Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Articoli vari / Nuovi argomenti / Psicologia sport

PSICOLOGIA DELLO SPORT e ALLENAMENTO MENTALE 1/2

A cura della Dott.ssa Monica Monaco

La psicologia dello sport e dell’esercizio fisico, talvolta indicata con l’acronimo inglese E.S.P. (Exercise and Sport Psychology), è una branca della psicologia che si occupa dell’applicazione delle conoscenze di questa disciplina al comportamento umano in contesti di attività fisica amatoriale o agonistica. In termini generali, in quanto applicazione della “scienza del comportamento”, gli interventi di psicologia sportiva mirano ad individuare il funzionamento mentale dei destinatari, a potenziare atteggiamenti efficaci e abitudini positive o a sostenere cambiamenti di comportamenti negativi nel caso in cui queste trasformazioni siano utili per sostenere la salute o le performances.
In particolare, un’area di intervento largamente diffusa è quella dell’allenamento mentale degli atleti (o Mental Training) che consente di completare la preparazione degli sportivi, integrando l’allenamento fisico e la preparazione tecnica, puntando a rinforzare e a sviluppare il cosiddetto “fattore psicologico” che consente di raggiungere le massime prestazioni riducendo anche i fattori di stress che possono gradualmente incidere sulla salute dell’atleta.

Risorse della mente, salute e prestazioni sportive
La psicologia dello sport è, più in generale, applicabile a diversi contesti dell’attività fisica dal momento che le predizioni sul comportamento, le conoscenze teoriche e le strategie pratiche sul funzionamento mentale possono essere utili per stimolare e sostenere le risorse interiori che sono spendibili nello sport con finalità diverse.
In particolare, gli interventi di psicologia sportiva possono essere utili per diverse finalità quali:
• educare a stili di vita attiva e incoraggiare l’adesione a programmi per il fitness, sviluppando o rafforzando delle importanti modalità di cura di sè;
• sostenere la motivazione a frequentare più assiduamente le sessioni di allenamento fisico, incoraggiando la conoscenza del proprio sistema emotivo-motivazionale spendibile anche per mantenere con maggiore costanza gli obiettivi personali in altri contesti quotidiani (es. studio, dieta, ecc.);
• favorire l’inserimento in contesti sportivi anche delle persone meno sicure di sé, più timide oppure con particolari caratteristiche psico-sociali (es. persone depresse o fobiche) o con problematiche fisiche specifiche (es. disabili), aiutandole a intrecciare le potenzialità di alcuni sport con i propri bisogni attuali, in modo da creare nuove occasioni favorevoli per la sperimentazione graduale di parti di sé meno esplorate;
• completare la preparazione di atleti agonisti con l’allenamento mentale, in modo da rinforzare al contempo le performances e il benessere, ridimensionando anche talune situazioni di blocco in cui si evince un largo scarto tra prestazione in allenamento e prestazione in gara.

Pubblicità
Nelle prime tre aree d’intervento talvolta si mira a sostenere o a personalizzare le adesioni ai programmi di fitness; nell’ultima area invece le azioni professionali si rivolgono in modo diretto agli atleti per sviluppare o potenziare abilità mentali volte a sostenere le prestazioni elevate o a cambiare il funzionamento di aspetti mentali problematici che interferiscono con la salute o con il rendimento sportivo. È in quest’ultimo caso che si parla di allenamento mentale dell’atleta.

Allenare la forza mentale degli atleti
L’allenamento mentale rappresenta una delle possibilità di applicazione della psicologia dello sport e dell’esercizio fisico che può implicare un intervento sull’atleta sia di tipo diagnostico, che di accrescimento oppure di trasformazione dell’approccio mentale all’allenamento o alle gare.

Più precisamente, i tre grandi step nell’allenamento mentale di atleti agonisti sono:
1) la valutazione conoscitiva degli stili mentali spontanei;
2) il rinforzo di modalità efficaci di attivazione psicologica, cioè di avviamento/stop di pensieri, emozioni o comportamenti in contesti sportivi;
3) l’adozione di strategie di cambiamento psicologico di stili cognitivi, emotivi e comportamentali inefficaci o dannosi per il benessere soggettivo.

In questa cornice si distinguono alcuni interventi di cosiddetto “mental training conservativo”, svolti in alcuni casi anche da figure tecniche di supporto (es. coach, motivatore, mental trainer), che si inseriscono nella seconda linea d’azione descritta. Tali consulenti in genere si concentrano, coerentemente con le proprie conoscenze settoriali e operative, sull’allenamento mirato di alcuni aspetti mentali sani e su cui generalmente non è necessario alcun cambiamento dell’attuale equilibrio psicologico (es. aumento delle abilità di rilassamento in situazioni in cui non sussistono malesseri specifici).
Le modificazioni del funzionamento mentale richiedono invece conoscenze più globali e approfondite sui meccanismi di funzionamento psichico, in considerazione delle possibili ricadute, che un lavoro di “mental training trasformativo”, può avere sulla salute psicologica degli atleti (es. acquisizione di tecniche di rilassamento per la gestione di un problema di ansia agonistica).

Pubblicità
Il mental training impiega strategie, procedure e pratiche che generalmente vengono riunite in protocolli specifici per aree mentali da allenare.

Una delle tradizionali distinzioni delle principali aree di allenamento mentale nello sport classifica 3 tipologie di abilità mentali che contribuiscono a migliorare la performance sportiva e su cui è possibile agire con metodi di intervento psicologico sportivo (Vealey, 1988):
1) le abilità di base (es. volizione, conoscenza di sé, autostima e fiducia in sè);
2) le abilità di prestazione (es. gestione dell’arousal psico-fisico, focalizzazione dell’attenzione);
3) le abilità facilitatorie (es. abilità interpersonali, gestione dello stile di vita personale).
In generale, tuttavia, le caratteristiche mentali di un atleta sono da considerare tutte fortemente supportive, dal momento che costituiscono un terreno fertile che consente di far fruttare le capacità fisiche e tecniche sviluppate.

I programmi di mental training più frequentemente proposti mirano ad allenare diverse abilità mentali che sono ritenute determinanti nel sostenere le prestazioni eccellenti, a partire sia dallo studio delle caratteristiche psicologiche di atleti di successo, che dall’individuazione delle componenti delle cosiddette “peak performances” o “prestazioni elevate” (Williams J.M., 1986). Queste ultime sono quelle condizioni psicofisiche in cui una prestazione avviene senza sforzi, in modo tale da sentire il pieno utilizzo delle proprie capacità e potenzialità globali, avvertendo un senso di potenza e di profonda soddisfazione.
Questi vissuti appaiono direttamente connessi alla possibilità di riuscire a sperimentare volontariamente un avvicinamento a quello che è stato definito “stato di flow” (Csikszentmihalyi, 1990), cioè uno stato mentale ottimale durante il quale un atleta sperimenta un completo coinvolgimento in quello che accade e giunge ad una percezione soggettiva dell’esistenza di un equilibrio tra le proprie abilità personali e la sfida agonistica. Il risultato è sempre positivo: se l’atleta ottiene un successo agonistico sentirà di averlo meritato e avrà raggiunto maggiore conoscenza delle proprie risorse da poter spendere in nuove dispute; se, malgrado l’esperienza, non vi è un successo obiettivo, l’atleta conclude la sua prestazione con la sensazione di sapere cosa è in suo potere fare per migliorarsi in future occasioni e con la sensazione di aver gareggiato in modo pieno per le sue attuali capacità.

Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
Psicologia dello sport e allenamento mentale Psicologia dello sport: le abilità mentali

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Ludopatia giovanile: fenomeno in aumento

Un adolescente su quattro è vittima di ludopatia: slot machine, gratta e vinci e giochi d’azzardo online. È quanto emerso dal recente studio su 20.791 studenti 15enni italiani e 13.725 studenti tra i 16 e i 19 anni condotto dal dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato