Menu Fitness e Sport

IL BUNGEE JUMPING

A cura di Andrea Carlucci

Un salto nel vuoto, un tuffo dall’alto, una caduta libera fino a raggiungere i 100 km/h, con la testa all’ingiù e senza nemmeno il tempo di fare un secondo respiro. Il bungee jumping, in italiano salto con elastico, è un’attività sportiva in cui ci si lancia da una piattaforma, spesso da un ponte o da una gru, imbracati con una corda elastica generalmente saldata alle caviglie. Tutto il materiale che viene utilizzato è specifico della disciplina con l’aggiunta di alcune attrezzature da alpinismo altamente omologato. L’elastico, ad esempio, deve avere delle caratteristiche che ne garantiscano la praticità e l’estrema sicurezza; parallelo ad esso vi è una corda da alpinismo che interviene nel caso in cui si spezzi l’elastico che viene fatta indossare al saltatore mediante imbraco. L’elastico è costituito da due cavigliere, pesa 50 kg, ha una capacità di estensione fino a 650% della sua lunghezza iniziale e può essere utilizzato per garantire circa 1000 lanci, anche se viene sostituito già dopo 200 salti; per ogni “saltatore” ed in base al suo peso può variare il tipo di elastico da utilizzare.

Il bungee jumping è una disciplina che presenta importanti controindicazioni legate a patologie che assolutamente non sono compatibili e di cui è necessario essere ben informati prima di iniziare la pratica. A questo proposito, è prassi da parte dei gestori delle strutture apposite quello far compilare e firmare una serie di documenti che non solo declinano le responsabilità dell’associazione organizzatrice ma che autocertifichino lo stato di buona salute.

Pubblicità
Patologie e affezioni più a rischio con il bungee jumping:
• Ipertensione arteriosa;
• Cardiopatie;
• Sincopi e svenimenti;
• Danni all’apparato scheletrico e muscolo-tendineo e delle articolazioni;
• Disturbi dell’equilibrio e patologie otorinolaringoiatria;
• Patologie oculistiche (miopia grave, glaucoma, etc…).

Storia
Il bungee jumping nasce come rituale d’iniziazione nell’Isola di Pentecoste (arcipelago delle Isole Nuove Ebridi) al largo dell’oceano Pacifico, con il nome di “naghol” (“tuffo sulla terra”). Intorno alla pratica si sono diffuse diverse leggende, tra le quali quella che ha per protagonista una donna maltrattata dal marito, che un giorno decise di fuggire da lui e per questo si arrampicò in cima ad un alto albero da frutto; quando il marito la raggiunse lei lo sfidò a buttarsi nel vuoto come prova di coraggio. La donna, che prima si era legata alle caviglie con delle liane, saltò per prima mentre il marito, che non poteva dimostrarsi codardo, saltando morì subito dopo. Questa vicenda venne presa a simbolo e annualmente riproposta coinvolgendo le donne e gli uomini del villaggio; gli uomini per cancellare questa forte umiliazione e dimostrare il proprio coraggio utilizzarono questa pratica del salto come rituale di iniziazione, ovvero il passaggio dalla giovinezza all’età adulta. All'uopo, veniva costruita una torre di legno alta anche 20 metri. Il manufatto era ancorato con funi come protezione contro i forti venti. Il risultato era comunque una costruzione decisamente instabile. Alla sommità i ragazzi saltavano legati alle caviglie con delle liane mentre le loro madri lanciavano a terra un oggetto della loro infanzia, simboleggiando la transizione da bambino a uomo.
 
Negli anni ’70 cominciano ad effettuarsi i primi salti ma non vi era alcuna regolamentazione e norma che garantisse la sicurezza tanto che venivano utilizzate corde fatte in caucciù. In quegli anni i membri del “The Dangerous Sport Club” dell'Università di Oxford, pionieri di molti dei cosiddetti sport estremi, affascinati da un filmato di National Geographic del 1955 che documentava l’antico rituale, studiarono una valida alternativa alla liana ed effettuarono il primo salto. Il 1 aprile 1979 i quattro membri del Club saltarono, usando delle corde di caucciù, dal Clifton Suspension Bridge di Bristol (Inghilterra). Per questa "bravata" furono arrestati dalla polizia locale.
Si deve ad A.J. Hackett, nel giugno del 1987, il primo spettacolare salto dalla Torre Eiffel a Parigi, utilizzando per la prima volta una corda elastica in lattice naturale. Un anno più tardi, esattamente il 12 novembre 1988, aprì il primo bungee center sul ponte del fiume Kawarau a Queenstown; da quel momento si è assistiti ad una vasta diffusione di questa disciplina che è diventata sempre di più un gioco puramente adrenalinico, una sfida con se stessi che attrae un pubblico giovane alla ricerca di forti emozioni.

Il salto
Una volta giunti sul sito di lancio (ponte o gru) cominciano le operazioni preliminari di imbracatura e ancoraggio dell’elastico tramite le due cavigliere e alla corda di sicurezza dopodiché si spiegano alcune procedure teoriche fondamentali e ci si porta alla pedana. Al termine di un conto alla rovescia viene impartito l’ordine di effettuare il salto che di norma va eseguito spingendosi in avanti con il viso in direzione della caduta e con le braccia aperte.

Le fasi durante la caduta prevedono:
- 1a fase, Caduta libera: qui l’elastico non è in tiro e vi è accelerazione di gravità. In soli 3 secondi di caduta libera si possono raggiungere i 97 km/h, anche se la resistenza aereodinamica del corpo steso ne diminuiscono l’entità.
- 2a fase, Messa in tiro: l’elastico entra in tensione e si allunga; a seconda del posizionamento del corpo si percepisce lo strattone in modo differente.
- 3a fase, Allungamento elastico: la caduta continua verso il basso, con sensibile decelerazione, dovuta all’allungamento dell’elastico (3 rimbalzi).
- 4a fase, Penzolamento: esauriti i rimbalzi e i dondolamenti si resta appesi all’elastico. Per non restare a testa in giù troppo a lungo, la corda di sicurezza nel suo primo tratto è munita di nodi per permettere al saltatore di risalire a mano verso i piedi, attaccarsi alle maniglie poste nella zona terminale dell’elastico e attendere così la discesa o la risalita.
- 5a fase, Discesa: tramite un motorino elettrico posto nella zona della pedana di lancio si rilascia la corda permettendo agli addetti posti a terra di recuperare il saltatore e liberarlo dalle imbracature.
- 6a fase, Risalita della corda: in questa fase l’elastico è libero e viene riavvolto tramite motore.
  
Pubblicità
I salti più alti del mondo:
• Cina (Macao, “Macau Tower”): 233 m (764 piedi)
• Svizzera (Locarno, diga idroelettrica Val Verzasca): 220 m
• Sudafica (Plettenberg Bay, dal ponte del fiume Bloukrans) 216 m.
• A livello europeo uno dei salti maggiormente popolari e quello della Donauturm, “Torre sul Danubio”, a Vienna.
• In Italia, il salto più alto si effettua dal ponte Valgàdena, un viadotto situato nell’altopiano di Asiago (Vicenza) di ben 175 metri.
Ancora in Italia, a Mosso, in provincia di Biella vi è il primo “Bungee Jumping Center Italiano" installato presso il viadotto in località Pistolesa.
Per effettuare salti da altezze più elevate si può optare per la mongolfiera o da elicottero come avviene a Lesa sul Lago Maggiore.

Si ringraziano per il materiale fotografico e la collaborazione Davide Rossi, www.davidebungee.blogspot.it e Massimo Bolzan, www.bungy.it

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Simone Moro e Tamara Lunger: l'alpinismo come sfida estrema ai propri limiti

Missione: quasi impossibile. Eppure Simone Moro, che ha condotto spedizioni in zone impervie e remote della Terra e detiene il record di ascensioni nella stagione invernale su quattro delle vette oltre gli ottomila metri, è riuscito a stupire ancora con la sua ultima impresa in Siberia. A...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato