Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Vari / FAQ sul diabete

DOMANDE E RISPOSTE: IL DIABETE

A cura di Maura Peripoli

Il Diabete Mellito è una condizione caratterizzata da un patologico aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Malattia cronica, generalmente caratterizzata dalla presenza di iperglicemia (livelli di glucosio nel sangue piuttosto elevati), è causata da un difetto assoluto o relativo di insulina, ormone secreto dalle insule di Langherhans del pancreas ed indispensabile per il metabolismo degli zuccheri.

Ma che cos’è l’insulina?
È un ormone prodotto da pancreas che consente l’ingresso del glucosio nelle cellule e il suo utilizzo come fonte energetica. Quando, dunque, questo meccanismo “ si inceppa” il glucosio va ad accumularsi nel circolo sanguigno.

Quante sono le persone nel mondo che soffrono di questa patologia?
Purtroppo oggi, i dati sulla diffusione della patologia sono allarmanti: la International Diabetes Federation ha rilevato che almeno 151 milioni di persone nel mondo soffrono di diabete. Si tratta di un numero superiore alla somma complessiva delle popolazioni dell'Argentina, Australia, Sud Africa, Arabia Saudita e Spagna messe insieme. Ma non è tutto: in base anche agli studi effettuati dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) il numero delle persone affette da diabete è in continuo aumento e continuamente le organizzazioni ad esso legate, raccomandano di adottare uno stile di vita corretto per “provare” a prevenirlo, tramite campagne pubblicitarie, informazioni e iniziative.

Quali sono le conseguenze di questa malattia?
Le conseguenze di questa malattia, se trascurata, sono disastrose, basti pensare che il diabete è tra le 10 principali cause di morte in Europa. Inoltre se non viene gestito in maniera adeguata, a lungo termine può portare a disfunzioni renali, cecità e nel peggiore dei casi all’amputazione di un arto. Come se non bastasse, l’aspettativa di vita media per un paziente affetto da diabete di tipo 1, è di 15 anni inferiore all'aspettativa media della popolazione.

Che significa vivere con una malattia cronica? Esistono delle limitazioni nella vita quotidiana?
Non tutti sono a conoscenza, che vivere con una patologia cronica, molto spesso significa avere difficoltà fisiche o psicologiche, problemi socio-economici, una ridotta qualità della vita e addirittura problemi nell’inserimento della vita sociale. Tra le malattie croniche a maggiore diffusione nel mondo, il diabete è in sensibile crescita e, con le sue complicanze, rappresenta un problema sanitario per le persone di tutte le età e di tutte le aree geografiche, con un più grave coinvolgimento, peraltro, delle classi economicamente e socialmente “più deboli”.

E l’assistenza per le persone colpite da questa patologia è adeguata?
La qualità dell’assistenza per i pazienti in Italia è scarsa e poco organizzata, soprattutto per le persone che hanno scarsa disponibilità economica. Perché? Un diabetico su tre è costretto a pagare di tasca propria visite, farmaci e presidi anche laddove esiste un servizio garantito dal Ssn. Le maggiori spese a loro carico, riguardano i trasporti (42%) per circa 200 euro, le visite specialistiche (40%) con un esborso di 400 euro, i farmaci (34%) per 300 euro e presidi e ausili (17%) con ben 480 euro.

E per quanto riguarda le liste d’attesa?
Anche qui ci sono seri problemi: i pazienti sono costretti a fare i conti con le liste di attese troppo lunghe per le visite, con gli scarsi programmi di prevenzione e l’insufficiente integrazione tra Centri di diabetologia e medici di famiglia, nonostante il 49% dei Centri sia dotato di linee guida per la gestione integrata del paziente con diabete.

In cosa consiste il diabete e quali sono gli accorgimenti e le cure per contenerlo?
Esistono due tipi di diabete: tipo 1 e 2. Il tipo 1, riguarda circa il 10% delle persone “colpite” e in genere insorge nell’infanzia o nell’adolescenza. In questo caso il pancreas non produce insulina a causa della distruzione delle cellule ß che producono questo ormone: è quindi necessario che essa venga iniettata ogni giorno e occorre fare questo per tutta la vita. Tuttavia la velocità di distruzione delle ß-cellule è, comunque, piuttosto variabile, per cui l’insorgenza della malattia può avvenire rapidamente in alcune persone, solitamente nei bambini e negli adolescenti, e più lentamente negli adulti (in questi rari casi si parla di una forma particolare, detta LADA: Late Autommune Diabetes in Adults).

Quali sono le cause di questa patologia?
Attualmente sono ancora sconosciute ma ciò che lo caratterizza è la presenza nel sangue di anticorpi diretti contro antigeni presenti a livello delle cellule che producono insulina, chiamati ICA, GAD, IA-2, IA-2ß. Questo danno, che il sistema immunitario “induce” nei confronti delle cellule che producono insulina, potrebbe essere legato a fattori ambientali (tra i quali, sono stati chiamati in causa fattori dietetici) oppure a fattori genetici, individuati in una generica predisposizione a reagire contro fenomeni esterni, tra cui virus e batteri. Questa alterata risposta immunitaria causa una progressiva distruzione delle cellule ß, per cui l'insulina non può più essere prodotta e si scatena così la malattia diabetica. Infatti il diabete di tipo 1, viene classificato tra le malattie cosiddette “autoimmuni”, cioè dovute a una reazione immunitaria diretta contro l’organismo stesso. Il diabete di tipo 2, invece, rappresenta la forma “più comune” e si registra nel 90% dei casi. Anche in questa situazione non si conosce la causa scatenante ma solo che la patologia si manifesta dopo i 30-40 anni e i fattori di rischio, conosciuti sono essenzialmente legati alla familiarità per diabete, allo scarso esercizio fisico, al sovrappeso e all’appartenenza ad alcune etnie. Riguardo la familiarità, circa il 40% dei diabetici di tipo 2 ha parenti di primo grado (genitori, fratelli) affetti dalla stessa malattia, mentre nei gemelli monozigoti la concordanza della malattia si avvicina al 100%, suggerendo una forte componente ereditaria per questo tipo di diabete.

È vero che il diabete tipo 2 è difficile da diagnosticare?
No, non è difficile ma certe volte trascorrono anche molti anni prima che venga fatta la diagnosi, in quanto l’iperglicemia si sviluppa gradualmente e inizialmente non è così “importante” e non evidenzia i classici sintomi del diabete. Solitamente la diagnosi avviene casualmente o in concomitanza con una situazione di stress fisico, quale infezioni o interventi chirurgici.

Che cos’è il diabete gestazionale?
Esiste anche un’altra forma di diabete, quello gestazionale e la diagnosi viene fatta nel momento in cui si riscontra un elevato livello di glucosio circolante per la prima volta in gravidanza. Questa condizione si verifica nel 4% circa delle gravidanze. La definizione prescinde dal tipo di trattamento utilizzato, sia che sia solo dietetico o che sia necessaria l’insulina e implica una maggiore frequenza di controlli per la neomamma e per il feto.

Quali sono i segni e i sintomi del diabete?
L’insorgenza della sintomatologia dipende dal tipo di diabete. Nel caso del diabete tipo 1 di solito si assiste a un esordio acuto, spesso in relazione a un episodio febbrile, con sete (polidipsia), aumentata quantità di urine (poliuria), sensazione si stanchezza (astenia), perdita di peso, pelle secca, aumentata frequenza di infezioni. Nel diabete tipo 2, invece, la sintomatologia è più sfumata e solitamente non consente una diagnosi rapida, per cui spesso la glicemia è elevata ma senza i segni clinici del diabete tipo 1.

Esistono dei criteri per diagnosticarlo?
I sintomi di diabete sopra indicati sono generalmente associati ad un valore di glicemia casuale, cioè indipendentemente dal momento della giornata, ≥ 200 mg/dlv oppure glicemia a digiuno ≥ 126 mg/dl. (digiuno è definito come mancata assunzione di cibo da almeno 8 ore). Inoltre, un altro elemento che deve mettere in allarme è il valore ≥ 200 mg/dl di glicemia, durante una curva da carico (OGTT). Il test dovrebbe essere effettuato somministrando 75 g di glucosio. Esistono, anche però, situazioni cliniche in cui la glicemia non supera i livelli stabiliti per la definizione di diabete, ma che comunque non costituiscono una condizione di normalità. In questi casi si parla di Alterata Glicemia a Digiuno (IFG) quando i valori di glicemia a digiuno sono compresi tra 100 e 125 mg/dl e di Alterata Tolleranza al Glucosio (IGT) quando la glicemia due ore dopo il carico di glucosio è compresa tra 140 e 200 mg/dl. Si tratta di situazioni cosiddette di “pre-diabete”, che indicano un elevato rischio di sviluppare la malattia diabetica anche se non rappresentano una situazione di malattia. Spesso sono associati a sovrappeso, dislipidemia e/o ipertensione e si accompagnano a un maggior rischio di eventi cardiovascolari.

Quali possono essere le eventuali complicazioni della malattia?
Il diabete può determinare complicanze acute o croniche. Le complicanze acute sono più frequenti nel diabete tipo 1 e sono in relazione alla pressoché totale carenza di insulina. In questi casi il paziente può andare incontro a coma chetoacidosico, dovuto ad accumulo di prodotti del metabolismo alterato, i chetoni, che causano perdita di coscienza, disidratazione e gravi alterazioni ematiche. Nel diabete tipo 2 le complicanze acute sono piuttosto rare, mentre sono molto frequenti le complicanze croniche che riguardano diversi organi e tessuti, tra cui gli occhi, i reni, il cuore, i vasi sanguigni e i nervi periferici. Ecco i principali “danni” riscontrati a carico dell’organismo:
1) retinopatia diabetica, con perdita delle facoltà visive
2) malattie cardiovascolari con fattore di rischio da 2 a 4 volte maggiore
3) neuropatia diabetica che può causare perdita di sensibilità e dolore agli arti
4) Piede diabetico: le modificazioni della struttura dei vasi sanguigni e dei nervi possono causare ulcerazioni e problemi a livello degli arti inferiori, soprattutto del piede, a causa dei carichi che sopporta. Questo può rendere necessaria l'amputazione degli arti.

E i fattori di rischio?
Le complicanze croniche del diabete possono essere prevenute o se ne può rallentare la progressione attraverso uno stretto controllo di tutti i fattori di rischio correlati: è importante quindi controllare scrupolosamente il metabolismo per prevenire l’insorgenza di complicanze. Sono stati effettuati importanti studi clinici che hanno evidenziato l’importanza di un buon controllo metabolico per prevenire l’insorgenza di complicanze. Dato che nei soggetti diabetici c’è un aumentato rischio di malattia cardiovascolari, il controllo della pressione sanguigna è particolarmente importante, in quanto livelli elevati di pressione rappresentano già un fattore di rischio. Il controllo della pressione sanguigna può prevenire l’insorgenza di patologie cardiovascolari (malattie cardiache e ictus) e di patologie a carico del microcircolo (occhi, reni e sistema nervoso). L’elevata frequenza di complicanze vascolari impone uno stretto monitoraggio degli organi bersaglio (occhi, reni e arti inferiori). Per questo, è necessario che le persone con diabete si sottopongano a periodiche visite di controllo, anche in assenza di sintomi.

In che modo si può attuare una corretta prevenzione?
Innanzitutto occorre dire che per prevenire il diabete la dieta e l’attività fisica (basta mezz’ora al giorno ma va esercitata con costanza), sono più efficaci dei farmaci. Infatti i pazienti che hanno seguito questi accorgimenti, hanno potuto riscontrare nel 58% dei casi, una riduzione della possibilità di insorgenza per quanto riguarda il diabete di tipo 2. Non è necessario, dunque, aspettare che una persona sviluppi una forma conclamata di diabete per iniziare il trattamento. La prevenzione è possibile ed è alla portata di tutti. Ma richiede una scrupolosa osservazione di questi accorgimenti. Attenzione poi alla caffeina perché riduce sensibilmente l’azione dell’insulina e aumenta gli acidi grassi circolanti, e può quindi “sollecitare” l’avvio della malattia. Infine la dieta: attenzione a ciò che si mangia, evitare grassi, fritti e cibi molto conditi, prediligere invece una dieta sana e possibilmente ricca di legumi. In questo modo il rischio di ammalarsi di diabete viene notevolmente ridotto e con esso l’eventuale insorgenza di malattie cardiovascolari e ipertensione.

Pubblicità

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Le malattie oculari nell'anziano: riconoscere e curare glaucoma, retinopatia, degenerazione maculare

La cataratta è la malattia oculare più conosciuta nell'anziano, ma ci sono altre patologie che, se non riconosciute e curate in tempo, possono portare alla cecità. Glaucoma e retinopatia diabetica, per esempio, possono essere trattate a seguito di una tempestiva diagnosi fatta...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato