Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Articoli vari / Vari / Disturbo paranoide

I DISTURBI DI PERSONALITÀ: IL DISTURBO PARANOIDE

A cura di Barbara Celani,
Psicologia in Movimento

Introduzione
Ognuno di noi possiede fin sin dalla nascita un fondamento biologico: il patrimonio organico innato che ciascuno riceve attraverso la trasmissione ereditaria da cui deriva la costituzione morfologica e le modalità di funzioni vitali (circolatoria, respiratoria, digestiva, ecc.) dipendenti dal sistema nervoso e endocrino (costituzione fisiologica). Il complesso di questi elementi determina una iniziale struttura psichica o temperamento.
Al condizionamento dei fattori ereditari si aggiunge in seguito l’influenza dei fattori ambientali: dalla complessa interazione di tutti i fattori dipende la formazione della personalità che unifica gli aspetti biologici del temperamento e quelli psichici del carattere, influenzati dall'ambiente, ma crea anche valori, modelli di comportamento, forme di organizzazione sociale in grado di modificare l'ambiente e la stessa personalità. Il carattere è frutto dell'iniziativa del soggetto sotto l'influsso dell'ambiente. Nel bambino il carattere non si distingue ancora dal temperamento (risposta psichica naturale al corredo organico ereditario: essa esprime impulsi, tendenze istintive, disposizioni, necessità, stati affettivi etc.), la decisione non si distingue dall'impulso, i processi di inibizione sono poco sviluppati, gli schemi mentali sono troppo semplici, ecc.
Con il termine personalità intendiamo l'insieme delle caratteristiche psichiche e della modalità di comportamento percezione, pensiero e relazione che l’individuo sviluppa su base sia acquisita che genetica e che costituiscono il nucleo fondamentale di un soggetto e che risulta stabile nelle molteplicità e diversità delle situazioni ambientali in cui si esprime o si trova ad operare. Secondo Delisle (1992) la personalità è quel modo relativamente stabile e particolare che abbiamo di organizzare gli elementi cognitivi, emotivi e sensorio-motori della nostra esperienza.
 
Una personalità è considerabile abnorme se un tratto personologico ritenuto di importanza clinica è presente in modo deviante dalla media statistica della maggior parte degli esseri umani (Sims, 1997). Dunque, quando i tratti di personalità risultano rigidi e non adattivi e causano una compromissione significativa o una sofferenza soggettiva, essi costituiscono un Disturbo di Personalità (DSM-IV-TR). Anche se i soggetti non si ritengono insoddisfatti dei propri tratti personologici, il loro comportamento risulta così disturbante o distruttivo per gli altri da causare un grado di menomazione sociale e/o lavorativa significativa (DSM-IV-TR, Case studies).
Un disturbo di personalità rappresenta un modello di rappresentazione mentale, esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della cultura di appartenenza, è pervasivo e inflessibile, esordisce nell'adolescenza o nella prima età adulta, e determina disagio o menomazione. È un disturbo rigido, stabile nel tempo, sul quale si costruisce l’organizzazione mentale dell’individuo, influenzando il suo equilibrio. Tale modo costante di pensare, agire, sentire e comportarsi si manifesta in almeno due delle seguenti aree:

- cognitività (modi di percepire e interpretare se stessi, gli altri e gli avvenimenti);
- affettività (varietà, intensità e adeguatezza della risposta emotiva);
- funzionamento interpersonale;
- controllo degli impulsi.

Molti dei disturbi di personalità sono egosintonici, cioè non vissuti dal soggetto come problematici. Questo rende difficile il trattamento e anche la possibilità stessa che questo venga richiesto. Tali disturbi alterano globalmente il comportamento di un individuo e sono piuttosto resistenti al cambiamento. Nel DSM-IV (Manuale diagnostico statistico dei disturbi mentali), essi vengono descritti in tre gruppi separati.

