Menu Fitness e Sport

I LANCI ATLETICA LEGGERA

A cura del Prof. Mario Testi
Testo del Prof.
Edo Patregnani
Docente di Atletica Leggera
presso la Facoltà  di Scienze Motorie
dell’Università di Bologna
Docente di Atletica Leggera
presso la Facoltà  di Scienze Motorie
dell’Università di Bologna

Per accelerare le masse degli attrezzi da lanciare, sono necessarie elevate forze muscolari. Queste agiscono attraverso una complessa catena cinetica, che va dai piedi al braccio lanciante dell'atleta. Quest'applicazioni di forza veloce, risultano efficacemente utilizzabili se sorrette da una tecnica esecutiva che rispetti i principi della biomeccanica. La gittata dei singoli attrezzi (peso, disco, giavellotto e martello) è determinata anche dall'angolo d'uscita ottimale e dalle condizioni aerodinamiche dell'attrezzo medesimo che, per disco e giavellotto, influenzano la balistica della traiettoria.

Getto del peso

E' una specialità che ha origine nelle feste popolari delle isole britanniche, con l'utilizzo d'attrezzi non standardizzati. Nell' 800, il peso fu fissato in 16 libbre, corrispondenti Kg. 7,257 di peso che tutt'ora, per regolamento I.A.A.F., è usato nelle gare maschili. L'attrezzo per le competizioni femminili è di Kg. 4. Il getto del peso ha un tempo esecutivo ridottissimo, circa un secondo. Il lanciatore, forte muscolarmente, deve essere estremamente dinamico nell'azione. Le tecniche adottate agli albori della specialità, erano generalmente dettate da interpretazioni personali, con scarso sfruttamento dell'azione delle gambe. Negli anni '50 l'americano Parry O' Brian modificò, in parte, la tecnica di lancio, razionalizzandola e sfruttando maggiormente la forza degli arti inferiori. Non più una traslocazione laterale ma "dorsale" che permetteva una maggiore torsione del busto nell'azione finale. L'atleta, con anticipo delle anche, si raddrizzava e con un'azione "catapulta" spingeva il peso ad una velocità di circa 14 metri al secondo. Negli ultimi anni alla tecnica "dorsale" si è affiancata quella "rotatoria", simile a quella del lancio del disco, che permette di aumentare la velocità d'uscita dell'attrezzo.

Records
Uomini: R. Barnes (Usa): m. 23,12 nel 1990.
Donne: N. Lisovskaya (Urss): m. 22,63 nel 1987.

Lancio del disco

Il lancio è universalmente riconosciuto come un'azione atletica "classica". Di origini remote (la statua del famoso discobolo greco di Mirone (V secolo a.C.) n'è una tangibile testimonianza) era praticato in antichità con attrezzi maggiorati sia per diametro sia per peso. Nelle gare odierne il peso è di 2 Kg. per gli uomini e 1 Kg. per le donne.  Il disco rappresenta una disciplina nella quale agiscono, prevalentemente, forze rotatorie. L'atleta, mentre ruota in pedana, esegue anche un avanzamento verso la zona di lancio e, nel compiere il movimento, genera una forza centrifuga progressiva sul suo asse verticale. Questa forza deriva da una velocissima rotazione-traslocazione-giro delle gambe, mentre l'asse formato dalle spalle-braccio lanciante e disco, rimane sempre arretrato. Nella fase finale del lancio la catena cinetica, che inizia dagl'impulsi dei piedi per finire con l'azione frustata del braccio, porta il disco ad uscire dal basso verso l'alto, con un angolo di proiezione ottimale. La rotazione giroscopica, dell'attrezzo, favorisce una maggiore penetrazione-stabilità dello stesso in aria.

Records
Uomini: J. Schult (G. Est): m. 74,08 nel 1986.
Donne: G. Reinsch (G. Est): m. 76,80 nel 1988.

Lancio del martello

L'attrezzo è costruito da una testa sferica di metallo dalla quale parte un filo d'acciaio che termina con una impugnatura triangolare. Il tutto per una lunghezza di circa 120 cm., per complessivi 7,260 Kg. (4 Kg. per le donne). Le forze che il lanciatore esercita sull'attrezzo, sono applicate all'impugnatura e trasmesse, tramite il filo, alla testa del martello. Questo, in uscita, esprimerà una velocità finale proporzionata all'entità delle forze impresse. Dal punto di vista fisico, gli impulsi di forza applicati dall'atleta generano un moto uniformemente accelerato.

Il lanciatore impugna l'attrezzo con entrambe le mani e ruota all'interno della pedana, trasmettendo alla sfera (che si muove su di un'orbita circolare) una progressiva velocità "angolare". Nei movimenti rotatori, l'equilibrio dinamico mantenuto dall'atleta riveste un'importanza fondamentale per la buona riuscita del lancio. Egli esegue le rotazioni sul suo asse longitudinale, facendo sempre "perno" sul piede interno, provocando un'inclinazione progressiva del piano orbitale del martello e terminando l'azione con la distensione completa delle gambe, del tronco, cui fa sempre seguito una potente "frustata" delle braccia che lasciano l'attrezzo con traiettoria di poco inferiore ai 45°.

Pubblicità
Records
Uomini: Y. Sedykh (Urss): m. 86,74 nel 1986.
Donne: B. Heidler (Germania): m. 79,42 nel 2011.

Lancio del giavellotto

Le prime notizie storiche sul lancio ci provengono dall'antica Grecia, più precisamente, dagli scritti di Senofonte, 776 a.C.. Nonostante questa tradizione ultra millenaria, nel periodo di rinascita dello sport moderno la gara acquista ufficialità soltanto alla quarta edizione delle Olimpiadi (Londra, 1908). Nella ricerca di migliorare sempre di più la struttura aerodinamica, per un maggior "veleggiamento" in aria, l'attrezzo ha subito nel tempo continue modifiche strutturali, pur restando sempre nei limiti regolamentari di peso: 800 g per gli uomini e 600 g per le donne. Quando U. Hohn, nel 1984, con un lancio raggiunse la misura di m. 104,80 la I.A.A.F., per garantire più sicurezza negli stadi, intervenne modificando il regolamento sulla costruzione del giavellotto spostando il suo baricentro alcuni centimetri più avanti. Ciò ha permesso una traiettoria con parabola discendente più rapida, favorendo un atterraggio più netto dell'attrezzo (con la parte anteriore: il regolamento annulla i lanci che atterrano "di pancia" o con la zona posteriore), limitando di fatto i rischi d'incolumità generale. Attualmente, i record della specialità sono ufficializzati solo se ottenuti con il nuovo attrezzo. Il giavellotto è l'unico lancio atletico dove è permessa una rincorsa. Infatti, l'azione non si esegue su una pedana circolare ma su una vera e propria zona di rincorsa, lunga almeno 30 metri. Come per tutte le gare di lancio, lo scopo primario della performance è di ottenere la massima velocità d'uscita dell'attrezzo. Questa si ottiene attraverso il rispetto della catena biocinetica nel finale di lancio. Al termine della rincorsa, l'atleta, raggiunge una posizione di massima tensione muscolare con un atteggiamento "ad arco" ed il posizionamento del giavellotto, sfilato dietro, con il braccio in estensione. Da questa posizione il giavellottista inizia l'azione di lancio che si conclude, anche in questo caso, con la "frustata" del braccio lanciante a seguito del preventivo intervento di: gambe, anca, tronco, spalla.

Records:
Uomini: J. Zelezny (R. Ceca): m. 98,48 nel 1996.
Donne: B. Spotáková (R. Ceca): m. 72,28 nel 2008.  

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Simone Moro e Tamara Lunger: l'alpinismo come sfida estrema ai propri limiti

Missione: quasi impossibile. Eppure Simone Moro, che ha condotto spedizioni in zone impervie e remote della Terra e detiene il record di ascensioni nella stagione invernale su quattro delle vette oltre gli ottomila metri, è riuscito a stupire ancora con la sua ultima impresa in Siberia. A...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato