Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Articoli vari / Vari / Grafologia

LA GRAFOLOGIA

A cura di Alessandra Mallarino

La scrittura e il carattere sono in stretta correlazione secondo la grafologia che li mette in rapporto studiandone tutti i possibili significati e che va considerata distinta dalla grafoanalisi, il cui approccio è di tipo psicoanalitico.
L’uomo non si esprime solo con le parole (comunicazione verbale) ma con gesti, espressioni, simboli, segni (la scrittura e il disegno ne sono fin dall’antichità la forma più diretta di espressione), ovvero con un linguaggio non verbale, la cui importanza e valenza sono pari e non inferiori alla prima forma di comunicazione. A scuola s’impara a leggere e scrivere ma poi, al di là dei primi sforzi iniziali per adattarsi e uniformarsi al modello imposto dei segni convenzionali, si muoverà verso una scrittura sempre più personale, con un suo tratto e una particolare pressione sul foglio.
Non esiste al mondo una scrittura uguale all’altra, ogni essere umano è unico e ciò è specularmente rappresentato anche dal modo in cui si scrive e si tracciano segni su un foglio bianco, comunicando al resto del mondo gli umori, le paure, la gioia e la felicità. Così come le espressioni del volto “parlano agli altri”, il modo di scrivere rappresenta l’individuo nella società.

La grafologia, capace di interpretare tutte queste sfumature, è da molti considerata una sorta di scienza occulta, intorno alla quale aleggia molto mistero, dove i fondamenti non sono sufficientemente validi per sostenere delle ipotesi interpretative e conoscitive di una persona.
È invece da considerarsi come una scienza e basti pensare che già nel lontano 1895 il fisiologo William Thierry Preyer condusse un esperimento in cui dimostrò come gli impulsi celebrali si manifestassero materialmente tramite la mano e quindi tramite i segni lasciati sul foglio.

Pubblicità
In seguito, nei primi anni del 1900, lo psicologo Alfred Binet condusse comparazioni tra i risultati scolastici degli scolari e il loro modo di scrivere, evidenziando forti connessioni tra la condotta, i voti, l’impegno dimostrato e il tipo di scrittura.
La grafologia quindi non è collegata con “strani” influssi di tipo astrologico (come alcuni erroneamente pensano), con elementi oscuri o altro, ma si basa su calcoli precisi e metodi assodati, attraverso la valutazione dell’altezza delle lettere, della pressione esercitata sul foglio, sulla la presenza o meno dei puntini, i tagli delle T, la lunghezza degli allunghi inferiori e superiori.

Cenni storici
La parola grafologia deriva dal greco (graphè=scrittura; lògos=parola) e ha come significato “studio della scrittura”.  Il primo a usare questo termine fu J.H. Michon, un abate francese, appassionato dello studio della relazione tra la scrittura dell’uomo e il suo carattere in generale, secondo una strada seguita anticamente da Aristotele e secoli dopo, tra gli altri, da William Shakespeare (lui la applicava più che altro, in senso romantico, allo studio specifico del mondo femminile).
La grafologia scientifica conobbe una dignità accademica grazie a Camillo Baldo, docente di medicina all’Università di Bologna, che scrisse: “Trattato come da una lettera missiva si conoscano la natura e qualità dello scrittore” mettendo in relazione il modo di scrivere con la personalità dello scrivente.
Successivamente, nel 1774, un contributo importante alla grafologia fu apportata da J. K. Lavater, il quale scrisse “Psysiognomisische Fragmente”, poi ampiamente approfondito da J. L. Moreau de la Sarthe.
In Italia il nome tutelare della grafologia è considerato Girolamo Moretti, il fondatore della nuova scuola di grafologia italiana, con un proprio metodo e una propria filosofia; il suo trattato più famoso è “Trattato di Grafologia”, pubblicato nel 1914.

Quali sono i fattori che possono influire sulla scrittura?
I fattori di tipo involontario e inconscio che possono influire sulla scrittura sono di vario genere e tra i principali si trovano:
• Psicologici: impazienza, collera e ansia possono incidere sulla scrittura rendendola meno sicura, più angolosa, con tratti discendenti, filiformi, quasi impercettibili o al contrario più marcata, grossa di calibro. Una forma di depressione la renderà invece più piccola, con calibro alternato tra il piccolo e il grande, di tipo serpentino.
• Fisici: le malattie in generale possono esercitare sulla scrittura dei particolari tratti, ad esempio: se si tratta di malattie di cuore la persona scriverà con diverse interruzioni, vi saranno punti là dove non è richiesto, quelli delle ‘i’ non saranno al loro posto. Nel caso di malattie metaboliche la scrittura è discendente, così come quella dei malati epatici. In caso di malattie nervose spesso si notano lettere mal formate, con un tremolio diffuso in tutte le righe.
• L’età e il sesso: non per tutti gli autori età e sesso sono considerati importanti, ma per molti i due elementi sono utili per cogliere delle importanti differenze. In linea di massima la scrittura femminile è più inclinata di quella degli uomini, con caratteri che denotano una predominanza delle componenti intuitive. Ad esempio analizzare la scrittura di un bambino dei primi anni delle elementari è da considerarsi molto difficile poiché sono ancora molto forti i tratti “modello” in cui il bambino si adegua ad uno stile insegnato ed imposto, quindi non personale.

Come interpretare in linea generale i tratti
L’interpretazione grafologica presuppone uno studio approfondito, tempo e pazienza nell’analisi di più campioni dello scrivente. Non è quindi possibile quindi pretendere una interpretazione di campione effettuata in pochi minuti.
Una delle prime analisi che si effettuano, al cospetto di uno scritto, è sulla direzione delle righe, per questo è necessario chiedere un campione non su carta a righe o a quadretti ma preferibilmente su un foglio totalmente bianco, in cui lo scrivente si senta totalmente libero di esprimersi.
Una scrittura fortemente ascendente può essere rappresentativa di gioia, serenità, molta forza, ambizione, passione e, se eccessiva, anche di presunzione, ma in linea generale anche di buona salute. Al contrario un tratto discendente può essere significativo di poca energia, scoraggiamento, tristezza fino alla depressione più accentuata.
Una scrittura mista con tratti ascendenti e discendenti indica variabilità di umore, poca costanza e arrendevolezza.
Molto importante è l’altezza delle lettere le quali possono essere grandi o piccole: in linea generale le lettere grandi sono indicative di generosità, fantasia, fierezza, gusto di distinguersi, aspirazioni elevate ecc, se però diventano eccessivamente grandi è probabile che ci si trovi di fronte ad una persona bizzarra, eccentrica.
Se la grandezza è normale si è davanti a una persona pratica, con il senso di adattamento al quotidiano, capace di risolvere i problemi senza difficoltà, ecc.
Una scrittura piccola è sinonimo di acume, di una persona dotata di senso molto critico, riservata, dalla spontaneità contenuta; se le lettere sono sempre alte uguali indicano anche calma e perseveranza.
Una scrittura tondeggiante, senza angolosità, si associa spesso ad un carattere dolce, amante dell’estetica, ma al contempo anche pigro, a volte incostante e apatico.
Al contrario una scrittura piena di angoli e dunque per definizione angolosa, è tipica di chi può manifestare un carattere deciso, ma anche chiuso, grande ragionatore, pratico, fermo e pieno di energia.
Se la scrittura è mista tra angolosità e caratteri tondeggianti ci si troverà davanti a una persona con un carattere un po’ volubile.
I legami tra una lettera e l’altra delle parole fanno sì che la scrittura appaia come molto legata o al contrario separata.

Pubblicità
Nel caso di scrittura in cui tra una parola e l’altra vi sono tanti legami, si avrà davanti una persona con buone capacità deduttive, con un senso logico sviluppato, razionale, concreta e pratica, forse poco originale.
Una scrittura con assenza di legami tra una lettera e l’altra che compongono le singole parole, è invece indice di persone idealiste, sognatrici, un pochino utopiste, filosofi ecc.
Il fatto di trovare nella stessa scrittura un buon equilibrio tra la presenza non eccessiva e neanche l’assenza eccessiva di legami vuol dire avere davanti una persona equilibrata, con capacità sia induttive sia deduttive ben bilanciate, e con un buon spirito critico e di analisi.

In tutti i casi l’analisi grafologica va effettuata con attenzione, cautela e professionalità, ciò che solo uno specialista serio e competente può effettuare, a fronte di una quantità elevata di sedicenti grafologi che in realtà si improvvisano tali.

Bibliografia
- Lomazzi G. (a cura di), La Grafologia (Come scoprire i lati nascosti del carattere leggendo fra le righe della scrittura), Vallardi, 1997
- Pulver, M., La simbologia della scrittura, Bollati Boringhieri, Torino, 1983
- Moretti, G., Trattato di grafologia, Edizioni Messaggero, Padova, 1980
- Fragola, M., Grafia e Personalità, Omega, Torino, 1983

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Meteoropatia: cos'è e come affrontarla

Cambio di stagione, passaggio dall’ora solare a quella legale, sbalzi termici e climatici: sono condizioni che in alcuni soggetti possono creare un vero e proprio disagio. La meteoropatia, infatti, è un complesso di disturbi sia a livello psicologico che fisico, associato ai...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato