Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Vari / Caffè e patologie

CAFFÈ E PATOLOGIE

A cura di Maura Peripoli

Cos'è il caffè
Il caffè è una gustosa bevanda ottenuta dalla torrefazione e macinazione dei semi di alcuni alberi tropicali del genere Coffea, appartenenti alla famiglia botanica delle Rubiacee. Esistono diverse specie di caffè che si caratterizzano per il gusto, il contenuto o meno di caffeina e la capacità di adattarsi a climi o ambienti diversi da quelli di origine. La prima specie coltivata e largamente conosciuta in Italia, è l’arabica; i semi vengono estratti dalla “Coffea arabica”, pianta che cresce in Etiopia, in Sudan, in Kenia e nello Yemen. Attualmente tutte le specie coltivate esistono ancora, nelle zone d'origine, allo stato selvatico, tuttavia ci sono anche molte nuove varietà, create artificialmente.

La funzione protettiva della caffeina
Molti studi mettono in evidenza la capacità “protettiva” della caffeina nell’insorgenza di alcuni tumori, specialmente quelli relativi all’apparato digerente. Il consumo moderato di questa bevanda (3-4 tazzine al giorno) non incide affatto negativamente sulle patologie cardiovascolari, epatiche e intestinali. Amleto D’Amicis, dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sull’Alimentazione e Nutrizione (INRAN) ha affermato che non si possono escludere rischi sul consumo di caffè, ma non si può nemmeno ignorare che in alcuni casi, possa addirittura giovare alla salute.
Gli effetti positivi del caffè per la salute del fegato, per la prevenzione di alcuni tumori e su molte funzioni fisiologiche dell’uomo, sono già da tempo noti. Recenti studi evidenziano la forte azione preventiva e protettiva del caffè nei confronti del diabete e della malattia di Parkinson; un’altra ricerca sostiene che “il consumo moderato di caffè è associato ad un ridotto rischio di mortalità". “Per prevenire le malattie cronico degenerative, come i tumori è importante formulare linee guida che siano orientate agli alimenti, e che prendano in considerazione quelle variazioni salutistiche della dieta che sono fattibili in una specifica situazione ambientale” hanno dichiarato gli esperti.

Il caffè per combattere l’Alzheimer
Preservare la memoria con il caffè? Non è un’utopia ma una reale possibilità. Infatti una ricerca dell'università della Florida, pubblicata sul “Journal of Alzheimer”, dimostra che bere fino a cinque tazze al giorno di caffè sarebbe molto utile per contrastare i problemi di memoria legati all'Alzheimer. La sperimentazione è stata inizialmente fatta sui topi e i risultati sono stati talmente confortanti che i ricercatori statunitensi hanno deciso di iniziare i trial clinici anche sull'uomo.
La caffeina, secondo il team americano, ostacola la produzione di placche beta amiloidi nel cervello, traccia “inconfutabile” della patologia neurodegenerativa. Lo studio è stato realizzato prendendo in esame animali affetti dalla malattia mangia-memoria per eccellenza. I topi giunti a 18-19 mesi, ovvero (l'equivalente dei settant'anni d'età dell’essere umano), sono stati sottoposti a test comportamentali per verificare la loro memoria e suddivisi in due gruppi: uno di controllo, l'altro composto da animali a cui sono stati dati circa 500 milligrammi al giorno di caffeina, disciolta nell'acqua. L'equivalente di cinque caffè. Dopo due mesi, i ricercatori hanno ripetuto gli stessi test eseguiti all'inizio dello studio, rilevando che i topi che avevano assunto caffeina, ottenevano risultati migliori rispetto all'altro gruppo alle prese con la malattia. Addirittura le performance dei topi ai quali era stata somministrata la caffeina, erano paragonabili a quelle degli animali della stessa età, ma senza Alzheimer. Il risultato sorprendente è stato quello che, nei topi che avevano assunto caffeina, la proteina beta amiloide (responsabile delle placche dannose, generate dalla malattia), fosse ridotta del 50%. Questa quindi, secondo gli studiosi, sarebbe in grado di “intervenire” su quegli enzimi che accendono la produzione della proteina sotto accusa, riuscendo contemporaneamente a contrastare l'infiammazione che colpisce il cervello quando ha inizio la iper-produzione di beta amiloide. La conclusione è che “è possibile che la caffeina non solo protegga dall'Alzheimer intervenendo direttamente nel processo di formazione della malattia, ma addirittura possa ‘curare’ questa patologia”.

Pubblicità

Caffè “scudo” per alcune tipologie di tumori
Basterebbero tre caffè al giorno per proteggersi dai tumori. Questo è quanto sostengono i ricercatori dell'Istituto farmacologico Mario Negri di Milano, che hanno approfondito con attenti e lunghi studi, l'effetto protettivo della bevanda “più amata” dagli italiani, specialmente nelle colazioni e pause di lavoro. Il caffè quindi sembra avere un effetto protettivo nei confronti dei tumori dell’apparato digerente, del fegato e del colon. Uno studio italiano, analizzando 2.166 casi di pazienti con questa patologie, hanno dimostrato come il consumo di caffè sia associato ad un ridotto rischio di cancro. "Per quanto riguarda ad esempio il tumore al colon, in esso il caffè, oltre alla presenza di antiossidanti e sostanze antimutageniche, riduce la secrezione di colesterolo e acidi biliari, stimola la secrezione di steroli neutri e aumenta la motilità". Per quanto riguarda il fegato, “la bevanda nera” aiuterebbe a tenere lontana l’eventuale possibilità di cirrosi epatica, importante fattore di rischio del tumore. Non solo: contiene anche due sostanze, kahweolo e cafestolo, protettive per il fegato e non importa che sia moka, espresso, miscela arabica o liberica. 2 italiani su 3 bevono regolarmente caffè e la dose consigliata dagli esperti è di massimo tre tazzine al giorno (equivalenti a 300mg di caffeina totale). Inoltre il caffè si è dimostrato “alleato” delle donne perché, secondo gli studi, ha mostrato effetti protettivi nei confronti del tumore dell'endometrio, la mucosa che riveste internamente l'utero. I ricercatori hanno infatti potuto constatare dall’anno 2000 ad oggi, su 450 casi e oltre 900 controlli, un rischio ridotto fino al 50% nelle forti bevitrici di caffè (più di 4 tazze). Ciò è spiegabile con il fatto “il caffè esercita un effetto favorevole sul metabolismo degli estrogeni (riducendoli), sui livelli di insulina e sui fattori di crescita legati all'insulina. Queste proprietà sono confermate anche dal fatto che la frequenza del diabete è ridotta nei consumatori di questa bevanda”.

Il caffè per contrastare le metastasi nel cervello
A breve potrebbe essere possibile impedire le metastasi delle cellule tumorali all'interno del cervello, grazie ad un'innovativa tecnica inglese, studiata presso l'Università di Oxford. La nuova metodica è stata illustrata in un articolo pubblicato sulla rivista “Plos One”. La ricerca, guidata dal Dott. Shawn Carbonell, spiega che ”la chiave” della nuova terapia è l'integrina, (una molecola presente sulla superficie delle cellule cancerose), che consente a queste ultime di attaccarsi ai vasi sanguigni cerebrali e di ricevere nutrimento per proliferare e diffondersi nei tessuti encefalici. Utilizzando farmaci specifici, ma anche bevendo caffè, si può quindi “bloccare” l'integrina, “affamando” così le cellule tumorali (che non verrebbero più alimentate quindi morirebbero) evitando quindi le metastasi cerebrali. Queste sono fortemente letali e una volta diffuse nei tessuti cerebrali, la sopravvivenza media dei pazienti non supera generalmente i 9 mesi. L'equipe del Dott. Carbonell ha scoperto che il 95% delle cellule tumorali metastatiche cerebrali si sviluppa intorno ai vasi sanguigni del cervello e non attorno ai neuroni. Perciò i ricercatori britannici hanno pensato di rimuovere l'integrina e infatti, facendo ciò, le cellule del cancro metastatiche smettevano di legarsi ai vasi sanguigni e interrompevano la loro crescita e si evitava quindi il proliferarsi delle metastasi nel cervello. Questa scoperta offre sicuramente una maggiore comprensione delle dinamiche con le quali si sviluppano i tumori e si potranno quindi elaborare trattamenti mirati per rallentarne la crescita. In questo caso il caffè potrebbe essere un valido alleato.

Il caffè fa ingrassare?
I dietologi, nelle diete ipocaloriche, raccomandano un solo caffè al giorno, massimo due. Questo perché esistono anche degli effetti collaterali quali, nervosismo, pressione alta, tachicardia e per le donne, aumento della ritenzione idrica, e quindi cellulite (solo nel caso in cui l’organismo assume quantità eccessive di caffeina). Ecco perché gli esperti “suggeriscono” di non superare mai le 4 tazzine al giorno. Quindi nessun problema di “interferenza” con la dieta, a patto che la bevanda venga consumata “con razionalità”. Come in tutte le cose “in medio stat virtus” e quindi per trarre benefici dalle proprietà del caffè, non bisogna abusarne. Infine, il caffè verde ha dei “principi” interessanti: attività drenante, dimagrante, levigante ed è quindi adatto a trattamenti cosmetici/estetici.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Curarsi con le erbe: un aiuto per il colon irritabile

Il colon irritabile è un disturbo che colpisce il 7% della popolazione, con un’incidenza tre volte superiore nelle donne, spesso viene individuato tardivamente, dopo anni di dolori e terapie errate che non curano l’origine del problema. Dalle erbe arriva un valido supporto per...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Altrimenti ci divertiamo

Scritto il 16 January 2018 da Alberto&Alberto

I film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill hanno rallegrato per decenni il pubblico di tutto il mondo. Un fenomeno nato in Italia e che sopravvive, con le riproposte televisive, ai mutamenti delle mode e dei gusti degli spettatori.

Pillole di benessere

Dieta mediterranea e longevità

Scritto il 19 January 2018 da Welly

Gli italiani sono tra le popolazioni più longeve del mondo e ciò è probabilmente dovuto ad una alimentazione che comprende quella stessa quantità di macronutrienti che due recenti studi associano ad una minore mortalità.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato