Menu Psicologia

IL BABY NUOTO

A cura di Katia Carlini, Psicologa e Psicoterapeuta

Il cosiddetto Baby Nuoto è un metodo innovativo, consigliato da esperti in neonatologia e da ostetriche professionali, che consente uno sviluppo armonico degli infanti.
Dal momento che il bambino che è rimasto per mesi all’interno della madre avvolto in una sacca liquida che ne ha preservato la sopravvivenza, egli conosce bene l’ambiente acquatico. L’acqua potrebbe, allora, essere un dejà vu per il bambino, un’esperienza già provata e dalla quale si è sentito separare attraverso l’evento “traumatico” della nascita. Il neonato immerso presto nell’acqua, infatti, percepisce una sensazione di equilibrio corporeo, identificando questa situazione come qualcosa di non totalmente sconosciuto e allo stesso tempo come un ambiente esterno con il quale cominciare a prendere familiarità.

L’apprendimento motorio in acqua
Il bambino, immerso in piscina, sin da subito, anche in assenza di movimento, rivela la disposizione o l’intenzione di un agito o di un desiderio di comunicazione grazie alla presenza di un’attività tonica che esprime un determinato livello di vigilanza, disponibile a una eventuale azione. Con il tempo, infatti, l’ambiente acquatico consente, anche grazie all’assenza di gravità, una serie di gesti e movimenti che si snodano in contemporaneità o in successione e che ottengono delle regolazioni toniche, un miglioramento del grado di precisione, di plasticità e di armonia. A rafforzare la scelta del baby nuoto è anche la considerazione che i neonati possiedono un “riflesso del nuoto” che gli permette, una volta sorretti nell’acqua in posizione ventrale, di muovere braccia e gambe. Il “riflesso del nuoto”, come tutti gli altri riflessi – riflesso di suzione, riflesso di Moro, riflesso di prensione, ecc – è un comportamento involontario, determinato da connessioni neuromuscolari controllate dal midollo spinale e dal midollo allungato, che scompaiono o si trasformano in atti volontari in concomitanza con la maturazione dei centri corticali. Nello specifico, tra i 4 e gli 8 mesi di vita il controllo attivo della corteccia si estende ai nervi spinali superiori consentendo il controllo volontario degli arti superiori, mentre tra gli 8 e i 14 mesi il controllo della corteccia si estende agli arti inferiori. Alla luce di quanto detto, il bambino piccolissimo non deve imparare a nuotare poiché, in modo istintivo, è già in grado di farlo, mentre chi inizia a nuotare quando il movimento delle braccia e delle gambe sono già sotto il controllo della corteccia cerebrale, deve imparare tutto dall’inizio. Si capisce, quindi, come nuotare può allora immediatamente entrare a far parte della memoria motoria del bambino. Aspetto fondamentale dell’apprendimento motorio in genere, infatti, è dato dalla capacità di riconoscere e rievocare sequenze motorie, posture corporee, percezioni relative a tensioni muscolari, ecc. Si tratta della memoria motoria che consente al soggetto di accedere a un’ampia varietà di informazioni senso-percettive, oppure di scegliere la serie di movimenti più adeguati a una certa azione motoria già sperimentata. Queste considerazioni hanno importanti conseguenze psicopedagogiche: esse indicano in modo molto chiaro la necessità che il bambino si sviluppi in un ambiente caratterizzato da stimolazioni adeguate alle sue potenzialità. Del resto non ci può essere maturazione al di fuori di un giusto contesto esperienziale. Così, una volta compiute le prime vaccinazioni obbligatorie – intorno al terzo mese – e le visite di routine – esami diagnostici al cuore e alle anche – il bambino può fare il suo primo corso di nuoto.

Pubblicità
La relazione nel baby nuoto
Il baby nuoto implica la presenza in acqua di un istruttore specializzato per neonati, di solito un’ostetrica o comunque personale adeguatamente formato, e uno o entrambi i genitori. Compito del personale specializzato è quello di indicare gli esercizi che il neonato può svolgere in acqua tenendo conto della sua età e della sua maturazione fisiologica al fine di potenziare quelle abilità non ancora presenti ma di immediato sviluppo. Infatti, con un po’ di assistenza e qualche esercizio, un bambino sano, grazie al “riflesso del nuoto”, può muoversi agevolmente in piscina. Per farlo nuotare in superficie è sufficiente che qualcuno gli sorregga la testa fuori dall’acqua, tenendolo sotto le ascelle, in posizione ventrale, o appoggiando la sua testa sul collo dell’educatore in posizione supina. I vari esercizi proposti, infatti, se organizzati nel migliore dei modi possono rappresentare una prima educazione al movimento attraverso:
- lo sviluppo degli schemi motori e posturali di base, indispensabili all’organizzazione del movimento e del controllo del corpo;
- il rafforzamento della muscolatura e della spina dorsale;
- lo sviluppo delle prime capacità motorie e l’apprendimento delle prime abilità motorie.

Non si dimentichi che il movimento si sviluppa come qualsiasi altra funzione della personalità in un rapporto continuo con l’ambiente. Inoltre, occorre ricordare che il bambino che acquisisce una nuova abilità motoria sviluppa un senso di sicurezza fisica che si traduce in sicurezza psichica. Il movimento, si sa, attiva e stimola la respirazione e la circolazione, purifica le cellule, rafforza muscoli e ossa ma soprattutto infonde un senso di benessere generale.
Compito del genitore o dei genitori è di rappresentare il punto di riferimento essenziale per consentire l’adeguata esplorazione. Il neonato, al fine di crescere e acquisire nuove abilità per “impadronirsi” del mutevole ambiente circostante, necessita di conservare costanti alcune caratteristiche di fondo. Ed è proprio confidando nei visi, nei suoni e negli odori conosciuti tipici delle figure di attaccamento che il piccolo si può permettere di conoscere e strutturarsi. Il neonato così, immerso in acqua, procede nel suo percorso maturativo grazie anche al modo in cui i genitori gli rispondono e interagiscono con lui e lo rassicurano comprendendo le sue esigenze e i suoi tempi.

Bowlby, uno psicoanalista britannico, ha osservato come l’attaccamento del piccolo alla figura di accudimento derivi da un certo numero di sistemi di comportamento propri della specie che sono: succhiare; aggrapparsi; seguire; piangere; sorridere. Questi cinque sistemi comportamentali definiscono, per l’autore, la condotta d’attaccamento che ha lo scopo di mantenere il bambino nelle vicinanze della madre. I genitori, inoltre, hanno il fondamentale ruolo di supporto emotivo del neonato, che, infatti, a partire dal V–VI mese di vita, secondo lo psicologo francese Wallon, non ha solo bisogni fisiologici (essere nutrito, lavato, coperto, ecc) ma anche bisogni affettivi ed emozionali: ha bisogno di carezze, di essere cullato, di baci, di sorrisi, ecc. Reclama, insomma, apporti affettivi. Numerosi studi hanno, inoltre, osservato come una condotta motoria semplice del lattante potrà variare se il bambino è solo, alla presenza dei genitori, di estranei o del suo istruttore. Ma fatto essenziale è che esiste sempre una corrispondenza tra il tono muscolare e la motilità stessa che presiede all’armonia del gesto, così come vi è corrispondenza tra il tono della madre e quello del bambino, vero “dialogo tonico”. La motricità, del resto, evolve secondo il ritmo della maturazione, ma anche secondo il ritmo delle possibili interazioni con l’ambiente che gestisce, orienta il campo evolutivo del bambino e gli dà coerenza. Gli stessi genitori, del resto, possono beneficiare, con il baby nuoto, di una pausa piacevole grazie alla quale relazionarsi in modo gioioso e giocoso con il proprio bimbo fuori dalla normale routine giornaliera.

Pubblicità
Genitori e istruttori possono aiutarsi, nei loro rispettivi compiti, con una serie di oggetti di cui normalmente le piscine che prevedono i corsi di baby nuoto sono fornite, come elementi gommosi galleggianti, pupazzi di gomma, palline colorate, libricini plastificati con immagini a tema, secchielli ecc. Molti bambini, soprattutto nei primi mesi di vita dove i colori hanno una importanza fondamentale, interagiscono con grande interesse a tali stimoli e alcuni ci giocano con vero piacere.
Tutti i bambini piccolissimi amano essere immersi in acqua, se ciò non dovesse accadere occorre rimuovere possibili disagi che il lattante può provare in quel preciso momento (fame, sonno o un piccolo dolore). Non bisogna mai costringere il bambino ad accettare il baby nuoto. È bene, infatti, rimandare a un altro giorno l’attività acquatica se il piccolo dimostra una particolare insofferenza. L’obiettivo, del resto, non è quello di creare una frustrazione nel neonato quanto piuttosto quello di:
- donargli serenità (7 bambini su 10 migliorano il ritmo del sonno soprattutto nelle immediate ore successive allo sforzo fisico fatto);
- renderlo consapevole della sua capacità di galleggiamento;
- farlo muovere a pelo d’acqua e spianargli la strada per movimenti più evoluti.

Bibliografia
- Bowlby J., Cure materne e igiene mentale del fanciullo, 1957, Giunti barbera, Firenze;
- Comitato Olimpico Nazionale Italiano, L’Educazione Motoria di Base, 1997, Istituto della Enciclopedia fondata da G. Treccani;
- Wallon H., Les origines de la pansèe chez l’enfant, 1989, P.U.F. Parigi.

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Fake news: perché ci condizionano?

L'informazione online è ampia e variegata. Sempre più gli utenti che navigano alla ricerca di risposte, soprattutto in ambito medico, hanno a che fare con siti che raccolgono notizie e responsi di ogni genere. La difficoltà, in questo mare di informazioni, è selezionare...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Al mercato, allegria e benessere

Scritto il 17 April 2018 da Alberto&Alberto

Una passeggiata in un qualsiasi mercato rionale è una sana iniezione di allegria. E ci racconta lo spirito di una città e di coloro che la abitano.

Pillole di benessere

Contro l’ictus, misuriamo la pressione

Scritto il 30 March 2018 da Welly

Aprile è il mese di prevenzione dall’ictus; un’occasione per ricordare come il controllo periodico della pressione sia fondamentale a causa del ruolo rappresentato dall’ipertensione come fattore di rischio. 

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato