Menu Estetica e trattamenti

IL F.EL.C. CONTRO LE MACCHIE DELLA PELLE ED I TATUAGGI

A cura del Prof. Maurizio Fraticelli

L’invecchiamento della cute è dovuto principalmente a due fattori: la prolungata ed eccessiva esposizione al sole (sia al mare che in montagna), nonché il fisiologico invecchiamento legato all’avanzare dell’età. Nel primo caso si parla di "photo-aging", nel secondo di "chrono-aging".
Il photo-aging, che a differenza del "chrono" può essere prevenuto, è caratterizzato da una serie di modificazioni che nel corso del tempo determinano l'assottigliamento dell'epidermide e contemporaneamente l'ispessimento dello strato corneo, il più superficiale, dove si accumulano le cellule morte che la pelle non riesce a eliminare. Gli effetti di queste modificazioni producono inestetismi ben noti al pubblico femminile: capillari dilatati (couperose) che possono essere apprezzate sulle gote, macchie, rughe, rilassamento dei tessuti, nonché ispessimento della cute e variazione di colore della stessa dal giallastro al grigio proprio come se la pelle fosse sporca.
È importante prevenire questi problemi, anzitutto con un corretto stile ed igiene di vita, e preparare adeguatamente la pelle alla stagione delle vacanze.
Le macchie devono essere asportate, per prevenire un aumento di dimensione e di spessore, ovviamente non all’inizio della bella stagione ma in tempo utile, nelle stagioni più fredde. Le ipercromie hanno varie possibilità di trattamento: cure generali mediante integratori alimentari con azione antiradicali liberi per preparare la cute a terapie più energiche.

Per favorire lo schiarimento del viso, il medico ha a disposizione i peeling chimici, che esfoliando delicatamente l’epidermide aumentano il turn-over cellulare “rinfrescando“ globalmente il volto.
Tra le varie tecniche strumentali per il trattamento delle macchie cutanee, si possono citare quelle riguardanti la soft-dermo-chirurgia che in questi ultimi anni è migliorata, sia come risultato, che come tempo di recupero, grazie a sempre nuove e più efficaci tecnologie.
Tra gli strumenti più utilizzati quotidianamente negli ambulatori medici, soprattutto per i sanitari che si occupano di chirurgia, si annovera la vecchia, ma sempre valida, crio-chirurgia, l’insostituibile radiobisturi, il laser con tutte le sue varianti e l’ultimo nato, il F.EL.C. Mentre il Laser (acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation) utilizza l’emissione di fotoni, il radiobisturi agisce per il tramite di onde radio. Il F.EL.C. (Flusso di Elettroni Convogliati), invece, utilizza gli elettroni per trattare diverse lesione dei tessuti.

Pubblicità

Il F.EL.C. sta dimostrando sempre più la sua efficacia, sia come risultato che per il rispetto dei tessuti, se usato adeguatamente. Si tratta di un generatore di elettroni, e nasce dall’idea di poter trattare quelle lesioni, come ad esempio le macchie, che mal si prestano ad un trattamento con altre metodiche.
La potenza con cui il F.EL.C impatta i tessuti è molto piccola ma i risultati sono notevoli. Inoltre è possibile, proprio per via della modesta potenza, non creare arrossamento dei tessuti circostanti la lesione.
Una caratteristica peculiare di questa apparecchiatura, più volte ribadita dal suo ideatore Prof. Giorgio Fippi, è la possibilità di effettuare una anestesia senza anestetici o aghi, indicata come “anestesia anulare”. Una volta identificata le lesione, per esempio una macchia, se ne delimitano i margini con il F.EL.C. al minimo della potenza, per non causare fastidio al paziente. Si creerà quindi una corona circolare che circonda la lesione; a quel punto, avendo interrotto le fibre nervose responsabili della propagazione del dolore, si può aumentare la potenza e terminare l’intervento.
Tra le altre possibili indicazioni del F.EL.C ci sono il trattamento delle cicatrici traumatiche e da acne, i fibromi, le rughe del codice a barra del baffo, le macchie cutanee soprattutto come ipercromie ma anche come ipocromie.

Capitolo importante della soft chirurgia sono le macchie sia del dorso delle mani che del corpo, nonché del viso. La tecnica, per il trattamento delle macchie cutanee, consiste nell’avvicinare la punta del manipolo alla zona cutanea da trattare e con fini movimenti, adeguatamente condotti, “disegnare” l’ipercromia. Finita questa prima fase, si passa a disinfettare con cotone la zona trattata, asportando contemporaneamente la parte dei tessuti sottoposti all’azione del F.EL.C.; talora si potrà apprezzare un piccolo gemizio ematico, altre volte non ci sarà la presenza di sangue nel caso di macchie superficiali. Con questa metodica è possibile attenuare o cancellare, in pochi secondi, macchie anche di una certa grandezza.
Terminato l’intervento, la pelle apparirà arrossata per lo strofinio del cotone, non ci saranno sanguinamenti e nei giorni successivi si formerà una piccola crosticina, che non dovrà essere asportata dal paziente, poiché cadrà spontaneamente dopo qualche giorno.
Nelle macchie molto profonde che necessitano di una azione più incisiva è possibile che, in soggetti predisposti, si noti una colorazione rosea che potrà durare a lungo; a volte la zona potrà apparire più chiara della pelle circostante anche dopo diversi mesi.
È molto importante, durante il periodo di guarigione, proteggere la zona sottoposta all’azione della terapia dalle radiazioni solari anche se si è nella stagione fredda.
In particolar modo i giovani dovranno, oltre al sole, fare attenzione alla esposizione alle lampade solari, e alle lampade stroboscopiche della discoteche. In caso di esposizioni inevitabili si dovrà usare cipria fluida per evitare la formazione di anomalie della pigmentazione.

Prima 3 mesi dopo un trattamento
con il F.EL.C.

La metodica offre buoni risultati non solo sulle macchie singole o multiple del volto o delle mani; ma è altrettanto valida nel caso di cloasma. In questo caso il trattamento, data l’estensione della lesione, verrà effettuato a più riprese, per evitare che una crosticina troppo estesa possa rompersi riducendo il risultato e l’intervento stesso sarà condotto con la metodica a macchia di leopardo, per creare meno disaggio possibile al paziente nel post-operatorio.
Anche le ipocromie possono trarre giovamento dalla metodica FELC, in questo caso il manipolo dell’apparecchio lavorerà alla periferia della zona chiara, ottenendo in caso di risposta positiva, una riduzione del colorito chiaro.

I tatuaggi possono essere considerati come delle macchie. Il F.EL.C. permetterà quindi di rimuoverli; dopo una prima seduta di prova per valutare la cicatrizzazione ed il cromatismo, si passerà al trattamento completo del tatuaggio, che sarà sottoposto, dopo il trattamento con il F.EL.C., a salatura per eliminare il più possibile il pigmento.
La bassa potenza generata dal F.EL.C. e l’alta resa della metodica permettono, nella maggior parte dei casi, una totale assenza di arrossamento nei tessuti circostanti. Durante il trattamento di lesioni superficiali non si osserva sanguinamento per cui non ci saranno discromie (variazioni di colore della pelle); inoltre devono essere anche considerate l’assenza di avvallamenti nel post operatorio.
Infine l’uso del F.EL.C. prevede, almeno in alcuni casi, una sensibile riduzione della incidenza delle recidive rispetto ad altre tecniche convenzionali.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Altrimenti ci divertiamo

Scritto il 16 January 2018 da Alberto&Alberto

I film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill hanno rallegrato per decenni il pubblico di tutto il mondo. Un fenomeno nato in Italia e che sopravvive, con le riproposte televisive, ai mutamenti delle mode e dei gusti degli spettatori.

Pillole di benessere

Dieta mediterranea e longevità

Scritto il 19 January 2018 da Welly

Gli italiani sono tra le popolazioni più longeve del mondo e ciò è probabilmente dovuto ad una alimentazione che comprende quella stessa quantità di macronutrienti che due recenti studi associano ad una minore mortalità.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato