Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Articoli vari / Vari / Disturbi tic

I DISTURBI DA TIC

A cura di Barbara Celani, Psicologia in Movimento

I tic sono movimenti involontari rapidi, improvvisi e finalistici che tendono a ripetersi con un ritmo irregolare e che si distinguono in semplici, se costituiti da movimenti brevi e stereotipati del volto, delle spalle e degli arti ed in complessi, se costituiti da sequenze di movimenti.

I tic motori semplici includono: ammiccamenti, torsioni del collo, alzate di spalle, smorfie del viso, colpi di tosse; mentre i tic vocali semplici includono: raschiarsi la gola, grugnire, tirare su con il naso, sbuffare.
I tic motori complessi riguardano: movimenti mimici, saltare, toccare, battere i piedi, odorare un oggetto; i tic vocali complessi riguardano, invece la ripetizione di parole o di frasi fuori dal contesto, nei casi più gravi, la coprolalia (uso di parole oscene) e l'ecolalia (ripetizione di suoni, parole o frasi udite per ultime).

I tic nascono in risposta a fortissime sensazioni di necessità che costringono il soggetto a compierli per abbassare la tensione. Il tic sarebbe il risultato di uno stimolo sensitivo-sensoriale periferico, che generalmente si riduce molto fino alla scomparsa durante il sonno o comunque in periodi di tranquillità, mentre si accentua in presenza di stress.
È importante distinguere i tic da manierismi, stereotipie e tic secondari (post-infettivi, dovuti a farmaci, post-intossicazione, da patologie o alterazioni dello sviluppo del SNC)
Per quanto riguarda l’eziologia dei disturbi da tic, come spesso accade, i fattori possono essere più di uno: ereditari, ambientali, legati a età e sesso etc. L’efficacia terapeutica dei neurolettici fa ritenere probabile il coinvolgimento dei gangli della base e dei circuiti extrapiramidali, ma esistono altre ipotesi che fanno concludere che un’interpretazione univoca unanimemente accettata sia ancora da raggiungere.

I disturbi da TIC comprendono:
- il Disturbo di Tourette (o sindrome di Tourette)
- il Disturbo Cronico da Tic Motori o Vocali
- il Disturbo Transitorio da Tic ed il Disturbo da Tic Non Altrimenti Specificato.
Tali disturbi possono essere distinti l'uno dall’altro a seconda della durata, della varietà dei tic e dell'età di esordio.

Sindrome di Tourette
Il Disturbo di Tourette (dal nome del neurologo francese Georges Gilles de la Tourette) è caratterizzato dalla presenza di tic motori multipli e uno o più tic vocali, non necessariamente in modo simultaneo. Per poter fare una diagnosi di questo tipo, è necessario che tali tic si manifestino molte volte al giorno (di solito ad accessi) quasi ogni giorno o in maniera intermittente durante un periodo di più di 1 anno e che non vi sia mai stato un periodo di più di tre mesi, durante questo anno, senza tic. I sintomi più frequentemente associati al Disturbo di Tourette sono: ossessioni, compulsioni, iperattività, distraibilità e impulsività, ma vengono compresi anche i fenomeni di coprolalia, ovvero dell’impulso irrefrenabile ad utilizzare parole od espressioni oscene o volgari. Le manifestazioni del Disturbo di Tourette sono causa di un significativo malessere e disagio che compromettono l'area scolastica, lavorativa e sociale. Nei casi più gravi, i tic possono, infatti, interferire con le attività quotidiane, intralciandone il normale svolgimento, come leggere, scrivere, svolgere attività che richiedono particolare concentrazione.

Disturbo Transitorio da Tic
Il Disturbo Transitorio da Tic si distingue per la presenza di tic motori singoli o multipli e/o di tic vocali. I tic si manifestano molte volto al giorno per almeno 4 settimane, ma non per più di 12 mesi consecutivi. Per altre caratteristiche, esso è simile al disturbo di Tourette, ma la gravità dei sintomi e il grado di compromissione funzionale sono inferiori.

Disturbo Cronico da Tic Motori o Vocali
Della stessa durata del Disturbo di Tourette (almeno 12 mesi) è il Disturbo Cronico da Tic Motori o Vocali, la cui caratteristica fondamentale è la presenza o di tic motori o di tic vocali, ma non di entrambi.

Diagnosi e trattamento
Per poter diagnosticare un disturbo da tic è necessario che l’anomalia causi notevole disagio o significativa compromissione nell’area sociale, lavorativa (o scolastica) o in altre aree importanti del funzionamento; inoltre, l'anomalia non deve essere meglio giustificata dagli effetti fisiologici diretti di una sostanza o da una condizione medica generale. I disturbi da tic hanno esordio prima dei 18 anni.
Per una valutazione diagnostica del disturbo da TIC è necessario rivolgersi a professionisti esperti nel settore, i quali, oltre a constatare la presenza del disturbo, ne valutano ogni aspetto, la storia, il grado di compromissione del funzionamento globale. È inoltre fondamentale escludere una possibile causa fisiologica tramite visita presso un neuropsichiatra infantile e, successivamente, rivolgersi a uno psicologo infantile che possa aiutare il bambino ad esprimere tramite altre vie, il conflitto e l'ansia che sta alla base del tic e i genitori a trovare strategie efficaci per sostenere il bambino nel superamento delle sue difficoltà. Il tic rappresenta il modo migliore che il bambino ha trovato per alleviare una tensione emotiva.
Spesso al tic, soprattutto se cronico e dunque duraturo nel tempo, si associano sentimenti di vergogna, di frustrazione e di ansia. Emergono frequentemente, soprattutto nella fase preadolescenziale e adolescenziale, ritiro sociale, forte timidezza, umore depresso, difficoltà nella socializzazione col gruppo dei pari (per la paura di essere derisi, rifiutati, presi in giro), soprattutto nel caso dei tic cronici. Essi durano più di un anno e possono essere accompagnati da nuovi tic, l’età di insorgenza è compresa tra i 5 e i 9 anni con un picco d’incidenza attorno ai 7 anni; i maschi ne sono affetti con frequenza 3 volte maggiore rispetto alle femmine.
I bambini affetti da tic cronici possono presentare balbuzie, deficit di attenzione, disturbi nell’apprendimento, difficoltà di concentrazione.
I tic transitori invece si verificano in diversi bambini con un picco d’età compreso tra i 5 e i 9 anni; in ordine di frequenza le parti del corpo più interessate sono gli occhi, il volto, il collo, le spalle e le braccia.
Quando si tratta di tic transitori, la loro accettazione, sempre auspicabile, è più semplice. In altri casi si può intervenire in vari modi e su vari fronti, attraverso terapie farmacologiche (neurolettici, noradrenergici etc.), psicoterapia di sostegno, trattamento cognitivo-comportamentale e parent training. Quest’ultimo approccio è particolarmente importante, in quanto l’atteggiamento dei genitori ha un ruolo fondamentale. È dunque importante per i genitori avvalersi della consulenza di uno psicologo, in quanto dei colloqui di informazione e valutazione, ed un intervento psicoeducativo permettono di riconoscere e comprendere il disturbo ed il disagio vissuto dal bambino, e di gestire la situazione con tranquillità.
Ad esempio, può essere utile non sottolineare il problema con rimproveri, ansia o addirittura prese in giro, che non fanno altro che rinforzare il sintomo e far sentire il bambino “sbagliato” e non accettato e creare ulteriore ansia che a sua volta favorisce il tic.

È importante, quindi, salvaguardare l’autostima del bambino, favorendo la sua autonomia nei piccoli e grandi compiti, senza creare veri e propri handicap, generati dalla convinzione che non sia in grado di fare. In sintesi, è bene non svalutarlo, né iperproteggerlo, ma incoraggiare l’esplorazione e l’iniziativa che favoriranno il suo senso di autoefficacia.
Può essere utile anche tenere un diario dei tic, appuntando la situazione in cui questi si manifestano o si accentuano, in modo da comprendere anche la “funzione” del tic stesso, per poi, successivamente, sostituirlo con una modalità maggiormente funzionale. Infine, anche il trattamento cognitivo comportamentale si rivela efficace attraverso esercizi di controcondizionamento, di acquisizioni di atti incompatibili col tic stesso e l’associazione di questo con vissuti negativi.

Bibliografia:
- American Psychiatric Association, Diagnostic and Statistical Manual of mental disorders
- Massagli A., Percorsi decisionali per la gestione del bambino e dell'adolescente - "Nuovi orientamenti in tema di neuropsichiatria infantile – i Tic", 2007

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Uomini vs Donne: è una questione di cervello

Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere: è il titolo di un simpatico libro dello psicologo John Gray sulle differenze tra sessi. Ma non è un mito, le diversità nei modi di pensare, reagire, provare sentimenti sono fisiologiche, legate alle differenti connessioni...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Cos’è la Medicina Narrativa (prima parte)

Incontro con la Dott.ssa Stefania Polvani, Dirigente della Struttura di Educazione alla Salute e coordinatrice del Laboratorio di Medicina Narrativa della ASL di Firenze. Intervista realizzata in occasione dell'evento promosso a Roma il 16 aprile 2014 dalla Lega italiana contro l’Epilessia e...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Elogio del doppiaggio

Scritto il 19 agosto 2014 da Alberto&Alberto

La pratica del doppiaggio in Italia ha ancora molti detrattori. Che dimenticano quanto il doppiaggio abbia aiutato e aiuti ancora gli spettatori a divertirsi ed emozionarsi.

Pillole di benessere

Più latte materno meno depressione?

Scritto il 22 agosto 2014 da Welly

E' quello che sostiene uno studio inglese pubblicato sulla rivista Maternal and Child Health al temine di una ricerca condotta su un campione di quasi 14.00 madri.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Scholl Pocket Ballerina Premium Novit del mese

Ballerina pieghevole Scholl, in tessuto fresco, da portare sempre con te e sfoggiare in ogni situazione per essere comoda ma elegante. Perfetta da tenere in borsetta e indossare quando sei stanca dei tacchi. E' la ballerina dell'estate!
Vedi prodotto

Visita i migliori hotel benessere.
Viaggia con la fantasia!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE