Menu Fitness e Sport
Sei in:   benessere.com / Fitness e Sport / Sport / Baseball

IL BASEBALL

A cura di Andrea Carlucci

Ad un primo approccio il Baseball può apparire uno sport di difficile comprensione e con regole assai complesse. In realtà è un gioco semplice, giocato da due squadre di 9 giocatori ciascuna e diviso in fasi di attacco e di difesa.
Quando ciascuna delle due squadre ha completato un turno di attacco e un turno di difesa si dice che si è concluso un inning o ripresa. In una partita si disputano 9 “inning” senza limiti di tempo e in caso di parità sono previsti tanti inning supplementari quanti ne servono per dichiarare una delle due squadre vincente.
A turno ci saranno tutti i giocatori di una squadra nel ruolo di battitori che avranno lo scopo di fare più punti possibili e dall’altra i difensori schiereranno un lanciatore (il ruolo più importante), un ricevitore (che è accucciato dietro il piatto ed è il vero regista della squadra), 3 uomini che difendono i cuscini (prima, seconda e terza base), un uomo tra seconda e terza base (si chiama interbase), e 3 esterni.
Un punto si segna quando un attaccante (battitore) riesce a completare il giro delle basi e tornare a “casa base”.
La difesa deve cercare di eliminare 3 battitori per consentire alla squadra di passare in attacco. In linea di massima, l’eliminazione si ottiene rilanciando la palla verso il cuscino che il battitore (divenuto corridore) sta cercando di raggiungere prima che questo arrivi o prendendo la palla prima che tocchi terra (al volo). Un altro modo per eliminare il battitore è “al piatto”. Succede quando il lanciatore ottiene 3 “strike”, ovvero lancia la palla in una determinata zona (un solido immaginario che ha le dimensioni del “piatto” e un'altezza che va dalle ascelle alle ginocchia del battitore) o costringe il battitore a girare la mazza senza colpire la palla (swinging and miss). Se il battitore lascia passare 4 palline fuori dalla zona dello strike guadagna la prima base. Se il battitore non gira la mazza, è l'arbitro a decidere se il lancio è strike o “ball”.

Il campo di gioco è a forma di “diamante” suddiviso in un settore interno ed in uno esterno ; vi è un settore circolare al centro che misura 121,92m (400 piedi) che rappresenta la distanza tra il punto di convergenza delle linee (casa base) e la recinzione centrale del campo; ai lati le linee di foul di 97,53m (320 piedi) destra e sinistra. Alla destra ed alla sinistra dei lati paralleli del piatto vengono segnati con il gesso anche due rettangoli detti box del battitore. La prima, la seconda e la terza base sono sacchetti o cuscini quadrati di tela o plastica bianca di 38 cm (15 pollici) di lato, fissati saldamente al terreno.

Termini tecnici e regolamentari:
Corsa: dopo una battuta valida il battitore deve raggiungere almeno la prima base. Su una base non può trovarsi più di un giocatore. Il ritorno ad una base è permesso ma non si può tornare alla zona di battuta.
Gioco forzato: se il battitore riesce a colpire la palla deve correre sulla prima base. Se su quest’ultima si trova un corridore, quest’ultimo deve liberarla e correre su quella successiva. Quando il corridore è obbligato a correre perde ogni diritto sulla base che occupava sino a quel momento.
Gioco non forzato: Se la prima base è libera e il corridore successivo si trova soltanto sulla seconda o terza base è lui che decide se rimanere o ricominciare a correre.
Out: I difensori hanno il compito di impedire agli attaccanti di raggiungere indisturbati la casa base e dunque segnare punti per la loro squadra. Essi possono mettere “out” gli attaccanti impedendo loro di concludere il giro.
Flyball: presa al volo della palla da parte della difesa.
Ritoccare o retouch: In occasione di un flyball tutti coloro che si trovano fra due basi (quando la palla è in volo) devono tornare sulla base abbandonata prima di poter ripartire verso la base successiva al termine della presa.
Home run (fuoricampo): Se un battitore riesce a mandare la palla dietro la linea del campo esterno, lui stesso e tutti gli altri corridori possono ritornare alla casa base senza essere eliminati dai difensori.

La storia del baseball in breve
In Inghilterra, all’inizio del 1700, si hanno le prime testimonianze di un gioco chiamato “Baseball”. In Europa il Baseball arriva più tardi, quando ad inizio ‘800 viene pubblicato in Francia “Les yeux des jeunes garçons”, un volume che contiene le regole del gioco e che prevede già l’utilizzo di mazze e palline e la corsa sulle basi. Negli Stati Uniti viene riconosciuto come inventore del baseball Abner Doubleday cui sono riconosciute la primogenitura del “diamante”, l’invenzione dei ruoli e delle regole. L’ipotesi è accettata fin dai primi anni del ‘900 sulla base di una ricerca condotta da Al Spalding (leggendario produttore di articoli sportivi e giocatore professionista). Le regole del gioco erano state comunque pubblicate nel 1845 a Manhattan dal padre riconosciuto del baseball moderno: Alexander Cartwright. Il manuale prevede 4 basi distanziate tra loro di 90 piedi e regolamenta i concetti di ‘foul ball’, inning e out. Il battitore è detto ‘striker’ e i punti sono chiamati ‘aces’. Il baseball di Cartwright, applicato da una squadra chiamata Knickerbockers, non prevede un arbitro che chiami lo ‘strike’ o il ‘ball’ e decreta l’out anche se la palla è colta dal difensore al primo rimbalzo.
Nel 1857 nascono le partite di 9 inning e un anno dopo l’arbitro inizia a chiamare ‘strike’ e ‘ball’. Nel 1858 nasce la “National Association of Baseball Players”, di fatto la prima lega della storia. Nel 1869 nascono i Cincinnati Red Stockings, la prima squadra professionistica di baseball. Nel 1875 si impone però il concetto di ‘Club’: nasce la National League, che come primo atto decide di proibire il gioco del baseball professionistico a chi non è bianco.
Nel 1978 il baseball arriva anche a Cuba, oggi una delle capitali mondiali di questo sport. Da Cuba, lo sport si diffonde in molti paesi caraibici e latinoamericani. Tra questi, i più competitivi a livello mondiale sono Repubblica Dominicana, le Antille Olandesi, Porto Rico, Colombia, Costarica e Venezuela.

Pubblicità

Il  baseball è praticato anche in Estremo Oriente. La prima partita disputata in Giappone data 1873 e l’organizzazione professionistica del Sol Levante vede la luce nel 1930.
Nel 1904 il baseball fa la sua prima apparizione in un’Olimpiade a St. Louis mentre nel 1938 nasce l’International Baseball Federation (IBF), la Federazione Mondiale. Il primo vero Mondiale, con la partecipazione di 9 squadre, si gioca comunque nel 1939 e in quell’anno Cuba, paese organizzatore, inizia la sua lunga serie di vittorie. Il 1947 segna invece l’inizio del rapporto tra il baseball e la televisione. Quelle giocate a New York tra gli Yankees e i Brooklyn Dodgers sono le prime “World Series” ad approdare sul piccolo schermo. Dopo la Guerra si inizia a giocare anche in Italia. Nel 1948, 5 squadre disputano il primo Campionato, vinto dalla Libertas Bologna.
Dopo essersi organizzato a livello mondiale, per il baseball arriva anche il momento di darsi una struttura in Europa. Vede così la luce nel 1953 a Parigi la Confederation Europeenne de Baseball (CEB), la prima Federazione Europea.
Gli anni ‘50 segnano una svolta epocale anche in America. Nel 1958, 2 delle storiche squadre dell’area di New York (i Giants e i Dodgers) si spostano in California, rispettivamente a San Francisco e Los Angeles.
Il 1966 stabilisce una nuova pietra miliare nella storia del baseball. Grazie all’impegno di superstar come Sandy Koufax nasce la ‘Player Association’, il Sindacato dei giocatori di baseball.
Attualmente 117 nazioni fanno parte della IBAF (International Baseball Federation) e sono organizzate in 5 confederazioni, una per ogni continente.

Il Baseball in Italia
Il massimo campionato di Baseball che si tiene in Italia è chiamato “Italian Baseball League” (IBL) o serie A1. Oltre a questa, esiste la serie A2 costituita da due gironi di dieci squadre ciascuno e una serie B con quattro gironi, una C1 nazionale e una C2 regionale, oltre alle numerose categorie giovanili, il baseball per i non vedenti e il baseball amatoriale. Nel corso dei singoli Campionati si gioca la Coppa Italia tra le squadre della stessa categoria.
La FIBS (Federazione Italiana Baseball e Softball) affiliata al Coni, si occupa della promozione del baseball a tutti i livelli. La Nazionale Italiana di Baseball partecipa ai campionati europei e a quelli mondiali; nel tempo ha conquistato il titolo di Campione d’Europa per 7 volte. Nei mondiali ha ottenuto il miglior piazzamento guadagnando il quarto posto nel 1998.
L’Italia è stata scelta per ospitare le fasi finali del campionato mondiale di baseball organizzato dalla IBAF nel settembre 2009.

Le foto dell’articolo sono state gentilmente messe a disposizione dalla Federazione Italiana Baseball Softball (FIBS).

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

DG skating: esercizio muscolare, equilibrio e divertimento a ritmo di musica

DG Skating è un programma di allenamento che utilizza un innovativo skateboard, mirato al raggiungimento di due obiettivi fondamentali: dimagrire e tonificare, attraverso esercizi che coinvolgono tutta la muscolatura. Ogni allenamento viene modulato a seconda del grado di preparazione fisica...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

L’allegria di un compleanno “social”

Scritto il 23 January 2018 da Alberto&Alberto

L’avvento di Facebook ha cambiato il modo di rapportarsi tra le persone. La maggior parte degli auguri – siano essi legati ad un compleanno, un anniversario o una festività – giungono ora ‘via social’, senza contatti diretti. Ma prendiamola per il verso giusto

Pillole di benessere

Dieta mediterranea e longevità

Scritto il 19 January 2018 da Welly

Gli italiani sono tra le popolazioni più longeve del mondo e ciò è probabilmente dovuto ad una alimentazione che comprende quella stessa quantità di macronutrienti che due recenti studi associano ad una minore mortalità.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato