Menu Fitness e Sport

SCIALPINISMO Sport e modo di vivere

A cura di Renzo Zonca

Il fascino di questa disciplina sportiva è difficile da descrivere a parole, ma forse risiede nel suo stesso nome: sci più alpinismo. In pratica, l'unione di due tra gli sport più belli ed esaltanti della montagna. Le impagabili soddisfazioni dell'alpinismo si uniscono così all'allegria tipica dello sci da discesa, creando una "miscela" unica, che per molti è più di un semplice sport: è uno stile di vita. Certo, occorre una certa preparazione ed esperienza, ma meno di quanto si possa immaginare.

Cos'è lo scialpinismo

Prima di tutto, cosa si intende per scialpinismo? Secondo il dizionario, si tratta di una "attività sportiva che utilizza gli sci per effettuare ascensioni ed escursioni in montagna, caratterizzate da notevole dislivello e discese fuori pista".

In altri termini, lo scialpinismo è il modo probabilmente più completo e affascinante per percorrere e scoprire la montagna innevata, basandosi sull'unione di due discipline sportive anch'esse di grande fascino: l'alpinismo e lo sci da discesa. Tuttavia, occorre precisare un fatto molto importante: per fare scialpinismo non è indispensabile essere "alpinisti". Il più delle volte, è sufficiente essere dei buoni "escursionisti", ben allenati fisicamente, preparati tecnicamente, ma non certo dei superuomini o degli "scavalcamontagne". Questo per dire che lo scialpinismo non è uno sport per pochi. Con le dovute cautele, e con un approccio corretto, si tratta di una disciplina sportiva alla portata di molti, in grado di regalare grandissime soddisfazioni, e con molti meno pericoli di quanto comunemente si possa pensare.

L'escursione in sintesi

Un'escursione scialpinistica è in tutto simile a un' escursione estiva, con l'ovvia e fondamentale differenza che la montagna è innevata. Per la salita si utilizzano gli sci, dotati di appositi attacchi mobili, che permettono di alzare il piede, come in una vera camminata. Sotto gli sci si fissano le cosiddette pelli di foca (oggi sintetiche) che permettono agli sci di scivolare in avanti, ma non all'indietro. La salita si svolge spesso seguendo l'itinerario estivo, con le necessarie "varianti" dettate dal terreno innevato. Sui tratti più ripidi e sulle creste, sarà necessario procedere a piedi, usando nel caso la tipica attrezzatura alpinistica: ramponi, piccozza e corda. La discesa, si svolgerà ovviamente su neve non battuta artificialmente. Ciò significa che ci potranno essere sciate memorabile in neve fresca o su neve primaverile, come pure discese "da incubo" su neve marcia o peggio crostosa, quasi più faticose della salita.

Classificazione delle difficoltà scialpinistiche
Gli itinerari sono generalmente classificati secondo la scala Blachère, che valuta un percorso con riferimento alle capacità dello sciatore:
M S - Medio Sciatore
Le pendenze sono moderate e lo sciatore deve essere in grado di muoversi con sicurezza su pendii aperti, ma anche con neve difficile. I boschi possono essere fitti e accidentati.
B S - Buon Sciatore
La pendenza dei pendii può arrivare ai 30 gradi e su di essi lo sciatore deve sapersi muovere, curvare e arrestare con sicurezza e nel punto prescelto (anche con neve difficile). I boschi possono essere anche molto fitti, ripidi e accidentati.
O S - Ottimo Sciatore
La pendenza è notevole (anche 40-45 gradi) e lo sciatore deve sapersi muovere con sicurezza, anche con neve difficile e tenendo conto dell'esposizione e di numerosi passaggi obbligati.
L'aggiunta della lettera "A" (Alpinista) indica che l'itinerario richiede - o potrebbe richiedere, in particolari condizioni - anche capacità alpinistiche, con l'uso delle relative attrezzature (corda, ramponi e piccozza).

In genere le difficoltà sono riferite alla montagna in condizioni "medie". Uno stesso itinerario, quindi, potrebbe risultare più o meno difficile, anche in misura rilevante, a seconda delle effettive condizioni di innevamento. Un accenno anche ai boschi, il cui progressivo inselvatichirsi e infittirsi rende il loro attraversamento - in assenza di evidenti sentieri e mulattiere - sempre più problematico e laborioso.

Non per tutti, ma per molti

Come accennato, lo scialpinismo non è una pratica sportiva riservata a pochi "superuomini". Dando per scontato un approccio graduale e rispettoso delle proprie capacità, ogni buon escursionista estivo che sia anche sciatore, può dedicarsi con ottimi risultati allo scialpinismo. In particolare, non è necessario essere un "buon" sciatore, mentre è sicuramente consigliabile essere un buon escursionista. In pratica, la condizione fondamentale per praticare lo scialpinismo è "conoscere la montagna in estate e frequentarla con regolarità". Compiere tre o quattro escursioni in montagna al mese, anche di buon impegno (dislivello superiore ai mille metri), rappresenta di fatto un allenamento fisico sufficiente per poter compiere, nell'inverno successivo, escursioni scialpinistiche di soddisfazione. L'ideale sarebbe poi aggiungere un programma di allenamento fisico specifico (due - tre ore settimanali) specie in previsione di escursioni invernali di un certo impegno.

Viceversa, è poco importante "saper sciare bene in pista": nello scialpinismo, lo "stile sciistico" è l'ultima cosa che interessa. L'importante è scendere a valle in sicurezza, con qualsiasi tipo di neve, su qualsiasi grado di pendenza, sui pendii più liberi come nei boschi più intricati, sul ghiaccio come nella neve fradicia e "marcia". Non di rado, una salita scialpinistica può durare tre, quattro, cinque ore, con uno zaino che può pesare tranquillamente quindici chilogrammi. E' quindi naturale che, nella successiva discesa, la stanchezza cominci a farsi sentire, imponendo uno stile sciistico essenziale, senza fronzoli e finezze, che privilegi prima di tutto la sicurezza. Non è quindi raro il ricorso anche allo "spazzaneve", o alla discesa in "derapata" sui tratti più ripidi o accidentati. L'importante è quindi "scendere sempre e comunque, non importa con quale stile".

Per chi volesse avvicinarsi allo scialpinismo, l'ideale è frequentare uno dei numerosi corsi organizzati dal Club Alpino Italiano, o appoggiarsi, se possibile, ad amici esperti, iniziando a seguirli nelle escursioni più facili, rispettando sempre il principio basilare della massima gradualità.

Preparare l'escursione

La preparazione di una salita scialpinistica è sostanzialmente analoga alla preparazione di un'escursione estiva, ma sicuramente ancora più importante. Mentre in estate può essere sufficiente individuare i sentieri per "andare sul sicuro", con la neve non sempre si può seguire il percorso estivo. Molte volte, occorre seguire un itinerario del tutto diverso, in base alla morfologia del terreno: evitare i tratti più ripidi e i canaloni, preferire le creste e le dorsali, evitare pendii troppo regolari a favore di un terreno accidentato, studiare attentamente la pendenza dei pendii (grazie alle curve di livello delle carte topografiche), ridurre il più possibile le traversate a mezza costa e l'attraversamento di canali, e molto altro ancora, che solo l'esperienza potrà consigliare. In pratica, l'intera escursione dovrebbe essere già "immaginata" e percorsa con la mente sulla cartina, con l'ausilio di una guida scialpinistica della zona (se esistente). Una conoscenza preventiva sempre utile, e a volte indispensabile, come nel caso di scarsa visibilità.

Una volta iniziata l'escursione sul terreno, occorre continuamente guardarsi intorno, per acquisire sempre nuovi elementi di valutazione: condizioni di innevamento (quantità e qualità), temperatura, valanghe già cadute, direzione del vento, presenza di cornici sulle creste, altri elementi di rischio. Tutti fattori che potranno tornare utili nella prosecuzione della gita: quale esatto percorso seguire, evitare i punti più a rischio, individuare le zone con neve migliore per la successiva discesa….

In generale, è ovviamente sempre consigliabile intraprendere un'escursione con buona visibilità e tempo stabile, specie se il percorso fosse poco frequentato, complesso e lungo. Oltre alla carta topografica, è importante avere sempre con sé la bussola e l'altimetro, il cui uso diventa veramente indispensabile nel caso di scarsa visibilità.

Attrezzatura ed equipaggiamento

Questo argomento, da solo, richiederebbe non una scheda, ma un intero libro, tanti e tali sarebbero gli argomenti da trattare. Si suppone quindi che l'abbigliamento specifico sia idoneo e adeguato, e che anche l'attrezzatura ordinaria sia posseduta (sci specifici, attacchi mobili, pelli di foca, rampanti, bastoncini specifici ecc). Al riguardo, nei negozi specializzati c'è solo l'imbarazzo della scelta, con prodotti sempre di ottima qualità. Sempre con la solita avvertenza di "vestirsi a strati", con capi facilmente indossabili, in modo da adeguare il vestiario, di momento in momento, alle esigenze ambientali. Sicuramente sono assolutamente da scartare le pesanti tute tipiche dello sci da discesa: durante una salita scialpinistica, anche in pieno inverno non è raro rimanere in maniche di camicia, se non in maglietta.

Un accenno invece un po' più approfondito all'attrezzatura "tecnica" e alpinistica, la cui conoscenza e capacità d'uso dovrebbe derivare, come già accennato, da una buona esperienza di escursionismo (o alpinismo) estivo. In particolare, non dovrebbero mancare uno spezzone di 15-20 metri di corda da 9 millimetri, completa di alcuni moschettoni con fettuccia, in modo da poter superare anche eventuali imprevisti (salti rocciosi, attraversamenti di ripidi canali ghiacciati o altro). In base alle caratteristiche della programmata escursione (pendii molto ripidi, creste, canali ecc.) l'equipaggiamento sarà completato dalla corda, imbracatura, casco, piccozza e ramponi.

Poiché la montagna invernale non è avara di sorprese, è sempre bene eccedere nell'equipaggiamento: se possibile, specie nel caso di gruppi, è consigliabile una barellina da montare con gli sci, una sonda (per tutti i componenti del gruppo) e una pala da neve (meglio più di una per gruppo).

Tra l'equipaggiamento non dovrà naturalmente mancare l'ARVA, ovvero l'Apparecchio Ricetrasmittente per la Ricerca dei travolti in Valanga. Tuttavia tale apparecchio non deve assolutamente dare una sensazione di eccessiva sicurezza, spingendo quasi a rischiare di più: si tratterebbe unicamente di una falsa sicurezza. Infatti recenti statistiche hanno dimostrato come la mortalità dei sepolti dalle valanghe dotati di ARVA - pari al 66 per cento - non sia poi di molto inferiore alla mortalità dei sepolti non dotati di ARVA - pari al 74 per cento - (H. Brugger, Servizio Valanghe Italiano, CAI).

Analogo discorso vale per il telefono cellulare: questo apparecchio non deve assolutamente indurre a "osare" più del dovuto, "tanto, se capita qualcosa, chiamo i soccorsi col telefonino". A prescindere da ogni considerazione morale o etica, il telefonino potrebbe non funzionare proprio quando ce ne sarebbe più bisogno: uno sperone o una stretta valle potrebbero "schermare" il segnale, il freddo potrebbe mettere fuori uso la batteria scaricandola completamente, una caduta potrebbe danneggiarlo…. Occorre quindi comportarsi come se il telefonino non esistesse, con la massima prudenza, senza correre rischi inutili. Se poi, in caso di necessità il telefonino funzionasse, sarà tutto di guadagnato.

Pubblicità
Pericoli

Il principale pericolo cui va incontro lo scialpinista è rappresentato sicuramente dalle valanghe, definibili come "masse di neve più o meno grandi, che si mettono improvvisamente in movimento lungo un ripido pendio montano, scendendo rapidamente a valle". Il più delle volte, le valanghe che interessano gli scialpinisti sono provocate da loro stessi, "passando dove non si dovrebbe passare". In estrema sintesi, una condotta di gita oculata e attenta, permette di ridurre enormemente il "rischio valanghe", anche se, ovviamente, è più facile a dirsi che a farsi: il pericolo delle valanghe è infatti estremamente variabile, e spesso sorprende anche lo scialpinista più esperto. Non a caso, un famoso detto recita: "la valanga cade dove è già caduta, dove non è mai caduta e dove non cadrà mai più".

Occorre quindi, inevitabilmente, una certa esperienza "sul terreno", acquisibile unendosi a un gruppo già esperto, cercando nel contempo di farsi anche un'utile infarinatura teorica sulla materia.

In ogni caso, prima di compiere un'escursione, occorre sincerarsi delle effettive condizioni del manto nevoso, tramite gli appositi bollettini nivo-meteorologici, specifici provincia per provincia, in grado di fornire preziose indicazioni. Ma non basta: l'ascolto del bollettino deve durare per l'intera stagione invernale, anche quando non si hanno in programma escursioni, per avere un'importante "memoria storica" dell'evoluzione del manto nevoso e del relativo rischio valanghe. In definitiva, nella scelta dell'escursione, e nel dubbio sulla stabilità della neve, è sempre bene eccedere in prudenza, cambiando itinerario o fermandosi prima del previsto: le montagne non scappano, e ci sarà sempre tempo per ritentare.

I bollettini nivo-meteorologici dei vari settori delle Alpi e degli Appennini sono consultabili telefonicamente, via fax o su Internet. Tutte le informazioni sul sito dell' AINEVA.

Da un punto di vista medico, fisiologico e dell'alimentazione, lo scialpinismo presenta sostanzialmente le medesime problematiche dell'escursionismo, a cui si rimanda:

La differenza con il "fuori pista"

A questo punto, si ritiene utile evidenziare la differenza sostanziale con il fuori pista: in questo caso, lo sciatore utilizza normali impianti di risalita per raggiungere un punto elevato, da cui iniziare la discesa appunto "fuori dalle piste battute". In questo caso, lo sciatore il più delle volte non ha nessun tipo di esperienza di montagna, non ha idea delle condizioni della neve e, purtroppo, molte volte neppure pensa alle valanghe. Questo per dire che il semplice fuori pista può essere molto più pericoloso dello scialpinismo, perché svolto da persone senza nessuna conoscenza tecnica delle montagna invernale e dei suoi pericoli.

Il "freeride": l'ultima frontiera?

In questi ultimi anni sta facendo la sua comparsa anche in Italia il "freeride": si tratta di una disciplina dello sci e dello snowboard, che potrebbe essere definita come uno "sci fuori pista elevato all'ennesima potenza", oppure come uno "scialpinismo senza salita". O, forse, come l'unione delle due cose, condita con un po' di sci acrobatico. Di certo, come dice il nome stesso, il freeride non ha e non vuole regole, bensì vuole essere libero, nel senso più letterale del termine. Sciare quindi ovunque e in qualsiasi modo, con l'unico vincolo dettato dalle esigenze di sicurezza personale. Cerchiamo di saperne di più.

Freeride, fuori pista e scialpinismo a confronto

"Freeride" significa, letteralmente, "girare liberi", e quindi può essere assimilato, come detto, allo sci fuori pista elevato all'ennesima potenza. Mentre il classico sciatore fuori pista ricerca sostanzialmente "piste, ma non battute", e quindi pendii anche ripidi ma regolari, ampi, senza imprevisti e pericoli particolari, con un comodo rientro a valle, e magari solo come un semplice intermezzo delle comode e facili discese sulle piste battute, per il freerider la discesa fuori pista è "tutto", in tutti i sensi. Ecco quindi la ricerca non delle discese in senso generico, bensì della "discesa", unica, personale, per certi versi ideale. Non importa quanto ripida, accidentata o difficile.

Per i più esperti, ecco la ricerca di intere pareti lungo le quali scendere, canaloni vertiginosi che fanno venire i brividi solo a vederli, seracchi e crepacci da evitare, boschi accidentati che mettono a dura prova l'orientamento, rocce affioranti…. In pratica, un condensato di emozioni e di sensazioni, e ovviamente di rischi, inutile negarlo, difficile da rendere a parole. Di certo, una sola discesa in queste condizioni può valere quanto un'intera giornata sulle piste, se non di più.

Ma allora, il freeride è come lo scialpinismo? In realtà, le differenze sono ben evidenti, e diremmo nette. Nello scialpinismo, dove tutto è finalizzato alla conquista della vetta, la discesa è una componente importante della gita, ma non certo l'unica. La salita, ad esempio, è parte fondamentale dell'escursione, e spesso regala allo scialpinista grandissime emozioni e soddisfazioni, tipiche appunto dell'alpinismo. La successiva discesa, se fatta con buona neve, costituisce quindi "solo" il coronamento e il premio finale di una bella ascensione. Viceversa, con pessime condizioni di neve o di tempo (neve marcia, ghiacciata o peggio crostosa, nebbia…), la discesa viene quasi a trasformarsi in una penitenza, da concludersi il più rapidamente possibile.

Per il freerider, invece, come abbiamo visto, conta solo e solamente la discesa. La salita è quindi secondaria, e comunque funzionale al raggiungimento del punto di partenza della discesa. E quindi sono utilizzati tranquillamente gli impianti di risalita e - orrore di tutti gli scialpinisti degni di questo nome - anche l'elicottero.

Un'altra differenza riguarda le condizioni fisiche con cui si affrontano le discese: lo scialpinista, per quanto allenato, ha alle spalle ore e ore di faticosa salita con un pesante zaino in spalla, ragion per cui in discesa deve fare i conti con l'inevitabile stanchezza che lo porta, in genere, a "evitare le rogne", e comunque a cercare la via di discesa relativamente più facile e sicura. Il freerider, viceversa, può iniziare la discesa perfettamente riposato, magari dopo un periodo di riscaldamento muscolare, con uno zaino più leggero, potendo scegliere esattamente l'ora per garantirsi condizioni ottimali di neve, per cui può permettersi di affrontare la discesa in modo decisamente più atletico, sportivo, alla ricerca del puro piacere di sciare.

In conclusione, mentre lo scialpinista deve suddividere e dosare le sue energie, sia fisiche che mentali, tra la salita e la discesa, il freerider può concentrarsi sulla sola discesa. Una differenza non da poco. Ma non si possono neppure dimenticare le differenze di carattere "etico", spesso molto sentite dagli scialpinisti, ad esempio per ciò che riguarda l'uso dell'elicottero in montagna.

Sei qui Pagina successiva Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Scialpinismo Scialpinismo: Preparazione atletica Scialpinismo: Le valanghe

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Simone Moro e Tamara Lunger: l'alpinismo come sfida estrema ai propri limiti

Missione: quasi impossibile. Eppure Simone Moro, che ha condotto spedizioni in zone impervie e remote della Terra e detiene il record di ascensioni nella stagione invernale su quattro delle vette oltre gli ottomila metri, è riuscito a stupire ancora con la sua ultima impresa in Siberia. A...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato