Menu Dietetica
Sei in:   benessere.com / Dietetica e nutrizione / Dieta e disturbi / Dieta e Disbiosi

LA DIETA PER LA DISBIOSI INTESTINALE

A cura del Prof. Maurizio Fraticelli

Sull’organo cute, a livello vaginale e nell’intestino dell'organismo umano si apprezzano varie e numerose popolazioni di germi che rivestono importanza fondamentale nel mantenimento dello stato di salute dell’uomo.
Infatti tali microsistemi non solo, come è intuibile, costituiscono la prima barriera dell'organismo contro le infezioni, ma hanno anche numerose altre funzioni tali da permettere un corretto funzionamento del corpo umano.
Nell’apparato gastroenterico, soprattutto a livello intestinale si riscontrano una notevole quantità di germi, tra i quali: clostridi, enterobatteri, enterococchi, lattobacilli, stafilococchi e l'escherichia coli. Tuttavia, nell'intestino non troviamo solo batteri, ma anche virus, miceti ed altri ancora.
La cosa più importante è che questa la flora intestinale è detta “fisiologica”, in quanto è in simbiosi con l'organismo.
Questa simbiosi, da cui traggono vantaggio sia l'organismo sia la microflora, viene definita eubiosi.
La “normalità” della microflora è determinata e mantenuta da un corretto apporto di ossigeno, da una idonea acidità, nonché da fattori meccanici come la peristalsi, cioè i fisiologici movimenti dell’intestino.
L’alta acidità dello stomaco, unita ad una buona presenza di ossigeno, permette, in condizioni fisiologiche di trovare solo il “lactobacillus acidophilus” ed i “lieviti”. L'intestino è capace di tenere attivo con il suo microambiente una vivace flora batterica fisiologica, in grado di produrre i cosidetti gli antibiotici naturali, che possono annientare una notevole quantità di germi patogeni. Non si deve dimenticare che l’intestino, grazie alla sua sviluppatissima rete linfatica è tra l’altro, il luogo di azione delle difese immunitarie. L'attività di questo sistema di difesa viene modulata dal tipo di microflora presente.

Pubblicità
L’assenza, o come più frequentemente accade, l’alterazione della flora batterica fisiologica, porterà ad una riduzione dei poteri difensivi in generale dell’organismo e, come dimostrato da diversi studi, ad una anomalia sia della normale morfologia della parete intestinale, sia ad una alterazione dei normali movimenti intestinali, influenzando così la produzione dei gas intestinali e la composizione del materiale fecale.
Altra importantissima funzione, svolta dalla fisiologica flora batterica sull’intestino, è quella trofica, permettendo una serie di funzione essenziali per la vita delle cellule intestinali.
I microrganismi componenti l’ecosistema intestinale sintetizzano vitamine quali la vitamina K e la vitamina B 12 e la microflora fisiologica interviene nell'assorbimento di acidi biliari e di ormoni steroidei; è stato recentemente dimostrato che la microflora intestinale interviene anche nel metabolismo di farmaci.
Si può dunque concludere che il ruolo della microflora intestinale è essenziale per la vita dell'uomo.

Numerose sono le cause in grado di creare alterazione della normale flora batterica intestinale. Una o più cause, anche intersecandosi tra loro possono infatti determinare una rottura dell'equilibrio dell'ecosistema microbico intestinale, con l’aumento di germi patologici.
Questa condizione viene chiamata comunemente disbiosi.
CAUSE ALIMENTARI: diete incongrue, caratterizzate da una carenza di fibre e scarso consumo di vegetali e ricche di generi alimentari raffinati come farine e zucchero, oppure scarsa assunzione di prodotti caseari;
CAUSE JATROGENE: tanti sono i farmaci in grado di creare condizione di disbiosi, sopratutto l’abuso di antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, pillola anticoncezionale, lassativi.
CAUSE INQUINANTI: i coloranti alimentari, i conservanti ed i pesticidi sono in grado, agendo per un tempo sufficientemente ampio, di creare svariate situazioni patologiche tra cui anche la disbiosi.
CAUSE PATOLOGICHE: gravi infezioni intestinali e del pancreas; parassitosi, ecc.

Fra tutte le cause elencate riveste particolare importanza l’uso eccessivo e non giustificato di antibiotici, divenuta particolarmente importante negli ultimi decenni. Infatti gli antibiotici e i sulfamidici con la loro azione possono uccidere o ridurre l’azione dei batteri intestinali residenti. I corticosteroidi possono ridurre l'efficienza del sistema immunitario. Da non trascurare, quindi, come causa di disbiosi intestinale le intossicazioni da metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio).
Infine molto importanti nel determinare la disbiosi sono anche i traumi psichici e lo stress che agiscono attraverso meccanismi immunologici ed endocrini.
Le disbiosi sopra ricordate sono dette patologiche. Accanto ad esse e di frequente riscontro, devono essere considerate le cosiddette disbiosi parafisiologiche, appannaggio del bambino, causate da immaturità dell’immunità, da turbe della motilità intestinale, da anomalie dell’acidità gastriche.

L’alterazione della microflora intestinale non porta solo a conseguenze locali, in quanto, poiché nell’intestino stesso è largamente rappresentato il sistema immunitario, si verificheranno situazioni spiacevoli anche a distanza.
Tra le patologie locali più frequenti, nel caso di disbiosi, abbiamo le colite, le poliposi, i diverticoli.
Le disbiosi svolgono anche un ruolo nel determinismo di alcune patologie epatiche.
L’alterazione della microflora intestinale è responsabile, insieme ad altri fattori, di disturbi reumatico-simili, insufficienze venose arti inferiori; sindromi emorroidarie, aterosclerosi e ipertensione.
La disbiosi influenza anche la comparsa di intolleranze e allergie intestinali dovute essenzialmente ad un'aumentata penetrazione di macromolecole nell'intestino e ad una insufficiente attività difensive locali.
L’alterazione microbica intestinale provoca la formazione, a causa dell’anomalo metabolismo batterico, di sostanze tossiche: fenolo, indolo, ammoniaca che affaticano il fegato e pancreas con cattiva digestione degli alimenti ed amplificazione della disbiosi; il cattivo funzionamento epatico, con accumulo dei suindicati prodotti tossici porterà ad ulteriori anomalie con presenza di segni neurologici e psichici.

Per la diagnosi è molto importante sapere la storia clinica del paziente, in particolare avere notizie sull’assunzione di determinati farmaci, il tipo di alimentazione seguita, tutto questo insieme ad altre informazioni ci potrà indirizzare verso la diagnosi di disbiosi intestinale; che sarà rafforzata se il paziente presenta anche dei sintomi: flatulenza, diarrea, gengivite cronica, gastrite.
Spesso nei pazienti con anomalie della flora batterica “fisiologica” si possono apprezzare alterazioni delle transaminasi e dell’acidità delle feci. In caso di disbiosi intestinale grave può comparire nelle urine lo scatolo.
Un ausilio per la diagnosi ci può essere data dai test kinesiologici, anche la bioelettronica mediante il test delle AEV può risultare utile.

Una volta fatta la diagnosi di disbiosi, la principale misura terapeutica è la dieta, associata a profonde ed ampie terapie drenanti in grado di pulire a fondo l’organismo, ripristinando equilibri persi. La dieta viene supportata dall’assunzione di bioterapici, ossia i "fermenti lattici" (o batteri lattici). I batteri lattici sono chiamati in tal modo in quanto sono in grado, di produrre grandi quantità di acido lattico. Alcuni di queste classi di batteri sono: lactobacillus, lactococcus, streptococcus, pediococcus.
Il Lactobacillus acidophilus presenta ottime doti terapeutiche, in quanto, è estremamente efficace nei confronti di diversi germi patogeni, producendo antibiotici molto attivi contenenti la acidofillina e la lactocidina.

L'uomo nel corso della storia ha sempre mostrato interesse per i batteri lattici come testimoniano una serie di antichi documenti, nonché iscrizioni murali, che indicano un uso quasi quotidiano di fermenti lattici nelle civiltà egizie ed assiro-babilonesi.
Fu merito del microbiologo russo Metchnikoff, se i concetti dell’eubiosi si sono diffusi in occidente. L’ insigne studioso elaborò una teoria suggestiva ed affascinante correlando la longevità delle popolazioni balcaniche con il largo consumo di prodotti fermentati quali: yogurt, koumis kefir, mazum e dahi. Ai giorni nostri, accanto alle affermazioni un tempo basate sull’empirismo, si sono ormai raccolte una serie di prove scientifiche che hanno permesso di delineare con chiarezza che i batteri lattici sono veramente in grado di coprire un ruolo terapeutico per l'uomo. L'azione terapeutica dei batteri lattici giustifica la loro presenza nelle preparazioni alimentari.
Alcuni interessanti studi indicherebbero che il Lactobacillus acidophilus a livello locale intestinale sarebbe in grado di inibire la formazione di tumori. È stato provato che i lattobacilli finora menzionati hanno attività di stimolazione del sistema immune.
Altre azioni imputabili al Lactobacillus acidophilus ed alle altre categorie di germi eubiotici sarebbero quelle di ridurre il colesterolo, mediante la produzione di metaboliti in grado di inibire la sintesi di colesterolo.
Alcuni batteri presenti nei bioterapici sono in grado, a causa della loro attività di aumentare l’acidità nell’intestino, di inibire la crescita germi in grado di produrre sostanze tossiche.
Un buon bioterapico deve avere:
1) Numerosi fermenti lattici, per consentire almeno ad una parte di essi di superare l’acidità acida dello stomaco e quindi di poter colonizzare l'intero tubo digerente;
2) Devono essere assunti vivi e quindi attivi e per questo la tecnica migliore è la liofilizzazione. Nei preparati liofilizzati, i germi sono pronti per svolgere il loro compito.
La somministrazione di fermenti lattici vivi per un adeguato periodo può risolvere brillantemente alcune situazioni quali: flatulenza, borborigmi, meteorismo e dolori addominali, regolarizzazione contemporaneamente il quadro della funzionalità intestinale.
In tal senso agisce il probiotico Symbioflor ricco di germi fisiologici. Questi lisati assolvono alla funzione di stimolo del sistema immune, esplicando la loro azione, tra gli altri punti di attacco, sul MALT (Mucosal-Associated Lymphoid Tissue) intestinale, sostenendo la microflora fisiologica e la capacità di autoguarigione dell’organismo e sono quindi utili coadiuvanti in molte patologie come infezioni acute e croniche, dermatiti atopiche, malattie gastrointestinali, allergie.

BIBLIOGRAFIA

Guyton A.C., Trattato di fisiologia medica, Ed. Piccin, 1987
Monesi, Istologia Umana, Ed. Piccin
La disbiosi intestinale, Antica Stamperia Marziale, Tivoli, 2001
La Medicina Biologica – Terapia Microbiologica, Ed. Guna, 2004
Il Sistema Symbioflor, Ed. Guna, 2004

Video consigli di dietetica

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni giovedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono il peso ideale, le diete, con i relativi vantaggi e i rischi associati, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Tumori e malattie croniche: contano di più i fattori ambientali o la genetica?

Siamo quello che mangiamo e l’ambiente in cui viviamo o siamo solo il nostro DNA? Che cosa si intende per determinismo genetico? Il Dott. Paganelli ci aiuta a comprendere il concetto di epigenetica: la stretta correlazione tra organismi e territorio. Quando si tratta di disturbi cronici,...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Menopausa e dieta: consigli e miti da sfatare

I carboidrati a cena fanno solo ingrassare? La soia è indispensabile per i fitoestrogeni? Bisogna bere più latte e mangiare i formaggi? Qual è la verità sull’alimentazione in menopausa e quali miti sono, invece, da sfatare? Ci aiuta ad orientarci la Dott.ssa Sara...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

1:5000 di allegria

Scritto il 03 maggio 2016 da Alberto&Alberto

1 su 5000 era stimata la possibilità, ad inizio stagione, che la squadra inglese del Leicester vincesse il campionato. Che ieri sera ha vinto, persino con due giorni di anticipo. Una impresa storica da attribuire sopratutto ad un allenatore italiano che non aveva mai vinto nulla in vita sua.

Pillole di benessere

Se la cimice vede rosso

Scritto il 29 aprile 2016 da Welly

Uno studio pubblicato sul Journal of Medical Entomology e ripreso dalla BBC e vari siti dimostra come le cimici siano più attirati dai nostri letti quando lenzuola o materasso sono di colore rosso o nero. Viceversa i parassiti detestano giallo e verde. Vediamo perché.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente
Offerta del mese

Oscar Neo da 1000. L'Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo!
L'estrattore di succo vivente Oscar Neo è l'ultimo e più moderno estrattore di succo a freddo. Oscar Neo DA 1000 mantiene le caratteristiche dei modelli precedenti, quali un singolo rotatore-tritatore, un sistema di estrazione a tre fasi, e una spremitura a freddo che mantiene vive le sostanze nutrienti fino a 48 ore dopo la spremitura. Inoltre con questo estrattore è possibile anche macinare, fare gelati, pasta, spaghetti e molto altro ancora.Da oggi Nuovi Colori DISPONIBILI!! Rosso-Nero-Cromo


Vedi prodotto

Novità
Sedia ergonomica naturale - Color ecrù
Novit del mese

La sedia ergonomica professionale ideale chi svolge un lavoro sedentario: comoda e discreta, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione è regolabile. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole

Altezza:63 cm
Larghezza:45 cm
Profondità:50 cm



Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2016 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.