Menu Estetica e trattamenti

LA CHIRURGIA ESTETICA PER LA GINECOMASTIA

A cura del Prof. Pietro Lorenzetti

Rinoplastica, otoplastica, rimodellamento dell’addome, falloplastica e ginecomastia sono interventi sempre più ricercati dagli uomini.
La ginecomastia è l’aumento più o meno eccessivo del volume della mammella dell’uomo e le richieste di chirurgia estetica per risolvere questo inestetismo stanno aumentando sempre di più. Una dieta sbagliata è sicuramente tra le cause che possono portare alla ginecomastia, ma anche alcol, droghe, fattori ormonali e numerosi farmaci come antipertensivi, antidepressivi e agenti chemioterapici sono fattori che incidono sulla comparsa di questo inestetismo.
La ginecomastia si riscontra più frequentemente nell’età postpuberale. Anche se il 40% dei ragazzini intorno ai 14 anni può riscontrare un abbozzo di ginecomastia fisiologica, questo eccesso si normalizza tramite un processo di atrofia nel 90% dei casi. Vista l’età in cui si manifesta, questa patologia influisce molto nelle relazioni personali. Chi ne è affetto si sente a disagio e la vita di relazione risulta estremamente limitata.

Da un punto di vista clinico, è possibile distinguere tre tipi di ginecomastia: quella vera, quando l’aumento del volume del seno è esclusivamente ghiandolare; quella mista, la più frequente, si verifica quando l’aumento del volume del seno è sia ghiandolare sia adiposo (grasso); quella falsa, in cui l’aumento è solo adiposo. Inoltre, la ginecomastia può essere monolaterale o bilaterale e verificarsi con un aumento della sensibilità e la comparsa di protuberanze dolorose per il paziente. In rari casi di origine endocrinologica vi è anche una comparsa di galattorrea, ossia la produzione di liquido dai capezzoli che spaventa non poco chi ne soffre.
A volte la sola dieta è sufficiente per il riassorbimento del volume in eccesso, soprattutto se siamo di fronte a ginecomastia falsa, ma nel caso di accumuli adiposi eccessivi il tessuto grasso accumulato sul pettorale è raramente aggredibile con dieta e la chirurgia estetica rimane l’unico rimedio che possa offrire un risultato definitivo e soddisfacente.
La diagnosi che il chirurgo deve elaborare, oltre che tramite un esame preliminare e la palpazione, deve essere supportata anche da esami come l’ecografia mammaria perché la tecnica di intervento varia a seconda del tipo di ginecomastia riscontrata. Durante la prima visita il chirurgo deve osservare forma e dimensione del seno, dell’areola e del capezzolo, soprattutto in caso di asimmetrie tra i due seni. In ogni caso, è necessaria una visita accurata e completa per escludere patologie concomitanti o problemi che possono pregiudicare l’operazione.
L’intervento di ginecomastia dura in genere dai 45 minuti a 1 ora e mezza e viene normalmente eseguito sia in anestesia generale con ricovero in clinica per una notte che in anestesia locale con dimissioni in giornata. Nella maggior parte dei casi sono sufficienti piccole incisioni di 5-8 mm attraverso le quali viene introdotta una piccola cannula per effettuare l’intervento. Altre volte è invece necessaria un’incisione intorno all’areola per eliminare il tessuto retro areolare. Solo in pochissimi casi in presenza di grande quantità di pelle in eccesso (macro-ginecomastia) bisogna effettuare un’incisione a forma di T rovesciata che parta dall’areola fino al solo sottomammario e poi nel solco sottomammario stesso.
L’operazione termina con una medicazione compressiva e un riposo forzato di due o tre giorni. Il paziente può tornare al pieno delle proprie attività dopo una settimana, mentre per apprezzare il risultato definitivo occorrono circa tre mesi. Il risultato finale è eccellente e duraturo a condizione che il paziente adotti uno stile di vita regolare.

Pubblicità
Come per tutti gli interventi di chirurgia plastica, anche nei casi di ginecomastia, nei primi giorni dopo l’intervento si possono riscontrare edemi ed ecchimosi intorno alla regione trattata.

Per sottoporsi a un intervento di ginecomastia non ci sono limiti di età ma è necessario che lo sviluppo puberale sia completo. Nei casi di eccessivo sovrappeso è sempre consigliabile seguire prima dell’intervento una dieta correttiva, mentre l’intervento è sconsigliato per chi abusa di anabolizzanti e sostanze che contribuiscono allo sviluppo della mammella nel maschio.

Nei prossimi anni si prevede un aumento importante dei casi di ginecomastia perché l’assunzione di una serie di sostanze chimiche, contaminanti ambientali, fitofarmaci, steroidi nelle carni a uso alimentare, promotori della crescita del bestiame e sostanze chimiche estrogene sono un incentivo alla crescita dei casi di questa patologia.
Il miglioramento dell’estetica della mammella dell’uomo attraverso la chirurgia plastica va considerato a tutti gli effetti come un intervento chirurgico. L’operazione può essere quindi effettuata in sicurezza solo se eseguita da un professionista in chirurgia plastica che opera in strutture qualificate.
Prof. Pietro Lorenzetti

Bibliografia

- Ruth E., Johnson, Hassan Murad M., Gynecomastia: Pathophysiology, Evaluation, and Management, Mayo Clinic Proceedings, 2009, Novr 2009;84(11):1010-1015
- Song YN1, Wang YB, Huang R, He XG, Zhang JF, Zhang GQ, Ren YL, Pang JH, Pang D., Surgical treatment of gynecomastia: mastectomy compared to liposuction technique, Ann Plast Surg. 2014 Sep;73(3):275-8.
- Fruhstorfer B.H., Malata C.M. , A systematic approach to the surgical treatment of gynaecomastia, British Journal of Plastic Surgery (2003), 56, 237–246.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Ci piace ‘o presepio

Scritto il 12 December 2017 da Alberto&Alberto

Il Natale è alle porte e le nostre case - così come le strade - sono già allegramente decorate con luminarie, alberi addobbati e quant’altro richiami lo spirito della festa. Come il presepe

Pillole di benessere

Fertilità e ambiente, il legame è stretto

Scritto il 15 December 2017 da Welly

Presentati in un Congresso a Roma i risultati di uno studio che ha messo a confronto aree a maggiore e minore rischio ambientale, relativamente alla fertilità. Dai risultati si comprende come il sistema riproduttivo sia particolarmente vulnerabile alle interferenze dell’ambiente.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.