Menu Estetica e trattamenti

IL PEELING CON LA SOLUZIONE DI JESSNER

A cura del Prof. Maurizio Fraticelli

La soluzione di Jessner è una preparazione a base di una miscela di caustici per peeling superficiali e molto superficiali, nella cui composizione sono presenti sia l’acido salicilico che l’acido lattico, oltre alla resorcina e all’alcool denaturato.
La soluzione si presenta di color ambra chiaro e tende ad oscurarsi alla luce e all’aria, a causa della fotosensibilità dell’acido salicilico. Buon esfoliante, dotato cioè di un buon potere cheratolitico, la soluzione è caratterizzata da potere schiarente.

Di contro, alcuni degli ingredienti che compongono la soluzione possono dare tossicità, in particolare l’acido salicilico e la resorcina, e la applicazione sulla cute provocare bruciore e pizzicore, maggiore se raffrontato all’acido tricloracetico al 10-15%, inoltre esso è dose dipendente, più ne viene applicato più va in profondità.
Quando la soluzione di Jessner è usata da sola, essa permette l’esecuzione di un peeling superficiale, tale da essere paragonato ad un acido glicolico al 70% o TCA 10-15%. Se invece tale soluzione è usata in combinazione con altri caustici, la sua potenza aumenta fino ad assumere le caratteristiche di un peeling di media forza.

Prima di effettuare il peeling con la soluzione di Jessner, per ottenere i migliori risultati, è opportuno preparare la pelle, per es. con α idrossiacidi a basse concentrazioni già alcuni giorni prima.
L’effetto della terapia pre-peeling, si concretizza nella stimolazione del turnover dell’epidermide, con fenomeni di riduzione dello strato corneo, una normalizzazione della produzione di sebo con rimozione del grasso in eccesso e dei detriti cellulari.
Trovandosi di fronte ad una pelle macchiata, la preparazione prevederà l’uso di sostanze diverse, quali per esempio agenti sbiancanti come il retinolo.
Qualunque sia la preparazione essa dovrà essere soft, per evitare che successivamente la soluzione di Jessner sia troppo aggressiva.
L’esecuzione del peeling prevede, in un primo tempo, una accurata pulizia della cute mediante sostanze sgrassanti come alcool o acetone, successivamente verrà applicato il caustico.
L’apposizione della soluzione sulla cute, avviene tramite diversi strumenti come appositi pennelli con setole sintetiche a forma di lingua di gatto, applicatori in cotone o garze; qualunque sia lo strumento adoperato si dovrà applicare uno strato uniforme.
Generalmente sarebbero da preferire gli applicatori monouso; i pennelli sono difficilmente sterilizzabili, quest’ultimi e gli applicatori in cotone sono più utilizzati nel caso di pelli sottili e sensibili mentre le garze, che per la loro struttura permettono una maggiore penetrazione, sono più indicate per le pelli spesse e seborroiche. L’applicazione di multistrati sovrapposti ed uniformi aumenta la profondità del peeling e parallelamente si intensificano il rossore ed il bruciore.

Pubblicità
Con la soluzione di Jessner si può effettuare un peeling molto superficiale indicato come di “primo livello”; esso si ottiene con il passaggio di un solo strato di soluzione: il paziente presenterà un lieve eritema definito anche come “eritema pallido”, senza o con poco disagio, inteso come bruciore. È possibile, in dipendenza dello spessore della cute, osservare un lieve sbiancamento cutaneo. Poi si può osservare una lieve desquamazione per 24-48 ore o più, in dipendenza delle caratteristiche della cute o nessuna desquamazione.
Nel caso in cui si passano sulla cute più strati - in genere fino a quattro/cinque - si determina un peeling superficiale detto di “secondo livello”: sul viso del paziente si osserverà un maggiore eritema rispetto al livello 1, indicato come eritema rosso con un certo disagio per il paziente per via del bruciore, in genere moderato e della durata di alcuni minuti. Nelle successive 48/72 ore si potrà apprezzare una buona desquamazione della cute, il cui colore rosso marrone determina un aspetto di “pelle bruciata dal vento”.
Incrementando ulteriormente il passaggio della soluzione sulla cute si arriva al peeling di “terzo livello” con maggiore profondità, come testimoniano sia il maggior eritema sia il bruciore più intenso; l’esfoliazione in questo caso dura circa 8-10 giorni, se il peeling è ben condotto non si formano croste importanti, in quanto l’azione del caustico non interessa il derma.

Al di là del numero degli strati, la profondità e la incisività della soluzione di Jessner dipendono da:
- La preparazione del paziente;
- Gli strati di applicazione;
- Lo spessore dello strato corneo;
- La sensibilità della pelle;
- Il metodo di applicazione.

Per cui, in riferimento a tutti questi parametri, in una cute assai spessa, per esempio, ci possono volere anche più di uno strato per arrivare ad un peeling di primo livello.
Quando ci si trova di fronte a pelli particolarmente sensibili, si può effettuare un primo passaggio, osservare poi la reazione cutanea, che si realizza di norma entro 4-6 minuti, poi possono essere applicati i successivi strati, valutando ulteriormente la reazione cutanea.
Terminato il peeling, comincia quella fase definita come post-peeling, i pazienti percepiscono la pelle che “tira”, per cui viene fatto abbondante uso di creme emollienti; nel caso in cui ci si trovi di fronte a cute con tramatura fine e quindi delicata, essa può sensibilizzarsi e perciò si consiglia l’uso di utili emollienti senza profumazione come quelli vegetali; inoltre è opportuno non usare cosmetici e farmaci aggressivi fino a quando la cute si presenta arrossata.

Effettuare un peeling con la soluzione di Jessner ha i suoi vantaggi, in quanto questa miscela è considerata “delicata”, adatta a pelli sensibili; il peeling ha una “naturale” tendenza ad essere più uniforme rispetto ad altri peeling; possiede un buon potere esfoliante non aggressivo come altri caustici per cui raramente diventa più profondo del voluto. Può essere usato efficacemente, insieme a trattamenti domiciliari, nelle macchie cutanee migliorando anche la fotoriflettenza della pelle, generalmente il paziente è subito dopo il peeling “presentabile” (peeling socializzante).

Utilizzando la soluzione di Jessner, considerando che essa contiene la resorcina, si deve fare attenzione al rischio di tossicità nel caso in cui si trattano vaste aree, tuttavia il rischio è molto basso rispetto ad un peeling puro con resorcina. Oltre alla resorcina, anche l’acido salicilico può essere fonte di tossicità, in ogni caso questa dipende dalla concentrazione delle suddette sostanze assorbite dalla pelle, dal numero degli strati e dall’ampiezza dell’area trattata: limitandosi al viso, collo e decolleté, in assenza di specifiche controindicazioni non vi è rischio di tossicità.
Tra le altre complicanze ricordiamo la reazione allergica: la resorcina è quella che maggiormente può indurre allergia, utile può essere un test retroauricolare alcuni giorni prima. Una piccola percentuale di pazienti, può andare incontro ad eritema per diverse settimane, ma ciò non dovrò preoccupare perché non si tratta dello stesso eritema dei peeling medi. È un eritema che si presenta minimo al mattino, peggiora con il lavaggio del viso, con il vino, il sole, cibi con spezie, esercizio fisico, sale e con tutte le attività che aumentano la vascolarizzazione.

Le principali indicazioni della soluzione di Jessner sono rappresentate dalla terapia antiaging (per l’effetto cheratolitico) e dalla terapia delle ipercromie.
La soluzione di Jessner può essere usata come componente del peeling misto, essendo l’altro componente il TCA (acido tricloroacetico). Usando queste sostanze si ottiene un peeling medio in grado di raggiungere la porzione superiore del derma reticolare.
L’acido tricloroacetico è probabilmente il numero due dei caustici utilizzati come peeling, preceduto soltanto dall’acido glicolico.
Indicato per peeling superficiali e medi, produce esfoliazione cutanea relativamente profonda, senza seria tossicità sistemica. L’acido è infatti neutralizzato dal siero all’altezza del derma superficiale, precedendo quindi l’assorbimento ematico, per cui si può utilizzare in pazienti con patologie renali, epatiche o cardiache.
Il TCA, se applicato per tempi sufficientemente lunghi, è in grado di arrivare al derma determinando il caratteristico whitening o frost, testimone della coagulazione delle proteine e formazione di sali.
In alcuni soggetti il peeling di media entità può determinare delle complicanze come: iperpigmentazioni, eritema prolungato (massimo 3 mesi), cicatrici.
In considerazione del fatto che il TCA usato per un peeling medio può essere responsabile di complicanze come le ipercromie, per ridurre l’incidenza di questo danno è stato utilizzato il peeling misto. Si usa in un primo tempo la soluzione di Jessner, successivamente si procede con il TCA.

Pubblicità
Il razionale dell’utilizzo della soluzione di Jessner è quello di “aprire la strada” al TCA permettendone un più rapido ed uniforme assorbimento.
Il peeling in genere è unico con guarigione di circa 10 giorni, (può essere ripetuto dopo alcuni mesi).
Si applica la soluzione di Jessner, secondo il tipo di pelle, da 1 a 4 strati, compare eritema e si attende alcuni minuti, poi si procede con il TCA che penetra rapidamente, in quanto la soluzione di Jessner ha rotto la barriera epidermica.
Applicato il TCA ed ottenuto il frost si sciacqua con acqua fresca, inoltre vengono applicate compresse di ghiaccio per qualche minuto. Il paziente viene poi trattato con creme emollienti.

Dopo il peeling compare edema, desquamazione ed eritema, quest’ultimo presente per almeno una settimana. Tra le complicanze si possono annoverare le iperpigmentazioni, l’eritema prolungato (3 mesi), le cicatrici. Prima di eseguire questo tipo di peeling è opportuno prestare attenzione al fatto che devono essere trascorse almeno 6 settimane da un intervento di chirurgia estetica, 2-3 settimane prima o dopo impianti di filler, 6-10 mesi da terapie con farmaci antiacne per via orale (vitamina A).
Inoltre in riferimento al peeling combinato è consigliabile evitare: l’esposizione al sole, la ginnastica con sudorazione, la mimica non strettamente necessaria, graffiare o strofinare il viso, prestare attenzione nel lavare i capelli.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato