Menu Fitness e Sport

IL PARACADUTISMO SPORTIVO

A cura di Andrea Carlucci

Volare è, fin da sempre, uno dei più grandi desideri dell’uomo, già presente nella mitologia greca con il volo infausto di Icaro. Con ben altro esito si realizzò, molto più tardi, il tentativo di planare con ali fisse come un aliante. Alla base di questo, una delle preziosissime intuizioni di Leonardo da Vinci che per primo studiò ciò che succede ad un cono rovesciato durante la sua caduta immerso in un fluido facendogli concludere che esso non potrà che tendere a rallentare!

Storia
Fu Leonardo da Vinci ad ideare il prima sistema a paracadute; esso era composto da una tela di lino sigillato tenuto aperto da una piramide di pali di legno, circa sette metri di lunghezza.
Tra i primi esperimenti e applicazioni si possono ricordare i lanci del francese Leonardmand che si lanciò nel 1732 dall’osservatorio di Montpellier e poi quello del francese André-Jacques Garnerin che si lanciò nel 1797 da una mongolfiera.
Al 1912 risale il primo lancio da un aereo effettuato dal capitano A. Berry presso Saint Louis (USA). Successivamente, tra gli anni ’20 e gli anni ’30, si arrivò a progettare e realizzare paracaduti capaci di garantire la massima affidabilità e il massimo controllo; in coincidenza della Seconda Guerra Mondiale il paracadute divenne strumento non solo di salvataggio ma anche di lancio di reparti in zona di combattimento. Il 1950 segnò una svolta nel paracadutismo verso un’interpretazione di tipo sportivo ma è a partire dal 1980 che avviene il passaggio al paracadutismo moderno grazie, soprattutto, all’avvento dei primi paracadute a profilo alare. Grazie alla nuova conformazione del paracadute, da sferica a rettangolare, è possibile sfruttare meglio “la portanza”, ovvero quel principio fisico che consente di aumentare la manovrabilità e il controllo del mezzo ma anche di far atterrare in piedi il paracadutista. Ed ecco che il sogno diventa realtà: oggi infatti è per tutti possibile praticare questa disciplina e scegliere anche l’espressione più adatta alle proprie esigenze, in un contesto di assoluta sicurezza!

Pubblicità
Il paracadute è definito, oggi, in termini ingegneristici, deceleratore aereodinamico. I pionieri della discesa libera con paracadute risalgono alla fine della Prima Guerra Mondiale e la prima scuola militare dedicata è nata in Libia a Castel Benito a metà degli anni ‘30. Da attività ad esclusivo uso militare si è poi trasformata in una pratica di tipo sportivo (skydiving); da allora l’evoluzione del paracadutismo è stata vertiginosa sia sul piano dell’utilizzo di materiali tecnologicamente avanzati, sia negli aspetti tecnici legati al volo e ovviamente nella sicurezza. Con l’introduzione del paracadute a profilo alare o planante, vera e propria “macchina volante”, si è abbandonato il paracadute a calotta emisferica o rientrante (i cosiddetti “tondi"), che vengono oggi utilizzati solo in ambito militare.

Nel paracadutismo sportivo si salta normalmente da una quota di 4000 metri circa; a seguito di una caduta libera di circa 60 secondi si apre poi il paracadute ad una quota consigliata di 900-800 metri, o 1500 metri per i lanci di addestramento ed i lanci in tandem. La quota di apertura del paracadute è stabilita dalla normativa vigente ad un massimo di 750 metri dal suolo.

Il paracadute a profilo alare è solo uno dei componenti di un materiale completo da paracadutismo, che sono:
- la sacca o contenitore;
- il paracadute principale;
- il paracadute di emergenza;
- il sistema di attivazione automatico del paracadute di emergenza.
Completano l’attrezzatura la tuta da lancio, il casco, gli occhiali e l'altimetro, che può essere sia visivo che acustico.

Sul piano della sicurezza va ricordato che ogni paracadute è dotato di un sistema di “sgancio rapido” che consente, in caso di malfunzionamento, di rilasciare in brevissimo tempo le bretelle che collegano il paracadute principale alla sacca, di modo da poter aprire in sicurezza il paracadute di emergenza. Inoltre, il materiale da lancio è dotato di un sistema di attivazione automatico del paracadute di emergenza (AAD) che interviene quando (per esempio per un malore) il paracadutista non abbia aperto il proprio paracadute principale.

Stili e specialità
L’evoluzione in direzione sportiva del paracadutismo ha dato origine a diverse tecniche e interpretazioni della pratica. Oggi le principali discipline che vengono praticate nei centri di paracadutismo sono il lavoro relativo (Relative Work, RW) ed il freefly.

Il RW (Relative Work) è una specialità altamente coreografica e di squadra in cui i paracadutisti, durante la caduta libera, vanno a comporre figure prestabilite; vengono quindi valutate la velocità di esecuzione, la precisione nei contatti (le cosiddette “prese”) e la forma e lo stile di esecuzione. Le squadre sono composte da 4 o da 8 elementi, oltre ad un “video man” che riprende la squadra in caduta libera.

Il Freefly è una disciplina nata nei primi anni '90 per sperimentare forme di volo alternative. Mentre nel RW si vola nella posizione classica “a pancia in giù”, nel freefly si esplorano tutte le posizioni di volo concepibili: a testa in giù, in piedi o anche seduti.

Esistono poi altre discipline o specialità:
Precisione in atterraggio, è una prestazione anch’essa individuale il cui obiettivo è centrare l’atterraggio in un disco rosso posto all’interno di una piattaforma elettronica che serve per validarne l’appoggio. I lanci si effettuano da circa 1000 metri di quota.
Free Style. Qui i paracadutisti volteggiano nell’aria ed eseguono figure “a corpo libero” molto simili ad alcuni elementi tecnici propri della ginnastica artistica e della danza.
Skysurf. Consiste nell’affrontare la caduta libera con una tavola da surf (in versione ridotta) agganciata ai piedi per “cavalcare l’aria” con movimenti traslatori ad elevata velocità.
Speed skydiving è la versione estrema del paracadutismo. L’atleta è a testa in giù dopo un lancio da quota 4500 metri e raggiunge una velocità di 350 km/h durante i primi 1700 metri per poi recuperare la posizione orizzontale e rallentare per poi aprire il paracadute.

Discorso a parte per il lancio tandem che offre la possibilità di provare l’ebbrezza di un volo in caduta libera da oltre 4000 metri, a stretto contatto con un istruttore. Non è richiesta una preparazione specifica e consente di volare per 50 secondi circa (ad una velocità di 180 km/h) fino a quando l’istruttore non aprirà il paracadute circa a 1500 metri. Il paracadute tandem deve essere molto più grande degli altri normali, da 360 a 400 piedi quadri.

Il paracadutismo, oggi, non è solo vissuto come pratica sportiva fine a se stessa ma viene utilizzato anche in contesti aziendali per lavorare sulla motivazione, la leadership, le dinamiche di gruppo, il team building. In quest’ottica la sua diffusione sta diventando sempre più capillare, così come la creazione di vere e proprie associazioni e Scuole; parallelamente è sempre maggiore la partecipazione di persone che non avrebbero mai pensato di avvicinarsi a questa disciplina individualmente.

Si ringrazia per la gentile collaborazione e per il materiale fotografico Nicola Fedeli, Paracadutista Esperto.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Simone Moro e Tamara Lunger: l'alpinismo come sfida estrema ai propri limiti

Missione: quasi impossibile. Eppure Simone Moro, che ha condotto spedizioni in zone impervie e remote della Terra e detiene il record di ascensioni nella stagione invernale su quattro delle vette oltre gli ottomila metri, è riuscito a stupire ancora con la sua ultima impresa in Siberia. A...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato