Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Articoli vari / Nuove terapie / Adoles. bioenerg.

ADOLESCENZA E BIOENERGETICA:
IL CORPO CHE DIVENTA ADULTO

A cura di Sara De Felice

Al momento dell'adolescenza l'immaturità è un elemento essenziale di salute. E per l'immaturità non c'è che una cura, lo scorrere del tempo e la crescita verso la maturità, che solo il tempo può favorire” (Winnicott, 1961).

Un compito difficile per tutti coloro che hanno a che fare con gli adolescenti, siano essi genitori, educatori, insegnanti o psicologi, è quello di distinguere tra comportamenti a rischio che fanno parte di un processo che chiede solo rispetto e attesa e quelli che invece esprimono un'urgente richiesta di aiuto.
È nella natura stessa dell'adolescente spingersi verso, e delle volte oltre, il limite consentito. Compito di sviluppo di questa fase di crescita è proprio la scoperta, la conoscenza delle regole, il superamento della fase onnipotente infantile per scoprire i limiti che caratterizzano la maturità dell'età adulta. Non si possono conoscere i confini se non vengono sperimentati.
Alla ricerca della propria soggettività l'adolescente prova i propri limiti sia emozionali che corporei, come se dovesse capire qual è la sua resistenza evocando emozioni o sensazioni “forti”. Questo agire mantiene il suo carattere evolutivo se non viene investito troppo del pensiero magico e onnipotente caratteristico del pensiero infantile.

Ciò che è importante, quando si parla di adolescenti, è entrare nell'ottica che gli agiti non devono essere considerati solo come comportamento fine a se stesso, circoscritto a quella situazione, ma va letto in un'ottica più ampia ovvero come atto comunicativo, non come pura forma di trasgressione ma come significativa forma di comunicazione, come modalità di rimettere in gioco vissuti di tipo pre-verbale che sono stati registrati nel sé infantile, senza aver trovato modo di essere diversamente elaborati. Ha poca importanza la “classificazione” dell'agito, ciò che conta è cosa vi è dietro a questo gesto, perché è stato fatto, che fine e scopo voleva raggiungere, cosa voleva comunicare all'esterno.

Pubblicità
In termini clinici l'agire è una messa in atto di un comportamento per evitarne un altro, quindi per scappare da ciò che ci crea sentimenti negativi, per il terapeuta può essere un indicatore che rileva la strada da percorrere durante il processo terapeutico, su cosa si deve rievocare e riscrivere all'interno della relazione.
Quando si prova una forte tensione emotiva, ad esempio forte ansia, si ha la necessità di scaricarla: si parla di agito quando questa viene liberata attraverso un'azione che è caratterizzata da una mancata valutazione delle conseguenza su se stesso e sull'ambiente, venendo meno il lavoro di elaborazione e simbolizzazione.
Nell'adolescenza queste manifestazioni assumono le forme più varie, dagli agiti meno appariscenti, “privati” a quelli che impegnano la famiglia e tutto l'ambiente sociale circostante, fino a quelle più estreme che segnalano una caduta di speranza e progettualità.
È in questa fase che l'adolescente comincia a ridisegnare se stesso, sia a livello corporeo, con tutti i cambiamenti dello sviluppo, e sia a livello mentale, comincia una riflessione profonda su di sé e sul mondo, ripensandosi in modo diverso. Colloca se stesso, l'età che vive, nell'arco temporale che è la vita non più pensata come linea che sfuma all'infinito ma ricolloca se stesso e i suoi genitori in una dimensione finita, privandola dell'onnipotenza che ha caratterizzato l'infanzia.

Attraverso il pensiero e all'interno di un diverso radicamento della propria identità l'adolescente fa un lavoro di spola tra il bambino che non è più e le potenzialità dell'adulto che non è ancora. Azione e pensiero sono comunque tentativi, anche se di segno diverso, di padroneggiare l'angoscia di una transizione che confronta l'adolescente con la perdita, con l'indefinito e con il vuoto.
Questo processo di rielaborazione del Sé viene chiamato “processo di soggettivazione” in cui si sviluppa una graduale appropriazione in termini soggettivi di progetti, desideri, pulsioni ed emozioni.
Lowen, a proposito di consapevolezza del proprio sé, introduce il concetto di radicamento (grounding), che indica la connessione energetica con la realtà, tra i piedi e il terreno sul quale appoggiano. Avere grounding, in un senso più ampio, vuol dire essere in contatto con il proprio corpo, e con la verità della propria esistenza, anziché vivere "tra le nuvole", soltanto nella propria testa e nei propri pensieri.
L'adolescente, con la crescita, fa l'esperienza di come la libera espressione delle emozioni si scontri con il rifiuto, la disapprovazione, l'umiliazione, la punizione. Non sentendosi libero di esprimere e provare le diverse emozioni che lo investono impara a controllarle, attraverso diversi meccanismi di difesa, e questo ha delle conseguenze. Blocca permanentemente i muscoli coinvolti in queste espressioni mediante tensioni croniche, che sono inconsce.
Un vortice emozionale e di novità travolge l'adolescente che si deve accompagnare nel modo migliore nel passaggio all'età adulta per poter prevenire comportamenti ed agiti a rischio. È possibile far conoscere all'adolescente le emozioni di cui sente una forte pressione, fargli sperimentare in contesti protetti che è possibile sopportare e reggere le emozioni anche se forti e angoscianti e contemporaneamente lavorare per aumentare la percezione dei proprio corpo e riconoscerne i segnali impliciti che ci manda.

Uno strumento utile per questi scopi è l'analisi bioenergetica che, ponendo l'attenzione all'integrazione mente corpo, rende possibile una maggiore consapevolezza e conoscenza di se stessi e delle proprie capacità combinando terapia corporea e psicoterapia verbale. Il concetto di integrazione è basato sul fatto che mente e corpo formano un'unità. Noi siamo i nostri pensieri, emozioni, sensazioni, impulsi ed azioni.
Il lavoro bioenergetico offre la possibilità di rientrare nella conoscenza del corpo vissuto sperimentando in prima persona quale attivazione, quale sensazione, quale emozione, quale stato energetico, quale immagine e quali ricordi emergono negli esercizi corporei di bioenergetica. Il proprio corpo diventa il focus centrale del “linguaggio del corpo”. Attraverso l'implicito che ci comunica il corpo l'adolescente riesce a esprimere ciò che a parole e mentalmente ancora non riesce ad elaborare.
Parlare di consapevolezza corporea significa analizzare una parte profonda del proprio sé, decodificare messaggi impliciti connessi alla propria emotività. Permettendo la costruzione di quella “identità dell'Io” formata dalla connessione di identità corporea, identità emozionale, identità relazionale.

Il corpo degli adolescenti spesso provoca impaccio e non viene riconosciuto dal soggetto stesso, sono frequenti pensieri e sensazioni di estraneità e di non riconoscimento della propria fisicità. Un lavoro di terapia psicoanalitica che parte dal corpo e dalle sue sensazioni è un ottimo strumento per eliminare o almeno allentare l'angoscia dovuta a questo cambiamento. Ogni tensione muscolare, sia essa cronica (parte cioè della nostra armatura caratteriale), oppure generata da uno stress temporaneo di qualsiasi genere e gravità è un "buco" nella capacità di sentire il corpo, quindi di percepire se stessi. Nella contrazione, infatti, rimane trattenuta l'energia dell'emozione "pericolosa" che l'adolescente non ha saputo esprimere o ha espresso in modo non funzionale, attraverso un agito pericoloso. Di conseguenza, non solo non è più in grado di agirla in modo socialmente accettato (piangendo, urlando, ridendo, pestando i piedi) ma non è neppure più capace di sentirla: non sa se è triste o arrabbiato, bisognoso di affetto o umiliato. Ogni tensione muscolare, quindi, è un vuoto nella capacità di percepire se stesso, un vuoto nel senso di identità.

Pubblicità
Diventa quindi necessario accogliere il ragazzo, comprendere i suoi comportamenti leggendoli in un'ottica di interpretazione di ciò che c'è al di là del comportamento stesso, accogliendo le paure e le angosce dell'adolescente e rimandandole nella relazione terapeutica come una normale fase dello sviluppo.
Secondo Guy Tonella, affinché si costruisca un sé sicuro devono realizzarsi due paradigmi fondamentali: la costruzione di un contenitore e quella di un regolatore omeostatico, entrambi codificati nella memoria procedurale.
Il contenitore serve a mantenere i propri vissuti in sé. Caratteristica dell'adolescente è la dispersione delle emozioni, la difficoltà nella gestione di esse, viene investito da sensazioni nuove e ne è travolto come una valanga, vive come se ogni cosa fosse assoluta e definitiva, senza riuscire a frenarla. Il contenitore è costruito dallo sguardo, dalle braccia in brave dal corpo della madre o del terapeuta. Riuscendo a delineare e a percepire i confini del proprio corpo è possibile conservare all'interno di sé dei contenuti esperienziali che potranno essere rivissuti senza esserne sommersi dal loro contenuto emozionale.

Il regolatore omeostatico è la capacità di regolare l'intensità dei propri stati psico- biologici affinché essi non sovrastino l'adolescente. La madre o il terapeuta calma o stimola, regola le mancanze o gli eccessi, anche questa regolazione può essere fatta attraverso lo sguardo, la voce, le braccia, attraverso il corpo ed il linguaggio implicito.
Accogliere, dare un confine e permettere l'allontanamento, è ciò che serve all'adolescente, riprendendo un concetto di Bowlby: lasciare che il ragazzo possa sperimentare avendo una base sicura dove poter tornare.

Bibliografia
• Borrello M. R. (1997), La classe di esercizi bioenergetici. Uno strumento per il rinforzo dell'identità, Psicologia e Scienze Umane N1 aprile 1997
• Borrello M.R. (2009), La classe di esercizi bioenergetici, momenti di regolazione interattiva e di autoregolazione, Il corpo narrante N. 2 Luglio 2010
• Bowlby J. (1989), Una base sicura, Raffaello cortina editore
• Carbone P. (2001), Le ali di Icaro, Bollati Boringhieri Saggi
• Carbone P. (2005), Adolescenze, Edizioni Magi
• Lwen A. (1979), Espansione ed integrazione del corpo in bioenergetica, Astrolabio
• Lowen A. (2004), Bioenergetica, Economica Feltrinelli
• Tonella G. (2009), Il sé una continuità psicocorporea, memoria procedurale e terapia psicocorporea, Il corpo narrante N. 1 Dicembre 2009
• Winnicott D.W. (1965), La famiglia e lo sviluppo dell'individuo, Armando, Roma, 1968

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

I sogni: cosa ci raccontano? Perché sogniamo?

Dalle società più antiche fino alla scienza moderna, l'uomo ha sempre voluto comprendere le immagini che di notte popolano il sonno. Freud ha posto le basi della psicanalisi proprio sullo studio dei sogni e dei significati che hanno per il soggetto, cercando di dare un senso alle...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Un bebè nel branco: nuovi equilibri familiari con un animale domestico

Un nucleo familiare composto da una coppia e un animale domestico è un piccolo "branco", con i suoi ritmi e equilibri. All'arrivo di un figlio, questa armonia può destabilizzarsi e il cane (ma anche il gatto), abituato ad avere attenzioni, coccole ed accesso libero agli spazi della...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Altrimenti ci divertiamo

Scritto il 16 gennaio 2018 da Alberto&Alberto

I film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill hanno rallegrato per decenni il pubblico di tutto il mondo. Un fenomeno nato in Italia e che sopravvive, con le riproposte televisive, ai mutamenti delle mode e dei gusti degli spettatori.

Pillole di benessere

I giorni dell’influenza

Scritto il 12 gennaio 2018 da Welly

Ha già colpito 2 milioni di italiani ma il picco dell’influenza avverrà in questi giorni di metà gennaio. In presenza di febbre alta, gli esperti sconsigliano l’uso degli antibiotici e suggeriscono invece i vaccini e gli antipiretici. Da assumersi per via orale.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato