Menu Fitness e Sport

LA CORSA IN ATLETICA

A cura del Prof. Mario Testi
Testo del Prof.
Edo Patregnani
Docente di Atletica Leggera
presso la Facoltà di Scienze Motorie
dell’Università di Bologna
Docente di Atletica Leggera
presso la Facoltà di Scienze Motorie
dell’Università di Bologna

La corsa ha sempre rappresentato una necessità per l'uomo fin dalla preistoria, quando da essa dipendeva il successo nella caccia o nella guerra, in sostanza la sopravvivenza dell'individuo stesso. Nell'atletica leggera la corsa è la specialità più popolare e più seguita. 

100 metri piani

Si tratta della più breve distanza del programma olimpico. Seguendo un'indagine sommaria la corsa veloce potrebbe sembrare un'azione naturale, quindi con basso indice di difficoltà. Invece, essa diventa una specialità molto complessa quando si aspira al raggiungimento di altissimi livelli di competitività. Come capacità fisica, comprende molteplici caratteristiche, non sempre interdipendenti:

  • la capacità di esprimere forti accelerazioni;
  • lo sviluppo ed il mantenimento di alte punte di velocità;
  • l'acquisizione di un'efficiente tecnica di corsa e precise sinergie nei momenti di contrazione-decontrazione degli apparati propulsivi.

Nella gara si distinguono 3 fasi:

  • Partenza
  • L'accelerazione
  • Allungo

     

    Pubblicità
    La partenza: lo sprinter, in avvio, da una posizione di perfetta immobilità, sfruttando al meglio il tempo di reazione allo "sparo" dello starter, imprime sui blocchi un fortissimo impulso utilizzando al massimo le sue capacità di forza esplosiva.

    L'accelerazione: proseguendo nella sua azione, l'atleta accelera mantenendo per 7-8 passi un assetto raccolto, aumentando progressivamente sia la frequenza dei passi sia l'ampiezza, fino a stabilizzarsi nella seconda fase, quella lanciata. Successivamente, nell'azione veloce e dinamica, il tronco si raddrizza, anche se non completamente. L'impiego della forza, da esplosiva, diventa gradualmente elastica con un conseguente movimento di corsa, più agile e sciolto. 

    Allungo: a 50 metri circa dalla partenza il velocista, raggiunta la sua massima velocità (i migliori, circa 12 metri al secondo o 43 Km/h !), prosegue in assoluta decontrazione e fluidità d'azione, cercando di mantenere costante sino all'arrivo la velocità raggiunta.

    Considerazioni: nella gara l'atleta non raggiunge, in realtà, la sua massima velocità possibile ma quella "ottimale" di corsa, utilizzando il giusto compromesso tra i due parametri rappresentati dall'ampiezza e dalla frequenza degli appoggi al suolo. Risulta poi importante la distribuzione dello sforzo per tutto l'arco della gara. La "capacità di resistere" alla velocità ottimale" raggiunta è legata fondamentalmente a due fattori:

    1. La capacità del sistema nervoso centrale d' assicurare, con altissime frequenze e per 10 secondi circa, la massima neurostimolazione all'apparato muscolare per l'azione.
    2. La velocità/qualità dei processi enzimatici del meccanismo anaerobico alattacido per la resintesi dell'ATP (acido adenosintrifosforico).

    Records
    Uomini: U. Bolt (Giamaica): 9''. 58 nel 2009.
    Donne: F. Griffith (Usa): 10''. 49 nel 1988.

    200 metri piani

    Anche per il duecentista è necessario poter sviluppare un'elevata velocità, ma la doppia distanza impone una fase d'accelerazione non massimale, in considerazione del fatto che la partenza avviene in curva. Infatti, una partenza troppo veloce nei primi 100 metri comporterebbe, oltre che un problema di tenuta in curva (forza centrifuga), anche un dispendio energetico elevato e, quindi, una consistente riduzione di velocità nel secondo tratto. Necessitano, perciò, più consistenti capacità di "resistenza alla velocità" ed un'abilità/sensibilità nella distribuzione dello sforzo. La gara richiede l'utilizzo di un'altissima percentuale d'energia d'origine "alattacida " (98% secondo Fox e Mathews).

    Records:
    Uomini: U. Bolt (Giamaica): 19''. 19 nel 2009.
    Donne: F. Griffith (Usa): 21''. 34 nel 1988.

    400 metri piani

    Questa gara equivale, per distanza, ad un esatto giro di pista. E' compresa nell'ambito delle gare veloci, dal momento che richiede lo sviluppo di alti picchi di velocità per tutto il percorso. Alla velocità si abbina la capacità di resistere, ininterrottamente, ad uno sforzo elevatissimo. La gara è complessa nella sua interpretazione, comporta la ricerca della migliore e costante "velocità media " per tutto il percorso, senza sprechi di energie nella prima parte, attraverso l'utilizzo di un'azione di corsa elastica e quindi sciolta. Una particolare qualità del quattrocentista è rappresentata dalla capacità  d'insistere nello sforzo anche al sopraggiungere di un'accentuata fatica, conseguenza del progressivo accumulo di acido lattico nei muscoli. 
    La maggior parte degli autori concorda nell'affermare che i 400 metri si corrano utilizzando una quantità d'energia d'origine lattacida, pari al 30% circa di quella totale richiesta. E' l'acido lattico la "scoria " che disturba la piena efficienza dell'azione di corsa e che determina la sensazione di fatica. Le gambe diventano pesanti, la mente s' annebbia, la fine coordinazione si altera. La tenuta psicologica richiesta all'atleta è talmente elevata, che gli anglosassoni definiscono questa gara "Killer Event" (l'avvenimento che uccide).  

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Acquamove: idromassaggio e pedalata che sciolgono la cellulite

Pedalare al ritmo di musica, immerse nell'acqua, con il massaggio di getti mirati sulle zone critiche, l'azione dell'ozono e il relax della cromoterapia. E' AcquaMove, l'allenamento personalizzabile che unisce l'esercizio cardio-muscolare della bicicletta, all'efficacia dell'idromassaggio con...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Metti la musica in cassetta

Scritto il 21 marzo 2017 da Alberto&Alberto

Dopo il ritorno in auge del vinile, non senza comprensibili motivazioni, si assiste ora al revival delle musicassette, dopo quasi trent’anni di oblio. In questo caso, però, è solo la nostalgia a trainare il fenomeno…

Pillole di benessere

Pausa pranzo, attenti al sale

Scritto il 24 marzo 2017 da Welly

In occasione della Settimana Mondiale per la Riduzione del Consumo di Sale, in svolgimento fino a domenica 26 marzo, gli esperti dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica mettono in guardia dall’eccesso di sodio che si può annidare in quei piatti che generalmente vengono consumati nei pasti fuori casa.

Offerta del mese
Bio-mex

FORMATO MAXI!!

850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Offerta del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici. Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica... Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!

Vedi prodotto

Novità
Sedia ergonomica naturale - Nera
Novit del mese

La sedia ergonomica professionale ideale chi svolge un lavoro sedentario: comoda e discreta, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione è regolabile. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole Altezza:63 cm Larghezza:45 cm Profondità:50 cm.
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.