Menu Estetica e trattamenti

TROVARE IL BENESSERE NELLE GROTTE DI SALE

Pavimenti di sale, pareti di sale, stalattiti di sale che si stagliano dall’alto sui visitatori: uno spettacolo incredibile, suggestivo, imponente. Ma soprattutto salutare.
Le grotte di sale sono una delle scoperte più recenti, per quanto riguarda la medicina alternativa e la cura naturale a numerose patologie. Per quanto sia singolare definire “recente” un metodo che fu già intuito da un medico polacco nel diciannovesimo secolo. Era il 1843 quando il dottor Felix Boczkowski decise di effettuare degli studi che potessero confermare una teoria che stava sempre più prendendo piede: quella che sosteneva che gli operai impiegati nelle miniere di sale presentavano una salute migliore non solo dei colleghi che operavano in altre miniere, ma anche della media della popolazione dell’epoca. Già in quel periodo si conoscevano gli effetti benefici dell’”aria di mare” sulla salute delle persone, ma non era stata effettuata alcuna ricerca, anche per gli ovvi limiti che la scienza di allora presentava, sulla differenza tra iodio positivo e negativo, né sulla concentrazione necessaria di particelle di questo elemento, per ottenere un miglioramento di determinate patologie.
Oggi le grotte di sale sono diffuse in Europa e stanno iniziando a conquistare anche l’America. Sono costruite ad hoc per ricordare gli ambienti delle miniere di sale: in bellezza, imponenza, suggestione, ma soprattutto per quanto riguarda gli effetti benefici dovuti alla salgemma, inspirata o assorbita tramite l’epidermide, sulla salute.

La storia
Il dottor Boczkowski descrisse i suoi studi sulle miniere di sale nel saggio “O Wielicze pod wzgledem historyi naturalnej”, in cui attribuiva gli effetti curativi delle miniere fondamentalmente a tre cause: i microelementi presenti nell’ambiente, la temperatura e l’umidità, la concentrazione dei microelementi rispetto ad ambienti esterni. Di fatto il luminare polacco fu il primo a cimentarsi in quella che chiamò haloterapia, facendo respirare ai suoi pazienti microelementi del sale. Chiaramente si trattava di sale delle miniere, al 95 per cento salgemma, un elemento abbastanza diverso dal sale da cucina diffuso attualmente.
In realtà, già nell’antichità al sale venivano riconosciute proprietà curative se non addirittura taumaturgiche. Presso alcuni popoli il sale veniva usato come moneta di scambio, in Egitto era un dono “da faraoni”, e nel Medioevo al sale vennero attribuite proprietà quasi miracolose, oltre che di protezione dal male. In fondo, a tutt’oggi sul sale sono incentrati proverbi, modi di dire o anche atteggiamenti scaramantici, gesti apotropaici e tradizioni che si tramandano da generazioni. Il sale gettato negli angoli delle stanze di molte case dovrebbe proteggere dalle influenze negative; il sale rovesciato accidentalmente va trattato in un determinato modo; il sale sparso davanti alla porta di casa è una valida protezione contro le streghe; e si potrebbe continuare ad elencare fin troppe usanze e superstizioni che lo vedono protagonista.
Aldilà di certi riti e usanze, le proprietà curative del sale marino e degli ambienti saturi di iodio erano note già agli antichi, e non sono decadute nel corso dei secoli. Attualmente, in alcune miniere ormai in disuso sono stati realizzati centri curativi. È il caso della miniera di sale di Wieliczka, in Polonia, vicino a Cracovia: sede della più lunga galleria di sale d’Europa, a 226 metri di profondità, ospita un sanatorio. Caso simile è la cava di sale di Berchtesgaden, in Germania.
Le prime grotte di sale sono nate nel secolo scorso in Polonia, paese con un’antica tradizione di miniere di sale; attualmente si stanno diffondendo sia in Europa sia in America, e sono presenti anche in Italia.

La grotta

Il sale utilizzato per costruire le moderne grotte, ispirate alle antiche miniere, deve essere naturale: non ottenuto chimicamente, quindi, ma recuperato, per quanto possibile, da saline, miniere, laghi salati dove l’acqua sia evaporata; tra i maggiori “fornitori” di sale per grotte figurano il Mar Nero e le miniere polacche.
Per una grotta di grandezza standard sono necessarie tra le dieci e le venti tonnellate di sale. La salgemma viene compattata sotto forma di mattoni con cui vengono rivestiti il pavimento e le pareti della sala che assumerà le sembianze di una grotta; in alcuni casi nel soffitto vengono create stalattiti, sempre saline, per ricordare il più possibile l’ambiente minerario.
Seguendo le indicazioni del luminare polacco, l’ambiente della grotta deve ispirarsi alle miniere non solo per la presenza di iodio, ma anche per il microclima: la temperatura dell’aria, il tasso di umidità, il movimento delle correnti, la nebbia salina, l’assenza di agenti patogeni. La ventilazione viene assicurata grazie a un’intercapedine nella parete del locale; ogni dettaglio è pensato per ricostruire un clima marino, ma estremamente concentrato: in teoria, 45 minuti di terapia in una grotta di sale, dovrebbero apportare benefici pari a tre settimane di permanenza al mare. Per questo motivo grande attenzione è dedicata allo iodio: l’aria è satura di ioni negativi, oltre a particelle di calcio, magnesio, sodio, bromo e altri elementi fondamentali per la salute.
Gli ambienti sono realizzati in modo tale da ispirare, come prima sensazione, il relax: sono chiaramente vietati i cellulari, è suggerito un abbigliamento comodo, in alcune strutture sono presenti appositi giochi per i bambini; è da considerare infatti che questo tipo di grotte vengono particolarmente consigliate ai più piccoli. Ogni seduta dura, in genere, quarantacinque minuti. Il numero di sedute consigliate varia a seconda della patologia che si vuole curare e della personale, soggettiva reazione alla terapia.

Pubblicità
Indicazioni terapeutiche
La terapia nelle grotte di sale è sconsigliata solo in caso di allergia allo iodio; è necessario effettuare un controllo medico e chiedere un’opportuna valutazione dello stato di salute e delle possibili controindicazioni, nei casi di ipertiroidismo, ipotensione e malattie tumorali.
La principale caratteristica su cui si basa la terapia nelle grotte di sale è la presenza di ioni negativi, che in un metro cubo di aria di città non superano le duecento particelle, mentre negli ambienti con aria ionizzata arrivano a mille. Gli ioni di sale marino agiscono principalmente sulla respirazione, migliorando lo stato delle mucose, dei bronchi e in generale delle vie respiratorie. Per questo motivo le sedute nelle grotte di sale vengono consigliate principalmente per curare malattie a carico dell’apparato respiratorio come asma, catarro, sinusite e polmoniti.
Oltre a queste affezioni, però, le grotte saline possono essere frequentate anche da chi ha malattie dermatologiche come psoriasi o irritazioni di varia origine, problemi di circolazione, ipertensione, malattie reumatiche, disfunzioni metaboliche, ulcere e altre patologie dell’apparato gastrointestinale, allergie (con eccezione di quella allo iodio), stress.
Le grotte sono particolarmente indicate per la cura degli stati di stress e affaticamento emotivo; per questo motivo molte strutture presentano, oltre all’ambiente tipico di salgemma, anche ulteriori impianti per effettuare coloroterapia e musicoterapia, all’interno della stessa grotta.
L’assunzione di particelle salutari avviene per inalazione, ma anche, in parte, assorbimento tramite l’epidermide. In alcuni impianti vengono affiancate, alla climatoterapia, sedute di balneoterapia (bagni curativi e assunzione di acque minerali) e talassoterapia (sfruttare il clima marino anche tramite bagni, fanghi e alghe).

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato