Menu Psicologia

L'ORTORESSIA: LA RICERCA OSSESSIVA DI ALIMENTI SANI

A cura della Dott.ssa Monica Monaco

La crescente attenzione rivolta all’importanza di alimentarsi in modo sano per favorire la salute e migliorare la qualità della vita porta sempre più spesso a scegliere diete che possono diventare delle vere e proprie ossessioni. Ma il problema non è sempre incentrato sulla quantità dei cibi assunti; talvolta l’accento viene posto anche sulla qualità degli alimenti, ad alcuni dei quali si può categoricamente rifiutare di cedere persino in via di deroga, come accade nelle persone che mostrano chiari sintomi di quella che viene definita “ortoressia”, una vera e propria ossessione di perseguire “il mangiar sano”.

La paura del cibo contaminato
La presenza di una vera e propria problematica di “eccessivo salutismo” manifestata attraverso delle irreprensibili abitudini a consumare i cosiddetti “cibi sani” è stata descritta, intorno alla metà degli anni novanta, dal dietologo americano Steven Bratman che ne aveva osservato la presenza in diversi suoi pazienti e che mostrò a lungo in prima persona una tendenza a scegliere un rigido regime alimentare controllato qualitativamente, vivendo per alcuni anni in una comunità in cui si seguivano abitudini vegetariane limitate al solo consumo di frutta e verdura, alternate anche a parziali digiuni.
La riflessione sull’eccessivo fanatismo per i cibi genuini nacque in seguito alla conversione improvvisa del capo di tale gruppo ad una dieta “normale”, che annoverava tra i piatti prediletti spesso anche la pizza.
Da allora è stato inaugurato un crescente interesse di studio verso questo problema di eccessiva selezione degli alimenti da consumare quotidianamente, che è stato ritenuto in alcune persone causa di un lento processo di deterioramento fisico e talvolta persino di decessi.
La chiave del comportamento ortoressico sembra apparentemente una scelta di cibi che possono aiutare a raggiungere o a mantenere la salute, ma l’analisi più approfondita dei bisogni delle persone con queste tendenze alimentari mostra che essi esibiscono vere e proprie forme di ipocondria, che sono angosciati da fobie di malattie e di contaminazione o ancora assillati dal desiderio di avere un corpo forte e resistente agli attacchi infettivi o al trascorrere del tempo.
L’ortoressia si sviluppa facilmente su un terreno culturale semplice in cui diviene facile accettare poche teorie largamente comprensibili che si imperniano sul principio-chiave che “tutta la salute dipende dal cibo”.
Naturalmente è semplice constatare che questo tipo di problema, con tassi d’incidenza molto alti nei paesi industrializzati, è fortemente influenzato dai messaggi frequentemente lanciati dai mass media relativi a diversi allarmi alimentari: i pericoli incombenti di consumare carni contaminate dal “morbo di mucca pazza”, di entrare in contatto con polli o uova di animali che hanno contratto “l’influenza aviaria” o ancora di consumare vegetali esposti a radiazioni, sono solo alcuni esempi dei periodici stimoli emozionali ricevuti insieme alle corrispondenti notizie mediatiche su infezioni o incidenti naturali.
Il forte impatto delle informazioni preoccupanti relative ai rischi per alcuni cibi alimenta e consolida il problema dell’ortoressia in numerose persone che, pur trovandosi distanti dai luoghi colpiti da contaminazioni, possono finire inghiottiti da paure che nascono dalla lettura della realtà esclusivamente attraverso i parziali filtri mediatici, una prospettiva che mette spesso in difficoltà la capacità di distanziarsi dagli allarmi globali, di percepire emotivamente le distanze, spesso compromessa da una estrema empatia o dallo spirito di appartenenza ad uno stesso paese colpito da un problema.

Segnali di ortoressia
L’etimologia del termine “ortoressia” non spiega pienamente le sue caratteristiche peculiari.
Il nome di questo problema infatti deriva dal greco e, più precisamente, da “órthos” che significa corretto/giusto e da “órexis” che vuol dire appetito.

L’ortoressia è ben diversa da una moderata ricerca di cibi sani, che vengono introdotti più o meno abitualmente nella propria dieta. Essa non è solo una forma di “integralismo alimentare” che può riguardare uno o più aspetti dell’alimentazione e può portare al rifiuto di cibi considerati, per qualche ragione, possibili agenti “tossici”. Si può parlare piuttosto di ortoressia quando le scelte alimentari possono danneggiare uno o più aspetti della salute in senso globale, quando cioè sono compromessi il benessere fisico, la vita sociale o l’equilibrio psicologico.

Di conseguenza, il confine tra salutisti e ortoressici sta innanzitutto nell’adozione di abitudini comportamentali connesse al cibo che possono diventare dannose, scegliendo uno stile di vita “ascetico” senza eccezioni alimentari né concrete né ideologiche.

Dal punto di vista sociale, una persona gravemente ossessionata dal cibo sano spesso finisce per isolarsi da chi non condivide le stesse abitudini, per ragioni anche legate all’impossibilità crescente di evitare momenti con altri, spesso basati sulla condivisione di cibo, quale un semplice aperitivo o una pausa caffé, durante i quali gli ortoressici eventualmente si limitano a consumare quasi esclusivamente acqua.
Frequentemente le persone ossessionate dal mangiar sano ricercano possibili soluzioni di compromesso nella propria vita sociale, che tuttavia si rivelano instabili e transitorie: essi cercano di portare i propri amici in locali in cui si condividono le abitudini ortoressiche, ma questi ultimi poi si ritrovano a non gradire alcun cibo presente o più semplicemente il clima di limitazioni alimentari. La soluzione iniziale così spesso finisce per creare disaccordi che possono demotivare anche gli amici più tolleranti.
Altrettanto spesso capita che il fanatismo alimentare porti a disprezzare chi non mangia sano e a trovarlo poco affine o persino poco intelligente, guidati da una sorta di “complesso di superiorità” che riduce gradualmente il numero delle persone ritenute degne di essere frequentate. L’idea di purezza interiore che può raggiungere un ortoressico è paragonabile, infatti, all’idea si sé posseduta da chi pratica meditazioni e percorsi spirituali profondi.
Le chiusure sociali inoltre spesso sono una “strategia di difesa” più o meno consapevole che mira a proteggere dalle tentazioni di cui sono ricche le occasioni sociali, tra cui torte, dolci e altre tradizionali alimentari spesso caratteristiche di feste e ricorrenze.

Dal punto di vista psicologico, possono essere presenti ben presto molti equilibri interiori precari, basati sul rigido rispetto di comportamenti vissuti come doveri rispetto ai quali ogni eccezione anche minima provoca malessere. Così, mentre ogni “strappo” alla dieta consolidata provoca sensi di colpa e persino somatizzazioni di disturbi fisici (indigestioni, nausea, vomito, ecc.), il consumo di cibi sani produce un senso di benessere con se stessi, collegato soprattutto ad una calma e ad un senso di controllo sulla propria vita. Il paradosso che si genera è che i comportamenti alimentari da cui dipende l’idea di garantire il proprio benessere “controllano” un ortoressico attraverso “l’illusione di controllare” la propria salute.
Eventuali “peccati di gola” possono generare un tale malessere interiore da far ricercare rapidi metodi di evacuazione delle “pericolose tossine” ingerite, attraverso l’adozione di condotte di astinenza totale oppure di comportamenti di eliminazione simili a quelli osservate nei bulimici (es. auto-generazione del vomito o dell’evacuazione).
La vita mentale di una persona diventa realmente ossessionata, al punto che molte ore vengono abitualmente spese in attività connesse all’alimentazione sana: ci si documenta sui cibi, si ricercano fornitori attrezzati o si coltivano in prima persona verdure e ortaggi freschi, si pianificano e si realizzano ricette seguendo particolari procedure di cottura volte a non intaccare alcuni contenuti nutrizionali.
Un’altra caratteristica comportamentale peculiare degli ortoressici è la conoscenza a memoria dei componenti di un gran numero di alimenti, sebbene gli acquisti di prodotti nuovi siano guidati da un esame approfondito delle caratteristiche nutrizionali, pilotato da alcune conoscenze basilari e molto rigide di principi dietetici.

Dal punto di vista fisico, le conseguenze dell’ortoressia possono essere svariate, in base al tipo di dieta che si segue, alle restrizioni specifiche e alle conseguenti carenze che si determinano, che purtroppo però spesso diventano evidenti solo dopo molto tempo: squilibri elettrolitici, avitaminosi, osteoporosi, atrofie muscolari e altro problemi fisici spesso richiedono lunghi periodi di correzione alimentare per il recupero, talvolta interventi persino di ospedalizzazione e altre volte sono condizioni irreversibili.

Spesso l’ortoressia nasce da un più esteso desiderio di salute ad ampio raggio, che può associarsi perciò anche ad altre forme maniacali come l’ossessione per l’esercizio fisico, quella per la pulizia, quella per massaggi e cure estetiche e spesso anche alla fobia dei farmaci.

Riscoprire il piacere dell’eccezione
È evidente che l’ortoressia ha tratti comuni al cosiddetto Disturbo Ossessivo-Compulsivo, di cui viene considerata una tipologia specifica di connotazione moderna.
Come il D.O.C., anche l’ortoressia, mostra alla base problematiche di ansia con preoccupazioni eccessive, involontarie e non controllabili definite “ossessioni” e conseguenti comportamenti ripetuti e altrettanto ingovernabili, chiamati “compulsioni”, che mirano a ridurre l’angoscia.
Nell’ortoressia l’ossessione ha per oggetto la dieta e la compulsione è la dieta stessa.
I comportamenti alimentari diventano coatti e rituali, come seguendo delle prescrizioni che illudono di far guadagnare la salute eterna: si mastica almeno un certo numero di volte, si taglia il cibo con precisione e si mangia amplificando l’importanza del rapporto con il cibo, spesso in silenzio e in solitudine. Come ogni comportamento ossessivo, anche l’ortoressia è caratterizzata da mancanza di spontaneità e flessibilità e l’ossessione alimentare diventa il fulcro della vita stessa: qualcuno definisce per questo gli ortoressici come gli “innamorati di un vegetale” che dipendono da quella che certamente non è né una passione, né un piacere, bensì un tormento.
Come accade per la cura di qualsiasi disturbo ossessivo il problema principale spesso è quello di avere una motivazione a cambiare, ad abbandonare le compulsioni che producono un benessere legato al controllo dell’ansia.
È quasi utopistico pensare di rendere consapevole l’ortoressico dei rischi che l’eccesso di purezza alimentare nasconde, ponendoli a parità di peso sul piatto della bilancia rispetto a quelli che derivano da un’alimentazione negativa incontrollata. La sua reazione sarà quella di negare ad oltranza.

Pubblicità
Il primo passo realizzabile è quello di lavorare sulle emozioni che alimentano l’ossessione e, in particolare, sulle paure di contaminazione e di malattia che sono il prodotto di un forte desiderio di salute. A partire da quest’ultimo possono essere affrontate le profonde tonalità emotive e si possono correggere pensieri disfunzionali, facendo leva anche su eventuali malesseri fisici che possono essere causati dalla dieta squilibrata.
Occorre procedere per piccoli passi che permettano di acquisire una graduale flessibilità nell’alimentarsi, stabilendo inizialmente delle piccole eccezioni ritenute tollerabili, alla luce di una graduale consapevolezza della necessità di riappropriarsi del piacere di alimentarsi che è altrettanto importante per la salute, dal momento che è legato alla capacità del cibo di mantenere attivi sistemi naturali di difesa, ma anche di far rilasciare endorfine che aiutano il benessere e il buonumore.
Ciò che deve cambiare gradualmente ma profondamente è la percezione del proprio corpo che viene vissuto dagli ortoressici come insicuro e attaccabile e soprattutto non bisognoso di tutto: a questo proposito la tradizionale piramide degli alimenti necessari per un equilibrio quotidiano è sempre molto utile e insegna che il corpo ha bisogno, con moderazione ed equilibrio, anche di cibi come dolci e grassi che spesso vengono ritenuti inutili o perfino velenosi da gran parte degli ortoressici.
 
Riferimenti bibliografici
- Bratman S., Knight D., 2000, Health food junkies, Broadway Books, New York.
- Della Ragione L., 2005, La casa delle bambine che non mangiano, Il Pensiero Scientifico, Roma.
- Donini L.M., Marsili D., Graziani M.P., Imbriale M., Cannella C., 2004, orthorexia nervosa: a preliminary study with a proposa for a diagnosis and an attempt to measure the dimension of the phenomenon. In Eating and Weight Disorders, 9.
- McCandless D., 2005, I am an orthorexis, London, BBC.

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Paternità moderna: com'è cambiato il ruolo del padre

I papà di oggi sono sempre più presenti nella vita familiare, dall'accudimento del neonato, alle incombenze della casa, alla gestione dell'educazione dei figli. I cambiamenti che la famiglia monoreddito, nucleo tipico fino alla fine del secolo scorso, ha subìto, hanno generato...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Viva il primo caffè (e anche il secondo)

Scritto il 19 giugno 2018 da Alberto&Alberto

Se faccia bene o male è annosa questione, anche se la maggior parte degli studi propende per una valutazione positiva. Comunque sia, quello del primo caffè è per molti di noi un momento irrinunciabile e indispensabile viatico per affrontare gli impegni della giornata.

Pillole di benessere

Un decalogo per gli ipertesi in montagna

Scritto il 15 giugno 2018 da Welly

L’Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle Malattie Cardiovascolari sfata il falso mito che la montagna non possa essere causa di problemi agli ipertesi e offre dieci suggerimenti per trascorrere vacanze sane e serene ad alta quota.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato