Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Psicosomatica / Psic e app. gastr.

I DISTURBI PSICOSOMATICI A CARICO DELL’APPARATO GASTROINTESTINALE 1/2

A cura di Marta Chiappetta

Sindrome del colon irritabile
Chi soffre della sindrome del colon irritabile, chiamato nel linguaggio comune colite, in genere si sottopone a numerose visite mediche per capire da cosa deriva il suo disturbo. Per la medicina allopatica la sindrome del colon irritabile (o intestino irritabile) è ancora una patologia di difficile interpretazione ed è trattata più come una sintomatologia che come una malattia vera e propria. Gli attacchi, caratterizzati da alternanza tra stipsi con feci dure e coperte di muco e diarrea acquosa e urgente espulsa più volte al giorno associate a dolore addominale, possono variare da individuo a individuo. Il dolore è di diversa intensità ma di solito si focalizza sul lato sinistro dell’addome, si riduce con la pressione manuale e con il passaggio di feci e gas. Il soggetto colitico, inoltre, lamenta gonfiore, tensione addominale e borborigmi (rumori intestinali) a causa dell’accumulo di gas nell’intestino.
La sintomatologia spesso compare in seguito ai pasti per l’incremento dell’attività peristaltica che si verifica subito dopo il transito del cibo nello stomaco; ad essa si aggiungono mal di testa, nausea, flatulenza, alitosi, insonnia, perdita dell’appetito, spossatezza. La sindrome è più frequente nel sesso femminile e nella fascia d’età compresa tra i 30 e i 40 anni; spesso l’insorgenza è correlata a fattori alimentari (assunzione di alcol, caffè e cibi speziati), infettivi (squilibri della flora intestinale), intolleranze alimentari, errate abitudini di vita (sedentarietà, abuso di farmaci).

Pubblicità
Nonostante si possa tracciare, attraverso indagini cliniche, un percorso che possa spiegare i sintomi ricorrenti e specifici, la causa non emerge mai in modo evidente; a volte l’unico segno riscontrato è un’infiammazione del colon che però non sempre è presente. Nell’insorgenza della malattia si è sempre riconosciuto un ruolo fondamentale allo stress emotivo che è alla base del disturbo, cronico e ricorrente, caratterizzato da una sintomatologia acuta alternata a fasi di benessere. La “lettura” più probabile della patologia è quella psicosomatica che ha permesso, anche, di tracciare delle caratteristiche emotive comuni a tutti coloro che soffrono di colite: ansia (spesso anticipatoria), tensione, depressione, paura. Ma il sentimento che caratterizza maggiormente questa sindrome è la rabbia, un’aggressività repressa che non viene sfogata e che il soggetto rivolta contro se stesso. Ciò che viene bloccata non è solo la rabbia ma anche l’aggressività intesa come spinta alla realizzazione di sé; nel momento in cui sta esprimendo se stesso e riceve una pressione esterna, il soggetto prova un senso di frustrazione e si protegge chiudendosi. Spesso nel vissuto di chi soffre di colite ci sono state evidenti imposizioni o costrizioni che hanno soffocato ogni realizzazione personale e l’espressione della personalità, generando rabbia e disistima di sé.
L’intestino ha un ruolo molto importante nella sfera psicosomatica: esso rappresenta in basso ciò che il cervello e la psiche, l’alto, non riescono a contenere o ad eliminare. Chi soffre di colite non accetta tutti quei contenuti che interpreta come “sporchi”: fantasie sessuali, aggressività, ovvero i cosiddetti “bassi istinti”. Tra questi, oltre la rabbia, c’è la paura. L’ansia che anticipa gli eventi e che scatena il sintomo è legata alla paura di non essere all’altezza e di fallire; questo timore nasce perché in passato talento, autorealizzazione, e sicurezza di sé non hanno avuto né spazio, né voce. Questa interpretazione spiega facilmente perché la colite spesso si presenta in concomitanza di eventi particolari come prove, esami, situazioni stressanti. La scarica diarroica improvvisa e violenta è la riattivazione di un modo arcaico di sottrarsi alla situazione temuta e di scaricare il contenuto emotivo.
Nella sindrome tipica che caratterizza il colon irritabile c’è alternanza tra episodi di stipsi e diarrea. Questa oscillazione è una metafora della difficoltà del soggetto ad accettare tutte le parti di sé, positive e negative, come se avesse bisogno di una visione monopolare di se stesso e possibilmente sempre positiva. Questa idea illusoria nella fase adulta assume la forma di dubbi disturbanti che, nello stato fortemente negativo, assumono carattere ossessivo.
Il colon viene definito irritabile perché è, appunto, ipersensibile ai giudizi esterni e a tutti quegli elementi che il colitico vive come destrutturanti e destabilizzanti. Le personalità-tipo che sono più soggette a questa patologia sono sempre puntuali e precise, moralmente rigide e controllate, ossessionate dall’ordine e dalla pulizia. Chi soffre di colite è passivo, introverso, ha un’autostima instabile e altalenante, non si adatta facilmente alle situazioni, è bisognoso d’affetto e tende alla dipendenza dalle figure di riferimento. Una chiave della patologia che si riscontra in molti soggetti è una depressione latente e mascherata, spesso alternata ad ansia che, così come avviene per tutti i lati ombra, non riesce ad essere elaborata né manifestata all’esterno.

Pubblicità
Ulcera peptica
L’ulcera peptica è una lesione simile ad una ferita che si sviluppa nella mucosa interna dello stomaco, del duodeno o dell’esofago. In base a quale porzione di mucosa colpisce, si suddivide in tre forme: gastrica, duodenale o esofagea. Nonostante la diversa localizzazione, le cause e i sintomi sono comuni a tutte e tre le forme. La definizione di peptica deriva dalla causa dell’erosione legata alla presenza di un enzima, la pepsina, e dall’acido cloridrico presente nei succhi gastrici. In determinate condizioni patologiche, questa produzione acida ed enzimatica aumenta, mentre diminuisce l’azione dei fattori protettivi che rivestono lo stomaco. Il succo gastrico aggredisce la mucosa producendo prima un’infiammazione della parete e poi un’ulcerazione.
La sintomatologia in fase iniziale è subdola e difficile da riconoscere; in molti pazienti può addirittura essere asintomatica e guarire spontaneamente. In altri casi compare un gruppo di sintomi noti come dispepsia che comprende dolore all’epigastrio (parte centrale della metà superiore dell’addome), gonfiore, nausea, meteorismo intestinale, inappetenza. In generale, il sintomo più evidente dell’ulcera peptica è il dolore simile ad un crampo (variabile in base alla sede dell’ulcera) associato a bruciore di stomaco. Il dolore peggiora quando la mucosa gastrica viene a contatto con la zona ulcerata, ovvero nei trenta minuti che seguono il pasto e a digiuno. Un’altra caratteristica tipica di questa patologia è la periodicità stagionale; i sintomi si accentuano solitamente in primavera e in autunno.
Le due forme più comuni, l’ulcera duodenale e gastrica, presentano delle lievi differenze nella sintomatologia che, seppur variabile, possono aiutare la diagnosi. Nella forma duodenale i sintomi tipici sono i crampi urenti, spesso anche notturni, nella parte centro-superiore dell’addome che si attenuano con i pasti e con l’assunzione di antiacidi; in quella gastrica è presente sazietà precoce nonostante il senso di fame, nausea, vomito, dolore nel quadrante superiore sinistro con peggioramento durante i pasti.
Tra le cause più note dell’ulcera peptica, oltre lo stress, l’uso continuato di farmaci analgesici, in particolare di antinfiammatori non steroidei (FANS), il fumo e l’abuso di alcol e caffeina, oggi la causa organica della maggior parte delle ulcere sembra essere un batterio, l’Helicobacter Pylori; questo microrganismo presente in condizioni normali nella mucosa gastrica, in determinate situazioni diventa aggressivo e intacca le pareti procurando un’infiammazione ulcerativa allo stomaco o al duodeno. Il decorso dell’ulcera è solitamente cronico e il riacutizzarsi della sintomatologica si alterna a periodi di latenza. Le possibili complicazioni sono l’emorragia, la perforazione e la trasformazione in un tumore maligno o in un linfoma.
Le cause identificate sono sicuramente importanti ma solo nella misura in cui favoriscono l’insorgenza della malattia. Molte funzioni gastriche, tra cui la motilità, il flusso sanguigno e la secrezione dell’acido, sono strettamente connessi ai processi nervosi e allo stato psichico del paziente. Accanto alle indagini cliniche accurate si è analizzato anche il collegamento tra la comparsa dei sintomi e determinati momenti ed episodi della vita del soggetto che ne soffre. Il termine stress, generalmente utilizzato per definire uno stato di tensione prolungato che ha conseguenze sul corpo, non basta a spiegare lo stretto legame tra sintomo e vissuto emotivo.
Così come avviene per le altre patologie che hanno un’importante origine psicosomatica, anche nell’ulcera si può tracciare la personalità del soggetto che ne soffre. La dinamica sottesa all’insorgenza della malattia risiede già nell’infanzia, quando il soggetto è stato frustrato nel bisogno fondamentale, quello di un nutrimento d’amore sano e appagante da parte delle figure di riferimento.
Il bisogno non soddisfatto porterà il soggetto a convincersi, in età adulta, di non poter più ottenere quella dose di nutrimento affettivo e quindi, per proteggersi dalla sofferenza, la negherà a se stesso. La conseguenza è un bisogno estremo d’indipendenza e autonomia che nasconde la grande paura di non essere amati. Tuttavia, questo meccanismo alimenta la sofferenza perché, nonostante l’ulceroso sia brillante, vitale, iperattivo, autonomo e vincente sul piano professionale, dentro di lui si nasconde la grande paura di essere “scoperto” nel suo bisogno di rassicurazione. È qui che entra in gioco il meccanismo duale che è alla base del sintomo: l’attesa perenne di cibo/amore induce il corpo a produrre succhi gastrici “simulando” l’arrivo del nutrimento che, in realtà, non avviene. Lo stomaco “mangia se stesso” e la rabbia resta bloccata dentro fino a corrodere le pareti.
Le situazioni nelle quali il sintomo si fa sentire sono quelle caratterizzate da conflitti, cambiamenti improvvisi, scelte importanti, fasi di distacco, soprattutto dalla famiglia d’origine, momenti in cui la rabbia non riesce ad esprimersi e resta bloccata e trattenuta per lungo tempo. L’ulceroso, pur trasmettendo un’immagine di persona “rampante” e “di successo”, reprime e non manifesta il bisogno di rassicurazione e la paura del rifiuto, della solitudine, le contrarietà e l’aggressività che non elabora ma rivolge contro se stesso.
Anche l’iperattività esasperata è funzionale a colmare la sofferenza e la paura interiore. Spesso l’ulceroso ha avuto una famiglia invadente e oppressiva su tutti i piani, che si è sempre imposta, anche con atteggiamenti ricattatori, su scelte professionali e sentimentali.

Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
I disturbi psicosomatici a carico dell’apparato gastrointestinale: sindrome del colon irritabile e ulcera peptica I disturbi psicosomatici a carico dell’apparato gastrointestinale: gastrite e colite ulcerosa

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Fiducia nell’altro sempre più in calo: in crisi rapporti familiari e amicali

Secondo l’annuale rapporto che stila l’Istat sul benessere equo e sostenibile, solo il 20% della popolazione sostiene di provare fiducia nell’altro (solo una persona su cinque ritiene che la maggior parte della gente sia degna di fiducia) e diminuiscono le persone soddisfatte per...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Ippo, ippo, urrà!

Scritto il 13 February 2018 da Alberto&Alberto

Equitazione, ippica, ippoterapia, cavalgiocare. Attorno al cavallo ruotano diverse discipline - sportive o pedagogiche - ma tutte foriere di divertimento e di benessere.

Pillole di benessere

AISM, 50 anni contro la Sclerosi Multipla

Scritto il 16 February 2018 da Welly

L’Associazione Italiana Sclerosi Multipla compie 50 anni. E ribadisce il suo impegno a sostegno della ricerca con una nuova campagna: #SMuoviti.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato