Menu Dietetica
Sei in:   benessere.com / Dietetica e nutrizione / Nuove diete / Dieta Tisanoreica

LA DIETA TISANOREICA

A cura del Dott. Lorenzo Cenci del Centro Studi Tisanoreica

La Dieta Tisanoreica è un protocollo per la riduzione ponderale; tale metodo si basa sull’attivazione della chetogenesi, integrata dall’assunzione di speciali pietanze che tutelano la massa muscolare. La durata della dieta varia da un minimo di 20 giorni ad un massimo di 40 giorni e si effettua esclusivamente sotto controllo medico o del Centro Studi Tisanoreica. Una volta terminata la dieta, seguendo un’alimentazione equilibrata associata ad una adeguata attività fisica si manterrà il peso raggiunto e il benessere psicofisico associato.

Perché non vale la pena perdere peso con una dieta ipocalorica bilanciata?
In base ai numerosi studi scientifici presenti in letteratura, l’organismo interpreta la riduzione calorica come una sorta di “carestia” e per ottenere l’energia che non gli viene più fornita utilizza la massa muscolare, riducendola e abbassando così la quantità di energia necessaria per mantenere le funzioni vitali (metabolismo basale). In altre parole, una dieta ipocalorica, riduce il metabolismo basale, consumando non solo il grasso ma anche il muscolo, poiché è il tessuto muscolare quello che determina il fabbisogno energetico a riposo. Pertanto il soggetto perde peso nel periodo in cui segue questo tipo di alimentazione ma nel momento in cui tornerà a mangiare liberamente – magari un po’ meno di prima, tenendo fede al suo impegno – riprenderà parte del peso perso perché, in termini energetici, sarà sfavorito.

Perché seguire una dieta chetogenica per perdere peso?
Si definisce dieta chetogenica quella dieta nella quale è temporaneamente sospesa l’assunzione di ogni tipo di carboidrato. A fronte dell’eliminazione dei carboidrati, sono invece mantenuti gli altri macronutrienti, giacché la dieta chetogenica inserita nel metodo tisanoreica, è una dieta normoproteica e normolipidica.
L’organismo, oltre a soddisfare la richiesta energetica deve provvedere a quella che si definisce necessità glucidica, in quanto alcuni tessuti funzionano esclusivamente “a glucosio”. Per far ciò, dopo aver esaurito il glicogeno (scorta di glucosio) si attiva una delle seguenti vie metaboliche:
1 - la neoglucogenesi, cioè la formazione di glucosio a partire dalle proteine (della massa muscolare)
2 - la chetogenesi, cioè la formazione di corpi chetonici (utilizzati dall’organismo come glucosio) a partire dai grassi di deposito

Le differenze tra una dieta chetogenica e una dieta ipocalorica bilanciata sono:
1 – il tempo con il quale avviene la riduzione ponderale
2 – l’entità della riduzione ponderale
3 – la qualità della riduzione ponderale

Risulta evidente che se per soddisfare la necessità glucidica utilizzo il tessuto adiposo (chetogenesi) anziché il tessuto muscolare (neoglucogenesi), il peso perso sarà riconducibile alla massa grassa mentre la massa muscolare rimarrà pressoché inalterata.
Risulta altresì evidente che sarà un dimagrimento esteticamente soddisfacente e relativamente semplice da mantenere.

Il Metodo Tisanoreica – lo studio
Quanto esposto risulta scientificamente dimostrato giacché il metodo Tisanoreica è stato testato presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Padova, attraverso un confronto con altre diete tradizionali come la dieta mediterranea e la dieta a zona. Lo studio, effettuato nel 2005, è durato 40 giorni ed ha coinvolto 30 soggetti, maschi e femmine divisi random in 3 gruppi, omogenei per caratteristiche. Il primo, evidente, dato emerso è stato il drop out (abbandono): 50% i soggetti hanno abbandonato la dieta mediterranea, 40% i soggetti hanno abbandonato la dieta a zona e soltanto 20% hanno abbandonato la dieta Tisanoreica. Tra gli esami effettuati per valutare gli effetti della dieta sulla salute, sono stati eseguiti quelli del sangue, delle urine e l’esame della composizione corporea. I risultati dell’ematochimica per valutare la funzione epatica e renale hanno rivelato, nel caso della Tisanoreica, che la variazione dei rispettivi indicatori di funzionalità non è significativa dal punto di vista statistico; in altre parole la dieta Tisanoreica non affatica né fegato né reni.
Durante lo studio è stata valutata anche la composizione corporea dei soggetti coinvolti: il protocollo Tisanoreica è stato quello che ha fatto perdere, in termini percentuali più grasso, rispetto agli altri due protocolli. È stata, inoltre, valutata la percentuale di massa muscolare, importante in quanto determinante il metabolismo basale: anche qui la Tisanoreica ha fatto perdere meno muscolo rispetto alle altre diete.

Durante lo studio è stato valutato anche il quoziente respiratorio (QR), parametro che esprime quale substrato energetico utilizzano i muscoli per ricavare l’energia necessaria:
- QR alto: i muscoli ricavano l’energia dai carboidrati
- QR basso: i muscoli ricavano l’energia dai grassi
Come si evince dalla tabella seguente, il protocollo tisanoreica ha abbassato il quoziente respiratorio in modo maggiore rispetto agli altri protocolli di riduzione ponderale; sarà dunque più semplice mantenere il peso raggiunto.

Il Metodo Tisanoreica – l’applicazione
Il metodo Tisanoreica, come detto, è un programma di dimagrimento scientificamente testato da realizzare esclusivamente sotto controllo medico. Il metodo Tisanoreica prevede un'alimentazione ipoglucidica, normolipidica e normoproteica, attuata utilizzando integratori appositamente studiati denominati "Pietanze Tisanoreica" e "Estratti Tisanoreica". Le pietanze Tisanoreica, da assumere insieme agli alimenti consentiti, contengono mediamente 18 grammi di aminoacidi, essenziali e non, che commercialmente parlando valgono 1 PAT (l’unità di misura per definire la quantità di aminoacidi e fitoestratti contenuti in ciascuna Pietanza Tisanoreica con Attivatore). Oltre agli amminoacidi è presente l’Attivatore Tisanoreica, costituito da un mix di otto piante presenti nelle pietanze la cui funzione principale è aumentare l’attività proteolitica, cioè facilitarne l’assorbimento, il che permette di realizzare una chetogenica normoproteica, difficilmente attuabile altrimenti.

Basata sul processo della chetogenesi, la dieta presenta alcuni modesti effetti collaterali che sono annulati dall’uso di estratti d’erbe. Gli estratti d’erbe vengono ottenuti con il metodo della Decottopia, utilizzando solo acqua a diverse temperature, così da estrarre il principio attivo della pianta senza impiegare né alcool né conservanti. In ogni estratto sono presenti minimo 10 piante, la cui raccolta avviene in terreni sottoposti a rotazione (ogni 2 mesi) per evitare rischi di assuefazione. Gli estratti funzionali previsti dal protocollo sono quattro: 
- L’estratto 02, depurativo, è fondamentale per l’attività epatica; essendo la chetosi una via metabolica impegnativa, le piante contenute nell’estratto agevolano il fegato nella sua attività di filtro e di produzione della bile. 
- L’estratto 06, regolatore, è indicato soprattutto per quanto riguarda le donne in quanto contiene delle piante che permettono di attenuare i sintomi vasomotori dovuti alla menopausa e permettono di attenuare i dolori riconducibili alla sindrome pre-mestruale. 
- L’estratto 12 è un efficace diuretico con azione antiossidante. 
- L’estratto 13, tonico, anticipa l’entrata in chetosi (considerando che per ogni giorno di chetosi si possono perdere mediamente dai 3 ai 5 etti, se ne deduce che anticipando la chetosi, sarà possibile ottenere a parità di tempo, risultati migliori).

Pubblicità
Il protocollo Tisanoreica prevede due fasi e ha una durata variabile, compresa tra i 20 e i 40 giorni. Nella prima fase, fase intensiva, avviene l’esclusione totale dei carboidrati, sia semplici sia complessi. La verdura verde, cotta o cruda, può essere assunta a volontà. Tra gli alimenti classici si possono mangiare carne, pesce e uova, in media una volta al giorno. Gli altri pasti sono a base di prodotti Tisanoreica, solitamente quattro al giorno.

Nella seconda fase, fase di stabilizzazione, le pietanze si riducono a due al giorno e si cominciano a reintrodurre i carboidrati complessi – pane, pasta integrali o comunque a basso indice glicemico. In questa fase vanno ancora evitate la frutta, le patate, le verdure colorate. Nella fase di stabilizzazione, solitamente, non si perde peso ma è un importante periodo di transizione che serve all’organismo per uscire dalla chetosi e prepararsi ad una alimentazione equilibrata e bilanciata.

Video consigli di dietetica

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni giovedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono il peso ideale, le diete, con i relativi vantaggi e i rischi associati, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Combattere gli effetti della menopausa a tavola: i consigli del nutrizionista

Vampate di calore, sbalzi di umore, ritenzione idrica, aumento della cellulite sui glutei e dell'adipe sull'addome, osteoporosi. Sono tutti effetti psico-fisici del processo fisiologico a cui la donna va incontro con la menopausa, causata dal calo drastico degli ormoni femminili. Oltre ad una...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Il peso ideale

Intervista alla Dott.ssa Cinzia BenigniNell'intervista vengono esaminati vari aspetti sui diversi metodi di calcolo del peso desiderabile e sulla loro attendibilità come base per prescrivere una dieta.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Un clown italiano tra i bambini di Gaza

Scritto il 16 settembre 2014 da Alberto&Alberto

Il clown italiano Marco Rodari, conosciuto come Il Pimpa, si è recato a Gaza City per un progetto di volontariato legato ai bambini. Per poi decidere di restarvi ben oltre il previsto

Pillole di benessere

La SLA tra ricerca e carenze

Scritto il 19 settembre 2014 da Welly

Domenica 21 è la Giornata Nazionale della Sclerosi Laterale Amiotrofica. L'Italia è uno dei paesi che contribuisce maggiormente alla ricerca di nuove terapie ma resta il problema dell'assistenza domiciliare ai pazienti.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE