Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Omeopatia / Om. nausea/vomito

LA TERAPIA OMEOPATICA PER NAUSEA E VOMITO 1/2

A cura di Marta Chiappetta

La nausea è definita come una sensazione di malessere allo stomaco indotta da uno squilibrio del sistema neurovegetativo; è un sintomo aspecifico che può comparire da solo o precedere il vomito ed è comune a diverse patologie, molte delle quali connesse all’apparato gastrointestinale. Tra queste vi sono i disturbi digestivi, le indigestioni, la gastrite acuta e cronica, problemi intestinali, ulcera peptica, reflusso gastroesofageo, sindrome del colon irritabile, colite ulcerosa, intossicazioni e intolleranze alimentari.
La nausea è il sintomo principale della chinetosi, ovvero il malessere legato al movimento passivo da mezzi di trasporto (mal d’auto, mal di mare, mal d’aereo) o da giostre, altalene ecc.
Nella fase iniziale della gravidanza le nausee ricorrenti e persistenti, soprattutto al mattino, sono un sintomo molto frequente.

A volte la nausea non è legata a patologie dell’apparato digerente e compare in presenza di insufficienza renale, cirrosi epatica, pancreatite, epatite, calcoli renali.
Spesso si presenta nel corso di comuni malattie infettive come l’influenza ed è il sintomo principale di patologie dell’organo dell’equilibrio, ad esempio la labirintite.
Altre cause che scatenano il riflesso della nausea sono i traumi, le vertigini (ad esempio quelle causate da cervicale), l’emicrania, i disturbi motori, l’utilizzo di alcol, i colpi di calore, la disidratazione, l’affaticamento e la mancanza di sonno, i disturbi mestruali e gli squilibri ormonali.
Spesso questo sintomo è la conseguenza dell’assunzione di alcuni farmaci come antibiotici e Fans (farmaci antinfiammatori non steroidei), oppure di trattamenti con chemioterapia o radioterapia che irritano le pareti gastriche. In casi più rari la nausea ricorrente associata a gonfiore, dolore prima e dopo i pasti e inappetenza, può essere il segnale di tumore dello stomaco.
Solitamente è accompagnata da altri disturbi come pallore cutaneo, sudorazione, ipersalivazione, oppressione alla bocca dello stomaco, malessere generale.
La nausea compare spesso anche in seguito a disturbi emotivi ed ansiosi, forti stati di stress, preoccupazioni, patologie di origine nervosa che determinano una somatizzazione a livello gastrico.

Pubblicità
Il vomito (chiamato anche emesi), che spesso segue la nausea, si manifesta con un improvviso e rapido svuotamento del contenuto gastrico (ed in casi rari anche dell’intestino) dalla bocca, attraverso l’esofago e la faringe. Questo atto riflesso di difesa deriva da una serie di contrazioni dei muscoli dell’addome e del diaframma; la glottide si chiude mentre il cardias (lo sfintere tra stomaco ed esofago) si apre, con spasmo del piloro e un’intensa contrazione antiperistaltica della parete gastrica.
Come la nausea, il vomito costituisce un sintomo e compare nel corso di gran parte delle malattie che determinano infiammazione, irritazione o distensione dello stomaco come l’appendicite, la gastroenterite, l’ulcera peptica, patologie dell’esofago. Spesso si verifica in seguito ad abuso di cibo o di alcolici; in questo caso dona un sollievo immediato perché il corpo si “libera” da solo della sostanza nociva.
Altre cause comuni sono le malattie infettive, quelle endocrine e metaboliche, le intossicazioni e gli avvelenamenti da cibi avariati o contaminati e da corpi acetonici (acetone). Anche le malattie cardiache, quelle neurologiche (come le lesioni del centro dell’equilibrio, le emicranie, i tumori e la meningite), psichiatriche e ginecologiche sono una causa molto comune di vomito.
Il sintomo è frequente, insieme alle nausee, nei primi mesi di gravidanza e può comparire in seguito all’assunzione di alcuni farmaci.
Generalmente è accompagnato da altri disturbi correlati che spesso precedono e accompagnano l’attacco: salivazione, nausea, conati, eruttazioni, ipotensione. Sia la nausea che il vomito possono essere indotti da agenti esterni come odori o sapori sgradevoli, o da fattori puramente psichici come i traumi e loro ricordo, forte tensione, fenomeni ansiosi o distonie neurovegetative (disturbi di tipo funzionale a carico del sistema nervoso).

Ognuno di noi ha sperimentato almeno una volta nella vita uno di questi due sintomi. Pur essendo espressione di moltissime patologie, a livello psicosomatico rappresenta il rifiuto. Lo stomaco simboleggia il luogo dove viene accolto il mondo esterno (gli alimenti). Quando subentra la nausea si manifesta un’avversione, un disagio profondo che la persona avverte nei confronti di situazioni e relazioni che non le sono affini nell’essenza (un alimento che disgusta) o nelle modalità (cibo ingerito in eccesso, frettolosamente o in un contesto ansioso).
La nausea, dunque, può essere definita come un “sintomo d’identità”; essa esprime i dubbi che abbiamo sulle modalità con le quali affrontiamo la vita ma soprattutto è il “no” che non vogliamo o non riusciamo a dire.
Sono molti i contesti nei quali la nausea riflette un disagio: situazioni piacevoli che però sono vissute con ansia e preoccupazione, relazioni dove c’è poca affinità con il partner (soprattutto sul piano sessuale), un’insoddisfazione per un lavoro o un percorso di studi lontani dal proprio talento e attitudine, una voracità nell’affrontare gli eventi della vita che dopo un po’ vengono a nausea, come accade quando si abusa di cibo.
Il rifiuto espresso dal sintomo può assumere varie forme e va adattato alle diverse situazioni contestuali della persona. La nausea da mezzi di trasporto, ad esempio, simboleggia il rifiuto di una situazione nella quale chi non guida sente di avere un minor controllo della realtà (il mezzo). Quando compare durante le cefalee e le crisi di emicrania indica l’insofferenza nei confronti delle idee e dei pensieri dolorosi e difficili da “digerire”.
La nausea in gravidanza è un segnale molto importante, così come la sua assenza. Quando si presenta indica una difficoltà ad adattare corpo e mente alla nascita di una nuova vita; accoglierla e superarla simboleggia l’accettazione del feto e dei graduali cambiamenti che si verificano e che conducono ad una nuova identità materna. La sua totale assenza, al contrario, può rappresentare una distanza emotiva o una negazione della gravidanza.
Escludendo l’origine fisica del sintomo, le personalità che sono più soggette alla nausea sono quelle che faticano a dire di "no" e che per scarsa autostima accettano passivamente scelte e imposizioni esterne. Nei periodi di passaggio o di cambiamento il sintomo non va letto come un rifiuto ma come uno stimolo per indirizzare la trasformazione verso la propria natura.
Spesso alla nausea segue il vomito: i meccanismi psicologici che sono alla base hanno la stessa origine per i due sintomi ma il vomito esprime un rifiuto più deciso, uno sfogo improvviso ed esplosivo. Così come con il cibo, con il riflesso del vomito si butta fuori la situazione che non si desidera in quel momento ma alla quale ci si sottopone ugualmente. Questo avviene spesso in circostanze cariche di ansie, preoccupazioni o aspettative da parte del soggetto stesso o di figure significative come ad esempio nel caso di esami, appuntamenti di lavoro, incontri affettivi troppo intensi o appesantiti da conflittualità.
Il vomito può manifestarsi anche in seguito a cambiamenti improvvisi che disorientano, variazioni climatiche repentine, traslochi non desiderati. Oltre al rifiuto, il sintomo ha un secondo significato simbolico: l’indisponibilità. L’unico modo per risolvere un conflitto con l’esterno è sottrarsi alla situazione pressante.  In questi casi appare come un simbolo di indigestione per eccessiva disponibilità; la chiusura serve a ritrovare un equilibrio e a proteggersi dall’invasione degli elementi esterni.
Un caso molto emblematico è la gastroenterite: la persona che la contrae esprime con vomito e diarrea l’indisponibilità momentanea a relazionarsi con la situazione che crea conflitto e nello stesso tempo risponde al bisogno di purificarsi di tutti i residui di ciò che è avvenuto.
Spesso si usano espressioni che spiegano bene il simbolismo del sintomo: “vomitare l’anima” indica il bisogno di purificazione e pulizia interiore, “sputare veleno” è la metafora dello sfogo e della rabbia che la persona esprime con il vomito quando non riesce a comunicare diversamente le emozioni negative legate al rifiuto.
Nel caso dei disturbi del comportamento alimentare (anoressia e bulimia) il vomito auto-indotto (vomiting) è uno strumento che regola i rituali legati al cibo. All’interno di questo complesso meccanismo psicologico il sintomo assume valenze diverse: espiazione, purificazione, aggressività. Il momento dell’espulsione genera nel soggetto “un piacere perverso” e una conseguente forma di dipendenza che rafforza l’entità del disturbo stesso.

Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
La terapia omeopatica per nausea e vomito La terapia omeopatica per nausea e vomito: i rimedi

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Curarsi con le erbe: prevenire i malanni d’autunno nei bambini

Echinacea, rosa canina, ribes nigrum, althea, eucalipto, sambuco, piantaggine: sono tutte piante dalle spiccate proprietà antinfiammatorie, fluidificanti e soprattutto in grado di aumentare le difese immunitarie. Con la nostra esperta erborista Borjana Qualliaj vediamo alcune ricette per...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Alla ricerca dell'allegria perduta

Scritto il 17 October 2017 da Alberto&Alberto

Da Proust a Mr. Magoo in una sola mossa. Perché ciascuno ha la sua "madeleine" che ci può riportare all'epoca della spensieratezza.

Pillole di benessere

Malattie sessualmente trasmissibili, casi in aumento

Scritto il 20 October 2017 da Welly

I casi di sifilide sono aumentati del 400% dal 2000 ad oggi, quelli di gonorrea raddoppiati in pochi anni, l’HIV è sempre presente. Al 56° Congresso dell’Associazione Dermatologici Ospedalieri si ricorda come sulle malattie sessualmente trasmissibili persistano mancanza di consapevolezza e sottostima dei rischi.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.