Menu Estetica e trattamenti

LA GLUTEOPLASTICA

A cura di Stefania Foti

Se fino agli anni ‘90 il modello dominante del corpo femminile era quello simil-anoressico, con fondo schiena alto e il più piccolo possibile, nei primi anni del terzo millennio si è assistito ad un cambiamento per il quale le donne mostrano di prediligere la sensualità di un corpo sinuoso e morbido con la conseguente richiesta, sempre più diffusa, di valorizzazione di curve e fianchi. Oggi, l’inserimento di protesi glutee permette di riempire e modellare il fondoschiena con materiali innovativi ed una tecnica di intervento che promette ottimi risultati senza lasciare cicatrici in vista. Ribattezzato “Beyonce B-Side” dal professor Pietro Lorenzetti, direttore scientifico dell’Istituto Villa Borghese Institute di Roma, può essere definito un nuovo approccio chirurgico su fianchi e glutei che si ispira alla cantante americana Beyonce nota per il suo “lato B” di successo ovvero dai fianchi e glutei sodi, ma morbidi. "Oggi sono ispirato da donne che non chiedono risultati impossibili - spiega - "e che tengono molto alla propria femminilità che è sì uno stato mentale, ma può essere anche consolidata e affermata dall’aspetto esteriore. Il nuovo trend sono liposuzioni soft che scolpiscano i fianchi, eliminino le culotte de cheval ma non svuotino i glutei. Le donne formose ma affatto sovrappeso, come Jennifer Lopez o Beyonce sono le nuove icone di sensualità”. Questa tecnica è definita gluteoplastica e può essere associata ad un lipofilling della porzione laterale dei glutei. In caso di glutei piatti o in seguito ad uno svuotamento, viene inserita una protesi che può essere proiettata con il polo superiore o inferiore a seconda delle necessità di riempimento della paziente. Il grasso aspirato dai fianchi infine viene trattato e usato per perfezionare il profilo gluteo.

Pubblicità
Le vecchie protesi
Le tecniche tradizionali prevedono l’innesto di protesi glutee tonde e in gel liquido di silicone. Vengono inserite attraverso ampie incisioni sotto il grande gluteo, causando compressione dei tronchi nervosi sottomuscolari e dolori importanti. Con questo tipo di intervento possono esserci complicazioni nel decorso post-operatorio. Ma non solo: vista la loro consistenza liquida, una volta applicate possono anche scivolare verso il basso perché non hanno una forma stabile.

Le nuove protesi
Nel corso degli ultimi anni c’è stata una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda la tecnica chirurgica e i tipi di protesi utilizzate nel trattamento estetico dei glutei. L’avvento del silicone sotto forma di gel coesivo (aggregante) conferisce una pressoché totale indistruttibilità dell’impianto e comunque una maggiore resistenza alla rottura. Queste protesi sono di forma ovale, alcune simili alle protesi anatomiche per l’aumento dell’utilizzo del seno, e hanno un doppio profilo, cioè una parte più sporgente dell’altra. I vantaggi sono diversi, primo fra tutti il fatto che queste protesi sono fatte appunto da un gel coesivo e compatto, che mantiene bene la forma e garantisce un volume più stabile. E, in secondo luogo, il doppio profilo permette di posizionare gli impianti a piacimento, in verticale o leggermente oblique per rialzare la parte del gluteo o quella centrale. Altra novità è che il loro impianto non è più sottomuscolare, ma vengono collocate a livello intramuscolare, ossia dentro le fibre del muscolo grande gluteo. Il vantaggio è che in questo modo la protesi è coperta, oltre che dalla pelle e dal grasso, anche da una parte di muscolo e ciò evita il problema di una compressione dolorosa sugli arti inferiori nel decorso post-operatorio.

I controlli pre-operatori
Particolare attenzione va riservata alla storia chirurgica del paziente, in quanto molte persone ricorrono alle protesi del gluteo dopo vari tentativi di miglioramento non riusciti, con utilizzo di sostanze riempienti liquide e semiliquide (fillers) che, inserite nel sottocutaneo potrebbero poi, all’atto dello scollamento, infiammare o contaminare i tessuti, producendo gravi celluliti e infiammazioni dell’area. L’inserimento di protesi ai glutei deve essere considerato come un vero e proprio intervento chirurgico e come tale bisogna effettuare tutti i controlli del caso per escludere eventuali fattori di rischio come ad esempio: diabete, pressione alta o malattie che richiedono l’uso continuato di farmaci anticoagulanti, che invece vanno sospesi. Sono fondamentali i controlli per l’anestesia e una valutazione cardiologica oltre che analisi del sangue e urine. Come per tutti gli interventi chirurgici è bene evitare farmaci a base di acido acetisalicilico per due settimane prima dell’intervento o antinfiammatori e anticoagulanti che possano favorire emorragie ed ematomi. Naturalmente in questa fase il chirurgo segnalerà in modo chiaro quali sono i risultati raggiungibili.

Pubblicità
Come avviene l’operazione.
La gluteoplastica deve essere effettuata in una sala operatoria attrezzata e alla presenza di un anestesista. L’intervento prevede l’anestesia generale o peridurale, può durare dai 40 ai 50 minuti ed è ovviamente indolore. È prevista una notte di degenza in ospedale e la paziente già il giorno successivo all’intervento si può sedere poiché la protesi viene applicata in un punto più alto rispetto all’appoggio sulla sedia. La persona viene posizionata a pancia in giù sul lettino. Il chirurgo pratica nella piega tra i glutei una incisione di lunghezza di circa 4 cm (cominciando l’incisione da 2 cm sopra l’orifizio anale). Il taglio resta pertanto completamente nascosto e anche in posizione eretta non si nota nulla. Pure indossando biancheria intima ridotta, come i perizoma, i segni dell’intervento sono assolutamente invisibili. Tramite l’incisione si raggiunge il muscolo grande gluteo, che viene aperto per inserire la protesi, posizionandola in modo da dare al fondo schiena la forma voluta. La localizzazione della protesi, dunque, è tra il muscolo grande e medio gluteo, sopra il muscolo piriforme per rimanere su un piano che eviti eventuali compressioni sul nervo sciatico. Una volta posizionate le protesi, i tessuti vengono risuturati e la paziente riportata in stanza dove rimarrà fino alle dimissioni.

Il post-operatorio
L’intervento di aumento volumetrico estetico dei glutei va effettuato in un periodo in cui si abbia il tempo disponibile per recuperare. Non è un intervento dal post-operatorio semplice. Occorre dormire per 7-10 giorni esclusivamente sulla pancia e non è consigliabile sedersi (ma solo sdraiarsi sulla pancia per riposare). Il paziente, specie nei giorni immediatamente successivi all’intervento, può necessitare di pieni dosaggi di farmaci analgesici e antinfiammatori oltre che di una cura antibiotica per qualche giorno per evitare il rischio di infezioni. Almeno due sono gli incontri dopo l’intervento: uno dopo circa 4 giorni e l’altro dopo 10.

Lipofilling per ammorbidire i contorni
Il risultato finale può essere ulteriormente perfezionato con un impianto di lipofilling, ossia con il trasferimento del grasso prelevato con la liposuzione, purificato e posizionato in altra sede contestualmente all’inserimento delle protesi. Il risultato è un profilo sensuale, un “lato B” proporzionato e naturale, che tiene conto di altezza e peso della donna. Il chirurgo preleva con delle cannule di circa 4-5 mm il grasso dei fianchi (la regione dove si raccoglie il grasso di fatto viene svuotata), procede con l’operazione di inserimento delle protesi e termina infiltrando il grasso precedentemente prelevato, modellandolo in base al risultato che si vuole ottenere. I prezzi complessivi per l’intervento utilizzando le protesi glutee e lipofilling sono di circa 10.000 – 12.000 euro.

Con la consulenza del professor Pietro Lorenzetti, specialista in chirurgia plastica

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato