Menu Salute

WHP, LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

A cura di Renzo Zonca

La WHP - Workplace Health Promotion – è un progetto globale che affonda le sue radici nella “Carta di Ottawa” del 1986, nella quale l’Organizzazione Mondiale della Sanità evidenziava l’importanza della “promozione della salute” anche negli ambienti di lavoro. La WHP vuole quindi promuovere stili di vita sani tra i lavoratori, affrontando il tema delle abitudini alimentari nel contesto lavorativo e domestico, nonché il complesso sistema di equilibri delle abitudini.

Affinché la WHP abbia successo, è necessaria un’azione congiunta azienda-lavoratori, che punti a promuovere – e quindi migliorare – la salute e il benessere nei luoghi di lavoro. Un obiettivo ambizioso, basato su quattro linee d’azione:
• il miglioramento dell’organizzazione del lavoro e dell’ambiente di lavoro;
• l’incoraggiamento del personale a partecipare ad attività salutari;
• la promozione di scelte sane;
• l’incoraggiamento alla crescita personale.

Nel concreto, la WHP è promossa dalle varie organizzazioni e istituzioni sanitarie nazionali, in prima linea le Aziende Sanitarie Locali (ASL), e prevede sei aree d’intervento, o tematiche (l’immagine è tratta da una pubblicazione dell’ASL della Provincia di Bergamo):
promozione di un’alimentazione corretta;
contrasto al fumo di tabacco;
promozione dell’attività fisica;
sicurezza stradale e mobilità sostenibile;
contrasto all’abuso di alcol e all’uso di sostanze stupefacenti;
promozione del benessere personale e sociale e conciliazione famiglia-lavoro.

Pubblicità
Per ognuna di queste tematiche, le aziende che aderiscono al progetto WHP propongono ai propri dipendenti, con il supporto tecnico e organizzativo delle ASL, una serie di cosiddette “buone pratiche”, la cui concreta attuazione richiede attenzione, disponibilità e interesse da parte dei singoli lavoratori. Con l’obiettivo di contribuire a migliorare, anche sul posto di lavoro, la salute e il benessere.

Vantaggi per tutti, in tempi brevi
L’attuazione del progetto WHP in un’azienda comporta concreti vantaggi per tutti i soggetti interessati, come l’esperienza concreta ha dimostrato:
• maggiore autostima dei lavoratori;
• miglioramento del clima aziendale;
• miglioramento del clima familiare dei lavoratori;
• minore assenteismo dei lavoratori;
• maggiore rendimento lavorativo;
• miglioramento delle condizioni di salute dei lavoratori e della sensazione di benessere;
e altro ancora…

L’attuazione, anche parziale, del progetto WHP, con l’effettiva applicazione delle “buone pratiche” di comportamento dettagliate in seguito, porta a ottenere risultati concreti in tempi molto brevi – anche solo pochi mesi - in termini di miglioramento della salute e di riduzione di patologie e disturbi, come hanno dimostrato in modo unanime numerosi studi, sia nazionali che internazionali.

Potenzialità notevoli, quindi, che stanno portando a una sempre maggiore diffusione di tale progetto, a iniziare, com’è naturale, dalle aziende di medie e grandi dimensioni, per loro natura maggiormente strutturate e organizzate. Con riferimento al 2012, nella sola provincia di Bergamo, 30 aziende sono state premiate per avere realizzato, in tutte le sue parti, il progetto WHP, mentre circa 70 lo hanno avviato.

Una panoramica sulle “buone pratiche”
Di seguito e nei dettagli le tematiche prima citate, con le principali azioni di promozione della salute e del benessere da mettere in atto nell’ambiente di lavoro.

1. Promozione di un’alimentazione corretta
L’azienda dovrebbe intraprendere, tra le altre, le seguenti azioni:
• in presenza di una mensa, inserire nei menù frutta e verdura, senza pagamenti aggiuntivi e non sostituibili con dolci o altri piatti;
• posizionare distributori automatici di frutta e verdura fresca;
• posizionare nelle aree di ristoro e di refezione (se presenti) specifici cartelli in materia di educazione alimentare (piramide alimentare, dieta mediterranea etc.);
• posizionamento di cartelli e/o manifesti in materia di educazione alimentare, nonché distribuzione ai dipendenti (preferibilmente in allegato alla busta paga) di materiale illustrativo in materia.

Da parte loro, i lavoratori devono cercare di seguire i consigli e le regole di una corretta alimentazione, cercando di cambiare le proprie abitudini, ad esempio durante la pausa caffè.

2. Contrasto al fumo di tabacco

In questo ambito, l’azienda può fare molto per cercare di invogliare i propri dipendenti a tentare di “smettere di fumare”:
• organizzare incontri con associazioni e/o medici per sensibilizzare i lavoratori sulla materia;
• proporre ed organizzare corsi finalizzati all’abbandono del fumo di tabacco;
• promozione di un concorso “smetti e vinci”;
• posizionamento di cartelli e/o manifesti in materia di lotta al fumo, nonché distribuzione ai dipendenti (preferibilmente in allegato alla busta paga) di materiale illustrativo in materia;

3. Promozione dell’attività fisica
• realizzazione di impianti sportivi aziendali: da semplici ed economici percorsi pedonali e/o ciclabili a veri e propri impianti (palestre, campi di calcio, tennis o altro);
• organizzazione di tornei sportivi aziendali;
• favorire la nascita dei cosiddetti “gruppi di cammino”;
• realizzazione di parcheggi coperti (e al sicuro da furti) per incentivare l’uso della bicicletta;
• omaggio di gadget ai lavoratori che utilizzano la bicicletta (caschetti, pettorina ad alta visibilità, ferma pantaloni, portapacchi per la valigetta o la borsa, etc.);
• convenzioni con negozi del settore (riparatori e/o venditori etc.) per prezzi agevolati;
• posizionamento di cartelli e/o manifesti in materia di attività fisica, nonché distribuzione ai dipendenti (preferibilmente in allegato alla busta paga) di materiale illustrativo in materia.

Da parte loro oltre ad aderire, per quanto possibile e per quanto d’interesse, alle proposte aziendali, i lavoratori dovrebbero sfruttare ogni occasione per svolgere attività fisica e muoversi:
• evitare di parcheggiare l’auto nella zona più vicina all’ingresso aziendale, preferendo un luogo più lontano, in modo di poter camminare per un tratto, sia all’andata sia al ritorno;
• evitare di usare l’ascensore, ma preferire sempre le scale;
• durante la pausa, fare una camminata, più o meno lunga;
• formare i cosiddetti “gruppi di cammino”.

4. Sicurezza stradale e mobilità sostenibile
Premettendo che, dal punto di vista normativo, un incidente stradale sul percorso casa-lavoro e viceversa viene ritenuto, a tutti gli effetti, un “infortunio sul lavoro” (cosiddetto “in itinere”), le aziende possono fare molto in questo settore, sia direttamente nel caso di utilizzi di mezzi aziendali, sia indirettamente, relativamente all’utilizzo privato delle auto da parte dei dipendenti. Tra le azioni possibili, possiamo ricordare le seguenti:
• scelta di veicoli aziendali con alti standard di sicurezza (ad esempio, le cinque stelle nei crash-test, presenza di air-bag laterali, ESP etc.) e con tecnologia ibrida;
• organizzazione di corsi di guida sicura per i dipendenti;
• organizzazione o promozione di un servizio di trasporto collettivo casa-lavoro dei dipendenti, o incentivo a servizi di car-sharing o simili

5. Contrasto all’abuso di alcol e all’uso di sostanze stupefacenti
Le aziende hanno già precisi obblighi di legge in materia, a cominciare da specifici accertamenti sanitari per lavoratori “a rischio”, in primo luogo autisti (sia di mezzi con persone, sia con solo merci) e conducenti di carrelli elevatori e di macchine speciali.

Per la generalità dei lavoratori, le aziende possono portare avanti molte altre azioni di prevenzione, quali, ad esempio:
• esclusione di bevande alcoliche dalla mensa aziendale;
• incontri formativi e divulgativi, tenuti da medici;
• distribuzione di materiale informativo e divulgativo.

Pubblicità
6. Promozione del benessere personale e sociale e conciliazione famiglia-lavoro
Questa tematica è forse la più innovativa, e probabilmente la più difficile da concretizzare. Il ruolo dell’azienda è più che mai basilare, con una serie di azioni:
• istituzione di un servizio di “raccolta suggerimenti dei lavoratori”, da valutare e socializzare nel corso di specifici incontri;
• concessione di benefit aziendali ai neopapà e alle neomamme;
• stipula di convenzioni con istituti assicurativi o di credito, per l’erogazione agevolata di prodotti assicurativi e creditizi;
• agevolazione del part-time e della flessibilità di orario;
• istituzione di borse di studio per i figli dei dipendenti;
• coinvolgimento in attività culturali e/o di volontariato del territorio;
• promozione di servizi a favore dei figli dei dipendenti: asili nido aziendali o convenzionati, ludoteche, servizi di baby-sitting e altro ancora;
• gruppi di acquisto aziendali;
• convenzioni con esercizi commerciali;
• fruizione delle ferie a ore;
• istituzione della “banca delle ore”, e molto altro ancora.

Per saperne di più:
Un documento sull’efficacia del progetto WHP per la prevenzione dell’obesità
Il progetto WHP sul sito dell’ASL di Bergamo
Il portale nazionale del progetto WHP

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Curarsi con le erbe: un aiuto per il colon irritabile

Il colon irritabile è un disturbo che colpisce il 7% della popolazione, con un’incidenza tre volte superiore nelle donne, spesso viene individuato tardivamente, dopo anni di dolori e terapie errate che non curano l’origine del problema. Dalle erbe arriva un valido supporto per...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Altrimenti ci divertiamo

Scritto il 16 January 2018 da Alberto&Alberto

I film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill hanno rallegrato per decenni il pubblico di tutto il mondo. Un fenomeno nato in Italia e che sopravvive, con le riproposte televisive, ai mutamenti delle mode e dei gusti degli spettatori.

Pillole di benessere

Dieta mediterranea e longevità

Scritto il 19 January 2018 da Welly

Gli italiani sono tra le popolazioni più longeve del mondo e ciò è probabilmente dovuto ad una alimentazione che comprende quella stessa quantità di macronutrienti che due recenti studi associano ad una minore mortalità.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato