dopo senza ricetta. Ma anche gli stessi farmacisti sembrano in gran parte ignorarla. Sembrano...

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente
Offerta del mese

Oscar Neo da 1000. L'Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo!
L'estrattore di succo vivente Oscar Neo è l'ultimo e più moderno estrattore di succo a freddo. Oscar Neo DA 1000 mantiene le caratteristiche dei modelli precedenti, quali un singolo rotatore-tritatore, un sistema di estrazione a tre fasi, e una spremitura a freddo che mantiene vive le sostanze nutrienti fino a 48 ore dopo la spremitura. Inoltre con questo estrattore è possibile anche macinare, fare gelati, pasta, spaghetti e molto altro ancora.Da oggi Nuovi Colori DISPONIBILI!! Rosso-Nero-Cromo


Vedi prodotto

Novità
Sedia ergonomica naturale - Color ecrù
Novit del mese

La sedia ergonomica professionale ideale per coloro che lavorano seduti, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione della sedia e dello schienale sono regolabili. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole
Altezza: 90 cm  Larghezza: 45 cm  Profondità: 50 cm. 

Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2016 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato