Menu Psicologia

IL BULLISMO
PREPOTENZA TRA BAMBINI E ADOLESCENTI

A cura della Dott.ssa Monica Monaco

Sia in età infantile che nel corso dell’adolescenza è molto difficile inserirsi all’interno del gruppo dei pari e spesso la ricerca di conferme sociali attraverso l’emulazione di modelli negativi rappresenta una soluzione, seppur instabile. Per tali ragioni, tale dinamica comportamentale spesso si pone come la radice del fenomeno sempre più diffuso del “bullismo”. In tal modo, il bisogno di trovare una “dimensione” nella vita relazionale di un ragazzo può trasformarsi in un problema relazionale per un altro che diventa “vittima” degli episodi di un “bullo”.

Il bullismo tra scuola e strada

Il termine “bullismo”, che viene spesso definito una traduzione, è più esattamente un adattamento italiano del termine inglese “bullying” che definisce i comportamenti di prepotenza tra bambini e adolescenti, caratterizzati da oppressione fisica o psicologica e agiti in modo prolungato da una persona o da un gruppo nei confronti di una o più vittime. Il termine originario anglosassone contiene in sé la parola inglese “bull ” che significa “toro”, dal momento che l’immagine irascibile, associata comunemente a tale animale, è stata usata inizialmente per sottolineare l’imposizione sugli altri, istintiva e basata sulla forza, caratteristica di molte forme di bullismo e principalmente delle prime tipologie individuate.

Persistenza nel tempo

Come tutte le forme di persecuzione ai danni di una persona, anche il bullismo è caratterizzato da episodi di prevaricazione e persecuzione ripetuti nel tempo e con una certa frequenza , tali da instaurare emozioni negative durature nella vittima che li subisce, soprattutto insicurezza e paura.

Vittime prescelte

Fonti anche piuttosto autorevoli tendono a precisare che il bullismo è diverso da altri tipi di comportamento che si configurano come reato, quali ad esempio il vandalismo o i furti, ma in realtà ciò non deve portare a pensare che i comportamenti dei bulli non costituiscano, come è stato riportato frequentemente, dei veri e propri crimini. Tra questi, infatti, rientrano spesso anche le sottrazioni di oggetti e i danni a cose o persone, che tuttavia sono realizzati verso specifici coetanei, generalmente presi di mira e nei confronti dei quali vengono messe in atto sistematiche persecuzioni. Il bullismo perciò in genere coinvolge prioritariamente uno o più bulli che effettuano prevaricazioni, soprusi e atti di violenza più o meno gravi nei confronti di una o più vittime che, diversamente dal teppismo, sono predeterminate. Il criterio della “vittima designata ” è quindi una caratteristica discriminante rispetto ad altri comportamenti apparentemente simili che vanno distinti.

Contesto infantile e adolescenziale

In alcuni paesi, come la Scandinavia, lo stesso fenomeno era stato inizialmente descritto con il termine “mobbing”, un fenomeno simile al bullismo che tuttavia si riferisce ormai in tutti territori, compreso il nostro, al mondo del lavoro e quindi all’età adulta. Il vocabolo bullismo pertanto è stato investito di una specificità nel designare fenomeni relativi all’età evolutiva, sia essa l’infanzia che l’adolescenza, più spesso rilevati a scuola, ma talvolta perpetrati anche in contesti di ritrovo extrascolastici quali strade, quartieri e persino palestre e circoli ricreativi.

Diverse forme di prevaricazione

Esistono diverse azioni che possono essere raggruppate sotto la denominazione “bullismo” e principalmente sono di tre tipologie:

  1. azioni fisiche di prevaricazione , che spesso sono quelle che, facendo più notizia, sono più note all’opinione pubblica; esse possono andare da episodi di aggressione lieve (tirare i capelli o spintonare), all’appropriazione o danneggiamento di oggetti altrui, fino alle forme più gravi di violenza fisica a mano libera o con l’uso di armi;
  2. comportamenti verbali di prevaricazione, che comprendono diverse forme di minacce, insulti, prese in giro che possono riguardare temi scolastici, aspetti di personalità, caratteristiche fisiche (anche handicap o colore della pelle) e aspetti relativi alle preferenze sessuali;
  3. comportamenti indiretti di prevaricazione , che costituiscono la modalità più subdola di bullismo, spesso basata sul pettegolezzo, sulla calunnia e miranti ad isolare ed escludere dal gruppo i destinatari.

Le prime due tipologie di azioni bullistiche sono messe più spesso in atto dai maschi; le forme verbali e indirette sono invece una modalità di prevaricazione prettamente femminile.

Pubblicità
Asimmetria della relazione bullo-vittima

Generalmente esiste anche un disequilibrio relazionale tra bulli e vittime che si basa in genere sulla forza fisica , su differenze psicologiche nella sicurezza in sé o sul potere nel gruppo. Infatti, i bulli sono spesso persone più forti fisicamente e i loro obiettivi diventano frequentemente i coetanei magri e deboli o, viceversa, grassottelli e impacciati. Generalmente inoltre il bullo possiede una “forza interiore apparentemente maggiore” che si fonda su un senso di sicurezza in sé nutrito proprio delle sue prepotenze su quelli che hanno risposte più o meno palesemente accondiscendenti e remissive. Con ciò non significa che realmente esista maggiore forza psicologica nei bulli, piuttosto si tratta di un “senso di superiorità compensativo”, di una sicurezza instabile e derivante dall'esterno, legata a piccole vittorie quotidiane che si fondano proprio sulla prevaricazione e che possono al contempo conferire un senso opposto di insicurezza nelle vittime che aumenta l'asimmetria e che spesso genera anche un potere del bullo all'interno del gruppo.

Il profilo psicologico del bullo

Generalmente i bulli, dietro la loro apparente sicurezza, mostrano dei problemi relazionali destinati a peggiorare con il trascorrere del tempo se le loro modalità relazionali non cambiano. Uno dei rischi maggiori nella vita adulta è lo sviluppo di psicopatie.

Gli scambi relazionali dei bulli, secondo quanto rilevato da numerosi studi, sono caratterizzati da deficit relativi a determinate abilità appartenenti alla cosiddetta “intelligenza emotiva” (Goleman D., 1995) e in particolare risentono negativamente di bassi livelli nello sviluppo dell'empatia. I bambini e i ragazzi che esercitano delle azioni di prevaricazione fisica o verbale, più precisamente hanno mostrato di essere meno capaci nell’etichettare in modo corretto le espressioni emotive degli altri, problematica che spiega la tendenza a rispondere in modo aggressivo anche a comportamenti neutri o persino positivi mostrati da altri bambini e ragazzi. Anche il riconoscimento delle proprie emozioni appare basso e, poiché la consapevolezza dei propri stati emotivi è il presupposto fondamentale per una adeguata gestione della vita affettiva, quest’ultima risulta connotata da reazioni emotive istintive che prendono il sopravvento su ogni alternativa ragionata.

Esistono anche altre caratteristiche piuttosto diffuse tra i bulli che spiegano le loro difficoltà relazionali: esse riguardano le ridotte abilità verbali spesso presenti in questi bambini e ragazzi (Fedeli D., 2005). Le dimensioni linguistiche ridotte sembrano direttamente connesse all’osservazione della tendenza a mettere in atto costantemente comportamenti aggressivi quando si verificano situazioni relazionali ambigue, dal momento che non esistono sufficienti capacità di dialogo utili al chiarimento di situazioni problematiche.

Recenti interventi sul bullismo hanno evidenziato anche la presenza di problemi nelle funzioni esecutive dei bambini più aggressivi. Questi ultimi, infatti, mostrano delle difficoltà relative alle principali capacità di programmazione del comportamento utili in contesti relazionali. Essi non riescono efficacemente soprattutto nei seguenti compiti:

  • pianificazione delle proprie azioni e previsione delle possibili conseguenze;
  • controllo di eventuali comportamenti impulsivi che limitano il raggiungimento di obiettivi;
  • adattamento del proprio comportamento a contesti differenti;
  • capacità di posporre le gratificazioni immediate prevedendo futuri successi e vantaggi;
  • apprendimento dalle esperienze precedenti.

Le caratteristiche mentali e comportamentali della vittima

Anche le vittime sono accomunate spesso da caratteristiche psicologiche e comportamentali simili. Una delle principali caratteristiche relazionali è la mancanza di assertività , cioè della capacità di esprimere se stessi, senza essere passivi o aggressivi, aspetto che in senso opposto manca anche ai bulli. Spesso le vittime del bullismo sviluppano sintomi di ansia o depressione , che vengono manifestati in modo più o meno palese, frequentemente sotto forma di conversioni in sintomi somatici (febbre, mal di testa, problemi gastrointestinali, ecc.), che rappresentano un modo per tenersi lontani dai posti in cui vengono molestati. Altre volte i segni di malessere psicologico possono essere più chiari, come nel caso di crisi di ansia o di pianto o quando sono presenti incubi ricorrenti su temi legati alle pressioni subite.

Oltre il bullo: il ruolo del gruppo

Uno dei principali fattori che possono innescare o sostenere comportamenti bullistici è rappresentato dall’importanza assunta, per ogni persona in età evolutiva, dal gruppo di coetanei. Ogni bambino o ragazzo infatti mostra una spiccata tendenza a cercare di inserirsi nel gruppo con cui condivide un’attività: ciò accade anche a quelli con condotte aggressive e da bullo che mettono in atto comportamenti disadattivi per raggiungere tale scopo. Tali condotte possono portare a reazioni differenti all’interno del gruppo: benché spesso i bulli siano isolati e allontanati inizialmente dalla classe, essi spesso riescono a trovare qualche altro “bullo non dominante” di supporto o semplicemente si fanno forti di comportamenti non apertamente contrari ai loro comportamenti, che spesso leggono persino come accondiscendenti. Il supporto più o meno completo di altri compagni rappresenta un ottimo rinforzo per i propri comportamenti di prevaricazione. Ma paradossalmente agisce in modo simile anche il rifiuto mostrato dal gruppo, che tende ad essere espresso generalmente con commenti negativi ai tentativi di un bullo di richiamare l’attenzione e di inserirsi nel gruppo con la prevaricazione: tali considerazioni diventano infatti ugualmente delle attenzioni rivolte verso l’“aspirante leader”.

I fattori di rischio familiari

È altrettanto importante sottolineare che spesso esistono anche delle caratteristiche familiari che tendono a favorire comportamenti bullistici. Nelle ricerche sulle caratteristiche familiari di bulli si è evidenziata la presenza diffusa di modalità di gestione della disciplina piuttosto rigide o, viceversa, inconsistenti. La leadership presente a casa tende a rinforzare i comportamenti oppositivi e aggressivi: più precisamente le richieste dei figli spesso comportano irrigidimenti iniziali dei genitori, cui seguono comportamenti negativi che spesso finiscono per generare un allentamento della rigidità, lasciando che i figli apprendano a usare le modalità disadattive per raggiungere i propri obiettivi. Talvolta la situazione familiare può essere complicata dalla presenza di modelli aggressivi da imitare che rappresentano i più significativi esempi che essi emuleranno e riproporranno in contesti extrafamiliari.

Molte azioni per la soluzione di un problema complesso

Gli interventi possibili per prevenire e affrontare il bullismo sono innumerevoli, non tutti di pari efficacia e possono coinvolgere diversi destinatari, in relazione agli obiettivi che si propongono.

Le azioni di intervento volte a diminuire i comportamenti aggressivi agiti dai bulli possono essere sia individualizzate, che inserite in contesti più generalizzati.

Interventi sui singoli bulli

Nel primo caso, in considerazione delle carenze in alcune aree psicologiche e comportamentali, ci si orienta soprattutto verso il miglioramento delle stesse con programmi specifici come, ad esempio, i cosiddetti “training di alfabetizzazione socio-emotiva ”, ossia percorsi specifici mirati a migliorare le abilità deficitarie dell’intelligenza emotiva e delle capacità socio-relazionali, con particolare attenzione allo sviluppo della prosocialità.

In questo contesto di intervento, gli approcci individuali meno efficaci sembrano quelli di tipo punitivo e sanzionatorio, dal momento che tendono a lasciare il bullo nella sua incapacità di trovare prospettive e comportamenti diversi per affrontare con maggiore efficacia la vita relazionale. Tali sistemi di intervento possono persino peggiorare la situazione, dal momento che una sospensione potrebbe, per diversi motivi, assumere un valore di “rinforzo positivo” del comportamento sgradito. La famiglia e la scuola, in questo contesto di interventi, vengono addestrate ad evitare ed isolare i bulli, oltre che irrigidirsi di fronte ai loro comportamenti negativi. L’obiettivo, al contrario, deve essere quello di favorire nel bullo l’emissione di comportamenti positivi da premiare, principalmente attraverso i rinforzi sociali che lui ricerca con i suo comportamenti negativi.

Interventi sulle relazioni bullo-vittima

Molto più utili sembrano invece le tecniche di intervento di tipo riparatorio , ossia quelle volte a mediare il conflitto tra bullo e vittima, favorendo la comunicazione attuale e futura tra i due, come avviene nel cosiddetto “Metodo dell’Interesse Condiviso”, in cui si sostiene lo sviluppo dell’empatia nel bullo attraverso la stimolazione del senso di responsabilità che può nascere dall’“osservazione mediata” delle conseguenze emotive provocate sulla vittima (Pikas A., 1989).

Interventi sul gruppo-spettatore

Altri efficaci interventi, simili a quelli descritti, sono rivolti anche al gruppo, come si fa nell’Approccio Senza Accusa , o Approccio Senza Colpevoli (Sullivan K., 2000), che non cerca di risolvere il problema solo con l’intervento che implica un coinvolgimento di bulli e vittime, ma che è volto a sviluppare anche le capacità del gruppo di reagire efficacemente alle azioni bullistiche, imparando a non sostenere neanche involontariamente le azioni di prevaricazione e sviluppando una responsabilità globale.

Interventi sulle singole vittime

Per la vittima talvolta è utile un lavoro di supporto psicologico centrato sullo sviluppo dell’assertività , ma anche sul potenziamento della stima di sé, spesso logorata da continui attacchi e dalle critiche subite.

Interventi sulle famiglie

Molti interventi attuali agiscono ad ampio raggio, affrontando sia la prevenzione che il recupero e rivolgendosi anche alle famiglie, soprattutto nei contesti in cui si sono già verificati episodi di bullismo. In questi interventi, definiti di “parent training ” (Fedeli D., 2005), si conducono dei percorsi di aiuto alla genitorialità, volti a fornire informazioni sui metodi educativi più efficaci per inibire lo sviluppo di comportamenti disadattivi nei propri figli.

Indubbiamente i risultati migliori sono tipici degli interventi protratti nel tempo almeno per un anno e volti anche alla prevenzione, oltre che al recupero di singoli episodi negativi, nonché basati sul coinvolgimento di tutte le figure che giocano un ruolo nel rinforzo dei comportamenti problematici.

Approfondimenti

  • Fedeli D., 2005, Psicologia e Scuola, numeri 121, 122, 123, 124, 125, Giunti, Firenze.
  • Fonzi A., 1999, Il gioco crudele. Studi e ricerche sui correlati psicologici del bullismo. Giunti, Firenze.
  • Goleman D., 1995, Intelligenza emotiva, BUR.
  • Menesini E., 2007, Psicologia contemporanea, 200, 18-25.
  • Menesini E., 2000, Bullismo, che fare?, Giunti, Firenze.
  • Olweus D., 1993. Trad it Bullismo a scuola, 9, 205-212, Giunti, Firenze, 1996
  • Pikas A., 1989, The common concern method for the treatment of mobbing. In Roland E., Munthe E., Bullying: an international perspective, London, David Fulton.
  • Smith D. J., Schneider B.H., Smith P. K., Ananiadou K., 2004, The effectiveness of whole-school antibullying programs: a synthesis of evaluation research. In School Psychology Review, 33, 547-560.
  • Sullivan K., 2000, The anti-bullying handbook, Oxford University Press, Melbourne.

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Come il cambio di stagione influisce sull’umore

È un disturbo poco conosciuto e diagnosticato, ma ha tutte le caratteristiche di una vera a propria patologia: è il Disordine Affettivo Stagionale (Seasonal Affective Disorder - SAD) che ai cambi di stagione, in particolare con l’arrivo dell’autunno, scatena ansia,...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Cos’è la Medicina Narrativa (prima parte)

Incontro con la Dott.ssa Stefania Polvani, Dirigente della Struttura di Educazione alla Salute e coordinatrice del Laboratorio di Medicina Narrativa della ASL di Firenze. Intervista realizzata in occasione dell'evento promosso a Roma il 16 aprile 2014 dalla Lega italiana contro l’Epilessia e...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Cinque, divertentissimi, matti…

Scritto il 28 ottobre 2014 da Alberto&Alberto

Nessuno li ricorda più, eppure hanno rallegrato una generazione: "Les Charlots" (meglio conosciuti in Italia come i "Cinque Matti"), sono scomparsi insieme ai cinema parrocchiali.

Pillole di benessere

Un budino incantato per Halloween

Scritto il 31 ottobre 2014 da Welly

Nel giorno di Halloween, vi proponiamo due ricette a base di zucca e in tema "fantastico", forniteci da Assolatte.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE