Menu Fitness e Sport
Sei in:   benessere.com / Fitness e Sport / Corsa / Dall'h alla Maratona

DALL’ORA ALLA MARATONA

A cura del Prof. Giancarlo Pellis

Premessa
La differenze tra le discipline di 1h di corsa e la maratona è sostanziale soprattutto nell’approccio psicologico:
- nella prima viene calcolata la strada percorsa in 60 minuti. Ciò determina che chi pratica tale disciplina ha la consapevolezza che basta correre, anche piano, in quanto il tempo passa e la strada percorsa è proporzionale al proprio impegno profuso in 60 minuti;
- nella maratona invece, si deve correre (o camminare) per 42.195 metri, ovvero si deve raggiungere la meta in quanto il traguardo non viene incontro

A tali sostanziali differenze, si contrappone una precisa analogia, ovvero il coinvolgimento dei processi energetici che sono richiesti per le prestazioni cicliche ripetitive dalla durata oltre i 40-50 secondi.
Ambedue le discipline, infatti, hanno una durata molto superiore al tempo sopra indicato e di conseguenza sono subordinate alla massima potenza aerobica (VO2 max) che l’atleta riesce a produrre.

Il VO2 max è il fattore biologico che “accomuna” la macchina umana in tutte le discipline sportive ed individua la capacità di utilizzo dell’ossigeno (O2) da parte dei muscoli durante l’esercizio fisico di lunga durata.

VO2 max e velocità della corsa
L’aspetto principale che interessa la prestazione si identifica nella velocità media di corsa quale rapporto tra il tempo e la distanza percorsa.
A tale proposito il prof. R. Margaria (Fisiologia muscolare e meccanica del movimento, Ed. Scientifiche e tecniche Mondadori, 1975) ha determinato la correlazione tra la velocità ed il VO2 max (massima potenza organica) espresso in [ml/kg/min] (fig.1).

La velocità e la durata della corsa, quindi, dipendono dalla funzionalità dei sistemi energetici aerobico ed anaerobico lattacido.
In particolare il sistema aerobico consente un lavoro prolungato ma svolto ad una velocità tale da richiedere costantemente una quantità di ATP pari a quella che può essere sistematicamente resintetizzata, a livello mitocondriale, dall’O2 apportato dal apparato cardio-respiratorio (steady state).
A velocità più elevate il sistema aerobico viene affiancato dal sistema anaerobico lattacido che, producendo acido lattico, tende ad affaticare il muscolo limitandone il tempo di lavoro.
Quindi maggiore è il tempo per il quale si protrae la prestazione, più esclusivo è l’apporto energetico determinato dal sistema aerobico e ovviamente minore sarà il contributo dei sistemi anaerobici.
Tale concetto permette di identificare nella maratona (prestazione con tempi superiori alle 2h), una disciplina quasi esclusivamente aerobica e quindi quasi esclusivamente condizionata dalla funzionalità del sistema aerobico.

La compensazione Anaerobica

Lo schema (idraulico – fig.2) evidenzia le “singole portate Q” dei vari sistemi energetici che influiscono sulla prestazione e fanno capire come i serbatoi anaerobici (lattacido e alattacido –ATP+CP) hanno la possibilità di fornire maggiore energia ma, viste le dimensioni degli augelli Qal e Qaa, questa si esaurisce in tempi minori rispetto a quella fornita dal serbatoio aerobico Qa.
Nelle prestazioni di lunga durata, quindi, i serbatoi anaerobici servono unicamente come “tampone di energia” per piccole variazioni di ritmo (o altitudine) ma possono anche influenzare la prestazione, in maniera inversamente proporzionale alla sua lunghezza, se la loro capacità viene gradatamente utilizzata durante tutta la prestazione stessa.

Fattore di correzione
Per determinare un criterio dal quale poter ricavare “la compensazione anaerobica” nelle discipline di distanza inferiore alla maratona, si sono confrontati i records delle singole specialità (tab.1), trasformando ogni prestazione, tramite il nomogramma di Margaria, in VO2 max (fig. 3).

discipline h. min. sec. [m] VO2
3000 0 7 20 87,14
5000 0 12 37 84,60
10000 0 26 18 87,51
21097 0 58 23 78,01
42195 2 3 59 74,20
1 ora 0 0 0 21285 76,46



Considerando, quindi il valore di VO2 max [Maratona] quale il massimo valore aerobico, è possibile calcolare la differenza di potenzialità riscontrata nella corsa di 1h (VO2 max [1h]) indicata come ∆(1h / maratona) o “Correzione Reale”.

Funzione di calcolo
Per riuscire a calcolare quindi il tempo di percorrenza della maratona, conoscendo i metri percorsi in 1h di corsa, si deve tenere conto del:
fattore di correlazione ovvero il rapporto tra velocità [km/h] e VO2 max [ml/kg/min] che viene determinato dal nomogramma di Margaria;
Correzione Reale % (intervento del sistema anaerobico) = ∆(1h / maratona)

Da tali valori si può ricavare la
Velocità di riferimento = VO2 (1h) +(VO2 (1h) * [∆(1h / maratona)]/100)/[Fatt. Correl. Margaria]

dalla quale si può infine calcolare il

Tempo maratona = 42195 / Velocità riferimento.

Se conosci quanti metri percorri in 1h calcola il tuo tempo sulla maratona


Conclusioni

Il procedimento matematico proposto, deve infine anche tener conto dell’errore (qui non indicato) che, comunque, si viene a determinare in questo tipo di calcolo e che necessariamente determina una forbice di valori entro la quale il risultato finale va ad inserirsi.

Ma quello che preme rimarcare, invece, si basa sull’approfondimento del primo concetto espresso in premessa, ovvero che il passaggio tra la specialità di 1h e la maratona prevede un preciso cambiamento di mentalità da amatore ad agonista.
Ciò avviene sia con una modifica nell’approccio mentale alla disciplina che prevede la volontà di terminare la gara in quanto “il traguardo non mi viene incontro”, sia con una nuova organizzazione del proprio programma di allenamento che non può discostarsi da quei concetti fisiologici che regolano l’adattamento organico alla prestazione sportiva descritti da Selye nella “Sindrome Generale di Adattamento”.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Acquamove: idromassaggio e pedalata che sciolgono la cellulite

Pedalare al ritmo di musica, immerse nell'acqua, con il massaggio di getti mirati sulle zone critiche, l'azione dell'ozono e il relax della cromoterapia. E' AcquaMove, l'allenamento personalizzabile che unisce l'esercizio cardio-muscolare della bicicletta, all'efficacia dell'idromassaggio con...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Metti la musica in cassetta

Scritto il 21 marzo 2017 da Alberto&Alberto

Dopo il ritorno in auge del vinile, non senza comprensibili motivazioni, si assiste ora al revival delle musicassette, dopo quasi trent’anni di oblio. In questo caso, però, è solo la nostalgia a trainare il fenomeno…

Pillole di benessere

Pausa pranzo, attenti al sale

Scritto il 24 marzo 2017 da Welly

In occasione della Settimana Mondiale per la Riduzione del Consumo di Sale, in svolgimento fino a domenica 26 marzo, gli esperti dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica mettono in guardia dall’eccesso di sodio che si può annidare in quei piatti che generalmente vengono consumati nei pasti fuori casa.

Offerta del mese
Bio-mex

FORMATO MAXI!!

850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Offerta del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici. Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica... Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!

Vedi prodotto

Novità
Sedia ergonomica naturale - Nera
Novit del mese

La sedia ergonomica professionale ideale chi svolge un lavoro sedentario: comoda e discreta, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione è regolabile. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole Altezza:63 cm Larghezza:45 cm Profondità:50 cm.
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.