Menu Dietetica
123

UNA PILLOLA E UN VACCINO PER LA CELIACHIA

A cura di Maura Peripoli

I dati dicono che 1 persona su 150 soffre di celiachia e che solo in Italia gli affetti da tale patologia sarebbero circa 400.000, anche se di questi solo 35.000 sono i casi accertati. Ogni anno, inoltre, vengono diagnosticati 5.000 nuovi casi (2.800 sono bambini, con un incremento annuo del 9%).
Allo stato attuale, non è ancora previsto uno screening sulla popolazione per cercare di prevenire questa malattia che, una volta conclamata, crea non pochi problemi a chi ne è affetto.
Esiste, però, un modo semplice e rapido per scoprire se si soffre o meno di celiachia, i cui sintomi vanno dai gonfiori o dolori addominali alla diarrea, dall’anemia al vomito e alla spossatezza. In farmacia è infatti disponibile un monotest (Xeliac), da effettuarsi per mezzo di una goccia di sangue: se sullo stick reattivo compreso nel kit appare una linea rossa, il test avrà dato esito negativo. La presenza invece di due righe rosse, indica la presenza degli anticorpi specifici prodotti dalla risposta immunitaria all’intolleranza al glutine: è il segnale della celiachia. Va sottolineato, però, che il test rappresenta uno screening di primo livello, che serve solo a segnalare la presenza di anticorpi anti-transglutaminasi IgA (il marcatore immunologico più sensibile della celiachia). Qualora il test risultasse positivo, bisognerebbe quindi rivolgersi tempestivamente ad uno specialista in grado di confermare la patologia dopo aver effettuato esami più approfonditi (erogati gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale) ovvero:
1) Esame del sangue per la ricerca di anticorpi anti-endomisio (EMA), anti-gliadina (AGA) e anti-trasglutaminasi serica tissutale (tTG)
2) Esame bioptico (esofago-gastro-duodeno endoscopia con biopsia del piccolo intestino) che consiste nel prelevare un piccolo frammento di mucosa intestinale ed analizzarlo al microscopio. Se una persona soffre di celiachia, attraverso questo esame viene evidenziata l’atrofia dei villi intestinali e generalmente un aumento dei linfociti intraepiteliali
Una volta accertata definitivamente da un medico specialista la patologia, il paziente che ne è affetto avrà diritto ad una esenzione del ticket sanitario e alla fornitura di alimenti senza glutine..

Il test per i bambini
Un gruppo di ricercatori ungheresi ha messo a punto un test rivolto ai bambini, in grado di evidenziare la presenza della celiachia con probabilità di successo superiore al test per gli adulti. La scoperta è molto importante poiché in precedenza risultava assai difficile individuare la patologia nei primi anni di vita. Anche in questo caso di tratta di uno stick in grado di rivelare nel sangue la presenza o meno di anticorpi che rappresentano il primo attendibile campanello d’allarme nella presenza della celiachia. La fase sperimentale del test ha visto 2.690 bambini sottoposti al test, tra i quali sono stati riscontrati 78,1% casi di celiachia, poi confermati dalla biopsia dei villi intestinali. Il nuovo test potrebbe quindi rappresentare un efficace strumento di prevenzione per una malattia che potrebbe avere delle conseguenze gravi ma che può anche essere opportunamente tenuta sotto controllo per mezzo di una dieta adeguata.
Va ricordato, però, che esiste un modo per ridurre il rischio di ammalarsi di celiachia in tenera età: evitare biscotti, pasta e, pane fino al compimento del primo anno di vita. Prevenire la celiachia con una dieta priva di glutine è quanto sostiene uno studio italo-americano denominato Celiprev (Rischio di malattia celiaca ed età di introduzione del glutine). Attivo dal 2004 e coordinato dal Prof. Carlo Catassi, docente di pediatria all'Università Politecnica delle Marche e co-direttore del Centro di Ricerca sulla Celiachia dell'Università del Maryland (Usa), lo studio ha preso in esame fino al 2008 un campione di 900 bimbi divisi in due gruppi. Nella dieta del primo gruppo il glutine è stato somministrato a 6 mesi d’età, nel secondo a 12 mesi. Scopo della sperimentazione era quello di stabilire una connessione tra l’assunzione della sostanza e una eventuale comparsa della malattia. I risultati hanno dimostrato che i piccoli esposti al glutine al compimento dei 12 mesi hanno un rischio di sviluppare la malattia 4 volte inferiore rispetto ai bimbi che hanno consumato cibi con il glutine a 6 mesi di vita. Nonostante gli interessanti risultati ottenuti, saranno tuttavia necessari ancora alcuni anni per acquisire la certezza che tale metodica di prevenzione sia realmente attendibile.

Il vaccino anti-celiachia
Durante il Congresso Internazionale di Celiachia che si è svolto nel settembre 2008 a Genova con la partecipazione dei massimi esperti mondiali della malattia, ha fatto molto scalpore l’annuncio che entro la fine del 2008 un gruppo di ricercatori australiani di Melbourne avvierà la sperimentazione sull'uomo di un vaccino rivoluzionario che dovrebbe avere il compito di prevenire gli effetti collaterali della celiachia e addirittura di inibirli. Il vaccino, che verrà testato su 12 pazienti, avrà più precisamente il compito di riprogrammare il sistema immunitario per far sì che i pazienti riescano a “tollerare” il glutine e quindi di far regredire la celiachia. A margine del Convegno, il direttore del Centro di Ricerca sulla Celiachia e Biologia Mucosale dell’Università del Maryland a Baltimora, Prof. Alessio Fasano, ha affermato che “Il vaccino, attraverso un metodo molto complesso, intende bloccare la reazione autoimmune tipica della celiachia che porta alla produzione di citochine dannose per l'intestino. Il vaccino riesce a presentare i pezzettini di glutine alle cellule del sistema immunitario in maniera speciale: in questo modo “rieduca” le cellule, riprogrammandole perché tollerino il glutine e non producano citochine”.
A fronte dell’ampio risalto che la stampa ha dato alla notizia, l’Associazione Italiana Celiachia si è affrettata a precisare che i tempi forniti sulle effettive aspettative dei ricercatori sul vaccino anti-celiachia sono da intendersi con la massima cautela, anche se si può oggi affermare che la speranza della comunità dei celiaci di avere un’alternativa alla dieta e un trattamento farmacologico capace di inibire la manifestazione della celiachia si è trasformata oggi in una concreta aspettativa, anche se sui tempi non si possono avere certezze.
Va specificato che esiste anche un vaccino più “classico”, in grado di prevenire la comparsa della celiachia nelle persone a rischio, attualmente in sperimentazione sull’uomo: il vaccino anti-Rotavirus dovrebbe eliminare uno dei fattori che accelerano la comparsa della malattia nei soggetti predisposti, agendo contro un virus responsabile della malattia infiammatoria gastroenterica, il Rotavirus, appunto.

La pillola anti-celiachia
La speranza per i celiaci di convivere serenamente con la malattia, arriva anche dall’annuncio, nel medesimo convegno, di una pillola che va assunta prima dei pasti, il cui scopo è bloccare l’effetto tossico del glutine e consentire ai celiaci di poter mangiare ciò che desiderano. La pillola, che si dice possa essere commercializzata entro 5 anni a partire dal 2008 (ma sui tempi, vale quanto sopra riportato), rappresenterebbe una soluzione semplice ed efficace per tutti coloro che oggi hanno difficoltà ad osservare rigorosamente una dieta senza glutine; si pensa soprattutto agli adolescenti per i quali le tante restrizioni alimentari possono essere anche fonte di problemi di ordine psicologico.
I ricercatori, nel 2005, hanno sperimentato su un campione di ratti diabetici un farmaco inibitore della zonulina (una proteina intestinale). Il risultato è che i piccoli animali presi in esame, hanno mantenuto intatta la barriera intestinale senza produrre gli autoanticorpi che scatenano la reazione immunitaria. Da questo risultato è proseguita quindi la ricerca per arrivare alla formulazione di un farmaco per l’uomo e in soli tre anni la sperimentazione condotta su un centinaio di pazienti, ha già dato esito positivo. Altri test più approfonditi, sono stati programmati per la fine del 2008, su un numero maggiore di pazienti. Il farmaco individuato dal gruppo di ricercatori italiani e sviluppato dalla Alba Therapeutics (compagnia spin-off dell'Università del Maryland) è in grado di bloccare l'aumento della permeabilità intestinale indotto dal glutine inibendo la zonulina che “regola” il passaggio tra una cellula e l’altra nell’intestino. La pillola anti-celiachia, assunta prima di pasti potrebbe quindi “impedire” il passaggio del glutine nel corpo e frenare la conseguente reazione immunitaria, con i già citati probabili danni alla mucosa intestinale.
Anche in questo caso, così come per il vaccino, è in sperimentazione un altro farmaco in grado di rendere il glutine “innocuo” per i celiaci: una proteasi capace di smantellare completamente il glutine, digerendolo del tutto e rendendolo perciò non tossico per i pazienti.

Acquista on line Prodotti senza glutine

Pagina precedente Pagina precedente Sei qui
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Celiachia | definizione Celiachia: complicazioni Celiachia: pillola e vaccino

Video consigli di dietetica

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni giovedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono il peso ideale, le diete, con i relativi vantaggi e i rischi associati, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Cellulite: i consigli per prevenirla e combatterla

La cellulite non è solo un inestetismo, è una vera patologia che colpisce soprattutto le donne, con problemi sulla circolazione e la ritenzione dei liquidi. Una dieta equilibrata può essere un valido alleato contro questo disturbo, prediligendo cibi ricchi di fibre, vitamine e...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Il peso ideale

Intervista alla Dott.ssa Cinzia BenigniNell'intervista vengono esaminati vari aspetti sui diversi metodi di calcolo del peso desiderabile e sulla loro attendibilità come base per prescrivere una dieta.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Quando i grandi rallegravano i piccini/1

Scritto il 22 luglio 2014 da Alberto&Alberto

Tra i cantautori che hanno rallegrato diverse generazioni di bambini, a dispetto dell'aura di malinconia che lo circondava, quello che può vantare più successi è sicuramente Sergio Endrigo.

Pillole di benessere

La zanzara, questa sconosciuta…

Scritto il 25 luglio 2014 da Welly

La lotta ultramillenaria tra le zanzare e l'uomo è sempre stata impari, a vantaggio delle prime. Ecco che cosa bisogna e cosa non bisogna fare per contrastarle secondo gli esperti.

bagni di pisa
Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Scholl Pocket Ballerina Premium Novit del mese

Ballerina pieghevole Scholl, in tessuto fresco, da portare sempre con te e sfoggiare in ogni situazione per essere comoda ma elegante. Perfetta da tenere in borsetta e indossare quando sei stanca dei tacchi. E' la ballerina dell'estate!
Vedi prodotto

Visita i migliori hotel benessere.
Viaggia con la fantasia!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE