Menu Estetica e trattamenti

IL MASSAGGIO KALARI

A cura di Francesca Soccorsi

Il massaggio Kalari (dal nome di un’antica arte marziale indiana) è caratterizzato dall’uso esclusivo dei piedi anche se, per ottenere un effetto-relax, è ammesso in particolari casi l’utilizzo delle mani. Molto amato tra i praticanti di arti marziali, i danzatori e gli artisti circensi, ha origini lontanissime, risalenti ad almeno 3000 anni fa: nella regione del Kerala (Sud-Ovest dell’India) era considerato il miglior tonificante per i guerrieri che si preparavano ad affrontare una battaglia o che dovevano guarire da traumi e contusioni. Anche oggi è usato per allentare la rigidità articolare, sciogliere i blocchi muscolari, alleviare la stanchezza.

La tecnica
L’operatore determina e modula il tipo di pressione da esercitare sulle diverse parti del corpo del ricevente appendendosi a una corda fissata al soffitto. Il massaggio prevede l’uso di oli che vengono applicati indifferentemente con la pianta del piede destro o sinistro e con movimenti drenanti e linfostimolanti: in particolare i movimenti condotti dal tronco verso le estremità riattivano la circolazione arteriosa e aumentano l’ossigenazione dei tessuti, mentre quelli nella direzione opposta, cioè verso il cuore, migliorano il flusso venoso contrastando i gonfiori. Effetti benefici si hanno anche sulla funzionalità intestinale: le manovre concentrate sulla zona dell’addome alleviano stipsi e colite favorendo la peristalsi.

L’olio
In genere l’olio viene scelto tenendo conto delle caratteristiche individuali del ricevente, in modo da compensare eventuali eccessi o deficit energetici: nel caso di un soggetto magro e di temperamento nervoso si preferisce l’olio di sesamo, dal potere riscaldante; su chi ha un carattere passionale e sanguigno si usa l’olio di cocco, altamente rinfrescante; alle persone più robuste si riserva l’olio di senape, piuttosto secco. Per alcuni trattamenti mirati si miscela all’olio un decotto di erbe con proprietà specifiche: nel caso di un massaggio decontratturante destinato a uno sportivo, per esempio, si possono sfruttare gli effetti balsamici della canfora.

Pubblicità
I punti di energia
Il massaggio Kalari interviene su alcuni dei 107 punti vitali individuati dalla medicina ayurvedica, detti Marma. Ciascuno di questi punti è in relazione con un organo o una funzione vitale. I movimenti si basano su un’alternanza di 84 manovre. Fra le più utilizzate ci sono le “battiture”, effettuate con il dorso del piede, e gli “scivolamenti”, che si possono eseguire indifferentemente con dorso o pianta. Molto frequenti sono anche le “pressioni”, più o meno intense a seconda delle zone da trattare, ma comunque mai dolorose.

Le fasi di una seduta
Un massaggio Kalari dura circa un’ora, ma la seduta può protrarsi fino a 2 ore. Si articola di solito in cinque fasi seguite da una manovra finale:

Fase 1: Gambe. Il ricevente è supino. Il massaggiatore comincia trattando la parte destra del corpo e percorre la gamba destra dalla caviglia all’inguine e viceversa, per riattivare la circolazione. Arrivato al ginocchio esercita specifiche pressioni circolari per sciogliere l’articolazione. Stimola la zona dell’inguine dove si trovano i gangli linfatici e infine passa alla gamba sinistra.
Fase 2: Addome. Il ricevente è supino. Il massaggiatore esegue movimenti a spirale in senso orario partendo dall’ombelico. Queste manovre stimolano e riequilibrano l’intestino.
Fase 3: Torace e braccia. Il ricevente è supino. L’operatore massaggia torace, costole e seno, con direzione oraria per il seno sinistro e antioraria per il destro. Tratta poi la mano e il braccio destro con manovre drenanti simili a quelle eseguite sulla gamba, in entrambe le direzioni. Quindi esercita pressioni delicate sulla spalla, per “aprirla” e sbloccarne l’articolazione. Ripete il tutto a sinistra.
Fase 4: Parte posteriore delle gambe. Il ricevente è in posizione prona. Il massaggio prevede scivolamenti drenanti effettuati dall’alto verso il basso e viceversa. Con un movimento rotatorio in senso orario l’operatore stimola i gangli linfatici che si trovano nell’incavo dietro le ginocchia.
Fase 5: Dorso. Il ricevente è in posizione prona. L’operatore comincia trattando la zona lombare per poi risalire. Fa scivolare i piedi dalla colonna vertebrale verso l’esterno. Massaggia le scapole, il trapezio (il muscolo che si trova nella parte posteriore delle spalle) e scende lungo le braccia per terminare con le mani. Appoggia poi un piede sulla zona dei reni e lo fa oscillare in modo da esercitare una lieve pressione alternativamente con la punta e con il tallone, massaggiando i muscoli paravertebrali ai lati della colonna.
Manovra finale. La seduta si conclude con una manovra spettacolare dal potere allungante e decontraente. Il massaggiatore, che fin qui ha utilizzato un solo piede, sale con entrambi sul corpo del ricevente. Aiutandosi con la corda, per dosare il peso, si sofferma dapprima sulle piante dei piedi della persona, tenendo i propri talloni sul pavimento. Poi si sposta con l’intero piede sui polpacci, sale fino alle cosce e arriva alla schiena. Qui appoggia un piede sull’osso sacro e l’altro sulla parte alta del dorso ed esercita pressioni alternate che sciolgono eventuali tensioni residue e migliorano la postura.

Pubblicità
La location
Anche l’ambiente è fondamentale per la riuscita di un massaggio Kalari. La location ideale è preferibilmente una stanza silenziosa illuminata solo da luci basse. Non c’è sottofondo musicale e non vengono diffusi profumi che, stimolando i sensi, turberebbero quiete e tranquillità. Per favorire concentrazione e abbandono l’operatore non parla mai. Il ricevente è sdraiato a terra su un materassino al di sopra del quale pende una corda che arriva a circa un metro e mezzo dal suolo e che costituisce un appiglio per il massaggiatore: quest’ultimo se ne serve per mantenere l’equilibrio durante l’esecuzione del trattamento e, in alcune fasi, per scaricare parte del proprio peso ed essere più delicato nelle pressioni.

Controindicazioni
Il massaggio Kalari può essere eseguito su persone di qualsiasi età. Le uniche controindicazioni sono rappresentate dalla presenza di un’ernia del disco, di stati infiammatori acuti o di traumi recenti, come fratture e strappi muscolari.

Bibliografia
- Vignali S., Mappa dei punti Marma nel massaggio ayurvedico, Red edizioni.
- Dal Degan A., Nel cuore del massaggio ayurvedico. Uno sguardo sull’India, Il punto d’incontro.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Sulla bilancia con le castagne

Scritto il 21 novembre 2017 da Alberto&Alberto

Per rendere una dieta più allegra e salutare, una buona soluzione è quella di sostituire il pane durante i pasti con un po’ di castagne. A certe condizioni, però…

Pillole di benessere

Sulla “pipì a letto”, c’è da sapere che…

Scritto il 17 novembre 2017 da Welly

La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, con una conferenza stampa al Senato, ha voluto attirare l’attenzione su un disturbo che viene generalmente sottovalutato ma che può avere pesanti ricadute, soprattutto sul profilo psicologico. Cosa c’è da sapere sulla “enuresi”.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.