Menu Fitness e Sport

LE ARTI MARZIALI

LE ORIGINI DELLE ARTI MARZIALI

Le arti marziali delle grandi tradizioni orientali suscitano un grande interesse e curiosità anche in Occidente e ciò spinge ad interrogarsi sulla loro origine geografica e temporale, nonché su eventuali influenze sulla cultura e sulle tradizioni del Vecchio Continente.

DIFFUSIONE E CLASSIFICAZIONE

In India e in Cina negli ultimi millecinquecento anni si sono sviluppate diverse arti marziali; molte si praticano ancora, e provengono quasi tutte dalle scuole d’origine. Ma l’esperienza e il contributo giapponese nella pratica del combattimento individuale, con o senza armi, sono certamente tra i più antichi, raffinati e durevoli mai documentati: ora il Giappone è il paese dell’Asia con più varietà di arti marziali e un punto di riferimento per gli appassionati di tutto il mondo.

I PUNTI VITALI – KYUSHO

I centri soprasensibili, in cui l’energia sale a livello superficiale, costituiscono i punti vitali (Kyusho) distribuiti su tutto il corpo. Secondo la medicina tradizionale cinese, essi seguono i 14 meridiani che corrispondono ai canali nei quali scorre il "Ki" (energia o soffio vitale) in 365 punti del nostro corpo. Essi rappresentano i punti vulnerabili che un praticante di arti marziali deve conoscere per realizzare la massima efficacia nel combattimento.

IL WUSHU

Il termine Wushu si può semplicemente tradurre con “arte marziale”; si tratta di una delle prime arti d’origine cinese ad avere una storia millenaria e presenta al suo interno una serie di nobili discipline.

TAI CHI CHUAN

Il Tai Chi Chuan (o Tai Chi o Tai Ci) è un'antica arte marziale cinese che nasce come sistema di autodifesa e che si è trasformato nel corso dei secoli in una raffinata forma di esercizio per la salute ed il benessere. La sua pratica consiste principalmente nell'esecuzione di una serie di movimenti lenti e circolari che ricordano una danza silenziosa, ma in realtà mimano la lotta con un opponente immaginario.

JUDO

Seguendo un rigido codice morale il Judo insegna principalmente il controllo della mente e del corpo: una cultura fisica, una filosofia conosciuta col nome di “via gentile”. La parola Ju-do è infatti costituita da due ideogrammi, dove "Ju" significa flessibilità, dolcezza e "do", letteralmente "via", rappresenta il concetto tipicamente orientale di cammino, percorso.

KARATE

Il Karate, è uno sport completo che coinvolge tutti i muscoli e le articolazioni del corpo. Per questa ragione è consigliato allo stesso modo per bambini, adolescenti e adulti, ai quali è offerta la possibilità di elevarsi, all'interno della disciplina, attraverso sette gradi culminanti nella cintura nera.

AIKIDO

Elegante arte di autodifesa finalizzata alla neutralizzazione mediante bloccaggi, leve articolari e proiezioni di uno o più aggressori armati o disarmati, l'Aikido è soprattutto sintesi ed evoluzione di antiche tecniche mutate dal Jujutsu classico e dal Kenjutsu (la pratica della spada), da cui trae la propria originalità ed efficacia in una serie di movimenti basati sul principio della rotazione sferica.

KYUDO

Il Kyudo o l'"arte del tiro con l'arco" venne rivoluzionata nel XV secolo dall’eroe mitico della tormentata storia giapponese, Heki Danjo Masatsugo. I suoi insegnamenti vennero seguiti e codificati dai guerrieri che li trasmisero per generazioni e in questo modo la scuola Heki si diffuse in tutto il Giappone differenziandosi in vari stili.

KENDO

Il Kendo è la leggendaria scherma tradizionale dei Samurai, letteralmente Via (“do”) della spada (“Ken”). Arte marziale giapponese per eccellenza, si pratica utilizzando lo shinai, un bastone formato da quattro canne di bambù, in sostituzione della vera e propria spada, la katana.

KUNG FU

Il Kung Fu proviene dalla millenaria arte da combattimento cinese, e proprio per il suo alto valore sociale è considerato lo sport tradizionale della Cina. Il termine kung fu rappresenta tuttavia anche il nome con cui sono maggiormente note in Occidente le arti marziali tradizionali cinesi, ovvero il nome collettivo che racchiude al suo interno la miriade di tecniche e stili di combattimento diffusi sul territorio cinese.

TAE KWON DO

Tae Kwon Do, in coreano, significa letteralmente Arte di calciare e di colpire con il pugno, da “Tae” calciare, “Kwon” colpire con il pugno e “Do” via, arte. Si tratta di una disciplina marziale che si è sviluppata attraverso i secoli, attingendo tecniche veloci e lineari dalle forme di combattimento giapponesi, come il karate, e movimenti fluidi e circolari dagli stili cinesi, come il Kung Fu.


SUMO

Letteralmente la parola Sumo significa strattonarsi l'uno con l'altro: il fine non è quindi quello di colpire, come in altre arti marziali, ma quello di riuscire a sbilanciare l’equilibrio di un avversario con particolari caratteristiche: i lottatori, o sumatori sono infatti uomini insolitamente alti e poderosi, scelti per la loro incredibile grandezza e condizionati per mezzo dell’allenamento e di diete appropriate in modo da raggiungere proporzioni colossali.

JUJUTSU

Il Jūjutsu, conosciuto anche come Jūjitsu, è l'arte marziale giapponese della flessibilità. La parola Jutsu, letteralmente metodo, arte o tecnica si associa a “jū” - flessibile, cedevole, morbido - ad indicare appunto la particolarità di esecuzione. Il Jūjutsu era praticato dai bushi (guerrieri) che se ne servivano per sconfiggere gli avversari provocandone anche la morte, a mani nude o con armi. Lo spirito di quest’arte insegna che occorre assorbire l’energia dell’attaccante e attraverso il controllo e l’armonia restituire la stessa potenza.

SHORINJI-KEMPO

Il termine Shôrinji è una trascrizione fonetica di “Shaolin-tsi”, nome del tempio Shaolin. L’arte marziale giapponese dello Shôrinji-kempô si identifica come uno stile particolare di Karate studiato dai religiosi zen durante gli esercizi di non-meditazione “Zazen”, originale per le sue tecniche di pugno, forti e veloci, e per gli agili spostamenti delle gambe.

KALARI PAYAT

Il Kalari Payat è un’arte da combattimento che affonda le sue radici nella tradizione vedica di 3500 anni fa prendendo linfa vitale dai concetti dello yoga e della danza indiana nel comune patrimonio della medicina ayurveda. Kalari significa letteralmente "addestramento per il campo di battaglia" e rappresenta, quindi, il luogo dove si pratica l'arte marziale: deriva dal sanscrito khaloorika che sta anche per esercitazioni militari.

PENCAK SILAT

Pencak Silat è la denominazione ufficiale usata per indicare l’arte marziale praticata nel sud-est asiatico: Indonesia, Malesia, Singapore, Brunei Darussalam, sud Filippine, sud Tailandia e varie isole vicine. In questa disciplina si trova la perfetta sintesi delle sofisticate tecniche di braccia e di movimenti delle gambe che permettono scientifici sbilanciamenti dell'aggressore, oltre che leve articolari e proiezioni.

NINJUTSU

Le origini, la pratica, le tecniche e le armi della antichissima arte del "Ninjutsu", termine intraducibile che però potrebbe essere definita come “l’arte della furtività” intesa anche come creazione e perpetuazione di un’aura di mistero.

ARTE DEL KIAI

Il Kiai è un grido pieno di forza ed intenzione a costituire il desiderio di portare a compimento una tecnica marziale. Nelle pratiche marziali il Kiai è di estrema importanza e la sua arte, che raggiunse i livelli massimi nel Giappone Feudale, è ancora oggi impiegata in molte discipline come il karate, il judo e l’aikido.

BUSHIDO

Sistema di etica e atteggiamento morale, il Bushido ha rappresentato per secoli l’ispirazione della pratica “jutsu” dei guerrieri giapponesi e la guida al raggiungimento di scopi supremi e remoti. La parola “budo”, infatti, è formata dalla combinazione dell’ideogramma “bu” che identifica la dimensione più specificatamente militare della cultura giapponese, con l’ideogramma “do”, tradotto come via, dottrina, modo di vedere e motivare il comportamento in senso filosofico o religioso.

L'ARTE DEL COMBATTIMENTO CON LA LANCIA

La lancia, come in molte altre realtà militari, era l’arma tipica della antica fanteria giapponese e, per significato tradizionale, veniva dopo l’arco e le frecce. Il fluire armonioso delle tecniche di attacco e difesa fanno ancora oggi della disciplina della lancia uno dei metodi di coordinazione più efficaci anche se l'arma è riservata ad un praticante esperto e con un ottimo bagaglio tecnico.

BO-JUTSU

Il Bo - un bastone - è sicuramente l'arma principale del Kobudo e, secondo fonti storiche, diffusa sull’isola giapponese di Okinawa più del to-de (l’antenato del Karate) stesso. Per i praticanti moderni il Bo, oltre a metterli in grado di combattere con un oggetto facilmente reperibile, offre anche la possibilità di condizionare la parte superiore del corpo e di sviluppare l’equilibrio.

IL TESSENJUTSU. L’ARTE DEL COMBATTIMENTO DEL VENTAGLIO DA GUERRA

Usati nelle grandi cerimonie o come ornamento, i ventagli giapponesi sono considerati da sempre esemplari di artigianato di una eleganza senza pari, ma anche un’arma letale specializzata dell’epoca feudale degli shôgun Tokugawa.

SUIEI JUTSU

Arte complementare giapponese, il Suiei sutsu rappresenta la disciplina dell’acquaticità, del saper nuotare o attraversare corsi d'acqua indossando un’armatura. A questa tecnica si affianca l’ashi garami o arte della lotta nell’acqua che comprende colpi particolarmente efficaci e raffinati per sconfiggere l’avversario.

IL BAJUTSU, L'ARTE DELL'EQUITAZIONE MILITARE GIAPPONESE

Il bajutsu è l'arte dell'equitazione militare che, assieme al ken jutsu ed al kyu jutsu, era alla base dell'addestramento marziale di ogni samurai. Conosciuta anche come jobajutsu, quando si riferiva alla terraferma, e suieijutsu o subajutsu per l’attraversamento di distese d’acqua, ha rappresentato per secoli il segno dell’effettivo dominio miliare e politico del samurai giapponese.

 

BHARAT NATYAM - LA DANZA SACRA INDIANA DA GUERRA

Il bajutsu è l'arte dell'equitazione militare che, assieme al ken jutsu ed al kyu jutsu, era alla base dell'addestramento marziale di ogni samurai. Conosciuta anche come jobajutsu, quando si riferiva alla terraferma, e suieijutsu o subajutsu per l’attraversamento di distese d’acqua, ha rappresentato per secoli il segno dell’effettivo dominio miliare e politico del samurai giapponese.

 

SHUAI JIAO E BOKE, LO SPIRITO DELLA LOTTA

Lo Shuai Jiao è un metodo tradizionale di lotta cinese progenitore dello judo. Arte nata in Cina circa cinquemila anni fa comprendente la lotta corpo a corpo e le proiezioni, si basa sui principi presenti in quasi tutte le tecniche di combattimento, ossia agilità, scioltezza, coordinazione, equilibrio e forza. A differenza dello Shuai Jiao, le origini del Boke risalgono all’XI secolo. L’originalità e la caratteristica bellezza di questa arte che esprime la tradizione e il carattere del popolo mongolo, è oggi praticata e seguita anche dai cinesi.

 

IL BUNKAI NEL KARATE SHOTOKAN

Il termine bunkai nell’originale scrittura giapponese è formato da due cangi (ideogrammi): il primo significa “parte di qualcosa”, il secondo indica l’azione di “slegare, liberare o sciogliere”. Nella sua interezza bunkai vuol dunque dire scomporre, smontare, dissociare e più in generale ridurre qualcosa di complesso alle sue componenti fondamentali. Nel karate la parola bunkai è generalmente usata per indicare l’applicazione pratica di un kata.

 

MUAY THAI, LA BOXE THAILANDESE

Muay Thai è un’arte marziale tradizionale del popolo thailandese, praticata in Thailandia e nel resto del mondo principalmente nella sua versione sportiva (boxe thailandese), e definita impropriamente con il termine anglosassone Thai boxe (o Thai boxing).

LA SCHERMA TAIJI

La Scherma Taiji è un’antichissima arte marziale che è insieme una filosofia, un metodo, un gioco e una rappresentazione della vita. Deriva dal Tai Chi Chuan che oltre ad essere un’arte cinese finalizzata alla ricerca di soluzioni strategiche per poter difendere se stessi, ha assunto anche il nome di Ginnastica di Lunga Vita.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Donne e sport: tra discriminazioni culturali e normative

Nel 2016 alle Olimpiadi di Rio, la rappresentanza italiana era composta quasi per metà da atlete donne. E vincenti. Ma paradossalmente una legge del 1981, sulla quale il Parlamento non è mai più intervenuto, stabilisce che nessuna disciplina sportiva femminile può essere...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Star bene giocando con le parole

Scritto il 20 June 2017 da Alberto&Alberto

"Storpiare", per gioco, frasi o nomi o titoli di libri o film, rappresenta per molti di noi una pratica naturale, talvolta addirittura irrinunciabile. Che non ha una vera spiegazione logica o scientifica. Ma cosa importa, quando ci diverte e ci fa stare bene?

Pillole di benessere

Un controllo ci salverà. Gratuito per un mese.

Scritto il 16 June 2017 da Welly

Torna, per il secondo anno, la campagna #controllati della Società italiana di Urologia (SIU). Fino al 15 luglio, è possibile prenotare una visita urologica gratuita presso uno dei centri aderenti all’iniziativa.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.