Il primo gruppo (A) comprende quei disturbi caratterizzati da comportamenti eccentrici e bizzarri e sono:
• Disturbo Paranoide di personalità: chi ne soffre mostra una tendenza persistente e irrealistica ad interpretare le intenzioni e le azioni degli altri come umilianti o minacciose. Di solito viene percepito dagli altri come polemico, ostinato, difensivo e non disponibile al compromesso.
• Disturbo Schizoide di personalità: le caratteristiche principali di questo disturbo sono la mancanza di relazioni interpersonali e l'assenza del desiderio di queste relazioni. Gli altri vengono considerati come intrusivi e poco gratificanti e le relazioni come instabili e indesiderabili. Di conseguenza, questi individui sono spesso descritti come distaccati, appartati ed isolati.
• Disturbo Schizotipico di personalità: caratteristiche principali sono, oltre all'isolamento sociale, l'affettività inappropriata e coartata e il comportamento insolito, le stranezze delle cognizioni che ruotano attorno a temi come le credenze bizzarre o il pensiero magico.

Pubblicità

Il gruppo B descrive quei disturbi caratterizzati da emotività e forte imprevedibilità:
• Disturbo Antisociale di personalità: questo disturbo comprende atti criminali pericolosi per l’altrui incolumità e la mancanza del senso di colpa per i gesti compiuti.
• Disturbo Borderline di personalità: chi ne soffre presenta instabilità dell'umore, delle relazioni interpersonali e dell'immagine di sé.
• Disturbo Istrionico di personalità: è caratterizzato da un'emotività eccessiva e dalla ricerca di attenzione. L'eloquio può essere teso ad impressionare e carente di dettagli ed il comportamento è spesso seduttivo e “teatrale”.
• Disturbo Narcisistico di personalità: chi ne soffre si sente unico, importante e diverso dagli altri, può richiedere costante attenzione e ammirazione, è incapace di riconoscere e sentire i sentimenti degli altri ed è ipersensibile alle critiche.

Il gruppo C comprende i disturbi caratterizzati da ansia e paura:
• Disturbo Evitante di personalità: è caratterizzato dall'evitamento delle situazioni sociali alimentato da temi cognitivi quali l'auto-disapprovazione, l'aspettativa del rifiuto interpersonale e la convinzione che le emozioni ed i pensieri spiacevoli siano intollerabili.
• Disturbo Dipendente di personalità: chi ne soffre è fortemente dipendente dagli altri, a cui delega il prendere le decisioni. Tende ad essere dominato dalla paura di essere abbandonato e manca di fiducia in se stesso.

Gli individui con tali disturbi possono avere grosse difficoltà nel controllare i loro impulsi ed emozioni, e spesso hanno delle percezioni distorte di sé e degli altri. Ne risulta che possono provare molta sofferenza ed esperire problemi a casa, a lavoro e nelle relazioni interpersonali. I familiari spesso riportano episodi di esplosione di rabbia, depressione estrema, autolesionismo, tentativi di suicidio e abuso di droghe e alcool.

I pazienti con un disturbo di personalità sono spesso portati in trattamento dalle persone che sono loro vicini perché riconoscono la presenza di problemi gravi, o perché hanno raggiunto il loro limite personale di sopportazione. Questi pazienti, infatti, solitamente non ritengono di soffrire di un disturbo di personalità e considerano i loro schemi di personalità indesiderabili soltanto quando causano un'evidenza sintomatica (depressione o ansia), o quando sembrano interferire con importanti aspirazioni sociali e lavorative (Falabella, 2002)

Il disturbo paranoide di personalità
Mentre il pensiero paranoide non è di per sé patologico e consiste nello scindere e proiettare sugli altri sentimenti ritenuti pericolosi e inaccettabili (quindi scissione e proiezione), il disturbo paranoide di personalità consiste in uno stile pervasivo e rigido di sentire, pensare e relazionarsi agli altri, i quali vengono costantemente vissuti come minacciosi, pericolosi, impegnati in complotti contro di lui. Attribuendo agli altri pensieri e sentimenti vissuti come negativi o pericolosi, il soggetto salvaguarda la propria autostima. Tutto ciò che è spiacevole è spostato all’esterno e ciò lo rende più facilmente controllabile: l’individuo risulta molto impegnato in operazioni di controllo sull’ambiente che lo circonda. Il suo stile di pensiero è connotato da sfiducia, diffidenza, sospettosità, ricerca di significati nascosti nel comportamento degli altri, letto spesso come un comportamento volto a provocargli un danno.
Il pensiero della persona con un disturbo paranoide di personalità si presenta estremamente rigido, le proprie idee e convinzioni non hanno possibilità di essere messe in discussione. Va da sé che i rapporti sociali risultano essere tutt’altro che sereni e soddisfacenti: si può arrivare ad una chiusura sempre più netta nei confronti degli altri e gli altri stessi possono arrivare a non sopportare più gli atteggiamenti del soggetto. Infatti sono quasi sempre amici o familiari a proporre il contatto con un professionista che possa pianificare un intervento. Come già accennato, il soggetto non sente di avere dei comportamenti disfunzionali, sono gli altri ad essere percepiti come problematici. Esercitare un costante controllo sugli altri è probabilmente specchio del proprio terrore di essere controllato e quindi limitato nella propria autonomia: ciò tradisce un’ importante lacuna nella propria autostima.

I criteri diagnostici per il Disturbo Paranoide di Personalità secondo il DSM-IV-TR sono i seguenti:

A. Diffidenza e sospettosità pervasive nei confronti degli altri (tanto che le loro intenzioni vengono interpretate come malevole), che iniziano nella prima età adulta e sono presenti in una varietà di contesti, come indicato da quattro (o più) dei seguenti elementi:
1) sospetta, senza una base sufficiente, di essere sfruttato, danneggiato o ingannato
2) dubita senza giustificazione della lealtà o affidabilità di amici o colleghi
3) è riluttante a confidarsi con gli altri a causa di un timore ingiustificato che le informazioni possano essere usate contro di lui
4) scorge significati nascosti umilianti o minacciosi in rimproveri o altri eventi benevoli
5) porta costantemente rancore, cioè, non perdona gli insulti, le ingiurie o le offese
6) percepisce attacchi al proprio ruolo o reputazione non evidenti agli altri, ed è pronto a reagire con rabbia o contrattaccare
7) sospetta in modo ricorrente, senza giustificazione, della fedeltà del coniuge o del partner sessuale.

B. Non si manifesta esclusivamente durante il decorso della Schizofrenia, di un Disturbo dell’Umore con Manifestazioni Psicotiche, o di un altro Disturbo Psicotico, e non è dovuto agli effetti fisiologici diretti di una condizione medica generale.

Si possono distinguere due tipi di personalità paranoide accomunati dalla convinzione di base che gli altri siano minacciosi, ostacolanti:
• Attivo: sospettoso, malfidente, ostile, facile ad offendersi, litigioso, geloso a livelli morbosi (può commettere atti di violenza in risposta ad immaginarie ingiustizie);
• Passivo: il mondo è esperito da una posizione di sottomissione e umiliazione, presume che qualsiasi evento gli accada sarà dannoso, poco assertivo, arreso ad un “inevitabile, infausto destino”. (Sims, 1997)

In generale, il disturbo paranoide è caratterizzato da idee fisse che pervadono ogni ambito della vita, per le quali non viene cercata una disconferma, ma al contrario, ogni circostanza viene letta allo scopo di confermare la veridicità delle idee stesse. Si distingue dalla schizofrenia in quanto non sono presenti deliri, la realtà viene percepita correttamente, ciò che viene distorto è il significato che viene dato alla stessa.

È importante esplorare aspetti che possono essere stati determinanti per l’insorgenza del disturbo: tipo di legame oggettuale (la paranoia deriva da una scissione e proiezione di sentimenti negativi nei confronti dell’oggetto); rappresentazioni dell’oggetto interno; modalità in cui sono state vissute le fasi dello sviluppo ponendo particolare attenzione a fissazioni anali dove predomina la tematica del controllo.

Trattamento
Il trattamento può essere difficile a causa delle caratteristiche di sospettosità e diffidenza tipiche di tale disturbo. Anche il terapeuta può essere visto come minaccioso. È dunque difficile parlare di uno specifico trattamento per tale disturbo; tuttavia, i soggetti spesso rispondono ad una psicoterapia di sostegno strutturata.

Pubblicità

Il primo e non facile passo è quello di instaurare un rapporto di fiducia, (empatizzando con la sospettosità del paziente ad esempio) un’alleanza terapeutica che permetta di esplorare i timori, le convinzioni e le idee del paziente per stabilire se vi possano essere possibili spiegazioni alternative e suggerire altre strategie per rapportarsi alla realtà, alle persone, alle situazioni (DSM-IV-TR, Case studies).

Quando il disturbo si presenta in forma lieve, i soggetti possono avere un certo di grado di consapevolezza che potrebbe permettere un intervento di tipo espressivo-psicodinamico che esplori i conflitti interni sottostanti al disturbo. Dunque, l’enfasi espressiva avrà lo scopo di favorire un processo di strutturazione e integrazione dell’Io e modificare l’erronea interpretazione della realtà (cercando anche di ricondurre l’origine dei problemi da una fonte esterna ad una interna).

È importante favorire lo sviluppo dell’autostima e l’interiorizzazione di un oggetto buono che possa contenere l’aggressività e riparare gli oggetti persecutori. Anche un approccio sistemico familiare potrebbe rivelarsi utile allo scopo di sostituire regole disfunzionali con quelle funzionali e promuovere la circolarità di una comunicazione chiara ed esente da ambiguità.

Bibliografia
- American Psychiatric Association (2002) DSM-IV-TR Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali - Text Revision ICD-10/ICD-9-CM. Ed. italiana a cura di V. Andreoli, G. B. Cassano e R. Rossi, Masson
- Frances A., Ross R., (2004), DSM-IV-TR, Case studies – Guida clinica alla diagnosi differenziale. Masson
- Delisle G., (1992) I disturbi della personalità, Sovera editore
- Falabella M. (2002), ABC della psicopatologia - Esplorazione, individuazione e cura dei disturbi mentali, Edizioni Scientifiche MaGi
- Sims A. (1997) Introduzione alla psicopatologia descrittiva, seconda edizione. Raffaello

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Come il cambio di stagione influisce sull’umore

È un disturbo poco conosciuto e diagnosticato, ma ha tutte le caratteristiche di una vera a propria patologia: è il Disordine Affettivo Stagionale (Seasonal Affective Disorder - SAD) che ai cambi di stagione, in particolare con l’arrivo dell’autunno, scatena ansia,...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Cos’è la Medicina Narrativa (prima parte)

Incontro con la Dott.ssa Stefania Polvani, Dirigente della Struttura di Educazione alla Salute e coordinatrice del Laboratorio di Medicina Narrativa della ASL di Firenze. Intervista realizzata in occasione dell'evento promosso a Roma il 16 aprile 2014 dalla Lega italiana contro l’Epilessia e...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Cinque, divertentissimi, matti…

Scritto il 28 ottobre 2014 da Alberto&Alberto

Nessuno li ricorda più, eppure hanno rallegrato una generazione: "Les Charlots" (meglio conosciuti in Italia come i "Cinque Matti"), sono scomparsi insieme ai cinema parrocchiali.

Pillole di benessere

Emorroidi, sfatiamo il tabù

Scritto il 24 ottobre 2014 da Welly

È una delle malattie più diffuse del mondo occidentale eppure della patologia emorroidiaria (volgarmente detta "emorroidi") se ne sa poco, perché ammantata di un'aura di vergogna. E invece bisogna parlarne e conoscerla. Oppure spiegarla, come facciamo qui.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE