Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Emozioni / Il narcisismo

IL NARCISISMO: MITO, FENOMENOLOGIA E COMPRENSIONE PSICODINAMICA

A cura di Monica Barassi, Psicologa e Socia fondatrice dell’Associazione Psicologia in Movimento

Il mito
Il narcisismo patologico è uno dei disturbi di personalità più frequenti nell’epoca contemporanea. Le origini della tematica si rintracciano nella letteratura classica; nella mitologia greca, infatti, è presente la narrazione della vicenda di Narciso, figlio di Cefiso, divinità fluviale, e della ninfa Liriope.
Secondo il mito narrato da Ovidio nelle “Metamorfosi” Narciso era un bellissimo giovane, di cui tutti, sia donne che uomini, si innamoravano alla follia. Tuttavia Narciso preferiva passare le sue giornate cacciando, non curandosi delle sue spasimanti; tra queste era la ninfa Eco, condannata da Giunione a ripetere le ultime parole che le venivano rivolte, poiché le sue chiacchiere distraevano la dea, impedendole di scoprire gli amori furtivi di Giove. Rifiutata da Narciso la ninfa, consumata dall'amore, si nascose nei boschi fino a scomparire e a restare solo un'eco lontana. Non solo Eco, ma tutte le giovani ed i giovani disprezzati da Narciso, invocarono la vendetta degli dei. Narciso venne condannato, da Nemesi, ad innamorarsi della sua immagine riflessa nell’acqua. Disperato perché non avrebbe potuto soddisfare la passione che nutriva, si struggeva in inutili lamenti, ripetuti da Eco. Resosi conto dell'impossibilità del suo amore Narciso si lasciò morire. Quando le Naiadi e le Driadi cercarono il suo corpo per poterlo collocare sul rogo funebre, trovarono vicino allo specchio d'acqua il fiore omonimo. Si narra che Narciso, quando attraversò lo Stige, il fiume dei morti, per entrare nell'Oltretomba, si affacciò sulle acque del fiume, sempre sperando di vedersi riflesso. Ma non riuscì a scorgere nulla a causa della natura torbida, limacciosa di quelle acque. In fin dei conti però, Narciso fu contento di non vedere la sua immagine riflessa perché questo veniva a significare che il fanciullo-sè stesso che amava, non era morto ancora. Nella versione beotica il giovane Narciso, cittadino di Tepsi, venne condannato ad amare la sua immagine, quando Amenia, una giovane del luogo da lui rifiutata sprezzantemente, si tolse la vita davanti alla sua casa, con la stessa spada che Narciso gli aveva inviato come macabro invito a non dargli più noia.
Il mito di Narciso rivive anche nella commedia del drammaturgo e poeta inglese William Shakespeare (1564-1616), attraverso il personaggio di Malvolio, il quale appare all’osservazione del pubblico come inequivocabilmente affetto da un eccessivo amore per se stesso associato alla tendenza a prendere lievi offese per attacchi devastanti.

Pubblicità
Fenomenologia e comprensione psicodinamica
Passando dalla narrazione del mito alla spiegazione fenomenologia del narcisismo vi è da dire, anzitutto, che la differenza tra i livelli di narcisismo sano e narcisismo patologico è molto difficile da cogliere. Una certa dose di amor proprio, stima e rispetto di sé, non solo è normale ma bensì auspicabile in ogni individuo. Non è facile da identificare il punto lungo un immaginario continuum dell’amore di sé, dove il sano narcisismo si tramuta in narcisismo patologico.
Quali criteri adottare, dunque, per cogliere tale distinzione? Senz’altro il criterio della valutazione della fase del ciclo di vita che un individuo attraversa, è un utile indicatore, basti pensare, ad esempio, alla valutazione benigna che si prova verso un ragazzo adolescente, che passa ogni mattina un’ora allo specchio prima di uscire per rendere perfetto ogni capello della propria acconciatura. Al contrario, l’opinione non favorevole che susciterebbe un uomo trentenne impegnato nella stessa operazione, forse eccessiva a quella ètà, e, infine, nuovamente l’empatia e il senso di comprensione che scaturirebbe dall’osservare un uomo di 45 anni, alle prese con la crisi di mezza età, anch’esso assorbito a lungo davanti allo specchio a trovare l’acconciatura per lui più gradevole.
Anche la considerazione e la stima delle differenze culturali in cui un individuo è immerso, possono aiutare a valutare laddove la dose di narcisismo sia sana e quando, invece, eccessiva. Senz’altro la società contemporanea occidentale è improntata a una cultura narcisistica, dove i mass media inducono a fare propri i valori dell’estetica, dell’immagine, dell’apparire a discapito dell’essere, della profondità e della sostanza delle cose e dove la paura dell’invecchiare e della morte sono rimosse e negate. Se, dunque, le differenze evolutive e le influenze culturali sono validi indicatori, tuttavia, le forme sane o patologiche del narciso, sono però soprattutto identificabili andando a considerare la qualità delle relazioni oggettuali del soggetto. Infatti, nell’ambito della sfera delle relazioni interpersonali, una costante che caratterizza il soggetto affetto da narcisismo patologico è la sofferenza, il vuoto e la solitudine associate alla incapacità d’amare.
Da una parte, nelle relazioni interpersonali del sano narcisista, si possono individuare alcune caratteristiche fondamentali quali: empatia e preoccupazione per i sentimenti dell’altro, genuino interesse per le idee altrui, capacità di tollerare l’ambivalenza nelle relazioni di lunga durata, senza pervenire a una rottura e riconoscere il proprio contributo nei conflitti interpersonali. Dall’altra, invece, nelle relazioni interpersonali del narcisista patologico si riscontra che: si accosta agli altri trattandoli come oggetti da usare e da abbandonare secondo i bisogni narcisistici, incurante dei loro sentimenti, che non vive gli altri come persone che hanno un’esistenza separata o bisogni propri, spesso interrompe una relazione dopo un breve periodo di tempo, quando il partner comincia a porre richieste relative ai propri bisogni.

Nella letteratura psicologica, molti autori si sono occupati della descrizione dei vari aspetti del continuum fra narcisismo sano e patologico. Fra essi, spiccano i nomi di Kohut, che ha descritto la tipologia del narcisista ipervigile: ovvero un tipo vulnerabile, tendente alla frammentazione di sé, fortemente sensibile alle reazioni degli altri, inibito, schivo o persino portato ad eclissarsi e ad evitare di essere al centro dell’attenzione e di Kernberg, che ha descritto la tipologia del narcisista inconsapevole, un tipo invidioso, avido, che richiede attenzione ed acclamazione da parte degli altri, non ha consapevolezza delle reazioni degli altri, arrogante e aggressivo, “trasmittente”, ma non “ricevente”.
Sebbene queste tipologie possano presentarsi in forma pura, molti individui mostrano una miscela di caratteristiche fenomenologiche di entrambi i tipi.

Il criterio diagnostico DSM-IV
La diagnosi secondo il criterio DSM IV - Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders richiede che almeno cinque dei seguenti sintomi siano presenti in modo tale da formare un pattern pervasivo, cioè che rimane tendenzialmente costante in situazioni e relazioni diverse:

  1. Senso grandioso del sé ovvero senso esagerato della propria importanza
  2. Occupato/a in fantasie di successo illimitato, di potere, di effetto sugli altri, di bellezza o di amore ideale
  3. Crede di essere "speciale" e unico/a, e di poter essere capito/a solo da persone speciali; o è eccessivamente preoccupato da ricercare vicinanza/essere associato a persone di status molto alto in qualche ambito
  4. Desidera o richiede un’ammirazione eccessiva rispetto al normale o al suo reale valore
  5. Ha un forte sentimento di propri diritti e facoltà, è irrealisticamente convinto che altri individui/situazioni debbano soddisfare le sue aspettative
  6. Approfitta degli altri per raggiungere i propri scopi, e non ne prova rimorso
  7. È carente di empatia: non si accorge (non riconosce) o non dà importanza a sentimenti altrui, non desidera identificarsi con i loro desideri
  8. Prova spesso invidia ed è generalmente convinto che altri provino invidia per lui/lei
  9. Modalità affettiva di tipo predatorio (rapporti di forza sbilanciati, con scarso impegno personale, desidera ricevere più di quello che dà, che altri siano affettivamente coinvolti più di quanto lui/lei lo è).

Diffusione
Secondo i dati riportati dall'American Psychiatric Association (APA) il disturbo narcisistico di personalità è diagnosticabile in circa l'1% della popolazione adulta. Esistono tuttavia stime più elevate, che collocano il dato tra il 2% e il 4%. Tra i pazienti ricoverati la diffusione del disturbo aumenta molto (tra il 2% e il 16%). La diffusione di questa patologia non sembra ubiquitaria, bensì fortemente influenzata - perlomeno nelle modalità di manifestarsi - dai contesti culturali. Secondo alcuni osservatori, essa è diffusa con queste caratteristiche quasi esclusivamente in paesi capitalistici occidentali. Il disturbo sembra avere una componente sessuale o di genere per cui la diffusione non è uguale fra i due sessi: i maschi affetti sono più numerosi delle donne, di una quota compresa tra il 50% e il 75%. Alcuni tratti narcisistici appaiono nel corso dello sviluppo dell'individuo e in un certo grado sono normali. Questi tratti del carattere sono molto diffusi tra adolescenti e teenagers, senza che necessariamente l'esito sia una personalità patologica in età adulta.

Approccio terapeutico
Diverse sono le possibilità terapeutiche a cui possono rivolgersi i pazienti affetti da narcisismo patologico, per trovare risoluzione al loro malessere esistenziale. Per Kohut e Kernberg la psicoanalisi è il trattamento elettivo per questi pazienti al fine di superare le esperienze deficitarie infantili; tuttavia, anche un approccio supportivo-espressivo, meno impegnativo dal punto di vista del numero di sedute a settimana e della durata del trattamento possono produrre risultati favorevoli. In taluni casi, è auspicabile la scelta di un trattamento combinato che associ la psicoterapia individuale con quella di gruppo. Tale trattamento può risultare molto efficace, grazie alla sinergia della profondità e intensità offerta dal rapporto individuale e dalle possibilità di confronto e feedback proprie del lavoro in gruppo. Sostanzialmente strumenti essenziali di qualsiasi intervento terapeutico saranno, grazie all’ambiente protetto offerto dal setting di lavoro, la costruzione di un’alleanza positiva fra terapeuta e paziente e l’esperire e sperimentare nuove, più piene, evolutive e soddisfacenti possibilità relazionali fra gli individui.

Bibliografia:

  • Quick Reference to the Diagnostic Criteria from DSM-IV by American Psychiatric Association, Washington D.C., 1994-1995.
  • Gabbard G. O. (2000), Psychodynamic Psychiatry in Clinical Practice, American Psychiatric Press, Inc. (trad. it. Psichiatria psicodinamica, Raffaello Cortina Editore, Milano, 1992)
  • Greenberg J. R., Mitchell S. A. (1983), Object Relations in Psychoanalytic Theory, Cambridge, Harvard university Press. (trad. It. Le relazioni oggettuali nella teoria psicoanalitica, Il Mulino, Bologna, 1986)

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Meteoropatia: cos'è e come affrontarla

Cambio di stagione, passaggio dall’ora solare a quella legale, sbalzi termici e climatici: sono condizioni che in alcuni soggetti possono creare un vero e proprio disagio. La meteoropatia, infatti, è un complesso di disturbi sia a livello psicologico che fisico, associato ai...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato