Menu Fitness e Sport

JUDO

A cura di Lidia Katia C. Manzo

Che cos’è il judo

Seguendo un rigido codice morale il judo insegna principalmente il controllo della mente e del corpo: una cultura fisica, una filosofia conosciuta col nome di “via gentile”. La parola Ju-do è infatti costituita da due ideogrammi, dove Ju significa flessibilità, dolcezza e do, letteralmente via, rappresenta il concetto tipicamente orientale di cammino, percorso. Il valore stesso di questa arte marziale è la non-resistenza, cedere alla forza dell’avversario e con essa creare squilibrio, accompagnarla e vincerla in modo efficace. Questa continua evoluzione, alla ricerca di nuove strade, è un patrimonio autentico, insito nella sua pratica.
Il padre del Judo, Jigoro Kano, esprimeva così l’essenza di questa filosofia:
Seryoku zenhyo
il miglior uso dell’energia, fisica e morale
Ji ta kyò i amicizia e mutua prosperità

La storia

Il judo, quale forma di lotta, fu sviluppato a opera del professor Jigoro Kano , partendo da uno studio intensivo del Jujitsu, un sistema brutale e spesso mortale di autodifesa giapponese. “Non solo trovai il Jujitsu interessante, ma mi resi anche conto che era molto efficace per l’addestramento del corpo e della mente. Così mettendo insieme tutti gli aspetti positivi che avevo appreso dalle varie scuole e aggiungendovi mie personali invenzioni e scoperte, elaborai un nuovo sistema di cultura fisica e di allenamento morale” con queste parole il Maestro descriveva il suo percorso. Nel 1882 egli formò la Scuola di Kodokan in una saletta del tempio shintoista Eishoji sito nel quartiere Shimoya di Tokyo; con l’aiuto di soli nove studenti iniziò così a studiare e sviluppare l’arte del Judo. Kodokan si traduce in “scuola per studiare la via ” ovvero massima efficienza e minimo sforzo per superare l’avversario. Le tecniche prese a base per il "Judo Kodokan" si ispirano principalmente alle forme tradizionali delle scuole Kito-ryu e Tenjin Shinyo-ryu. Molte altre tecniche di Ju Jitsu furono modificate e affinate da quelle che in origine appartenevano alla tradizione, ma l'intima essenza del Judo, che faceva convergere forza e flessibilità, fu un concetto che Jigoro Kano definì a poco a poco con una ricerca razionale e con metodo scientifico. Assieme al patrimonio di esperienza e di pensiero, il Judo coltiva anche l'aspetto sportivo voluto dallo stesso Jigoro Kano. Egli riteneva infatti che questo fosse il modo migliore per la diffusione del suo metodo in tutto il mondo.

La pratica

L’allenamento nel judo si chiama okuden . Nella fase iniziale si insegna quello che viene chiamato judo inferiore, poiché si “lavora” sul corpo. Il principiante impara ad avere consapevolezza del pericolo, a valutare l’importanza dello spazio e la distanza nel contatto fisico. Le prese del judo e la vicinanza dei due avversari possono sviluppare, inoltre, una spiccata consapevolezza di forza e potenza . Lo studio approfondirà questi concetti:

  • Rei-no-kokoro è lo Spirito del Rispetto senza il quale lo studio porta rovina,
  • Waza è la Tecnica, disciplina e coordinazione del corpo,
  • Kime è l’Uso dell’Energia in tutte le sue eccezioni,
  • Keiko è il Duro Allenamento, che porta al distacco dai sensi e dall’ego.

Partendo dalla padronanza tecnica si inizierà l’approfondimento del Judo superiore che mira a rafforzare la condizione interiore del praticante , attraverso:

  • Randori è la Concentrazione su un unico oggetto: la Tecnica,
  • Shiai è la Meditazione senza oggetto, senza paura né desiderio,
  • Kata è lo stato di Mu-shin, mente vuota e spirito creativo, che porta al Satori.

Lo scopo educativo del judo è far emergere la personalità dell’individuo, espressa attraverso la tecnica perfezionata ai più alti livelli.

Classificazione delle tecniche

Nel judo troviamo tre distanze di combattimento:

  • lunga (colpi, Atemi-waza)
  • media (proiezioni, lanci Nage-waza)
  • a contatto (tecniche di controllo, Kateme-waza)

ognuna a sua volta suddivisa in sotto-categorie:

ATEMI-WAZA Tecniche di colpi inferti con gli arti superiori e inferiori NAGE-WAZA Tecniche di proiezione KATAME-WAZA Tecniche di controllo e lotta a terra
Tsuki-ate: colpi di braccio inferti in linea retta Tachi-waza : lanci eseguiti dalla posizione eretta, divisi in Koshi-waza, Te-waza, Ashi-waza Osae-komi-waza: tecnica delle immobilizzazioni
Uchi-ate: colpi di braccio inferti con movimento circolare Sutemi-waza: lanci eseguiti specificando la posizione, divisi in Ma-sutemi e Yoko-sutemi Shime-waza: tecniche di strangolamento
Keri-ate: colpi dell’arto inferiore Makikomi-waza: lanci eseguiti in arrotolamento Kwansetsu-waza: tecniche di leva

Pubblicità
Si deve dire che il judo è un’attività dura fin dall’inizio. È necessario un serio e lungo allenamento per abituare l’allievo alle asprezze di un’arte marziale. Oggi esistono moltissimi sport e attività per il tempo libero, i mezzi di comunicazione ci bombardano continuamente con proposte sicuramente più allettanti e facili del judo. Eppure sono molti, soprattutto i giovani, che si avvicinano a un pesante addestramento per acquisirne la totale padronanza. Questa disciplina oggi vanta milioni di praticanti tra cui i bambini che rappresentano una fetta consistente (circa il 40%), significativo è il movimento femminile che conta circa il 25% dei praticanti. Attualmente vengono organizzati tornei e campionati secondo il sesso fasce di età e peso.

Il segreto di tanto successo è una miscela di sensazioni fisiche, ricerca del gesto atletico, affinamento del tecnicismo e piacere per una lotta non violenta finalizzata al raggiungimento del controllo sull’avversario. Negli ultimi anni questa arte marziale ha mutato la sua pratica verso un modello che non impone più l’insegnante verso l’allievo ma verso una continua ricerca di stimoli e metodiche per coinvolgere sempre più gli atleti. In modo particolare questa evoluzione si evidenzia nell’aspetto didattico con i bambini, dove il Maestro inflessibile assume sempre più il ruolo di educatore.

Bibliografia:

Kodokan Judo, Dell'università del Judo di Tokyo - Edizioni Mondadori
Cesare Barioli, Il libro del Judo - De Vecchi Editore
Tony Reay, A scuola di judo - Edizioni Paoline
Sadaki Nakabayashi, Judo - Sperling & Kupfer
www.infojudo.com

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Foiling: l'evoluzione della vela che fa fluttuare la barca sull'acqua

Si erge sul pelo dell'acqua, prende velocità, si solleva e inizia a fluttuare. L'evoluzione della classica barca a vela sportiva è il foiling: una tecnica che prevede l'applicazione di una lamina sottile in fibre di carbonio (foil) che consente all'imbarcazione, sia essa un moth...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

In viaggio per allegria/3 - Barcellona

Scritto il 23 August 2016 da Alberto&Alberto

La terza tappa di un viaggio  tra allegria e benessere è Barcellona, che vanta tra le sue principali attrazioni la Rambla, il lungo e colorato Viale sempre affollato di persone provenienti da ogni dove. E, naturalmente, le allegre e sorprendenti creazioni di Anton Gaudì.

Pillole di benessere

Stop ai dolci fino ai 2 anni

Scritto il 26 August 2016 da Welly

Le nuove linee guida dell’American Heart Association sono tassative: niente prodotti a base di zucchero fino ai due anni di età se si vuole prevenire l’obesità e i rischi ad essa connessi.

Benessere.com per Terremoto Amatrice Accumoli
Offerta del mese
Sedia ergonomica naturale - Color ecrù
Offerta del mese

La sedia ergonomica professionale ideale chi svolge un lavoro sedentario: comoda e discreta, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione è regolabile. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole

Altezza:63 cm
Larghezza:45 cm
Profondità:50 cm

Vedi prodotto

Novità
Termo Cuscino MYSA
Novit del mese

Un innovativo Termo-Cuscino che abbina i benefici della Agopressione a quelli della Termoterapia e delle proprieta' naturali della Pula di Farro Biologica, col massimo effetto analgesico e de-contratturante delle tensioni proprio la' dove piu' si accumulano, ovvero nell’area di Cervicale, Nuca e Spalle, e per regalarti momenti di incredibile relax! La Pula di Farro e’ inoltre in grado di rilasciare a lungo il benefico calore, dopo aver riscaldato il cuscino interno al forno o al microonde per soli 3 minuti.Permette al sangue di irrorare meglio i tessuti e le articolazioni. Non attira gli acari. Dopo alcune ore nel congelatore, il cuscino puo’ anche essere utilizzato freddo, per trattamenti di Crioterapia, alleviando: ematomi, contusioni, infiammazioni o gonfiori! E' un Dispositivo Medico Riconosciuto dal Ministero Della Salute.
E' UN BREVETTO MYSA. REGISTRATO PRESSO IL MINISTERO DELLA SALUTE ITALIANO. FATTO IN ITALIA.

Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2016 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.